lunedì 8 luglio 2013

Il Presidente Abramo Lincoln Ucciso Dai Gesuiti



Capitolo 4 del libro The Secret Terrorists

di: Bill Hughes




Nel 1856, uno schiavo fuggiasco di nome Dred Scott aveva cercato di ottenere la libertà nello stato libero del Kansas. Il caso fu così importante che andò fino alla Corte Suprema. L'infame decisione su Dred Scott fu presa dal giudice fanatico cattolico Taney, a quel tempo Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti. La decisione di Taney, in poche parole, era quella che il negro non aveva diritti che l'uomo bianco dovesse rispettare. Questa affermava in sostanza che l'uomo nero era inferiore al bianco e non aveva alcun diritto. Abramo Lincoln da bambino aveva assistito alla vendita di giovani uomini e donne di colore in una piccola città dell'Illinois. Mentre lui e un amico oltrepassavano un'asta di schiavi, Lincoln si rivolse al suo amico e gli disse:”Un giorno l'eliminerò completamente!”

Nel novembre del 1855, Charles Chiniquy, un prete cattolico di Kankakee, nell'Illinois, venne attaccato in una serie di casi giudiziari dal vescovo della Diocesi di Chicago. Chiniquy aveva spesso parlato sul tema della temperanza e sui mali degli alcolici. Dal momento che molti dei sacerdoti erano alcolisti, e la maggior parte degli altri erano bevitori sociali, le parole di Chiniquy sulla temperanza non furono apprezzate. Chiniquy citava spesso la Bibbia in difesa delle posizioni che teneva. Questo infiammò notevolmente contro di lui il vescovo cattolico di Chicago. Per farlo tacere, Chiniquy venne incastrato per mezzo dell'accusa di cattiva condotta morale fattagli da una parente femmina di un sacerdote.

Il caso di Charles Chiniquy venne così tanto pubblicizzato nella stampa dell'Illinois che pochissimi avvocati volevano difenderlo. Essi si resero conto che non stavano solo combattendo contro un sacerdote di Chicago, ma stavano combattendo contro la Chiesa Cattolica Romana. Charles Chiniquy apprese di Abe Lincoln, un avvocato molto retto e leale dell'Illinois. Chiniquy inviò a Lincoln un telegramma chiedendogli i suoi servizi, ed entro 20 minuti dal telegramma, Chiniquy ottenne una risposta che diceva: "Sì, io difenderò la vostra vita e il vostro onore al prossimo termine di maggio della Corte a Urbana. Firmato A. Lincoln."

Chiniquy riferisce:

Arrivò l'ora in cui lo Sceriffo di Kankakee dovette trascinarmi ancora a Urbana come un criminale e un prigioniero, e mi consegnarono nelle mani dello sceriffo di quella città. Vi giunsi il 20 ottobre con i miei avvocati, i signori Osgood e Paddock, e una dozzina di testimoni. Il signor Abraham Lincoln mi aveva preceduto solo di pochi minuti da Springfield. — Charles Chiniquy, Fifty Years in the Church of Rome, Chick Publications, p. 273

Leggiamo di quando Charles Chiniquy venne difeso da Abramo Lincoln:


Egli quindi continuò e raffigurò la carriera di Padre Chiniquy, di come egli fosse stato ingiustamente perseguitato, e in conclusione disse:"Fino a quando Dio mi darà un cuore per sentire, un cervello per pensare, o una mano per eseguire la mia volontà, io mi consacrerò contro quel potere che ha tentato di usare la macchina dei tribunali per distruggere i diritti e il carattere di un cittadino americano." E questa promessa fatta da Abramo Lincoln venne anche mantenuta nei suoi anni più maturi. - Burke McCarty, The Suppressed Truth about the Assassination of Abraham Lincoln, Arya Varta Publishing, p. 41

Lincoln si rese conto che Chiniquy era stato ingiustamente accusato. La notte prima che Chiniquy fosse condannato alla prigione per un crimine che non aveva commesso, si fece avanti un testimone oculare che aveva origliato il complotto per distruggere Chiniquy, ed egli fu salvato. Abramo Lincoln si fece un sacco di nemici come risultato del processo Chiniquy. Mentre essi lasciarono l'aula, Charles Chiniquy era in lacrime. Abramo Lincoln gli chiese:


Padre Chiniquy, perché state piangendo? "Caro Signor Lincoln," risposi, "mi permetta di dirle che la gioia che dovrei naturalmente sentire per una tale vittoria è distrutta nella mia mente dalla paura di ciò che può costarvi. In tribunale erano presenti non meno di dieci o dodici gesuiti da Chicago e St. Louis, che erano venuti per ascoltare la sentenza della mia condanna al penitenziario...In che pena è la mia anima, che proprio in questo istante disegna le mie lacrime, è che mi sembra di aver letto la vostra sentenza di morte nei loro occhi diabolici. Quante altre nobili vittime sono già cadute ai loro piedi!"— Charles Chiniquy, Fifty Years in the Church of Rome, p. 280, 281

Abramo Lincoln, nel lontano 1855 e 1856, era già un uomo forte che Roma cercava di distruggere. Quattro anni dopo, nel 1860, Abramo Lincoln fu eletto Presidente degli Stati Uniti. Mentre egli prendeva la sua strada dall'Illinois a Washington DC, dovette passare attraverso la città di Baltimora. Egli in seguito disse a Charles Chiniquy:

"Sono molto contento di incontrarvi nuovamente...si vede che i vostri amici gesuiti non mi hanno ancora ucciso, ma essi lo avrebbero sicuramente fatto al momento del mio passaggio attraverso la loro città più devota, Baltimora, se io non fossi transitato in incognito poche ore prima del momento in cui essi si aspettavano che passassi. Abbiamo le prove che la compagnia che era stata selezionata e attrezzata per uccidermi era guidata da un fanatico cattolico chiamato Byrne; essa era quasi interamente composta da cattolici; di più, c'erano due sacerdoti mascherati tra di loro, a guidarli e incoraggiarli...Ho visto il signor Morse, l'inventore della telegrafia elettrica; egli mi ha detto che quando era a Roma, non molto tempo fa, aveva scoperto le prove della cospirazione più formidabile contro questo paese e tutte le sue istituzioni. E' certo evidente che è in gran parte per via degli intrighi e degli emissari papali che noi abbiamo l'orribile guerra civile, che minaccia di coprire il paese di sangue e rovine.

Mi dispiace che il professor Morse abbia dovuto lasciare Roma prima che potesse sapere di più sui piani segreti dei gesuiti contro la libertà e l'esistenza stessa di questo paese." — Ibid. p. 292.


"A Baltimora erano stati assunti venti uomini per assassinare il Presidente eletto nel suo viaggio verso Washington. Il leader di questa banda era un profugo italiano, un barbiere ben conosciuto a Baltimora. Il loro piano era il seguente: nel momento in cui il signor Lincoln fosse arrivato in città, gli assassini, che sarebbero stati mescolati alla folla, avrebbero fatto in modo di avvicinarsi il più possibile alla sua persona, e gli avrebbero sparato con le loro pistole. Se egli fosse restato in carrozza, erano state preparate delle bombe a mano, riempite con polvere detonante, come quelle che Orsini utilizzò nel tentativo di assassinare Luigi Napoleone. Queste sarebbero state gettate nella carrozza, e per rendere il lavoro di morte doppiamente sicuro, le pistole avrebbero dovuto far fuoco nel veicolo nello stesso istante. Gli assassini avevano una nave in porto pronta a riceverli. Da qui sarebbero stati trasportati a Mobile, nello stato scisso dell'Alabama." —John Smith Dye, The Adder’s Den, p. 113.

"Un barbiere italiano ben conosciuto a Baltimora, un cattolico romano, avrebbe dovuto pugnalarlo mentre egli era seduto nella sua carrozza, quando fosse partito dal deposito." — Burke McCarty, The Suppressed Truth About the Assassination of Abraham Lincoln, Arya Varta Publishing, p. 66.



Dal momento in cui i gesuiti cercarono di togliere la vita a Lincoln prima che raggiungesse la Casa Bianca, fortunatamente questa prima congiura per ucciderlo fallì! Durante la marcia su un treno John Wilkes Booth perse una lettera scritta per lui da Charles Selby. Poco dopo la lettera fu trovata e

spedita al Presidente Lincoln, che, dopo averla letta scrisse la parola "Assassinio" su di essa, e la depositò nel suo ufficio dove venne trovata dopo la sua morte e fu posta come elemento di prova in un'esposizione di tribunale - Ibid. p. 131.

Qui c'è un estratto della lettera:

"Abe deve morire, e adesso. Potete scegliere le vostre armi, la coppa, il coltello, il proiettile. La coppa ci ha fatto fallire una volta e potrebbe nuovamente...Sapete dove trovare i vostri amici. I vostri travestimenti sono così perfetti e completi...colpite per la vostra casa; colpite per il vostro paese; aspettate il vostro momento, ma colpite sicuro." - Ibid. p. 132. (enfasi aggiunta).

Questa lettera venne utilizzata per contribuire a condannare la Signora Mary E. Surratt ed alcuni degli altri cospiratori nel processo sull'assassinio di Lincoln.

Loro volevano pugnalarlo. Se ciò non gli fosse riuscito, gli avrebbero sparato e lo avrebbero fatto saltare in aria. Quelli fallirono e quindi cercarono di avvelenarlo. "Loro" erano gli emissari del Papa, i gesuiti. John Smith Dye, che fu un testimone di questi eventi, ci dice:

"Fu un giorno buio nella storia del nostro paese, in cui una guardia armata dovette circondare l'hotel (Willard), dove il magistrato principale aveva preso alloggio temporaneo per evitare il suo assassinio. E il giorno (4 marzo 1861) del suo insediamento, venne scortato fino alla Pennsylvania Avenue in una piazza vuota di cavalleria, e la massima vigilanza era esercitata dal Generale Scott per impedire che fosse assassinato pubblicamente sulla strada per il Campidoglio, luogo dove avrebbe dovuto rilasciare il suo discorso inaugurale dal portico est. Furono tempi terribili... "— John Smith Dye, The Adder’s Den, p. 135.

Quando ricordate il Concilio di Vienna, Metternicht, il Papa e i piani dell'Ordine per distruggere questo paese, per distruggere la sua libertà, per distruggere il protestantesimo e per uccidere i presidenti, cosa vi racconta, tutto questo, del male, del vizio e del carattere maligno dei gesuiti? Quando ricordate i loro attentati alla vita di Andrew Jackson, l'assassinio di William Henry Harrison, l'assassinio di Zachary Taylor, il tentato assassinio di James Buchanan, il tentato assassinio di Abramo Lincoln e, infine, il suo assassinio, cosa vi racconta, tutto ciò, della Chiesa Cattolica? Ciò vi racconta che la sua facciata di presentarsi come un chiesa è proprio questa, una facciata. Essa si nasconde dietro ad una maschera religiosa, di modo da non essere mai sospettata dei tanti abomini che perpetua continuamente in questo paese e in tutto il mondo. Che Dio ci aiuti a non avere a che fare con questa organizzazione satanica.

Abramo Lincoln dichiarò:

"Così tante congiure sono state fatte contro la mia vita, che è un vero e proprio miracolo che tutti abbiano fallito, se consideriamo che la maggior parte di loro erano nelle mani degli abili assassini cattolici, evidentemente addestrati dai gesuiti. Ma possiamo aspettarci che Dio faccia un miracolo perpetuo per salvarmi la vita? Io non credo. I gesuiti sono così esperti in quei fatti di sangue che Enrico IV disse che era impossibile sfuggire loro, e divenne una loro vittima, anche se aveva fatto tutto ciò che poteva essere fatto per proteggere se stesso. La mia fuga dalle loro mani, atteso che la lettera del Papa a Jeff Davis ha affinato milioni di pugnali per trafiggere il mio petto, sarebbe più che un miracolo.

Ma proprio come il Signore non ascoltò alcuna protesta dalle labbra di Mosè quando gli disse che doveva morire, prima di attraversare il Giordano, per i peccati del suo popolo, così io spero e prego che Egli non dovrà ascoltare da me alcuna protesta quando cadrò per l'amore del mio popolo.

Prima che io debba morire per la sacra causa per la quale mi sono impegnato, gli unici due favori che ho chiesto al Signore sono, in primo luogo, di essere l'alfiere dei diritti e delle libertà del mio paese.

Il secondo favore che chiedo a Dio è che il mio caro figlio Robert, quando me ne sarò andato, sia uno di quelli che alzerà la bandiera della libertà che coprirà la mia tomba, portandola con onore e fedeltà, fino alla fine della sua vita, come fece suo padre, circondato da milioni di persone che saranno chiamate a combattere e morire con lui per la difesa e l'onore del nostro paese." - Charles Chiniquy, Fifty Years in the Church of Rome, Chick Publications, pp. 302, 303.

Abramo Lincoln capì che il suo tempo era vicino:

"Nel bel mezzo del successo senza precedenti, mentre tutte le campane del paese suonavano con gioia, una calamità cadde su di noi, la quale sommerse il paese nella costernazione e nello stupore. Venerdì sera del 14 aprile il presidente Lincoln andò al Teatro Ford, a Washington. Era seduto tranquillamente nel suo palchetto ascoltando il dramma, quando un uomo entrò dalla porta dell'entrata che conduce al palchetto, chiudendo la porta dietro di sé. Avvicinandosi al presidente egli trasse dalla tasca una piccola pistola e gli sparò alla nuca. Mentre il presidente cadeva, privo di sensi e ferito a morte, e l'urlo di sua moglie, che era seduta al suo fianco, trafiggeva ogni orecchio, l'assassino saltò dal palchetto, da un'altezza perpendicolare di nove piedi, precipitandosi sul palco, a capo scoperto, brandendo un pugnale ed esclamando ‘Sic siemper tyrannus!’ per scomparire poi dietro le quinte laterali." - Ibid. pp. 307-308.


"Il nobile Abramo, vero discendente del padre dei fedeli, onesto in ogni credenza, umile come un bambino, dal cuore tenero come una donna, che non poteva sopportare di ferire finanche i suoi nemici più avvelenati; che, nell'ora del trionfo, si rattristò per i sentimenti dei suoi avversari che dovevano essere feriti dalla loro sconfitta, con 'carità per tutti e malizia verso nessuno', dotato di buon senso, di intelligenza mai sorpassata, e con il potere dell'intelletto che gli permise di cimentarsi con i più giganteschi avversari nei dibattiti, sviluppando le sue abilità di statista, conquistando la gratitudine del suo paese e l'ammirazione del mondo, e con grazia e simpatia, attirando a sé tutti i cuori generosi, morì per il proiettile dell'assassino!

Ma chi era quell'assassino? Booth non fu altro che lo strumento dei gesuiti. Era Roma che diresse il suo braccio, dopo aver corrotto il suo cuore e dannato la sua anima." - Ibid. p. 308.


"E, dopo 20 anni di continue e difficili ricerche, io vengo oggi senza paura davanti al popolo americano, per dire e dimostrare che il presidente Abramo Lincoln è stato assassinato dai preti e dai gesuiti di Roma.

Nel libro delle testimonianze rese in procura riguardo all'assassinio di Lincoln, pubblicato da Ben Pittman, e nei due volumi del processo di John Surratt, nel 1867, abbiamo la prova legale e inconfutabile che la trama dell'assassinio di Lincoln è stata maturata, se non avviata, nella casa di Mary Surratt, 561 H. Street, Washington, DC. 
 
Mary Surratt

Le testimonianze giurate mostrano che essa era il ritrovo comune dei sacerdoti di Washington. Che cosa rivela al mondo la presenza, in quella casa, di così tanti sacerdoti? Nessun uomo di buon senso, che sa qualcosa circa i sacerdoti di Roma, potrebbe dubitare che questi fossero i consulenti, i consiglieri, l'anima stessa di quella trama infernale.

Quei sacerdoti, che erano gli amici personali e i padri confessori di Booth, di John Surratt, della Signora e della Signorina Surratt, non potevano andare lì costantemente senza sapere che cosa stesse succedendo, soprattutto quando veniamo a sapere che ognuno di quei preti era un rabbioso ribelle nel cuore. Ognuno di quei sacerdoti, sapendo che il suo papa infallibile aveva nominato Jeff Davis come il suo caro figlio, e aveva preso la Confederazione del Sud sotto la sua protezione, era destinato a credere che la cosa più sacra che un uomo potesse fare era quella di combattere per la causa del Sud distruggendo quelli che erano i suoi nemici.

Leggete la storia dell'assassinio di Coligny, Enrico III ed Enrico IV, e di Guglielmo il Taciturno per opera dei sicari dei gesuiti; confrontatela con l'assassinio di Abramo Lincoln e vi accorgerete che l'una rassomiglia all'altra come due gocce d'acqua. Capirete che provengono tutte dalla stessa fonte – Roma! "- Ibid. p. 309.


"Questo arci ribelle [Jeff Davis] poteva ottenere i soldi, ma solo i gesuiti potevano selezionare gli assassini, formarli, e mostrargli una corona di gloria in cielo, se avessero ucciso l'autore del massacro, il famoso rinnegato e apostata – il nemico del Papa e della Chiesa – Lincoln.

Difficile non vedere le lezioni date a Booth dai gesuiti, nel loro rapporto quotidiano nella casa di Mary Surratt, quando leggiamo queste righe scritte da Booth poche ore prima della sua morte:”Non riuscirò mai a pentirmi. Dio mi ha fatto lo strumento della sua punizione.” Confrontate queste parole con le dottrine e i principi insegnati nei concili, nei decreti papali e nelle leggi della Santa Inquisizione, e troverete che i sentimenti e le credenze di Booth fluivano da questi principi, come il fiume scorre dalla sua sorgente.



John Wilkes Booth



E quella pia signorina Surratt, che, il giorno seguente l'assassinio di Lincoln, disse, senza essere rimproverata, alla presenza di numerosi testimoni:”La morte di Abramo Lincoln non è altro che la morte di un qualsiasi negro dell'esercito.” Dove ottenne questa massima, se non dalla sua Chiesa? Non aveva, la Chiesa, recentemente proclamato, attraverso...il devoto cattolico Giudice Taney, nella sua decisione su Dred Scott, che i negri non hanno alcun diritto che il bianco è tenuto a rispettare? Portando il presidente al più basso livello insieme il negro, Roma stava dicendo che egli non aveva diritto neppure alla sua vita.” - Ibid. p. 310.

Subito dopo la morte di Lincoln, John Surratt, che faceva parte del complotto per l'assassinio, fuggì a Montreal. Da Montreal fu portato a Liverpool, in Inghilterra, e quindi a Roma.

John Surratt


Quando un funzionario statunitense finalmente lo raggiunse, egli venne trovato nell'esercito personale del Papa. Un cospiratore nell'assassinio di Abramo Lincoln era un membro dell'esercito personale del Papa!

“Tre o quattro ore prima che Lincoln venisse assassinato a Washington, il 14 aprile 1865, quell'assassinio non era conosciuto solamente da qualcuno, ma venne diffuso e se ne parlò nelle strade e nelle case della città sacerdotale e romana di St. Joseph, in Minnesota. Il fatto è innegabile: le testimonianze sono insindacabili, e non c'erano né una ferrovia né alcuna comunicazione telegrafica più vicina di quaranta o ottanta miglia da St. Joseph...

Mr. Linneman, che era un cattolico, ci dice che, anche se lo aveva sentito da molti nel suo negozio, e per le strade, non si ricorda il nome di uno solo che glielo disse...Ma se la memoria del signor Linneman è così carente su questo argomento, noi possiamo aiutarlo raccontandogli ciò che è stato detto con esattezza matematica...I sacerdoti di St. Joseph erano spesso in visita a Washington, e alloggiavano, probabilmente, presso la signora Surratt...Quei sacerdoti di Washington erano in comunicazione quotidiana con i loro sacerdoti co-ribelli di St. Joseph; essi erano i loro amici intimi. Non vi erano segreti tra di loro...I dettagli del delitto, come il giorno scelto per il suo compimento, erano parimenti ben noti tra i sacerdoti di St. Joseph come lo erano fra quelli di Washington...Come potevano, i sacerdoti, nascondere un evento così gioioso al loro amico del cuore, il signor Linneman? Lui era il loro uomo di fiducia. Egli era il loro procacciatore; era il loro braccio destro tra i fedeli di St. Joseph...I sacerdoti di Roma sapevano e diffusero la notizia della morte di Lincoln nella loro città cattolica di St. Joseph, in Minnesota, quattro ore prima del suo verificarsi." - Ibid. pp. 316, 317.
C'è ancora più materiale:

“Nel processo di John Surratt, un ministro francese di nome Rufus King dichiarò questo:”Io credo che lui [John Surratt] sia protetto dal clero e che l'omicidio sia il risultato di una congiura accuratamente preparata, non solo contro la vita del presidente Lincoln, ma contro l'esistenza di questa repubblica, perché siamo consapevoli del fatto che i sacerdoti e le famiglie reali sono, e sempre sono state, contrarie alla libertà.” - Burke McCarty, The Suppressed Truth About the Assassination of Abraham Lincoln, Arya Varta Publishing, p. 185.
"Per l'assassinio di Abramo Lincoln quattro persone vennero processate, condannate e giustiziate per impiccagione. I loro nomi erano Davy Harold, Lewis Payne, George Atzerodt, e Mary E. Surratt. Erano tutti cattolici. Tale informazione è nel Teatro Ford, in diverse cassette di vetro, che mostrano diverse cose su Lincoln, la guerra civile, e il suo assassinio. Mentre veniva assassinato Abramo Lincoln, venne anche fatto un tentativo per assassinare William Seward, il Segretario di Stato. Era in programma anche un attentato alla vita di Ulysses S. Grant, ma Grant avrebbe dovuto fare un viaggio di emergenza verso il New Jersey per essere al capezzale di un parente morente. Anche Andrew Johnson, il vice presidente degli Stati Uniti, doveva essere assassinato in questo stesso momento. L'uomo che doveva ucciderlo si spaventò e corse via per il paese in groppa ad un cavallo, e non eseguì la sua parte del piano. Lewis Payne, conosciuto come il ragazzo della Florida, un giovane gigante atletico, che alcuni mesi prima aveva aderito alla congiura, si presentò davanti alla residenza del Segretario di Stato William Seward. William Seward era malato da tre settimane, soffrendo a causa di una mascella fratturata, il risultato della fuga della sua squadra, e era sotto la cura costante degli infermieri.Payne suonò il campanello e gli fu risposto dal maggiordomo di colore. Egli disse a quest'ultimo che era stato mandato con una medicina che doveva portare alla stanza del malato. Il maggiordomo si rifiutò di permettergli di entrare, dicendo che aveva ricevuto l'ordine di non permettere a nessuno di raggiungere la stanza del signor Seward. L'estraneo [Lewis Payne], dopo una breve lotta, lo stramazzò a terra, e andò saltando su per le scale. Si precipitò nella camera del malato; dopo aver abbattuto ciascun figlio del segretario, saltò quindi sul malato e lo pugnalò gravemente per tre volte. Con un grande sforzo umano, quest'ultimo si dibatté fuori dal letto con il suo aggressore, che lo lasciò ammucchiato nel pavimento, sanguinante per le ferite che gli aveva inflitto. Dopo il suo assalto omicida a Seward, il furfante si precipitò giù per le scale, urlando a squarciagola:”Io sono pazzo! Io sono pazzo!”, e molto probabilmente lo era. Lui era completamente sotto il controllo delle influenze ipnotiche delle persone malvagie sotto il cui potere si era concesso di essere.” - Ibid, pp. 121, 122.


“Esso fu parte del piano che Michael O’Laughlin, uno dei cospiratori di Baltimora, doveva portare a termine per uccidere il Generale Grant quella notte. Questo non fu possibile, a causa del cambiamento di piani del generale.

Per quanto riguarda Atzerodt, si precipitò per assassinare il vice presidente Johnson, ma si spaventò e passò la giornata a cavallo all'interno del paese...fu trovato alcuni giorni dopo con i suoi parenti a valle di Washington. Egli, prima della sua esecuzione, fece una confessione scritta, confermando come dato di fatto la presenza di Surratt a Washington quel giorno fatale, sulla quale avevano giurato nove testimoni affidabili .”- Ibid p. 122.

Così noi abbiamo una cospirazione non solo per uccidere il presidente, ma per portare il governo degli Stati Uniti completamente nel caos. Non vediamo qui l'adempimento del Concilio di Vienna e di Verona al lavoro nel 1865? Non vediamo la mano dell'Ordine dei gesuiti e della Chiesa Cattolica romana per distruggere questo grande paese? Fu un periodo terribile nella storia degli Stati Uniti.

Abbiamo già visto come la Chiesa Cattolica Romana abbia piantato il seme della divisione tra le due grandi porzioni di questo paese, dividendo il Nord dal Sud sulla questione scottante della schiavitù.

“Quella divisione fu la sua occasione d'oro per schiacciare l'una contro l'altra, e regnare sopra le sanguinose rovine di entrambe, una politica privilegiata di lunga data. Essa confidava che fosse arrivato il suo trionfo supremo sopra questo continente. Essa ordinò all'imperatore di Francia di stare pronto con il suo esercito in Messico, pronto a sostenere il Sud, e disse a tutti i cattolici romani di arruolarsi sotto le bandiere della schiavitù, unendosi al partito democratico.” - Charles Chiniquy, Fifty Years in the Church of Rome, Chick Publications, p. 291.

Abramo Lincoln disse a Charles Chiniquy:
Charles Chiniquy

“Vi sarò sempre grato per le parole di avvertimento che mi avete rivolto circa i futuri rischi alla mia vita provenienti da Roma. So che no sono dei pericoli immaginari. Se stessi combattendo contro un Sud in quanto nazione protestante, non vi sarebbe alcun pericolo di assassinio. Le nazioni che hanno letto la Bibbia lottano con coraggio sul campo di battaglia, ma non assassinano i loro nemici. Il papa e i gesuiti, con la loro infernale Inquisizione, sono gli unici poteri organizzati in tutto il mondo che si avvalgono del pugnale del sicario per uccidere coloro che non riescono a convincere con le loro argomentazioni o conquistare con la spada.

Purtroppo, sento ogni giorno sempre di più, che non è solo contro gli americani del Sud che io sto combattendo, ma è maggiormente contro il papa di Roma, i suoi perfidi gesuiti e i loro ciechi schiavi assetati di sangue. Finché mireranno a conquistare il Nord, essi mi risparmieranno; ma il giorno che noi dirigeremo i loro eserciti, prenderemo le loro città e li costringeremo a sottomettersi, allora, è mia impressione che i gesuiti, che sono i principali governanti del Sud, faranno quello che hanno quasi sempre fatto in passato. Il pugnale o la pistola compiranno quello che non riusciranno a compiere le mani forti dei guerrieri.

Per quelli che non vedono, come le vedo io, le molle segrete di questo terribile dramma, questa guerra civile sembra non essere altro che un affare politico. Ma essa è più una guerra religiosa che politica. E' Roma che vuole governare e degradare il Nord, come ha governato e degradato il Sud, dal giorno della sua scoperta. Ci sono solo pochissimi leader del Sud che non sono in maggior o minor grado sotto l'influenza dei gesuiti, attraverso le loro mogli, i rapporti familiari e i loro amici. Diversi membri della famiglia di Jeff Davis appartengono alla Chiesa di Roma...

Ma è quasi sicuro che se gli americani potessero imparare quello che io so dell'odio feroce dei sacerdoti di Roma contro le nostre istituzioni, le nostre scuole, i nostri diritti più sacri e le nostre libertà così faticosamente acquisite, essi li caccerebbero via da noi a partire da domani, o gli sparerebbero per il loro tradimento.

Ma voi siete l'unico a cui ho rivelato i miei tristi segreti, perché so che li avete imparati prima di me. La storia di questi ultimi mille anni ci dice che ovunque la Chiesa non sia un pugnale che perfora il petto di una nazione libera, essa è una pietra al suo collo, che la paralizza, e le impedisce di avanzare nel mondo della civiltà, della scienza, dell'intelligenza, della felicità e della libertà.” - Ibid. pp. 294, 295.

Lincoln disse:

“Questa guerra non sarebbe mai stata possibile senza la sinistra influenza dei gesuiti. Lo dobbiamo al papato se ora vediamo la nostra terra arrossata dal sangue dei suoi figli più nobili...Avrò pietà per i sacerdoti, i vescovi e i monaci di Roma negli Stati Uniti, quando la gente si renderà conto che essi sono, in gran parte, responsabili per le lacrime e il sangue versato in questa guerra." - Ibid. pp. 296,297.

"Avete perfettamente ragione quando dite che fu per distaccarsi dai cattolici romani che si iscrivevano al nostro esercito. Dalla pubblicazione di quella lettera [del Papa], un gran numero di loro disertarono le loro bandiere e si trasformarono in traditori...E' anche vero che Meade è rimasto con noi e ha vinto la sanguinosa battaglia diGettysburg. Ma come avrebbe potuto perderla, se egli fu circondato da eroi come Howard, Reynolds, Buford, Wadsworth, Cutler, Slocum, Sickles, Hancock, Barnes, ecc. Ma è evidente che, dopo la battaglia, il suo romanesimo soppiantò il suo patriottismo.

Egli lasciò fuggire l'esercito di Lee, mentre avrebbe potuto facilmente tagliare la sua ritirata costringendolo ad arrendersi, dal momento che esso perse quasi la metà dei suoi soldati negli ultimi tre giorni di carneficina.


George G. Meade



Quando Meade doveva ordinare l'inseguimento dopo la battaglia, uno sconosciuto arrivò in fretta al quartier generale, e questo sconosciuto era un gesuita travestito. Dopo tre minuti di conversazione con lui, Meade fece questi accordi riguardo all'inseguimento del nemico, che fecero sì che esso potesse scappare quasi intatto, con la perdita di sole due pistole!” - Ibid. p. 298.

Lincoln disse:

"La gente comune vede e sente le grandi e rumorose ruote delle macchine della Confederazione del Sud: le chiama coi nomi di Jeff Davis, Lee, Toombs, Beauregard, Semmes, ecc, e pensa onestamente che essi siano la forza motrice e la prima causa dei nostri problemi. Ma questo è un errore. La vera forza motrice rimane segreta dietro le spesse mura del Vaticano, i collegi e le scuole dei gesuiti, i conventi delle monache e i confessionali di Roma.” — Ibid. p. 305.

Nel compimento dei Concili di Vienna, Verona e Chieri, la Chiesa Cattolica ha diviso il Nord dal Sud attraverso il loro agente John C. Calhoun. Essa cercò di distruggere l'economia attraverso Nicholas Biddle, e in seguito usò la coppa del veleno e la pallottola del sicario per assassinare e tentare di assassinare un totale di cinque presidenti in un arco di 25 anni. Essa arrossò il suolo americano con il sangue di migliaia di giovani americani nella terribile guerra civile. Oh, quanto abbiamo potuto vedere di persona che Roma non cambia mai! Quello che essa ha fatto e sta ancora facendo oggi. Che Dio ci aiuti a comprendere il male del papato, allora e adesso.








dello stesso autore leggi anche:


TARGET: AMERICA


THE ENEMY UNMASKED: La Cacciata dei Gesuiti dall'Europa e La Mano Divina Sopra l'America
THE ENEMY UNMASKED:Il Fronte Ebrei-Illuminati
THE ENEMY UNMASKED: Il Ricatto dei Banditi Banchieri

Sugli Stati Uniti controllati dal Vaticano e dai gesuiti si legga anche:
I Funzionari Di Alto Livello Degli Stati Uniti Sono Solo Dei Vassalli Servili al Vaticano













Fonte: http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2013/05/il-presidente-abramo-lincoln-ucciso-dai.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...