martedì 22 maggio 2012

Bombole del gas ? Ma non diciamo eresie...

esplosione.jpg di Gianni Fraschetti -


Passata l' ondata di emozioni susseguenti alla morte della giovanissima studentessa di Brindisi ed al ferimento di alcune sue compagne, la mente non puo' fare a meno di analizzare quanto ci e' stato raccontato sull' attentato e di valutare le immagini che sono state proposte dalle televisini senza soluzione di continuita'. A dire il vero, adesso, molto meno.


La versione ufficiale dei fatti e' che tre bombole di gas, occultate all' interno di un cassonetto, sono state fatte esplodere mediante un timer regolato alle 7.45 e gia' qui viene da porsi una prima domanda...ma avete presente quanto pesa una bombola di GPL ? Certamente le hanno dovute collocare nel cassonetto una per volta e preparare l' ordigno successivamente al loro posizionamento, mi pare infatti assurdo ipotizzare che tre bombole, quindi una sessantina di chili, con un ingombro notevole, possano essere state preassemblate, munite di detonatore e di timer e dopo collocate insieme all' interno del cassonetto. Sarebbe senza dubbio alcuno stato necessario un automezzo munito di una piccola gru per effettuare l' operazione ed insomma, terroristi che se ne vanbno a giro con una bomba su un autocarro mi sembrano troppo anche per l' Italia. Dunque una per volta ed assemblaggio sul posto. Una operazione che ha impegnato due persone che hanno trafficato intorno al cassonetto ( e la spazzatura ? ) per diverso tempo.


Supponiamo che sia andata cosi' e che tutto sia filato per il verso giusto, qualcuno puo cortesemente spiegare come si provoca l'esplosione di una bombola di GPL ? Perche' io, che ho una certa esperienza sull' argomento, non riesco proprio a trovare un metodo che possa funzionare con efficacia specialmente al momento prestabilito. Come avviene la connessione timer, detonatore ordigno ? I GPL ( Gas da Petrolio Liquefatti ) sono gas pesanti, derivanti dalla raffinazione del greggio, che vengono mantenuti e trasportati allo stato liquido in contenitori a pressione. Lo stato liquido si ottiene per aumento di pressione o sottrazione di calore e viceversa lo stato gassoso diminuendo la pressione o aumentando il calore. Il GPL e' quello che fa funzionare gli accendini, per capirci e se qualcuno lo usa trasparente puo' vedere il gas all' interno che assomiglia all' acqua.


L' esplosione improvvisa di un contenitore di GPL e' chiamato BLEVE ed e' l' evento peggiore che viene ipotizzato nella analisi dei grandi rischi connessi agli impianti ed alle strutture che trattano questo prodotto.


Qualcuno si ricordera' della esplosione alla Stazione ferroviaria di Viareggio ed alla strage che ne segui', con persone che vennero vaporizzate dal' irraggiamento mortale del fireball ( palla di fuoco ) che segui' il BLEVE ( l' esplosione ). Allora sappiamo cosa avvenne, una perdita consistente di gas da uno dei vagoni ed una saturazione dell' armosfera circostante fino al realizzarsi di una miscela instabile tra combustibile (GPL) e comburente (l'aria) che venne poi innescata dalle scintille di un freno del vagone malfunzionante. Come nei film...accendi la luce e ...BAMMMMM!!!


Come questa dinamica possa essere artificialmente riprodotta con tre bambole dentro ad un cassonetto ce lo devono ancora spiegare ma supponiamo che sia avvenuto. Dunque le tre bombole esplodono ed alla esplosione segue il fireball che irraggia un' area abbastanza rilevante intorno all' epicentro. Dunque, ricapitolando, prima il BLEVE., con gli effetti tipici della esplosione, schegge, detriti, onda d' urto e subito dopo il Fireball, ossia questa palla di fuoco che incenerisce tutto al suo passaggio. Non si sfugge a questa dinamica se erano bombole.


La fotografia che vedete si riferisce allo scoppio di due bombole che erano dentro ad un furgone schiantatosi fuori strada ed e' stata presa parecchio dopo l' evento. DUE SOLE BOMBOLE. Mi pare non ci sia bisogno di commentarla.


Dalle immagini proposte dalle televisioni abbiamo invece notato che non vi e' alcun cratere nel luogo dell' esplosione, non vi sono fuochi residui. che il cassonetto e' solo lacerato ma non disintegrato e carbonizzato, che l' erba di un prato adicente e' verde e che alcuni alberelli nei pressi sono intatti. Cosi' tanto per gradire da una prima sommaria occhiata per televisione. Chiunque abbia un minimo di dimistichezza capisce immediatamente ma anche chi ha solo un briciolo di intelligenza comprende la spiegazione.


Allora, vorrebbero dirci che li' e' vi e' stato il BLEVE di tre bombole e' che lo stato dei luoghi successivo a tale evento e' quello che abbiamo visto ? Ma non raccontassero cazzate per piacere.


Li' non e' esplosa nessuna bombola e mi ci gioco le palle, pero' sarebbe interessante sapere perche' la menzogna comincia proprio da li'.





Fonte

4 commenti:

  1. Scusami, ma devo fare un solo appunto, per 60 kg ci vuole una gru? sei un lillipuziano? ok per il resto, ma quella premessa la potevi evitare.

    RispondiElimina
  2. Ancora non sappiamo le dimensioni delle bombole, esistono "bombole" da campeggio da 0,420kg a 5kg, non esistono solo quelle ad uso domestico da 10, 15 o 25kg....
    E non conosciamo gli effetti dello scoppio di suddette bombole da campeggio.
    Per cui non prendiamo ad esempio un vagone ferroviario!!!!

    RispondiElimina
  3. Immagino che innescare l' esplosione di una bombola, non sia così complicato, suppongo che basti avvitare al posto del tubo un innesco ed aprire poi il rubinetto; quando scocca una scintilla l' esplosione dovrebbe essere assicurata! Perchè poi devo spostare 3 bombole tutte insieme, posso preparare l' innesco e poi collegare i fili tra loro! Insomma, il tuo ragionamento fa acqua, l' unica perplessità, da verificare, è lo stato del luogo dove è avvenuta l' esplosione! Ma ci sei stato tu? COMPLOTTISTA!

    RispondiElimina
  4. Bhe sicuramente per sollevare 60 kg, non ci vuole una gru, ma prova ad alzarli ed infilarli in un cassonetto!

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...