mercoledì 17 aprile 2013

Il Soldato dei Gesuiti Herman Van Rompuy loda l'Europa della Compagniadi Gesù


Molti ormai sanno che il cattolico istruito dai gesuiti Herman Van Rompuy, il Presidente del Consiglio Europeo, è colui che dichiarò apertamente che gli stati nazionali sono morti e che nel 2009disse:

"Il 2009 è anche il primo anno di governo globale, con la creazione del G20 nel bel mezzo della crisi finanziaria globale. La Conferenza sul Clima di Copenaghen sarà un altro passo avanti verso il governo globale del nostro pianeta".

Però nessuno sa che lo stesso pupazzo dei gesuiti tenne un discorso alla Pontificia Università Gregoriana il 12 novembre 2011, dove dichiarò anche:



"Ma non è in questo luogo, alla Pontificia Università Gregoriana, che ho bisogno di convincere. E non è un caso se l'”acclimatazione” del messaggio cristiano alle diverse civiltà è da più di quattrocento anni il modo, oserei dire il “marchio di fabbrica”, dei Gesuiti, di concepire una mondializzazione nel rispetto delle culture particolari. Una mondializzazione religiosa, attraverso la fede, la speranza e la carità, ma attraverso una fede coniugata con la ragione perché il contributo della Compagnia di Gesù alle scienze è assolutamente prodigioso.


Un bell’esempio di questo è stato il Padre Teilhard de Chardin, scienziato visionario per il quale l’unificazione e l’amore erano il motore dell’evoluzione.


Un altro bell’esempio è costituito dalle discipline umanistiche “greco-latine”, base dell’insegnamento secondario dei Gesuiti..."

Van Rompuy alla Pontificia Università Gregoriana: sullo sfondo, a sinistra,  il suo capo Adolfo Nicolas, Superiore Generale della Compagnia di Gesù


Lode alla mondializzazione [Governo Mondiale] dei gesuiti; e lode alla Nuova Religione Mondiale del Padre gesuita de Chardin. Adesso vi chiederete: perchénessuno, nella decrepita disinformazione italiana che denuncia il Nuovo Ordine Mondiale, (un'informazione in cui la fanno da padroni i cattolici neonazisti antisemiti), vi riporta questo genere di affermazioni? Perché costoro o sono ignoranti o sono collusi: scegliete voi la risposta che più vi aggrada!

Nello stesso discorso Van Rompuy ha spiegato il concetto Cattolico dell'Europa:



“Intendo soltanto situare il concetto “Europa” nella storia.


Non è forse lo storico Jacques Pirenne, figlio e discepolo d’Henri Pirenne, il più reputato degli storici belgi, che ha scritto, e che cito di nuovo: “L’Europa è un vero caos, formato da antichi popoli romani, la cui civiltà ha origini millenarie, e da popoli nuovi tra cui si trovano tutti i gradi di barbarie e di semi-barbarie. La Chiesa, riunendoli nel Cristianesimo, crea l’Europa. Essa non sarà un’entità politica, né un’entità economica, essa sarà esclusivamente una comunità cristiana” (fine della citazione).


È per questo che il monaco Benedetto fu proclamato nel 1964 santo patrono dell’Europa. Perché l’Europa è stata anzitutto creata dalla spiritualità.


Nel XV° secolo Enea Silvio Piccolomini, Papa Pio II, l’unico papa fino ad oggi ad avere scritto le sue memorie, sarà il primo ad adoperare spesso il termine “Europa” e il qualificativo “europeo” e a scrivere, nel 1458, una storia e una geografia dell’Europa, inaugurando con questo un uso più politico del termine. "



Bel concetto veramente! Noi cittadini dei paesi europei, che, secondo le citazioni di van Rompuy, senza la Chiesa saremmo diventati solo popoli barbari e semicivilizzati, dovremmo quindi ringraziare questa istituzione per averci unito tutti nella ditattura gesuitica europea! Che sia una dittatura, comunque, sono sempre le citazioni di van Rompuy, neanche troppo velate, a renderlo chiaro:



"Da questo deriva la constatazione amara di Marcel Gauchet riguardo alle nostre democrazie attuali e che cito: La democrazia non può più perciò garantire la funzione suprema del politico che è quella di donare alla collettività il sentimento di una presa sul suo destino” (fine della citazione)."

[...]

"È per questo che non credo che i diritti dell’individuo o i diritti dell’uomo possano, domani, da soli costituire una trascendenza o, come dice Régis Debray, un asse verticale attorno al quale gli Europei possano ritrovarsi."



Ecco un altro passo del discorso di Van Rompuy nella stessa sede:



"Permettetemi di ringraziare molto calorosamente il Reverendo Padre Fançois-Xavier Dumortier, Rettore della Pontificia Università Gregoriana, per il suo invito in questo tempio del pensiero Gesuita in Europa e nel mondo.

E quelli di voi che mi conoscono un po’ meglio sanno bene quanto sia personalmente, come antico alunno, attaccato all’insegnamento dei Gesuiti. A loro devo molto. Senza di loro, non sarei oggi ciò che sono come uomo e come intellettuale."



Qui van Rompuy ci dice esplicitamente che senza i gesuiti egli non sarebbe stato nessuno, e il merito di aver raggiunto i vertici dell'Unione Europea è dovuto al fatto di essere un loro pupazzo. E infatti Van Rompuy continua:



Sicuramente l’etica ha un fondamento cristiano e io sono divenuto Europeo grazie ai Gesuiti che, in modo concreto, ci mettevano in contatto con gli alunni di altri collegi in Europa, che fossero quelli di Berlino, di Nijmegen, di Evreux o di Ginevra. Perché “viaggiare insieme” non è un po’ l’inizio del “vivere insieme”?

Sappiate allora che questa mattina sono felice di vivere questi momenti presso di voi e con voi, circondato dai ricordi di alcuni Generali della Compagnia Fiamminghi e/o Belgi come Everard Lardinois de Marcourt, primo Generale non spagnolo alla guida della Compagnia nel 1574, di Charles de Noyelle, di Pieter Jan Beckx e di Jean Baptiste Janssens."

[...]

"Mi riaffiorano alla memoria queste celebri parole di un Papa romano: “Roma, la genitrice, l’annunciatrice, la tutrice di civiltà e di eterni valori di vita” (1948). "



Per finire non poteva mancare Bergoglio; da eunews leggiamo una notizia del 21 marzo 2013:



“Papa Francesco potrebbe partecipare, in qualità di ospite, a una seduta del Parlamento europeo. Martedì mattina i tre presidenti dell’Ue, Herman Van Rompuy, José Manuel Barroso e Martin Schulz, hanno preso parte alla messa di insediamento di Jorge Mario Bergoglio. E proprio Schulz ha invitato il vescovo di Roma a Strasburgo. “Non vedo l’ora di accogliere il Papa Francesco, per trasmettere un messaggio europeo e universale sui nostri valori fondamentali, di cui c’è bisogno più che mai”.



La tirannia europea cattolico-gesuitica dissanguatrice dei popoli avanza a gran passo!



Per approfondire leggi anche:


Il Vero Potere: ancora prove della matrice cattolica dell'Unione Europea
L'Internazionale di Dominio dei Gesuiti: "Il Mondo è la nostra casa"
La Roma Papale e l'Unione Europea
Herman van Rompuy: un pupazzo educato dai Gesuiti
L'Unione Europea: La Nuova Torre di Babele Vaticana
Loyola e De Chardin: da eretici a profeti per il bene di Roma
Pierre Teilhard De Chardin: Il Padre del Movimento New Age
Il Nuovo Ordine Religioso Mondiale
Aggiornamenti Sociali: Governo Mondiale gesuitico in risposta alla crisi [fabbricata dai gesuiti]





Fonte: http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2013/04/il-soldato-dei-gesuiti-herman-van.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...