martedì 10 luglio 2012

La storia di Padre Pio da Pietrelcina


Da dove trae origine la necessità della chiesa cattolica di costruire i propri santi davanti ai quali e attraverso i quali costringere gli Esseri Umani in ginocchio?

Nei sistemi religiosi antichi, che per brevità chiameremo Pagani, c’era il concetto religioso secondo cui l’eroe, per i propri meriti, bussava alle porte dell’Olimpo rivendicando il proprio diritto divino davanti agli DEI.

Chi era l’eroe?

L’eroe era colui che modificando e attrezzando sé stesso costruiva per gli Esseri Umani delle condizioni migliori nelle quali esistere. Facendo questo traeva dei vantaggi per sé stesso e per il Sistema Sociale nel quale viveva. Ad esempio SATURNO, di Roma antica, entra nello sconosciuto, apprende l’agricoltura e i vantaggi di GIUSTIZIA, trasferisce quanto impara fra gli Esseri Umani arricchendo il Sistema Sociale sia attraverso la pratica dell’agricoltura che nella devozione a GIUSTIZIA. Queste sono le azioni per le quali Saturno viene onorato. SATURNO diventa un DIO perché ha trasformato sé stesso ed è riconosciuto e indicato come DIO all’interno del Sistema Sociale che per la sua azione ha migliorato le condizioni di vita. Lo stesso vale per ERCOLE e in generale per gli eroi sia dell’antica Roma che della Grecia antica. Essi si attrezzano per combattere mostri che tentano di distruggere i Sistemi Sociali umani. Per farlo si attrezzano, si modificano, diventando DEI e accedendo all’Olimpo.

Il sistema sociale diventa il terreno in cui l'Essere Umano si misura. Mette in atto le trasformazioni della sua vita attraverso le sfide per migliorare la qualità del Sistema Sociale nel quale è nato. Attraverso le sfide nella sua esistenza, l'Essere Umano diventa un DIO (separa sé stesso, la propria coscienza dal crogiolo di DEI che compongono ogni Essere della Natura) trasformando la morte del corpo fisico in nascita del corpo luminoso.

E’ la costruzione del benessere all’interno del Sistema Sociale umano che determina il diventare DIO dell’eroe, dell'uomo consapevole. Nell'uomo consapevole le sfide tendono ad Armonia; Peitò il suo modo d'agire; Contesa Furente la sua difesa; Amicizia il consesso degli uomini; Afrodite le sue emozioni.

Il Sistema Sociale riconosce quell’eroe un DIO perché ha ricevuto dei doni da quell’eroe. Dei doni che non avrebbe ricevuto se quell’eroe non si fosse trasformato attraversando il fuoco della conoscenza e della consapevolezza usando il proprio coraggio.

Su questa base concettuale, psichica ed emozionale propria dei Paganesimi antichi e fatta propria dal Paganesimo moderno, il cristianesimo ha costruito la sua truffa.

L’intento del cristianesimo nella lunga guerra che ha imposto ai Paganesimi antichi era quello di spostare la centralità dell’attenzione degli Esseri Umani dal Sistema Sociale in cui vivevano alla struttura della gerarchia cattolica quale manifestazione tangibile del suo dio padrone in terra. Costringere gli Esseri Umani ad agire in funzione della gloria e della ricchezza della chiesa cattolica anziché del Sistema Sociale in cui vivevano. Costringerli a costruire benessere per la chiesa cattolica privando del benessere i Sistemi Sociali le cui persone dovevano essere immiserite e costrette in ginocchio a maggior gloria della chiesa cattolica.

La centralità non era più la Società degli uomini, ma la chiesa cattolica in quanto padrona degli uomini.

La santificazione, a quel punto, non era più quella dell’eroe che migliorava il benessere sociale, ma era quella del truffatore, del ladro, dell’assassino, del mafioso e del missionario che danneggiando i Sistemi Sociali costruivano la gloria, il potere e la ricchezza della chiesa cattolica.

E' proprio l'“insegnamento” di Gesù espresso nei vangeli che indica come truffare le persone: è sufficiente impedire loro di prendere in mano delle pietre davanti ad affermazioni e a pretese demenziali:

Gesù rispose: "Se io glorifico me stesso, la mia gloria è nulla: chi mi glorifica è mio Padre, di cui voi dite: "E' nostro Dio"; ma non lo conoscete. Io si, lo conosco; e se dicessi di non conoscerlo sarei, come voi, un bugiardo. Ma lo conosco ed osservo le sue parole. Abramo, padre vostro, esultò di gioia al pensiero di vedere il mio giorno: lo vide e ne tripudiò". Gli risposero i Giudei: "Non hai ancora cinquant'anni e hai veduto Abramo?". Gesù rispose loro: "In verità, in verità vi dico: prima che Abramo fosse io sono". Dettero allora piglio alle pietre per tirargliele; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.” Giovanni 8, 54-59

Il truffare, imbrogliare, ingannare è l'attività che viene ripresa da Paolo di Tarso a maggior gloria del suo dio padrone:

“E sia pure: io non vi sono stato d'aggravio; ma da furbo qual sono, v'ho presi con inganno.” Paolo di Tarso Corinti II 12,16

E' dottrina fondamentale cristiana l'uso della menzogna al fine di sottomettere gli Esseri Umani. La menzogna che viene usata soltanto dalle gerarchie per sottomettere, attraverso l'inganno, le persone del gregge che il buon pastore porta al macello della vita. Per contro, le pecorelle del gregge non devono usare la menzogna o l'inganno nei confronti del buon pastore, ma docili devono percorrere la strada del macello. Solo chi inganna, truffa, imbroglia, uccide gli uomini indifesi può essere elevato agli altari dalla chiesa cattolica. Le persone in ginocchio, coloro che pregano il santo, confermano il diritto della chiesa cattolica a distruggere le società civili; la vita degli uomini a sua maggior gloria.

Migliaia di processi davanti ai tribunali civili testimoniano le necessità delle società civili di liberarsi dalla pratica distruttiva della chiesa cattolica e della sua necessità di dominio degli uomini.


All’interno del progetto di distruzione delle società civili si inserisce la figura di Francesco Forgione detto padre Pio.

Cosa ha fatto questo personaggio, chiaramente malato di morte, per ricevere onori divini dalla chiesa cattolica?

Non starò a documentare passo per passo la sua attività di distruzione sociale, mi limiterò a citare quanto questo personaggio ha fatto per arricchire la chiesa cattolica e come abbia agito per danneggiare gli Esseri Umani. Mi limiterò a parlare del suo disprezzo per gli Esseri Umani che lo ha reso santo agli occhi della chiesa cattolica.

Scopo della famiglia cattolica è quella di distruggere il divenire psico-emotivo dei ragazzi al fine di renderli dipendenti (esattamente come all'eroina) dall'idea della provvidenza del dio sull'immagine del quale vengono costretti a riversare i loro sentimenti.

La costrizione educazionale imposta dalla famiglia viene ampliata e trasformata in malattia psichica attraverso la scelta soggettiva di fagocitare facendo propri i modelli costrittivi imposti. Le analisi cliniche hanno dimostrato che Padre Pio era malato di istrionismo.

Se ad un bambino viene imposto di non masturbarsi con minacce e terrore ha davanti a sé due scelte o farlo di nascosto mettendo in atto delle strategie per non venir scoperto o fustigarsi, imporsi privazioni, mortificazioni al fine di far proprio l’ammonimento. Nel primo caso diventerà un uomo nel senso che avrà imparato che la sua persona è importante e che deve essere protetta con delle strategie difensive, nel secondo caso diventerà un malato di morte il cui scopo sarà quello di imporre la propria malattia ad altri. In questo Francesco Forgione divenne abilissimo.

Sarà per le botte in testa subite dal padre unite alla superstizione nella quale venne educato o sarà perché alla superstizione volle sommare altra superstizione sta di fatto che le fobie sessuali crescevano. La perversione sessuale arrivò al punto tale che a nove anni la madre lo sorprese a flagellarsi, cioè a reprimere le sue pulsioni sessuali. Si giustificò con la madre affermando che stava imitando il supplizio ricevuto da Gesù.

La sua ferocia nei confronti della libertà sessuale fu tale da distruggere a colpi di forbice il lavoro di una ragazza, tale Adriana, che di domenica si stava applicando dei nastri sul vestito e prese a bastonate un amico che, viste le sue condizioni psico-fisiche, gli consigliava di amoreggiare con qualche ragazza.

Normalmente questi comportamenti sbocciano in patologie sessuali caratterizzate dal possesso dell’oggetto “amato”. Non è più una relazione di “partecipazione-amore” con l’altro, ma diventa esercizio sessuale volto al possesso e alla distruzione della personalità dell’altro.

Non è più Venere-Afrodite, ma diventa stupro.

Cosa del resto alimentata dalla chiesa cattolica e dalla superstizione nella quale viveva la famiglia di Francesco.

Nel 1902, cioè all’età di quindici anni, in un tema in classe affermava, dal libro di E. Malatesta “La vera storia di padre Pio” ed Piemme pag. 33: “Oh se fossi re!… combatterei prima di tutto il divorzio, da molti cattivi desiderato, e farei si che il sacramento del matrimonio fosse maggiormente rispettato… Io cercherei di illustrare il mio nome col battere sempre la via del vero cristiano; guai poi a coloro che non volessero seguirla. Li punirei subito o col metterli in prigione o coll’esilio oppure con la morte.”

Il desiderio psicologico di questi santi cattolici è sempre quello di macellare gli uomini a maggior gloria del proprio dio!

Figuratevi un bambino cresciuto mitizzando le stigmate di un altro Francesco e con forte propensione all’isterismo e al fanatismo, con turbe psichico-sessuali da immaginarsi aggressioni del demonio per mascherarsi le tensioni di vita che tentano di esprimersi. Questo tipo di personaggi, specialmente femminili, erano molto comuni negli anni cinquanta primi anni sessanta, oggi sembra un po’ meno anche se sicuramente si rincontrano ancora fra i bigotti e le bigotte e fra i loro bambini.

E’ inutile parlare di malattie psicosomatiche. Data la struttura sessualmente costretta, questo personaggio metteva in essere delle strategie per non rimanere nel convento dove la vita era troppo dura. Quando l sessualità è offesa le tensioni psichiche si manifestano in “bisogno di dominio e possesso”. E’ necessaria spietatezza per costruire individui a diventare schiavi pronti a costruire altri schiavi.

D'altronde i cattolici conoscono molto bene le tecniche di manipolazione mentale (specie nei bambini) e i Cappuccini di S. Francesco, come l’Opus Dei, i Domenicani, i Gesuiti ecc. sono dei professionisti. Lascio a voi immaginare cosa è successo nel convento fra il 1903 e il 1907.

L’Essere Umano non è creato ad immagine e somiglianza di un dio padrone, ma è il risultato delle proprie strategie di vita, è il risultato delle risposte che ha dato alle sollecitazioni che dal mondo giungono a lui. E’ il prodotto della sua educazione!

L’educazione cattolica, cui è stato sottoposto, porta a questa diagnosi psichiatrica che riprendo dal libro di Mario Guarino: “Beato Impostore” edizioni Caos: Nel 1999 lo psichiatra Luigi Cancrini firmerà una “perizia psichiatrica su padre Pio”. Scriverà Cancrini: “Una diagnosi psichiatrica relativa al caso padre Pio non è difficile da proporre. Osservando longitudinalmente, il disturbo di cui ha sofferto padre Pio è, secondo il Dsm IV (manuale diagnostico preparato dall’Associazione degli psichiatrici americani e oggi largamente utilizzato anche in Italia e in Europa), un disturbo istrionico della personalità. Osservato trasversalmente, nelle sue manifestazioni sintomatiche più evidenti, il suo è un disturbo di trance dissociativa. I criteri di ricerca per il disturbo di trance dissociativa sono di ordine sintomatico e culturale.”

In altre parole, il padre, la madre, l’ambiente superstizioso cattolico del paese, il prete che lo enfatizzava narrandogli la vita di Francesco che chiamava santo, il convento dei frati minori, ecc. hanno portato a termine un lavaggio del cervello del ragazzo facendolo diventare un pazzo. L’uomo non è creato ad immagine e somiglianza di un dio padrone, ma è il risultato della sua interazione con l’ambiente.

A quel punto la psicosomatizzazione di quanto subito gli fa prendere una decisione: il padrone sono io!

Così nel 1910 decise di avere le stigmate.

Gli altri frati avrebbero cessato di rompergli le scatole, lui era in odore di santità.

Il primo atto di disprezzo per la società lo fece ignorando gli obblighi militari. Fu dichiarato disertore e il 18 agosto 1917 fu prelevato dai carabinieri. Aveva già eluso il dovere militare con le sue finte malattie: siano gli altri a crepare; a lui cosa importava? Con le sue amicizie si fece congedare: mica voleva partire per il fronte.

Il problema che pose alla chiesa cattolica le stigmate di Forgione fu di ordine pratico. Non si trattava di un effetto psicosomatico, ma di una vera e propria truffa.

Ripeto: erano una vera e propria truffa!

Ne è stato testimone il dott. Vincenzo Tangaro e la così detta sparizione delle stigmate al momento della morte, nonché la bottiglietta di acido fenico e la tintura di iodio.

Il fine della truffa è sottomettere ad essa i pellegrini sia per esatazione del potere personale, sia per denaro (che poi è la stessa cosa: possedere uomini). D'altronde, davanti al fanatismo religioso cristiano costruito nella superstizione e per fini economici dalla chiesa cattolica non ci sono ragioni scientifiche che tengano.

Che Forgione fosse matto non ci sono più dubbi, ma un matto che si identifica col dio padrone, per il quale combatte il demonio e per ciò funzionale alla distruzione del Sistema Sociale.

Che Forgione fosse un assassino non ci sono dubbi, non si identificava forse col dio padrone? Quello stesso che mandò il diluvio universale e massacrò gli abitanti di Sodoma e Gomorra perché non facevano sesso come lui voleva?

Il 14 ottobre 1920 a S. Giovanni Rotondo le elezioni furono vinte dai socialisti. Al momento dell’insediamento il partito popolare di Sturzo e l’organizzazione che lo appoggiava “Gli arditi di Cristo” con i gagliardetti del Vaticano massacrarono 14 contadini e ferirono un centinaio di persone. Uno dei più gravi massacri della storia d’Italia. L’inchiesta parlamentare dette questi risultati che riprendo sempre dal libro di Mario Guarino “Beato Impostore”:

“Venne assodato che si era trattato di un eccidio organizzato e provocato dagli excombattenti (con l’appoggio dei fascisti). Quegli stessi excombattenti dei quali padre Pio aveva benedetto la bandiera. Commentando l’eccidio, il 2 aprile 1961, il quotidiano socialista Avanti punterà il dito proprio contro il frate di Pietralcina, titolando “padre Pio era con gli Arditi neri nel massacro di S. Giovanni””

Dopo questi fatti padre Pio ha deciso di derubare in proprio la terra del paese. Naturalmente non l’ha rubata come un ladro che agisce con destrezza, ma col metodo che egli conosce bene insegnatogli all’interno del convento dei Francescani: l’attività mafiosa.

Attività mafiosa che si materializzò non solo col suo giro di accoliti che raccogliendo informazioni sputtanò, diffamò e distrusse la reputazione di varie persone della gerarchia cattolica che potevano intralciare i suoi progetti. All’interno delle gerarchie vaticane vige il principio secondo cui se un prete, un vescovo o un altro gerarca riesce a fare le scarpe o a impedire e distruggere la carriera di qualcuno anche con mezzi sporchi e subdoli acquista meriti in quanto il suo fare diventa espressione della volontà divina. Questo è il modo di ragionare delle gerarchie vaticane ispirato direttamente dal Gesù di Nazareth nel suo “non cercare giustizia ai torti” “porgi l’altra guancia” oppure “mettiti d’accordo con me che ti accuso altrimenti ti porto dal magistrato che sicuramente ti condannerà”! Padre Pio si accordò con tale Morcaldi Francesco detto Ciccillo. Tale personaggio, eletto grazie alla complicità del frate a sindaco del paese nelle liste di una coalizione a destra del partito popolare, pagò l’appoggio del frate concedendo in enfiteusi perpetua il convento e gli orti per 750 lire in quanto i frati si erano resi benemeriti.

Questo tipo di scambio si chiama “voto di scambio” ed è una delle attività proprie della mafia. Questo accordo venne siglato il 31 dicembre 1923. Quell’accordo, per tappe successive, divenne definitivo il 14 settembre 1925.

Una proprietà veniva sottratta al demanio, cioè al pubblico interesse, e data ad un privato per interessi privati senza che il sistema sociale avesse un tornaconto se non l’appoggio che Morcaldi Francesco ebbe per la sua personale elezione.

Voglio sorvolare sulle guerre interne alle gerarchie religiose. Voglio sorvolare sugli interessi diversi dei vari papi che per un verso o per un altro combatterono o appoggiarono le operazioni criminali del frate. Appartengono al cattolicesimo e all’immondizia che questo sistema religioso esprime.

Voglio sorvolare sulle sue relazioni “amorose”, vere o false che siano. Chi è malato di morte come padre Pio concepisce la relazione amorosa come il possesso dell’altro e ricava piacere soltanto dalla distruzione dell’altro. Non è importante sapere quali fossero le sue relazioni amorose, ma è importante sapere che le patologie derivate dal condizionamento educazionale subito gli impediva di avere relazioni amorose con donne (o con uomini) che fossero di puro piacere, ma erano sempre relazioni in cui lui possedeva, disponeva, sottometteva e distruggeva l’altro. D'altronde il suo comportamento nelle relazioni interpersonali lo dimostrano.

Vogliamo sorvolare sulle truffe di Giovanbattista Giuffré e come i Francescani bloccarono le indagini della guardia di finanza? Vogliamo parlare dei documenti che distrusse per non finire in galera? O vogliamo parlare dell’articolo dell’Espresso del 9 aprile 1961 in cui si accusava padre Pio e Giuffrè dell’anonima banchieri e delle centinaia di milioni, degli anni cinquanta, fatti sparire?

A cosa mirano i cattolici se non al denaro? Non al denaro che costruisce la ricchezza per il Sistema Sociale, ma al denaro rubato al Sistema Sociale per costruire la ricchezza della chiesa che può così procedere a sottomettere chi non si può difendere. La chiesa cattolica costruisce miseria sociale per la sua gloria e padre Pio eseguiva per la sua gloria che coincideva con quella della chiesa cattolica. L’importante era essere in grado di derubare il Sistema Sociale e costruire la miseria fra gli uomini privandoli della ricchezza: lo ordina il Gesù padrone.

La guerra all’interno della chiesa cattolica continua. Il papa cattolico Giovanni XXIII, che osteggiava Padre Pio muore e il suo successore Paolo VI è, a differenza, molto pragmatico. Padre Pio ha quasi ottanta anni e a Paolo VI° interessano soltanto le sue ricchezze. E così giunge l’accordo. Si mette una bella pietra sopra le porcate fatte da Padre Pio. Padre Pio lo si mette in odore di santificazione in cambio di un bel testamento. Al Vaticano fu concesso di vedere il testamento del frate, ma non lo trovò adeguato. Così consegnò al frate due testamenti che il frate ricopiò e firmò rendendo il Vaticano erede universale dei suoi beni, delle sue società e di tutti i suoi soldi. Dopo di che il Vaticano, per opera del cardinale Ottaviano, lo costrinse ad una pubblica dichiarazione in cui si sosteneva che la chiesa cattolica era comprensiva nei suoi confronti. L’ipocrisia di padre Pio e del Vaticano possono andare tranquillamente a braccetto!

Perché si risolvono le questioni in questo modo?

Perché padre Pio era un buon cristiano, truffava, rubava, è responsabile di genocidio, ma tutto sommato è stato utile alla chiesa cattolica. In fondo i preti e i vescovi che pretendevano di svelare la sua ipocrisia e le sue truffe cosa hanno fatto per la chiesa cattolica? Volete mettere i milioni di pellegrini che vanno a chiedere il miracolo e a lasciare l’obolo? Volete mettere i miliardi che ha ricavato il Vaticano? Cosa sono le pretese di onestà di prelati e vescovi avversi. Quello che conta è il risultato. Quello che conta è la gloria del padrone nel costringere le pecore in ginocchio.

Per questo motivo Wojtyla intende farlo santo!

Ha obbedito alla prima regola del cattolicesimo: ha derubato il Sistema Sociale umano per arricchire la chiesa cattolica! Dunque è santo!

Gli Uomini sono convinti che gli eroi portino doni. Gli eroi portano doni e nel portare doni agli Esseri Umani si trasformano arrivando a bussare alle porte dell’Olimpo. I cattolici derubano gli Esseri Umani per arricchire la chiesa cattolica e per questo motivo vengono fatti santi. Come la Teresa di Calcutta o tutta la torma di ladri per finire ai missionari che annientano i popoli africani o i missionari che spacciavano oppio in Cina per distruggere quel paese.

Le persone vengono ingannate alterando la percezione della loro attenzione attraverso il condizionamento educazionale. Decine di milizie di malati arrivano a S. Giovanni Rotondo in cerca del miracolo e della grazia. Certo, esattamente come molti milioni di persone giocano al lotto, al totocalcio o al superenalotto. La superstizione è la stessa! Il desiderio di vincere qualche cosa gratuitamente è fortissimo. Attraverso questo si costruisce la truffa e l’inganno. Si chiedono dei comportamenti deferenti, comportamenti di rinuncia alla vita prospettando la vincita del miracolo o della grazia quando si sa che l’uno e l’altro sono solo truffe. Dove il truffato non paga soltanto col denaro, ma paga la propria attesa nella provvidenza con l’intera propria esistenza.

Padre Pio è solo un volgare truffatore la cui truffa sarà continuata e perpetrata dal Vaticano perché è una fonte di guadagno economico ed uno strumento per costringere le persone a rinunciare alla propria vita. E’ uno strumento che alimenta la superstizione. Alimenta la concentrazione dell’attenzione degli astanti su un’attesa che non solo non arriverà, ma che pagheranno con la loro vita.

D'altronde, come mai la chiesa cattolica non mette l’accento sul miracolo di padre Pio, quello vero? Un uomo, detto padre di famiglia, va in pellegrinaggio e al ritorno stermina la famiglia. E perché non mettere l’accento sull’altro grande miracolo? Migliaia di persone vanno storpi da padre Pio e ritornano storpi, ma col portafoglio più leggero.

Questo è il vero miracolo per cui Wojtyla ha fatto beato padre Pio. Ricordiamo che senza denaro i missionari cattolici non possono costringere gli Indù a farsi battezzare o a diffondere l’Aids in Africa. Volete mettere che grande miracolo? Costruire la miseria fra gli Esseri Umani a maggior gloria del dio padrone dei cristiani.

Scritto nel 2000 e revisionato nel 2006

N.B. Per lo scritto è stato usata la traccia del libro “Beato impostore” di Mario Guarino ed. Caos.


Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

P.le Parmesan, 8

30175 Marghera – Venezia

tel. 041933185

e-mail: claudiosimeoni@libero.it




Fonte

1 commento:

  1. Basta la firma dell'autore, con gli annessi titoli, a far capire quanto questo post sia colmo di rancore verso la Chiesa, rea di rubare ai suoi fedeli ogni possibilità di evoluzione spirituale. Peccato che, invece di limitarsi ai fatti, l'autore ne approfitti per sfogare il suo astio, e alla fine chi voleva capire un po' di più del fenomeno padre Pio rimane deluso. Fortunatamente, non essendo cattolico, sfuggo facilmente ai richiami delle statue e dei presunti santi, perciò suggerisco all'autore: prima di autoproclamarsi guardiano dell'anticristo, provi a cercare proprio lì dove nessuno ci ha insegnato a cercare. L'inganno della chiesa cattolica è antico e ben dissimulato, ma la verità è sotto gli occhi di tutti, ed è lampante. Abbandonare la chiesa senza sensi di colpa, per abbracciare l'unico vero monoteismo creazionista, è una strada sicura verso una forma di felicità che nessun cattolico, nemmeno l'orda di invasati di Medjugorje, può vivere su questa Terra.

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...