mercoledì 23 ottobre 2013

La Russia presenta le prove all'ONU: I gas sono stati lanciati dai Ribelli-Terroristi.

L'ambasciatore russo all'ONU presenta altre prove a carico dei mercenari





L’inchiesta russa sull'uso di armi chimiche sul territorio siriano è stata effettuata in piena conformità con gli standard internazionali, a differenza di una valutazione simile fatta da parte dei paesi occidentali, è quanto dice il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Quest' oggi la Russia ha presentato all'ONU la sua analisi dei campioni prelevati presso la città siriana dove sono state utilizzate le armi chimiche. Prove studiate da scienziati russi indicano che un proiettile con il micidiale agente nervino sarin è stato molto probabilmente sparato a goutha un sobborgo a nord di Damasco, da parte dei ribelli,e non dalle forze governative.

La Russia “garantisce” la qualità delle analisi, che è pienamente conforme ai requisiti stabiliti dalla Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC, in inglese Organization for the Prohibition of Chemical Weapons OPCW), è quanto ha certificato Sergey Lavrov in una conferenza stampa.

In risposta ai dubbi degli Stati Uniti per quanto riguarda i risultati delle analisi, Lavrov ha sottolineato che i campioni delle armi chimiche erano state prese nel luogo stesso in cui sono state utilizzate e sono stati forniti da esperti russi piuttosto che passare attraverso le mani di terze parti.

“Abbiamo presentato una serie completa di documenti [alle Nazioni Unite] che è più di 80 pagine, comprese fotografie e le coordinate geografiche precise, procedure e risultati “, ha sottolineato Lavrov. “Garantiamo inoltre che i campioni sono stati prelevati da esperti che non li hanno lasciati andare fino a quando non sono stati consegnati al laboratorio”, ha detto Lavrov.

Le prove del presunto uso di armi chimiche da parte del regime siriano – che è stato fornito dagli Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia – non fornisce alcuna informazioni su dove e quando sono stati prelevati i campioni usati per l’analisi e sono stati maneggiati da terzi, giornalisti ed estremisti islamici (ossia gli stessi in guerra contro la Siria).

“Tutto ciò contraddice totalmente le norme esistenti nell’OPAC”, ha dichiarato Lavrov.

Le prove studiate dagli esperti russi indicano che il 21 Agosto i ribelli hanno sparato un missile non guidato Bashair-3 e diverse altre granate a gas presso il sobborgo di goutha, alla periferia di Damasco. Secondo i risultati, la shell usata conteneva sarin – un agente nervino altamente tossico.

La Russia ritiene che la fabbricazione di testate del ‘Bashair-3′ sia iniziata a febbraio, ed è opera di Bashair al-Nasr, una brigata con stretti legami con l’Esercito siriano libero, ossia i nemici di Assad. Gli ispettori delle Nazioni Unite hanno nel frattempo chiesto altro tempo, per presentare la loro relazione ,ma appare sempre più debole la versione che a sparare gli ordigni siano state le forze governative.

Fonte: http://fractionsofreality.blogspot.com/2013/08/la-russia-presenta-le-prove-allonu-i.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...