giovedì 14 giugno 2012


Il cancro della tiroide, il fracking e l'energia nucleare

Rady Ananda
Activist Post
19/01/2012
traduzione:
http://nwo-truthresearch.blogspot.it

Negli Stati Uniti, dal 1997, i casi di cancro alla tiroide sono più che raddoppiati, mentre, allo stesso tempo, sono in aumento le pratiche mortali industriali che contaminano le acque sotterranee con radiazioni e altre sostanze cancerogene. Nuove informazioni rilasciate dal National Cancer Institute (NCI) statunitense stimano che 56.460 persone svilupperanno il cancro alla tiroide nel 2012 e 1780 moriranno a causa di esso.
Ci sono stati fino a 16.000 casi di cancro nel 1997 - un aumento del 253% in quindici anni - mentre la popolazione statunitense è cresciuta solo del 18%.
Dal 1980 al 1996 il cancro alla tiroide è aumentato di quasi il 300%, mentre la popolazione è incrementata (di nuovo) del 18%. La maggior parte dei tumori della tiroide non si sviluppano prima di 10-30 anni dopo l'esposizione alle radiazioni, ma il picco mostruoso nel cancro alla tiroide dal 1980 al 2012 è solo in parte il risultato dell'incidente nucleare di Three Mile Island (TMI) in Pennsylvania del 1979. L'epidemiologo Joseph Mangano, MPH MBA, del Radiation and Public Health Project, riferisce che la Pennsylvania, con i suoi nove reattori nucleari, non ha la più alta incidenza di cancro alla tiroide rispetto ai dati demografici di 45* stati. Nel 2009 egli ha analizzato i dati dell'indagine nazionale del Centers for Disease Control sull'incidenza del cancro alla tiroide per gli anni 2001-2005 e li ha confrontati con la vicinanza alle centrali nucleari, trovando che:
"La maggior parte delle contee degli Stati Uniti con la più alta incidenza del cancro alla tiroide sono in una zona contigua all'area della Pennsylvania orientale, al New Jersey e allo stato di New York del sud. L'esposizione alle emissioni di iodio radioattivo proveniente dai 16 reattori nucleari entro il raggio di 90 miglia in quest'area...sono probabilmente la causa dei tassi di incidenza in aumento."
TMI inoltre non può spiegare perché il tasso di cancro alla tiroide per le quattro contee che fiancheggiano la centrale nucleare Indian Point a New York è stato del 66% superiore al tasso nazionale nel periodo 2001-2005.
Altre fonti più insidiose possono contribuire ugualmente agli aumenti dei tassi di cancro alla tiroide, come le perdite delle centrali nucleari e la fratturazione idraulica, che contaminano l'aria, il suolo e le acque sotterranee con radiazioni e altre sostanze chimiche. Infatti, osservando questo punto, Mangano (che recentemente è stato coautore di uno studio controverso con la tossicologa Janette Sherman che suggerisce un collegamento tra il fallout di Fukushima e il numero di morti di cancro statunitensi da 14.000 a 20.000) afferma:
"Dal 1970 al 1993 Indian Point ha rilasciato 17.50 curie di I-131 in aria e particolato...[che] ha superato il valore totale ufficiale di 14.20 curie rilasciati nel 1979 dall'incidente di Three Mile Island. Nel 2007, i funzionari che gestivano l'impianto di Indian Point segnalavano quantità di I-131 nell'aria, nell'acqua e nel latte locale, ciascuno vettore potenziale per la sua ingestione."
Lo Iodio-131, o I-131, è un isotopo radioattivo prodotto dalla fissione nucleare.

Fracking, una 'Bomba Sporca'


Le radiazioni non vengono rilasciate nell'ambiente solo tramite le bombe e le centrai nucleari. La geologa Tracy Bank ha
scoperto che il fracking mobilita l'uranio legato alla roccia, ponendo un rischio ulteriore di radiazioni per le nostre acque sotterranee.
Ella ha presentato le sue scoperte al meeting dell'American Geological Society a Denver lo scorso novembre. Siccome ci sono circa 65 sostanze chimiche pericolose che vengono utilizzate nelle operazioni di fracking, l'ex insider dell'industria James Northrup identifica questa pratica come "bomba sporca". Con 30 anni di esperienza come petroliere indipendente e produttore di gas, egli spiega:
"Il volume di fluido in un idrofrack può superare i tre milioni di litri, o quasi 24 milioni di libbre di liquido, circa lo stesso peso di 7.500 automobili. Il fluido di fracking contiene sostanze chimiche che, ai sensi della Convenzione di Ginevra, sarebbero dichiarate illegali in guerra. Tutto questo si aggiunge ad una massiccia esplosione sotterranea di una 'bomba sporca'".
Questo fluido sotterraneo si diffonde all'interno delle nostre acque del sottosuolo. Thomas House e sua moglie si sono ammalati da quando New Dominion, LLC ha iniziato l'estrazione del petrolio e del gas dietro la loro casa in Wellston, Oklahoma.
Egli ha fatto un test dell'acqua per il bario e lo stronzio e un test dell'aria BTEX (benzene, toluene, etilbenzene, xilene e stireni) per gli ambienti chiusi. Sebbene nessuno dei livelli superava gli standard EPA, egli insiste che le operazioni di perforazione gli stanno causando malattie. "Nell'ultimo anno abbiamo avuto sintomi come mal di testa, sangue dal naso, eruzioni cutanee, vomito, bruciore agli occhi e problemi di respirazione", mi disse. House fa affidamento sulla Veterans Administration per l'assistenza sanitaria, ma essa si rifiuta di testarlo per l'avvelenamento da BTEX.

Bere acqua radioattiva


Anche se gli scienziati hanno
associato il cancro alla tiroide con le forniture di acqua contaminata da nitrati (un altro colpo contro l'agricoltura industriale), esso di solito è indice di avvelenamento da radiazioni, perché la tiroide succhia iodio - radioattivo o no. Coloro che non assumono abbastanza iodio nella loro dieta sono quelli più suscettibili ad assorbire l'I-131. L'NCI afferma che le principali fonti di esposizione alle radiazioni sono i raggi X, gli incidenti nucleari e il cibo e l'acqua potabile irradiata. I Centri per il Controllo delle Malattie riferiscono che le donne sono tre volte più suscettibili al cancro alla tiroide rispetto agli uomini, e le donne bianche sono le più sensibili. Piuttosto che notare dei sintomi, esse, il più delle volte, scoprono un nodulo sul collo. La buona notizia è che il 95% del cancro della tiroide viene curato con successo. La cattiva notizia è che l'esposizione alle radiazioni proviene anche dal nostro approvvigionamento di cibi e acqua. Per oltre un anno un'emittente di notizie di Houston ha riferito di un cover-up governativo sulle radiazioni nell'acqua potabile. KHOU afferma che la Commissione del Texas sulla Qualità Ambientale per oltre 20 anni ha scarsamente documentato i contaminanti radioattivi nell'acqua potabile. Ma non solo le autorità Texane, anche l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente Statunitense ha stimato al ribasso le statistiche sulle radiazioni semplicemente non prendendo in considerazione specifici elementi radioattivi, che possono essere più comuni e più pericolosi, per esempio, lo stronzio-90. Alla fine il Texas ha chiuso l'attività di due dei pozzi d'acqua di Houston che si sono dimostrati radioattivi. Da una serie di indagini dell'Associated Press lo scorso anno abbiamo appreso che il 75% delle centrali nucleari degli Stati Uniti perde materiali radioattivi. I documenti provenienti da 48 dei 65 siti di centrali nucleari commerciali mostrano la fuoriuscita del trizio radioattivo - spesso nelle acque sotterranee - in concentrazioni superiori agli standard federali sull'acqua potabile, ed a volte centinaia di volte tale limite.

Armi Nucleari, Fracking e Terremoti


Il fallout radioattivo globale proveniente dalla catastrofe nucleare di Fukushima ha come effetto il fatto che il nostro cibo e la nostra acqua hanno assorbito tale fuoriuscita radioattiva. Ma osserviamo anche che un numero crescente di terremoti da operazioni di fracking pongono un'ulteriore minaccia alle centrali nucleari, che sono vecchie, perdono e sono "fragili" (parola di AP). L'informazione raccolta dalla
Treehugger lo scorso anno ha dimostrato che, tra i 104 impianti nucleari commerciali e le 34 stazioni di ricerca nucleare, molte risiedono in aree sismicamente attive.

Anche se il rischio sismico del Texas è considerato molto basso, lo scorso ottobre la Contea di Atascosa ha subito un raro terremoto di magnitudo 4,8, con epicentro a 130 miglia dalla centrale nucleare di South Texas Project. Il terremoto ha avuto origine a Fashing Field, un giacimento di petrolio e di gas altamente produttivo. Una società, Momentum Oil and Gas, sta producendo 3,8 milioni di metri cubi di gas al giorno dal giacimento. Molti stati che di norma avevano una sismicità molto bassa hanno visto una ripresa incredibile della frequenza dei terremoti con l'avvento della fratturazione idraulica, cosa che gli agenti federali sapevano da lungo tempo. Già nel 1966, le autorità federali sospettavano così fortemente il legame terremoto-fracking che chiusero il pozzo di iniezione di 12.000 metri di Rocky Mountain Arsenal, dopo che diversi terremoti avevano scosso Denver. Nel 1981 i ricercatori hanno suggerito che le dinamiche di pressione mobile potevano spiegare gli epicentri per certi versi distanti da tali pozzi. L'Ohio ha recentemente chiuso due pozzi di fracking di immissione di rifiuti dopo il terremoto di capodanno e lo scorso novembre New York ha imposto una moratoria in tutto lo stato. L'Ohio ha due impianti nucleari (entrambi sul lago Erie) e New York ne ha 5, con sei reattori operativi. Il terremoto di magnitudo 5 dell'Ohio, datato 31 gennaio 1986, che scosse undici stati e l'Ontario, in Canada, aveva come epicentro 11 miglia a sud della centrale nucleare di Perry. I ricercatori hanno suggerito che la scossa sia stata indotta da fracking, scrivendo nel 1988:
"Tre pozzi profondi di smaltimento di rifiuti operano attualmente entro 15 Km dalla regione epicentrale e sono stati responsabili dell'immissione di circa 1,2 miliardi di litri di liquido a pressioni che raggiungono 112 bar sopra un ambiente ad una profondità nominale di 1,8 Km. Le stime di stress dedotte da misurazioni commerciali di idrofratturazione suggeriscono che lo stato di stress, nel nordest dell'Ohio, sia vicino alla soglia teorica per il collasso delle preesistenti fratture orientate in termini favorevoli"
Non solo fratture preesistenti presentano un rischio, ma anche quelle nuove create dal massiccio aumento degli sciami sismici. Mentre vengono impiegate le moderne tecniche di fratturazione orizzontale, la frequenza dei terremoti sale. Dal 1900 al 1970 l'Arkansas ha sperimentato 60 terremoti. Dopo che le operazioni di fracking hanno raggiunto il picco alla metà degli anni '70, il numero dei terremoti è salito in modo esponenziale. Per l'Advanced National Seismic System nel solo 2010 l'Arkansas ha sperimentato oltre 700 terremoti, nel 2011 ne subì più di 800. Il numero di terremoti nel 2010 e 2011 rappresenta in incremento del 2400% rispetto al numero dei terremoti nei primi 70 anni del 20° secolo, prima che iniziasse il fracking orizzontale. Con questo picco di frequenza c'è forse da meravigliarsi che il Arkensas si sia aperta una nuova faglia? I geologi dicono che la nuova faglia mostra una storia di terremoti di magnitudo superiori a 7. Anche se i dati 2001-2005 dell'incidenza del tumore della tiroide rivelano che l'Arkansas ha la più bassa incidenza di cancro alla tiroide rispetto a tutti i 45 Stati presi in esame, questo dato potrebbe mutare se la nuova faglia diventasse sismicamente attiva e danneggiasse i due reattori nucleari dello stato vecchi di 40 anni. Da notare che i reattori nucleari dell'Arkansas sono gestiti da Entergy, che ne gestisce altri 11, incluso quello vecchio di 40 anni di Vermont Yankee (lo scorso agosto fu trovato stronzio-90 nel pesce nelle vicinanza) e l'impianto quasi 40enne di Indian Point a New York (fallite ispezioni e ricerca di oltre 100 deroghe alla sicurezza nello scorso anno). La Pennsylvania è un altro stato con un forte fracking, vulnerabile ai terremoti originati all'interno o al di fuori dei suoi confini. Ospita anche 9 reattori nucleari in cinque sedi. Il Dipartimento statale di Conservazione e delle Risorse Naturali riporta che uno sciame di piccoli terremoti si verificò nei pressi di Dillsburg dal 2008 fino agli inizi del 2011. Dillsburg è a 16 miglia da Three Mile Island, dove ancora opera un reattore nucleare. Lo scorso agosto, la maggior parte della costa orientale subì un terremoto di magnitudo 5,8, in cui l'epicentro era a sole 11 miglia da due reattori della centrale nucleare di North Anna in Virginia. Entrambi i reattori di 30 anni dovevano essere chiusi. RT riferisce:
"Le probabilità del verificarsi di un terremoto di magnitudo superiore a 5,5 nella Virginia centrale sono così sottili che Dominion Power ha stabilito che solo circa sei terremoti di queste dimensioni si sarebbero verificati nella zona nei prossimi 10.000 anni."
Proteggi il tuo approvvigionamento idrico

Le particelle radioattive danneggiano le ossa, il DNA e il tessuto, compresa la tiroide. Gli addolcitori d'acqua, i sistemi di trattamento dell'acqua a scambio ionico, a filtri a carbone o ad osmosi inversa, possono essere installati in casa per ridurne i livelli di concentrazione. La National Sanitation Foundation certifica vari prodotti per l'efficacia nel ridurre o eliminare i
contaminanti particolati. Per ridurre o eliminare le radiazioni dal cibo e dall'acqua, date un'occhiata a questa raccolta di articoli che raccomandano varie tecniche, tra cui il lavare le verdure in bentonite. Un modo più proattivo per proteggere l'approvvigionamento idrico è quello di smantellare le centrali nucleari e vietare la frantumazione idraulica, per evitare che la tua casa si collochi tra i 10 luoghi più radioattivi della Terra.


*Quando il CDC studiò gli stati per quel che riguarda il cancro alla tiroide, nel suo studio di riferimento 2001-2005, trascurò di pubblicare i dati per Maryland, Mississippi, Tennessee, Virginia e Wisconsin.

Rady Ananda è una reporter e una ricercatrice investigativa nelle aree della salute, dell'ambiente, della politica e delle libertà civili. Ha due siti web, Food Freedom e COTO Report, di cui è essenziale la lettura.



link articolo originale:
http://www.activistpost.com/2012/01/thyroid-cancer-fracking-and-nuclear.html


Fonte: http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2012/06/il-cancro-della-tiroide-il-fracking-e.html

Condividi l'articolo:

A FINE PAGINA puoi COMMENTARE l'articolo!

Sei il primo a commentare

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP