sabato 5 ottobre 2013

L'ONU valuta la Geo-ingegneria come mezzo per salvare il clima.

La Russia esorta le Nazioni Unite di includere la Geo Ingegneria nel rapporto sul clima.

Tradotto e Riadattato da Fractions of Reality
Il governo russo sta chiedendo di includere "l'hacking del pianeta" nel rapporto riguardante la scienza del clima, come i documenti trapelati su questo argomento dimostrano.
Secondo i documenti ottenuti dal Guardian la Russia starebbe spingendo per includere nella relazione dell'ONU, in programma la prossima settimana e riguardante la scienza che studia il clima, il supporto e l'impiego per le tecnologie controverse riguardanti la geo-ingegnerizzazione del clima del pianeta.
Intanto gli scienziati del clima si preparano, chiamati a raccolta a Stoccolma (IPCC), per dibattere sugli aspetti del cambiamento climatico  e per presentare lo studio più autorevole fatto finora dalla scienza riguardante il cambiamento climatico. E' emerso che il governo russo sta chiedendo di includere in questo rapporto anche "l'hacking del pianeta". Va ricordato che L'IPCC non ha mai incluso la geo-ingegneria tra le sue valutazioni principali prima d'ora.
I documenti visti dal Guardian riportano una richiesta Russa di includere nella relazione, la geo-ingegneria come una "possibile soluzione di questo problema [del cambiamento climatico]. La Russia sostiene che l'impiego delle metodologie utilizzate nella geoingegneria possano servire per stabilizzare il clima attuale." La Russia ha anche evidenziato che i suoi scienziati stanno sviluppando, da tempo, tecnologie legate alla geoingegneria.

La Geo-ingegneria mira a raffreddare la Terra con vari metodi tra cui l'irrorazione con aerosol di solfato nello stratosfera per riflettere la luce solare, o la fertilizzazione degli oceani con il ferro.
Tali idee sono sempre più oggetto di discussione da parte degli scienziati occidentali e dei governi. L'idea è di ideare dei piani B per affrontare il cambiamento climatico.Il professor Sir Martin Rees invoca l'utilizzo di certi sistemi per guadagnare tempo mentre vengono sviluppate fonti di energia pulita. Ma queste tecniche sono state criticate come un modo per i potenti e le nazioni industrializzate per schivare gli impegni presi per ridurre le emissioni di carbonio.
Alcuni modelli hanno dimostrato che la geo-ingegneria potrebbe essere efficace nel ridurre la temperatura della Terra, ma la manipolazione dei sistemi planetari in zone sensibili del mondo potrebbe anche provocare conseguenze impreviste e drastiche a livello globale, come la pioggia in quantità abbondanti.
Rispondendo agli sforzi della campagna messa in atto, prima della presentazione della relazione, per screditare la scienza che studia il climail presidente dell'IPCC, Rajendra K. Pachauri, si è detto fiducioso che le spiegazioni scientifiche contenute nella relazione e gli elevati standard della scienza applicata renderanno la soluzione proposta, l'azione ideale per il clima. Egli ha detto: "Verranno fornite abbastanza informazioni in modo tale che le persone razionali di tutto il mondo potranno vedere e leggere coi loro occhi che occorre agire sul cambiamento climatico."
Lo scienziato russo Yuri Izrael, che ha partecipato a gruppi di studio composti da esperti dell'IPCC, era un consigliere dell'ex presidente russo Vladimir Putin e ha condotto un esperimento nel 2009 riguardante le particelle spruzzate da un elicottero per valutare quanto la luce del sole venisse bloccata dalle irrorazioni di aerosol. La prova prevista in Gran Bretagna che avrebbe dovuto impiegare un palloncino attaccato ad un tubo flessibile di 1 km per irrorare è stato impedito, dopo una protesta pubblica.
Gli osservatori hanno suggerito che l'ammissione della Russia in tema di geo-ingegneria potrebbe metterla in violazione della moratoria ONU sui progetti di modificazioni climatiche stabilite dalla Convenzione sulla biodiversità nel 2010. Il caso dovrebbe essere discusso in una riunione di emergenza, coordinato da un comitato scientifico, nel convegno che si riunisce a Montreal nel mese di ottobre.
Organizzazioni della società civile hanno già sollevato preoccupazioni sul gruppo di esperti che nel rapporto IPCC stanno scrivendo la sezioni relativa alla geo-ingegneria. Il motivo va ricercato nel fatto che questi esperti sono sotto l'influenza dominante di Stati Uniti, Regno Unito e Canada in quanto sostenitori dell'applicazione della geoingegneria. Addirittura questi paesi hanno chiesto finanziamenti pubblici per esperimenti su larga scala e hanno sottoscritto brevetti commerciali per l'impiego di tali tecnologie in ambito geo-ingegneristico. Uno scienziato di nome David Keith dell'Università di Harvard, ha servito come co-presidente in un gruppo dedicato allo studio delle modificazioni climatiche. Egli gestisce una società di geo-ingegneria privata e ha in programma dei test in New Mexico, inoltre sta pubblicizzando un nuovo libro chiamato "Il caso della ingegnerizzazione del clima".
Quasi 160 società civile ed organizzazioni ambientali hanno firmato una lettera nel 2011 sollecitando cautela e invitando l'IPCC a non legittimare la geo-ingegneria.
Silvia Ribeirodirettore del gruppo di avanguardia tecnologica ETC in America Latina, ha dichiarato: "Abbiamo fatto più avvertimenti sostenendo che alcuni personaggi legati alla geo-ingegneria stanno cercando di dirottare l'agenda dei lavori dell'IPCC, un istituto con elevata credibilità e spessore, per sfruttare la sua nomea in modo tale da propagandare la geo-ingegneria come soluzione per i problemi del clima. L'opinione pubblica e i politici devono stare in guardia contro l'insistenza con cui questi personaggi stanno spingendo per una soluzione pericolosa, immorale e del tutto dannosa per il nostro pianeta, oltre ad essere [la geo-ingegneria] una falsa soluzione per combattere il cambiamento climatico. Ribadiamo che la geo-ingegneria dovrebbe essere vietata da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. "
Matthew Watson, docente presso l'Università di Bristol nel dipartimento di scienze e membro di uno dei team dietro al progetto annullato del palloncino in UK, ha dichiarato: "In generale l'IPCC dovrebbe pensare alla geo-ingegneria ? Sì. Se mi chiede se voglio vedere, all'interno del dibattito, dell'unilateralismo o fanatismo religioso per le modifiche climatiche, La risposta è certamente no. Le persone che non amano la geo-ingegneria suggeriranno che l'IPCC è un metodo per normalizzare l'impiego di tali tecnologie."
E ha aggiunto: "L'IPCC deve essere molto attento a come gestisce questa situazione legata alla geo-ingegneria. E' chiaramente un argomento verso cui le persone mostrano una particolare attenzione."
Mentre l'IPCC è inteso per essere un gruppo scientifico di tipo consultivo , i delegati governativi hanno rivisto la relazione e prenderanno una decisione finale a riguardo alla fine del mese a Stoccolma.
Svezia, Norvegia e Germania hanno espresso più scetticismo sulla geo-ingegneria e hanno chiesto che la relazione sottolinei i suoi potenziali pericoli e rischi.
"Le informazioni sulla geo ingegneria sono troppo ottimistiche e non riflettono adeguatamente l'attuale mancanza di conoscenza o addirittura i rischi elevati connessi a tali metodi", ha osservato il governo tedesco.
La Geoingegneria è destinata a svolgere un ruolo molto più centrale nei prossimi rapporti dell'IPCC che usciranno nel 2014. Gli osservatori sono rimasti sorpresi che si sia già iniziato a parlare di questi temi in questa prima relazione importante, poiché lo scopo era più volto verso la valutazione scientifica rispetto ad eventuali strategie per studiarne la sua applicazione. 
Gli uomini legati al governo di Mosca ed impegnati come negoziatori del clima non hanno risposto a una nostra richiesta di commento.

Fonte: http://fractionsofreality.blogspot.com/2013/09/lonu-valuta-la-geo-ingegneria-come_20.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...