domenica 9 marzo 2014

Rendere la Micro SD Memoria principale senza ROOT su Android


Ciao ragazzi oggi vi insegno a risparmiare spazio sul vostro Telefono ANDROID con alcuni piccoli procedimenti.

Questa semplice  Guida oltre a rendere la Micro SD memoria Principale, vi consentirà di spostare immediatamente le vostre attuali APP su di essa...

Ricordo che non è necessario avere i privilegi Root del telefono, quindi non perderete assolutamente la garanzia...


 " NB. Prima di inserire la Micro SD nel telefono, suggerisco di fare una formattazione lenta e  renderla Pura con il vostro PC... La guida è dedicata a telefoni di fascia bassa, con poca ROM, tipo Samsung galaxy Next etc etc,  se avete un tablet, o un Galaxy Note 3 evitate di provarci ... Su android 2.3 non sono stati riscontrati problemi, al contrario  sulle versioni 4.0 e oltre...
( I telefoni con  versione android 4.0 hanno, per certo, Rom oltre i 2Gb, consiglio di non spostare su Micro SD) .
Il procedimento verrà svolto su sistema operativo Windows 7. La guida non garantisce buon esito su sistemi operativi precedenti o antecedenti a Windows 7, ne tanto meno su altri sistemi (Linux o Snow Leopard Mac , Etc Etc).
Il 70% degli Utenti che hanno seguito la guida sono riusciti a spostare le app su micro SD... Per il restante 30% posso dire con certezza che c'è qualche passaggio saltato o ancor peggio non è stato rispettato uno dei requisiti sopra citati... 
 Non è richiesta grande abilità nella programmazione ma solo qualche conoscenza base! "

...Buona Lettura!


INIZIAMO:

1. Abilitare l’USB debugging

Il primo passo è abilitare l’USB debugging, una funzione integrata nel sistema operativo Android.

Per abilitarla recatevi in:
 Impostazioni –> Applicazioni –>  Sviluppo  –>

Selezionate o assicuratevi di avere la spunta alla voce “Debug USB“.
Ora possiamo collegare tranquillamente il nostro telefono al PC senza fare nulla...Ovvero no archivio di massa, no trasferimento etc etc, ma lasciare il telefono in modalità ricarica collegato al PC.

L' opzione "Debug USB" serve per poter agire dal computer sul vostro dispositivo liberamente, settando alcune opzioni riservate in realtà agli sviluppatori di applicazioni; tecnicamente una volta terminato l’intero procedimento in tutti i suoi punti potrete anche deselezionare questa opzione, risettando il suo stato originale (solitamente è disattivata questa voce).

2. Installare Android SDK

Il passo successivo sarà installare Android SDK sul vostro PC con Windows, un tool rilasciato ufficialmente da Google per sviluppare app per Android; in realtà del programma in sé non ce ne faremo molto, ma dovremo installarlo per poter scaricare e installare un piccolo tool aggiuntivo essenziale per il nostro scopo, adb.
Potete scaricare Android SDK   >  QUI  <   è completamente gratuito e multipiattaforma; scaricate la versione per Windows perché nel prossimo punto sfrutteremo da linea di comando il tool ADB con riferimento a Windows 7. Una volta scaricato, scompattate il file sul vostro PC. Vedrete 2 cartelle Eclipse e SDK, a noi interessa la cartella SDK. Ricordiamoci di avere collegato il telefono  tramite USB al PC ma senza montare nulla, connettetelo solo in modalità ricarica!
Ora passate alla prossima operazione.

3. Usare ADB

Sul nostro PC rechiamoci nella cartella appena Estratta denominata  "adt-bundle-windows".
Apriamo la cartella" SDK"
Ora andiamo sulla cartella "platform-tools" e tenendo premuto SHIFT eseguiamo un click col tasto destro del mouse, appunto sulla cartella “platform-tools” e selezioniamo “Apri finestra di comando qui”: ci ritroveremo nel prompt dei comandi già al livello della cartella.

Rimangono solo due comandi e ci siamo:
Digitate    adb services    per avviare i servizi ADB e successivamente, dopo aver dato invio, eseguire il secondo comando:
    adb shell pm setInstallLocation 2     
abbiamo settato la memoria esterna come memoria di default per le future installazioni delle app.

Se qualcosa andasse storto e avete necessità di resettare tutto alle impostazioni di default, potete rieseguire i due comandi da prompt, ma nell’ultimo utilizzate 0 invece di 2;
0 rappresenta la memoria in automatico
1 rappresenta la memoria interna
2 rappresenta la memoria  esterna Micro SD.

NB. Con la funzione 0  le app come facebook etc etc, vengono installate nella memoria interna, sarebbe l'impostazione di default dei dispositivi ANDROID... Altri fornitori di app danno la possibilità di scegliere. Con la funzione 2 in questo caso anche l'app facebook, ad esempio, verrà installata in buona  percentuale sulla Micro SD.

IMPORTANTE:
"Molti telefoni samsung non vengono letti dai PC Windows poichè sprovvisti di DRIVER Compatibili...
In caso, provate a scaricare Samsung KIES QUI e automaticamente vi troverà tutto!!!


Se vi è piaciuta la guida, che aspettate a condividerla????





Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...