venerdì 27 settembre 2013

La CIA e le tecniche di manipolazione mentale: "Complottista" e "Teoriadel complotto".

Nuovi studi rivelano: i 'Complottisti' più sani mentalmente dei credenti della 'versione ufficiale'

Recenti studi di psicologia e sociologia negli Stati Uniti e nel Regno Unito suggeriscono che, contrariamente agli stereotipi dei media tradizionali, quelli etichettati come "teorici della cospirazione", sembrano essere più sani di quelli che accettano la versione ufficiale dei fatti contestati.


Nuovo Ordine Mondiale

Di Dr. Kevin Barrett 
Tradotto e Riadattato da Fractions Of Reality
15 luglio 2013

Lo studio più recente è stato pubblicato l'8 luglio dagli psicologi Michael J. Wood e Karen M. Douglas dell'Università del Kent (Regno Unito). Intitolato: «E a proposito dell'edificio 7? Uno studio di psicologia sociale riguardante le discussioni  on-line delle teorie della cospirazione riguardanti l'11 Settembre 2001", lo studio ha comparato i "cospirazionisti "(teorie pro-cospirazione) e i "non-cospirazionisti "(anti-cospirazione) tramite i loro commenti su vari siti web.

Gli autori sono stati sorpresi di scoprire che allo stato attuale è più convenzionale lasciare i cosiddetti commenti cospirazionisti rispetto a quelli che seguono le teorie ufficiali: "dei 2174 commenti raccolti, 1.459 sono stati codificati come cospirazionisti e 715 come convenzionalisti" In altre parole, tra le persone che commentano articoli di notizie, coloro che non credono alle versioni pubbliche di tali eventi come l'11 Settembre e l'assassinio di JFK sono più numerosi dei 'credenti' della versione ufficiale, addirittura in un rapporto di 2:1. Ciò significa che  i commentatori pro-cospirazioni esprimono quello che oggi è considerata la saggezza convenzionale, mentre i commentatori anti-cospirazione stanno diventando un piccolo numero, una minoranza, oramai, assediata.

Forse perché il loro presunto pubblico tradizionale dei media main-stream non rappresenta più la  maggioranza. Addirittura i commentatori anti-cospirazione esprimono spesso posizioni di  rabbia e ostilità: "La ricerca ha dimostrato che le persone che hanno favorito e creduto alla versione ufficiale dell'11 / 9 sono stati generalmente più ostile quando si è trattato di convincere i loro rivali delle versione governativa. "

Inoltre, si è scoperto che il popolo anti-cospirazione non erano solo ostilei ma fanaticamente attaccati alle proprie teorie del complotto. Secondo loro, la loro teoria del 9/11 - una teoria della cospirazione che vede  19 arabi, nessuno dei quali poteva pilotare un aereo non avendo alcuna competenza in merito, riuscire nel crimine del secolo sotto la direzione di una persone in dialisi in una grotta in Afghanistan - era indiscutibilmente vera. I cosiddetti cospirazionisti, d'altra parte, non pretendono di avere una teoria che spieghi completamente gli eventi del 9/11: "Per la gente che pensa che l'11 Settembre sia stata una cospirazione del governo, il focus non è sulla promozione di una specifica teoria, ma nel cercare di sfatare la versione ufficiale. "

In breve, il nuovo studio di Wood e Douglas suggerisce che lo stereotipo negativo del teorico della cospirazione - un fanatico ostile sposato alla verità della sua teoria  - descrive con precisione le persone che difendono la versione ufficiale dell'11 / 9, non quelli che tentano di contestarla.

Inoltre, lo studio ha trovato che i cosiddetti cospirazionisti discutono del contesto storico (come ad esempio la concezione dell'omicidio di JFK come un precursore per l'11 Settembre ) più degli anti-cospirazionisti. Lo studio ha inoltre rilevato che ai cosiddetti cospirazionisti non piace essere chiamati "cospirazionisti" o "teorici della cospirazione".

Entrambi questi risultati sono amplificati nel nuovo libro Conspiracy Theory in America dal politologo Lance DeHaven-Smith, pubblicato all'inizio di quest'anno dalla University of Texas Press. Il professor De Haven-Smith spiega perché alla gente non piace essere chiamato "teorico della cospirazione": Il termine è stato inventato e messo in  circolazione dalla CIA per diffamare le persone che mettono in discussione l'assassinio di JFK! "La campagna della CIA per diffondere il termine 'teoria del complotto' e fare dei cospirazionisti  un bersaglio di scherno e ostilità deve essere considerato, purtroppo, come una delle più riuscite iniziative di propaganda di tutti i tempi."

In altre parole, le persone che usano i termini "teoria del complotto" e "teorico della cospirazione" come un insulto stanno attuando il risultato di una ben documentata, indiscussa e storicamente acclarata  cospirazione da parte della CIA per coprire l'assassinio di JFK. Quella campagna, tra l'altro, era completamente illegale, e gli agenti della CIA coinvolti erano dei criminali. La CIA è esclusa da tutte le attività domestiche, ma ordinariamente infrange la legge per condurre operazioni nazionali che vanno dalla propaganda agli omicidi.

DeHaven-Smith spiegano anche perché coloro che dubitano delle spiegazioni ufficiali di alti crimini sono desiderosi di discutere il contesto storico. Egli fa notare che un gran numero di teorie della cospirazione si sono rivelate per essere vero e che sembrano esservi forti relazioni tra molti delitti non ancora risolti e i  "crimini di stato contro la democrazia" Un esempio evidente è il legame tra gli assassinii di JFK e RFK, che hanno aperto la strada a presidenze che hanno continuato la guerra del Vietnam. Secondo DeHaven-Smith, dobbiamo sempre discutere gli "omicidi Kennedy", al plurale, perché i due omicidi sembrano essere legati dallo stesso piano omicida a più ampio respiro.

La psicologa Laurie Manwell della University di Guelph concorda che la definizione creata ad arte dalla CIA, ovvero la "teoria della cospirazione" ostacola la funzione cognitiva. Si fa notare, in un articolo pubblicato nel Comportamento scientifico Americano (American Behavioral Scientist) (2010), che le persone anti-cospirazione non sono in grado di pensare con chiarezza su tali crimini apparentemente crimini di stato contro la democrazia come l'11 Settembre a causa della loro incapacità di elaborare le informazioni in conflitto con convinzioni pre-esistenti.

Nello stesso numero di ABS, Il professore Steven Hoffman dell'Università di Buffalo, aggiunge che le persone anti-complottiste sono tipicamente preda di una forte "fame di conferme" - cioè, essi cercano le informazioni che diano credito a tutte le loro convinzioni pre esistenti, e per fare questo utilizzano meccanismi irrazionali (come ad esempio l'etichettatura di "teoria della cospirazione") per evitare di raccogliere informazioni contrastanti con le loro idee preconcette.

L'estrema irrazionalità di coloro che attaccano le "teorie del complotto" è stata sapientemente esposta da un team di professori dediti alla comunicazioni: Ginna Husting e Martin Orr della Boise State University. In un articolo del 2007 dal titolo "macchinari pericolosi: il 'teorico della cospirazione' come strategia per l'Esclusione", hanno scritto:
"Se io ti chiamo un teorico della cospirazione, poco importa che tu abbia effettivamente sostenuto  una cospirazione o se hai  semplicemente sollevato una questione che avrei preferito evitare ... Per averti dato questa etichettatura, ti escludo strategicamente dalla sfera pubblica in cui avvengono dibattiti, discussioni e dove ci si scontra sulle motivazioni di una teoria rispetto ad un'altra."
Ma ora, grazie a internet, le persone che mettono in dubbio le storie ufficiali non sono più  essere escluse dalla conversazione pubblica; I 44 anni della campagna della CIA per soffocare il dibattito con la l'espressione "teoria del complotto" è quasi logora. Negli studi accademici, come nei commenti su articoli riguardanti le notizie, le voci pro-complotto sono ormai più numerose- e più razionali - di quelli anti-cospirazione.

Nessuna meraviglia che il popolo anti-cospirazioni suoni sempre più come un gruppo di ostili, manovrati paranoici.

Fonte: http://fractionsofreality.blogspot.com/2013/07/la-cia-e-le-tecniche-di-manipolazione_15.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...