mercoledì 7 maggio 2014

Il traffico di droga delle forze armate USA.

Sulle tracce della droga dei «pacificatori»

FONTE
Tradotto e Riadattato da Fractions of Reality



Per il terzo anno consecutivo, l'Afghanistan occupato dalla NATO ha coltivato un numero record di papaveri da oppio. Secondo un rapporto dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), la coltivazioni di oppio in Afghanistan è aumentato a tal punto nel 2013, che persino in zone mai utilizzate in precedenza si è iniziato a coltivare il papavero, superando tutti i record precedenti. Nonostante le sfavorevoli condizioni climatiche, in particolare nelle parti occidentali e meridionali del paese, le piantagioni di oppio hanno occupato un totale di oltre 209.000 ettari, superiore a quello dell'anno precedente addirittura del 36 per cento.

La coltivazione di Oppio in Afghanistan dal 1994 al 2013

Un confronto tra il 2012 e il 2103

Ufficialmente, la coltivazione del papavero da oppio - la componente principale per la produzione di eroina - è vietato dalla legge in Afghanistan, sebbene il numero di province in cui essa viene coltivata è in costante aumento. La produzione di oppio ha raggiunto il  le 5.500 tonnellate, con un incremento del 49 per cento rispetto al 2012. La propaganda occidentale incolpa la produzione di oppio ai talebani, o rappresentanti del regime che sono immersi nel traffico di droga, ma queste accuse non coincidono con ciò che sta realmente accadendo.

Il comando della NATO dice che i talebani «si opposero alla droga inizialmente, ma ora la crescono loro stessi o impongono una tassa sui prodotti raccolti dai contadini». I leader dei talebani, però, hanno dichiarato ripetutamente che i mujaheddin afgani stanno conducendo una jihad contro gli occupanti, e che l'Islam proibisce severamente i farmaci e l'alcol. E va detto che gli islamisti fanatici seguono questa regola alla lettera.

Per quanto riguarda i burattini occidentali come Karzai e quelli intorno a lui, sembrerebbe che ci siano valide motivazioni per tali accuse. Nel mese di ottobre 2013, uno scandalo scoppiò a Kabul, quando, nel corso di alcune ispezioni in Afghanistan, 65 ufficiali di alto rango dei servizi segreti si sono rivelati essere degli... eroinomani! Pochi anni prima di questo, è emerso che la CIA finanziava Ahmed Wali Karzai, il fratello minore di Hamid Karzai, che da più di otto anni è un commerciante di oppio leader nella regione. 

I ricercatori statunitensi sostengono che il commercio dell'oppio in America è controllato da reti e cartelli che sono stati esposti durante l'affare Iran-Contra e che non hanno smesso la loro attività dal 1980: «I pilastri del regime Karzai si affidano al sostegno che proviene dal commercio della droga e per noi sono intoccabili. Abbiamo trasformato l'Afghanistan nel più grande fornitore di eroina, e questo è accaduto sotto il controllo della CIA », osservano i ricercatori.

Secondo le informazioni fornite dai principali media ( il Daily Mail, The New York Times, Pakistan giornaliero ecc), i maggiori fornitori di eroina sul mercato globale sono: Izzatullah Wasifi, governatore della provincia di Farah, capo dell'Amministrazione Indipendente generale anti-corruzione dell'Afghanistan i cui compiti comprendono la prevenzione alla coltivazione dell'oppio. L'altro personaggi legato al traffico di droga è un amico d'infanzia di Hamid Karzai, che è stato arrestato dalle autorità statunitensi nel luglio 1987 per il traffico illegale di elevate qualità di eroina (!). Jamil Karzai, capo della gioventù nazionale di solidarietà del Partito dell'Afghanistan, un membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale afghano, e nipote di Hamid Karzai, ha rapporti d'affari con Haji Mohammad Osman, il proprietario di un laboratorio di droga nel quartiere Achin nella provincia di Nangarhar (nella piccola regione di Damgal); Abdul Qayum Karzai, membro della camera bassa dell'Assemblea nazionale dell'Afghanistan, un ex dipendente della società americana Unocal, e un fratello di Hamid Karzai, che è il più grande barone della droga in Kandahar, Shah Wali Karzai, fratello di Hamid Karzai che ha campi coltivati ​​nelle province di Kandahar, Nangarhar, Urozgan, Zabul, Paktia, Paktika e Helmand, e decine di rappresentanti del potere esecutivo e legislativo, nonché i funzionari del Ministero degli Interni afgano. 

Se crediamo nei media in Occidente, allora questi signori sono burattini occidentali come la famiglia Karzai e i loro tirapiedi che sono da biasimare per la rapida crescita della dipendenza da eroina nel mondo. Tuttavia, solo il 20 per cento dei papaveri da oppio sono cresciuti nei quartieri settentrionali e centrali dell'Afghanistan che sono controllati dal governo Karzai. Il resto di questo veleno lucrativo viene coltivato nelle province meridionali del paese al confine con il Pakistan, in zone controllate dalle forze della NATO. Il centro principale della produzione di droga è provincia di Helmand, che è sotto la tutela degli inglesi. 

Invece di aiutare gli agricoltori afgani a passare a colture alternative, i «pacifisti» occidentali si limitano solo a discussioni sul perché la produzione di droga è in aumento e, secondo le prove da fonti locali e internazionali, sono a loro volta partecipativamente attivi nel business. Alcuni analisti attribuiscono questo al fatto che gli Stati Uniti stanno cercando di evitare un potenziale conflitto con baroni della droga, il cui sostegno politico è importante per l'esistenza del governo Karzai. Gli Stati Uniti, tuttavia, ignorano lo stretto legame tra il traffico di stupefacenti, la crescente dell'instabilità in Afghanistan, e l'aumento delle attività terroristiche nella regione. In parole povere, anche se crediamo che gli Stati Uniti stiano quindi fornendo i baroni della droga con la libertà di portare avanti le loro attività in cambio del sostegno politico del governo di Karzai, stanno essenzialmente minando gli obiettivi preposti con il pretesto con cui hanno invaso l'Afghanistan - la pace e la sicurezza del Paese. 

Gli esperti occidentali come Thomas Ruttig, co-direttore del centro di ricerca indipendente e analista dell'Afghanistan Network, osserva che «con l'imminente ritiro delle forze NATO dall'Afghanistan, la pressione sugli agricoltori del papavero da parte delle autorità si è ridotto notevolmente. La relazione dei membri delle Nazioni Unite, tra le altre cose, afferma che nel 2013, le autorità hanno distrutto il 24 per cento in meno dei raccolti rispetto al passato ». Risultato: l'Afghanistan è saldamente affermato come il più grande produttore mondiale di oppio, producendo oltre il 90 per cento di tutto l'oppio che gira nel mondo nel 2013. Mentre tre anni fa l'ONU ha osservato che i papaveri venivano coltivati in appena 14 regioni su 34 nel paese, all'inizio del 2014 questo numero aveva già raggiunto le 20 provincie. Grandi piantagioni di oppio hanno sono anche riapparse in province settentrionali afghane come Balkh e Faryab, che sono state pubblicamente dichiarate di aver perso il loro status di produttori di oppio. Queste province afghane sono confinanti con due paesi del CSI - Uzbekistan e Turkmenistan.

Allo stesso tempo, un processo è in corso per la militarizzazione dei gruppi internazionali legati alla droga concentrate nella regione. Viktor Ivanov, capo del Servizio di Controllo della Droga Federale della Federazione Russa (FSKN), dice: «Possiamo vedere che i gruppi armati sono un segmento che sta germogliando dai cartelli della droga nel nord dell'Afghanistan. Questi gruppi hanno le proprie unità di combattimento .. . In Afghanistan, la rapida militarizzazione dei gruppi legati al traffico di droga è attualmente in corso. Sono tutti già ben armati. Hanno armi di piccolo calibro, armi da fuoco, granate e lanciagranate e li usano regolarmente. Il bilancio di questi gruppi è di circa 18 miliardi di dollari. Questa è la quantità delle entrate derivanti dal traffico di droga che finisce a questi gruppi ed è soprattutto questo il motivo per cui gruppi come questi sono diventati un fattore serio nella formazione della situazione politica, economica e criminale all'interno degli stati dell'Asia centrale ». 

Per un certo numero di anni, l'America ha usato le droghe per continuare la sua guerra fredda contro gli Stati post-sovietici attraverso la distruzione del loro potenziale umano. Alla vigilia del ritiro delle forze di occupazione NATO dall'Afghanistan, esse stanno incoraggiando la produzione di droga con ogni mezzo possibile, e fomentano la guerra utilizzando gruppi armati della mafia e della droga che si concentrano nel ventre meridionale dell'ex URSS, avendo fornito loro armi e avendogli dato l'alibi e gli slogan islamici dietro cui nascondersi.

Fonte: http://fractionsofreality.blogspot.com/2014/01/il-traffico-di-droga-delle-forze-armate.html

1 commento:

  1. Non è una novità... durante la guerra dell'oppio, conclusa a Nanchino; i britannici proibirono l'Oppio ai Cinesi, lo coltivarono in India, lo vendettero ai Cinesi e, approfittando degli effetti dell'oppio tra i Cinesi, vinsero la guerra (conclusa con "Il trattato di Nanchino")... speriamo che la guerra in Afghanistan finisca presto, perchè la stiamo pagando anche noi Italiani, tramite le tasse, tramite lo Spread e tramite gli ultimi 3 governi-tecnici.

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...