giovedì 21 marzo 2013

Silvio Berlusconi, il Vaticano e l'Ordine Costantiniano



Quale leader vincerà- L'effetto Cavaliere sulla campagna elettorale è visibile soprattutto confrontando i risultati della domanda su quale leader vincerà. Il 31 gennaio Pierluigi Bersaniguidava con un comodo 42,5%. Oggi, è al 36,1 e solo negli ultimi due giorni è sceso del 2,3. Di contro, Silvio Berlusconista mettendo la freccia: una settimana fa era al 16,7, oggi è al 18,9 e viaggi a ritmi sostenutissimi, avendo guadagnato dal 5 febbraio l'1,6 per cento. Seguono Mario Monti(al 13,2%, era al 13) e Beppe Grillo(dall'11,6 al 12,6). Anzi no, la verità è che il terzo favorito dopo Bersani e il Cavaliere è il pareggio17,1.”
fonte: Liberoquotidiano.it 07/02/2013

Queste le ultime previsioni elettorali disponibili, dopo che Silvio se ne è uscito con la storia dell'IMU rimborsata agli italiani (fosse solo quello il problema! E il rimborso, da parte del Vaticano, di tutti i soldi sottratti agli Italiani per via dei favori che le nostre istituzioni erogano alla Santa Sede? Alcune ricerche affermano che ammontano € 6.232.375.437solo nel 2012. E la sovranità monetaria? La geonigegneria clandestina? L'Europa Vaticano-gesuitica che ci dissangua?)
Molti parlano dell'appartenenza di Silvio Berlusconi alla P2, ma in pochi hanno approfondito il legame di Silvio con il Vaticano. Abbiamo già detto che uno dei pochi è stato Ferruccio Pinotti, e del suo libro L'Unto dal Signore, del quale si parlava in un articolo che pubblicammo tempo fa:Quel patto segreto tra la destra e la chiesa

Adesso che vediamoquesta falsa e studiata opposizione delle gerarchie ecclesiastiche al cavaliere Silvio, è utile ricordare che, per tutti i favori fatti alla Chiesa, Silvio era in rapporti molto cordiali con Benedetto XVI. Ecco il saluto di Silvio al Papa al Primo Congresso Nazionale del Popolo della Libertà il 27 marzo 2009:



D'altronde, come abbiamo già più volte affermato, sembra non esservi incompatibilità tra l'appartenenza agli Ordini cavallereschi e militari del Vaticano e quella alle logge massoniche. Nell'articolo dal titolo SMOM: di essi è il regno dei cieli,discutemmo dell'appartenenza al Sovrano Militare Ordine di Malta di molti membri della P2, compreso Licio Gelli. Quello che in realtà traspare è che la "massonica" P2 fosse un semplice braccio armato dello SMOM, e che la stessa, quindi, fosse sotto il controllo diretto del Vaticano e dei Gesuiti. Come riferisce il sito dell'Ordine di Malta, lo stesso Silvio Berlusconi, nel 2006, in veste di Presidente del Consiglio, dopo avere firmato un accordo sulla ricerca scientifica con l'Ordine stesso, ebbe a dire:”Sono poche le istituzioni che godono del prestigio dell’Ordine di Malta”.

Berlusconi, Marcello dell'Utri, l'Opus Dei e la Vatican Bank Rasini.

L'incontro che fece conoscere tra loro il colluso con la mafia Marcello dell'Utri e Silvio Berlusconi ebbe modo di avvenire sotto l'egida dell'Opus Dei. In un articolodal titolo Peccato. L´Opera è rimasta a metàdi Marco Damilano e Sandro Magister,apparso su "L´Espresso" del 10 gennaio 2002 si afferma:


"Il più ispirato, però, è Marcello Dell´Utri. Che attribuisce all´Opus l´incontro della vita: «A presentarmi Silvio Berlusconi fu il direttore della residenza universitaria di Palermo Segesta, Bruno Padula, oggi vicario della Prelatura in Sicilia». Rapporti mai interrotti: frequentatore del collegio Opus di Torrescalla a Milano, direttore sportivo del centro di formazione professionale Elis a Roma, negli anni ´60 Dell´Utri mise su una squadra di calcio, la Torrescalla-Edilnord. Lui allenava, Silvio era il presidente, Paolo Berlusconi il centravanti."


"Il giovane Silvio, studi al liceo Sant’Ambrogio dei Salesiani e frequentazione di Torrescalla, residenza universitaria milanese dell’Opus Dei,dove conobbe Marcello dell’Utri, fa i primi passi di imprenditore edile con l’aiuto della Banca Rasini. Investendo una parte dei primi guadagni, fonda la squadra di calcio Torrescalla-Edilnord targata Opus Dei: lui presidente, l’amico palermitano allenatore e il fratello Paolo centravanti.Alla Rasini il padre Luigi da semplice impiegato è diventato direttore. Questa banca, con un solo sportello a Milano in piazza dei Mercanti, era alternativamente definita «Vatican bank», «Sportello della mafia»o «Banca di Andreotti»."

Adesso vediamo un altro fatto che prima ci era sfuggito nelle cronache, cioè l'appartenenza di Silvio Berlusconi al Sacro Militare Ordine Costantiniano, partendo da una notizia apparsa sul Sito ufficiale della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie, che leggerete per intero:


Roma, 14 marzo 2003
CEREMONIA DI INVESTITURA DI CAVALIERE DI GRAN CROCE DI MERITO CON PLACCA D’ORO DEL S.M.O. COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, ON. SILVIO BERLUSCONI
Il giorno 14 marzo 2003, si è tenuta a Palazzo Chigi, sede del Governo della Repubblica Italiana, la cerimonia d’investitura del Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Silvio Berlusconi, a Cavaliere di Gran Croce di Merito con Placca d’Oro, decorato del Collare del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. L’Alta Onorificenza è stata conferita da S.A.R. il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Calabria e Gran Prefetto dell’Ordine Costantiniano. Erano presenti S.A.R. la Principessa Camilla, Sua Eminenza Reverendissima il Sig. Cardinale Mario Francesco Pompedda, Gran Priore, S.E. il Marchese Aldo Pezzana Capranica del Grillo, Gran Cancelliere, S.E. l’Ambasciatore Balboni Acqua, Capo del Cerimoniale del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana e Cavaliere Di Gran Croce di Grazia, il Dr. Letta, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Commendatore di Merito con Placca , il Dr. Sgrelli, Capo del Cerimoniale della Presidenza del Consiglio e il Senatore Guzzanti.

La cerimonia è stata particolarmente significativa anche in virtù dei consolidati rapporti delle istituzioni italiane con l’Ordine, che, annoverando tra i propri Cavalieri le più alte cariche dello Stato italiano, svolge la propria opera con il favore e , ne siamo certi, con l’apprezzamento, delle stesse.
Dopo aver accolto la delegazione nel salone d’ingresso, l’On. Presidente si è trattenuto con gli illustri ospiti in cordiale conversazione nel suo studio privato, procedendo poi ad uno scambio di doni.
Il Presidente Berlusconi ha voluto quindi personalmente guidare un’interessante visita agli appartamenti privati di Palazzo Chigi, illustrandone le preziose opere d’arte ed i brillanti risultati dei recenti restauri da lui stesso voluti.

L’On. Presidente del Consiglio dei Ministri ha infine accompagnato gli illustri ospiti fino all’uscita del Palazzo, ringraziando in special modo S.A.R. il Duca di Calabria per l’alta onorificenza Costantiniana della quale è stato investito.

Ci appare inquietante e rivelatore il leggere dei "consolidati rapporti delle istituzioni italiane con l’Ordine, che, annoverando tra i propri Cavalieri le più alte cariche dello Stato italiano, svolge la propria opera con il favore e , ne siamo certi, con l’apprezzamento, delle stesse." Credevamo che Stato Italiano e Ordini religiosi fossero due entità separate ed indipendenti, ed invece abbiamo scoperto che lo Stato italiano è diventato il quartier generale del Regno Pontificio; il problema è che gli italiani, mantenuti sempre più in uno stato di catatatonica ignoranza, non lo sanno. Il nome dell'Ordine deriva dall'Imperatore Costantino, l'Imperatore grazie al quale il cristianesimo si diffonderà in tutto l'Impero Romano in un momento storico in cui questa religione, originariamente diffusa da martiri perseguitati, si trasformerà in strumento di potere delle elite, come è tutt'oggi. Dallo stesso sito leggiamo:


"Il 29 ottobre dell'anno 312 d. C. l'Imperatore Costantino (306-337) sconfisse "ad Saxa Rubra" (presso Ponte Milvio in Roma) il rivale Massenzio, assicurandosi il comando supremo e indiscusso dell'intero Impero Romano. Come è noto, la sera precedente la battaglia aveva avuto la celeste visione della Croce luminosa con il motto "In Hoc Signo Vinces"; durante la notte, poi, ebbe il divino avvertimento di decorare i vessilli dei suoi soldati con la Croce. Costantino credette e fece apporre il simbolo cristiano sui vessilli - cui diede il nome di "Labarum", dal greco "Lapbyron", che significa bandiera della vittoria - con il monogramma di Cristo "XP". Egli stesso e i suoi figli fregiarono anche elmo, scudo, corazza e spada, e sul loro esempio altrettanto fecero i soldati con le armature.
Costantino inoltre affidò la custodia del labaro a 50 Cavalieri scelti della sua Corte.
Come insegna la tradizione niente affatto infondata, l'Imperatore volle ricordare il trionfo istituendo un ordine equestre e investendo egli stesso i primi cinquanta cavalieri. Nacque così la "Cavalleria Aurata Costantiniana" (aurata in virtù del collare d'oro finissimo che portavano i più alti dignitari), il più antico degli ordini cavallereschi; essa rappresenta il modello di ogni altra milizia posteriore nel suo classico significato.

Come stabiliscono gli Statuti, si propone la "glorificazione della Croce" e la "propagazione della Fede", soprattutto tramite attività di beneficenza e col sostegno alla Chiesa Cattolica.
Ciò è stato costantemente perseguito dai cavalieri nei secoli, ed infatti numerose sono le speciali benemerenze acquisite nella difesa e nella propaganda della Fede, e i Sommi Pontefici hanno concesso molteplici attestati di benevolenza.

L'Ordine ha sempre saputo trovare una sua specifica funzione di servizio nelle varie epoche della storia della Chiesa, adattandosi, sotto la guida dei Gran Maestri, alle reali esigenze del divenire degli eventi.
Nei secoli dell'avanzata turca nei Balcani, ad esempio, i cavalieri hanno dato la vita per difendere la religione e la società cristiana. In tempi recenti, invece, cavalieri e dame si sono prestati con grande generosità nell'attività assistenziale - impiegati sui treni-ospedale e all'interno dei nosocomi delle più grandi città - durante la Prima Guerra Mondiale a favore delle truppe in combattimento; poi durante la Seconda Guerra Mondiale hanno prestato servizio per i prigionieri affidatigli dalla Presidenza dell'Ufficio Prigionieri e Ricerche e servizi connessi della Croce Rossa Italiana; e ancora nella guerra del Kosovo hanno aiutato i fanciulli abbandonati.

Tramite il D.P.R. 30 marzo 1973 si è eretta in Ente morale l'"Associazione Nazionale dei Cavalieri Costantiniani", che esplica la sua attività attraverso il volontariato e la donazione di apparecchiature medico-scientifiche, ed inoltre fornisce mezzi di soccorso e sostegno ai malati ed alle popolazioni colpite da calamità naturali."

Un Ordine che, come lo SMOM, nasconde le proprie mire di potere temporale dietro la maschera delle attività assistenziali. Dal sito ordinecostantiniano.itleggiamo:


«Il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio è un Ordine Equestre il quale, dalla sua remotissima origine si propone la glorificazione della Croce, la propaganda della Fede, e la difesa della Santa Romana Chiesa, alla quale è strettamente legato per speciali benemerenze acquisite in Oriente combattendo gli infedeli e per molteplici prove di riconoscenza e di benevolenza avute dai Sommi Pontefici. È pertanto non solamente precipuo dovere dei Cavalieri di vivere da perfetti cristiani, ma sarà proprio di essi l’associarsi a tutte quelle manifestazioni che concorrono all’incremento dei princìpi religiosi negli uomini e cooperare con tutti i mezzi a ché si ridesti nella pratica la vita cristiana. L’Ordine, a rinsaldare maggiormente la secolare istituzione sua, conciliandola con le esigenze dei tempi, che per la loro evoluzione hanno trasformato tutto il regime della odierna società, si propone anche di dare il suo maggior contributo d’azione e di attività alle due grandi opere eminentemente sociali dell’Assistenza Ospedaliera e della Beneficenza».


Con queste parole (Capitolo I), sotto il titolo “Finalità dell’Ordine”, si aprono gli Statuti dell’Ordine Costantiniano; e come appare evidente, descrivono precisamente il senso stesso dell’esistenza dell’Ordine: il servizio alla Chiesa Cattolica e al prossimo in difficoltà. Del resto, il legame indissolubile fra la Chiesa Cattolica e il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio – al di là delle stesse sue origini che, come già detto altrove, affondano le proprie radici nella vittoria che l’Imperatore Costantino riportò su Massenzio nel 312 d. C. a Saxa Rubra dopo la visione della Santa Croce con la scritta “In hoc Signo vinces”, dopo la quale concesse la libertà di culto in tutto l’Impero Romano ai cristiani – è dimostrato dalle numerosissime attestazioni di stima e concessioni materiali che la Santa Sede, spesso nella persona stessa dei Pontefici, ha elargito generosamente all’Ordine Costantiniano nel corso dei secoli.
Il primo Pontefice che approvò e confermò l’Ordine Costantiniano fu Callisto III nel 1453, quando i Prìncipi Comneno e i Cavalieri, che avevano lasciato Costantinopoli dopo la caduta dell’Impero Romano d’Oriente nelle mani dei turchi, si rifugiarono in Italia. Da allora tanti Sommi Pontefici confermarono l’Ordine Costantiniano, concedendo benefìci e protezione: Innocenzo VIII, Pio II, Sisto IV, Leone X, Paolo III, Giulio III, Paolo IV (che con Bolla “Cum a Nobis petitur” confermò tutti gli antichi privilegi ai Gran Maestri dell’Ordine, ricordando peraltro la protezione accordata dai suddetti suoi predecessori), Pio IV (che con “Motuproprio” del 13 novembre 1565 dichiarò i Cavalieri dell’Ordine Costantiniano capaci di usufruire di benefici ecclesiastici), Gregorio XIII (il 10 ottobre 1576 la Congregazione del Concilio riconobbe che i Cavalieri dell’Ordine Costantiniano costituivano una vera religione, in grado di ottenere privilegi ecclesiastici e secolari), Sisto V, Clemente VIII, Gregorio XV, Urbano VIII, Alessandro VII, Clemente X, Innocenzo XI, Innocenzo XII, che, con Breve “Sinceræ Fidei” del 24 ottobre 1699 autorizzò il passaggio del Gran Magistero del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio dal “solus superstes” dei Comneno, il Principe Giovanni Andrea Angelo Flavio, al Duca Francesco I Farnese. Clemente XI, che era stato Cardinal protettore dell’Ordine, con Bolla del 12 luglio 1706, approvò gli Statuti Farnesiani dell’Ordine Costantiniano e riconobbe tutti i privilegi finora accordati dai suoi predecessori aggiungendone di nuovi, e con Bolla “Militantis Ecclesiæ” del 27 maggio 1718, felicitandosi con i Cavalieri Costantiniani per aver condotto 2000 fanti in Dalmazia contro i turchi, pose l’Ordine sotto la protezione della Santa Sede, accordò privilegi abbaziali al Gran Priore, le insegne della prelatura al clero e varie altre prerogative.
 Sua Santità il Papa Pio IX, rifugiatosi nel Regno di Napoli nel 1849, si congeda dal Re Ferdinando II di Borbone il 6 Aprile 1850 all'Epitaffio, frontiera pontificia presso Terracina, per far rientro in Roma.Altri privilegi furono concessi da Benedetto XIII e Innocenzo XIII. Poi, con Bolla 12 maggio 1738, Clemente XII confermò la dignità di Gran Maestro dell’Ordine Costantiniano nella persona di Carlo di Borbone, Re di Napoli e Sicilia. Da allora fino ad oggi il Magistero del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio appartiene al Capo della Casa Reale dei Borbone delle Due Sicilie.
Sua Santità il Papa Giovanni XXIII riceve in Udienza il 20 Marzo 1960, S. A. R. il Principe Ranieri di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro.Altri privilegi furono poi concessi da Clemente XIII (che stabilì che un eventuale conflitto fra il Magistero Costantiniano e l’Autorità Ecclesiastica sarebbe si sarebbe dovuto risolvere solo dinanzi alla Camera Apostolica), Pio VI (che concesse all’Ordine alcuni benefici del soppresso Ordine di S. Antonio), Pio VII, Pio VIII, Gregorio XVI (che concesse a Re Ferdinando II di erigere, quale ex-voto, la Basilica di S. Francesco di Paola in Napoli), dal Beato Pio IX, da San Pio X (che con “Placet” del 22 marzo 1911 approvò la erezione della Chiesa abbaziale di Santa Maria a Cappella – detta “delle Crocelle” – a Napoli quale sede dell’Ordine; inoltre concesse in altre occasioni ulteriori privilegi), da Benedetto XV (che restituì all’Ordine la Chiesa abbaziale Curata di S. Antonio Abate in Napoli; il 9 luglio 1919 inoltre approva le variazioni apportate agli Statuti dell’Ordine dal Gran Maestro il Principe Alfonso Maria di Borbone delle Due Sicilie, Conte di Caserta).
Il Servo di Dio, Papa Giovanni Paolo II e S.A.R. il Principe Ferdinando, Gran MaestroAncora Pio XII e Giovanni XXIII e Paolo VI hanno ricevuto in udienza privata il Gran Maestro S.A.R. il Principe Ranieri Maria di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro. S.S. Giovanni Paolo II ha ricevuto in San Pietro tutte le Autorità e i Cavalieri e Dame il 7 ottobre 2000 in occasione del Giubileo del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, impartendo loro l’Apostolica Benedizione.
Sua Santità il Papa Giovanni Paolo II e il Cardinale Gran Priore Mario F. PompeddaIl 1 novembre 2003, Solennità di tutti i Santi, il Servo di Dio, Papa Giovanni Paolo II nominò Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Mario Francesco Pompedda Consigliere Ecclesiastico della Reale Deputazione dell’Ordine Costantiniano, per il periodo canonico di cinque anni.
La decisione del Santo Padre fu comunicata all’allora Gran Maestro, S.A.R. il Principe Ferdinando di Bordone delle Due Sicilie, e all’Em.mo Cardinale Gran Priore, di venerata memoria con una lettera da parte dell’Em.mo Cardinale Segretario di Stato, recante il numero di Protocollo 542.191
Em.mo Signor Cardinale Albert Vanhoye, Gran Priore dell'OrdineDopo la morte dell’Em.mo Cardinale Mario Francesco Pompedda, avvenuta il 18 ottobre 2006, l’11 maggio 2008, Solennità di Pentecoste, è stato nominato Gran Priore dell’Ordine Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Albert Vanhoye, Balì Cavaliere di Gran Croce di Giustizia.
Dopo la nomina dell’attuale Gran Priore, Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Renato Raffaele Martino, Sua Eminenza il Cardinale Vanhoje è stato nominato Consigliere Ecclesiastico della Real Casa.
In questi anni, è sempre fervente l’attività di servizio alla Chiesa e di beneficenza verso i bisognosi svolta dall’Ordine. A tal riguardo, rinviamo, in questo sito, alle pagine dedicate alle attività attuali.


Tornando a Silvio, come afferma il blog avlesbeluskesexposed:

"Silvio Berlusconi non è un mafioso che vuole difendere i suoi sporchi interessi con l'aiuto della criminalità, ma semplicemente un mafioso che difende con la criminalità la ricchezza ottenuta con la benedizione della Chiesa di Roma e quindi un attore perfetto che deve interpretare il ruolo di se stesso sul palco ingannevole della Gesuitica politica italiana papale.
Sei ancora confuso per le mie parole? Capisco..cercherò di spiegarmi meglio con un esempio. Se devo spingere i miei comunisti rossi alla corruzione e al servilismo illimitato verso il mio potere papale, così ingannando e sfruttando la 'buona fede' e 'l'onestà' dei tonti di sinistra, non c'è modo migliore di minacciarli con un criminale teatralmente costruito (Silvio Berlusconi), che immediatamente convince il popolo delle pecore di sinistra che "siamo migliori, siamo gli onesti del paese! - qualunque cosa il nostro leader possa decidere di fare." Semplicemente psicologia di massa Vaticana. E funziona, garantito al 200%!"

Per capire i legami dell'Ordine con le istituzioni italiane adesso leggiamo un articolo dal titolo The Constantinian Order and the Italian Republic, tratto dal sito della delegazione della Gran Bretagna e dell'Irlanda del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio:


"Oggi l'Ordine Costantiniano è pienamente riconosciuto dalla Repubblica Italiana. I cittadini italiani possono richiedere l'approvazione ufficiale per indossare le decorazioni dell'Ordine, e gli ufficiali militari della repubblica possono indossare le sue insegne nell'uniforme. Molti alti funzionari, ministri e diplomatici statali italiani sono stati insigniti della decorazione, inclusi, tra gli altri, gli ambasciatori della Repubblica Italiana verso numerosi paesi europei e mediorientali, nonché verso la Santa Sede. Nel 1973, con il decreto del presidente della Repubblica Giovanni Leone (a sinistra), l'Associazione Nazionale Italiana dei Cavalieri del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio è stata elevata ad organizzazione senza scopo di lucro. Il Presidente Leone, che ha servito come Capo di Stato italiano dal 1971 al 1978, fu anche investito nell'Ordine Costantiniano come  Cavaliere di Gran Croce con Placca d'Oro e Collare all'interno della Categoria Speciale. Nel 1986 Sua Eccellenza Prof. Francesco Cossiga (a destra), Presidente della Repubblica Italiana dal 1985 al 1992 fu ordinato ed investito dal Gran Maestro, SAR Il Duca di Castro, come Cavaliere di Gran Croce con Placca d'Oro e Collare all'interno della Categoria Speciale: una posizione che ha mantenuto per tutto il suo mandato come Capo di Stato italiano. Dopo aver lasciato l'incarico il Prof. Cossiga ha cessato di esserne membro. La relazione calda e cordiale tra la Repubblica italiana e la Real Casa di Borbone delle Due Sicilie è stata ulteriormente cementata nel 1996, quando Sua Altezza Reale il Duca di Calabria, Gran Prefetto dell'Ordine Costantiniano, è stato investito, tramite decreto di Sua Eccellenza il Presidente Oscar Luigi Scalfaro (Presidente dal 1992 al 1999) come Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Repubblica Italiana. La cerimonia d'investitura è stata condotta dal Ministro degli Affari Esteri italiano Lamberto Dini. Durante lo scambio formale degli onori, Sua Altezza Reale il Duca di Calabria, a nome di suo Padre, il Gran Maestro, ha investito il Ministro degli Esteri del titolo di Cavaliere di Gran Croce con Placca d'Oro all'interno della Categoria Speciale.
Nel marzo del 2003, in una cerimonia a Palazzo Chigi, il Presidente del Consiglio dei Ministri (primo ministro) della Repubblica Italiana, Silvio Berlusconi (a destra), è stato investito nell'Ordine Costantiniano come Cavaliere di Gran Croce con Placca d'Oro e Collare all'interno della Categoria Speciale. Il 12 novembre 2010 il Gran Maestro SAR Principe Carlo, Duca di Castro, ha investito l'On. Franco Frattini, Ministro degli Affari Esteri italiano (a sinistra), come Cavaliere di Gran Croce al Merito dell'Ordine Costantiniano.

Credevate di vivere in una Repubblica Democratica indipendente? Sbagliato! Benvenuti nel Regno Pontificio Italiano e nei suoi casati nobiliari.

Leggi anche:


Fonte: http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2013/02/sivio-berlusconi-il-vaticano-e-lordine.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...