giovedì 17 maggio 2012

Il Signoraggio è una macchina infernale














"Signore e signori, uomini liberi e donne coraggiose, il motivo per cui sono qui oggi è lo stesso che mi ha spinto a ideare questo quadro riassuntivo sul signoraggio: il bisogno di spiegare a me stesso i dubbi (che da sempre mi accompagnano) sulla descrizione della realtà fornita dai nostri sistemi di dis-informazione di massa e, se possibile, dare un contributo originale (anche piccolo) alla ricerca storica, svolto per tanti anni da uno stuolo di persone di grande levatura, per raccogliere il loro testimone e farlo andare più avanti.
Non essendo né uno storico né avendo un’istruzione classica, mi sono agganciato ai temi economici che hanno, però, proprio negli ultimi anni ed ancor maggiormente in questo inizio 2012, un significato ed una risonanza di stretta attualità e che potrebbero influenzare negativamente il nostro futuro, per molti anni, se non saranno diffuse conoscenze vere a riguardo dei fenomeni sia macroscopici sia personali che legano ciascuno di noi al destino delle nostre nazioni.
Per capirci: molti pensano (nel senso hanno false credenze, perché stiamo parlando di inconscio collettivo) che il debito pubblico sia dovuto al nostro stile di vita, che la moneta circolante sia agganciata all’oro, che i banchieri curino i nostri interessi, che i politici salvaguardino la democrazia e la portino in giro nel mondo (anche quando la tengono infilzata sulle baionette), che la televisione ed i giornali ci informino estesamente ed in profondità sui fatti di ogni giorno, che gli insegnanti non mentano (specie sulla storia), che la scienza e la tecnica mettano a disposizione di tutti i vantaggi della ricerca, che la medicina si sforzi di salvaguardare la nostra salute e le medicine facciano bene (vedi dentifricio), che il cibo non ammali e che non contenga tossici (vedi Coca-Cola light),…
Non proseguo oltre l’elenco che è infinito, per quanto disatteso nei fatti; la cosa grave che intendo sottolineare, è che esistono due tipi di visione (e, quindi, di istruzione): quella completa, vera, ampia ed approfondita, verificata con continuità per le elites (cioè per quelle persone che fin da giovanissimi sono destinati a comandare) e quella carente, deformata, che viene “concessa” alle masse perché siano in grado di comprendere la realtà solo limitatamente ai compiti elementari, da schiavo (più o meno brutale, più o meno pagato e gratificato), che dovrà svolgere per tutta la vita attiva.
Ovviamente qualcuno obietterà che non tutta le complessa realtà viene descritta da questo quadro riassuntivo ma in esso sono presenti i principali elementi che caratterizzano i rapporti tra le parti sociali (come un tavolino a tre gambe):

il Potere Politico (comprendendo tra questi i sindacalisti ed i cosiddetti tecnici);

il Potere dell’Informazione (giornalisti, economisti, storici, commentatori, insegnanti...);

Il Potere dell’oro (banche, assicurazioni, finanza, agenzie di rating...).

Coloro cioè che riversano, di comune accordo, i loro sforzi di soggiogamento (per ora riuscitissimi) sul popolo di n-euroschiavi.
Ma il mio scopo è tentare di approcciare la maggior parte delle persone, che non è assolutamente edotta edotta a queste tematiche, nel modo più semplice e immediato, cioè per immagini, su di un argomento che è basilare per tutti perché abbiamo fatto di questa unità di misura (cioè il danaro), dei suoi semplici amministratori (i banchieri-sacerdoti del Pil) e la sua perversione d’suo e cioè il signoraggio bancario, la misura della qualità della nostra vita (persino JFK diceva che “il PIL è uno strumento che misura tutto MENO quello per cui vale la pena di vivere”).
Ricordo solo brevemente che il danaro, il cibo, l’energia sono i mezzi con cui il potere (in tal caso sovranazionale, internazionale o globale che dir si voglia) controlla i singoli, le popolazioni, le nazioni quindi si può considerare che questo potere, malvagio, avido, crudele, sanguinario, spietato e onnipresente sia come un oscuro musicista che, dietro le quinte del mondo, picchia sui tasti di uno strumento per far pensare, parlare, muovere, a suo piacimento, noi tutti.
Questo è l’aspetto più ignobile, l’aver deformato persino la nostra visione della realtà in modo che noi fossimo più docili nell’eseguire gli ordini che vengono da questa specie di cabina di regia della nostra vita (cioè della rappresentazione teatrale di essa) nella lotta, ormai secolare, dell’Oro contro il Sangue.
Il corollario paradossale di questa situazione è che i pochi, non appartenenti all’elite, che hanno denunciato e denunciano tale situazione (penso ad Ezra POUND, a Giacinto AURITI ieri, a Mordekai VANUNU, a Julian ASSANGE, oggi) o, peggio ancora, tentano praticamente di ribaltare la situazione a favore del proprio popolo (come Abraham LINCOLN o John F. KENNEDY, Enrico MATTEI ieri, Saddam HUSSEIN e Muammar GHEDDAFI e vari presidenti sudamericani od europei come Viktor ORBAN (nell’Ungheria di oggi, sottoposta ad attacco economico da parte delle banche “benedette” da Giorgio NAPOLITANO come nel ’56 ancora lui fece con i carri armati dell’URSS che “liberavano” dal governo “ribelle” di Imre NAGY, poi impiccato dai sovietici, vergogna!), oggi, ammalati misteriosamente, o convalescenti, di cancro, quando non sono ghettizzati e derisi, sono imprigionati o, addirittura, uccisi / suicidati. É anche per loro che mi sento in dovere di continuare un’opera di divulgazione, perché non siano stati vani le irrisioni, le sofferenze, il sacrificio estremo.
Questo schema (cosiddetto a blocchi) si spiega da sé ma vorrei dare qualche chiarimento poiché le tematiche in esso solo accennate sono di un’ampiezza tale che può scoraggiare: ad esempio tra le voci che i N-EUROSCHIAVI versano (cioè noi versiamo) al SIGNORAGGIO ho usato termini vaghi come inquinamento e salute senza precisare che ci sono fenomeni inquinanti che rappresentano tutto un settore praticamente ignorato dalla sub-cultura ufficiale, anzi, fortemente negatoquando, invece, meriterebbe degli estesi screening medici a livello nazionale, condotti da team multi-disciplinari.
Di tali ambiti voglio dare, comunque, una breve descrizione per chi abbia difficoltà a seguire i flussi od a comprendere le affermazioni in esso presenti.
Ad esempio, vorrei sottolineare che l’uso di neologismi come “Banksters” (un lucchetto tra Banchieri e gangsters) oppure “armi di distrAzione di massa” per intendere lo “spettacolo di basso livello” che ha invaso le nostre case, o “Casta” per i politici indica una visione negativa dell’attività dei banchieri, dell’attuale classe politica e del servizio pubblico/privato di info-deformazione/istruzione.
Le linee sottili sono i comandiI con cui i tre poteri ci condizionano mentre le frecce grossesono i flussi di danaro che i tre poteri ottengono dal sistema marcio del signoraggio. L’apparente paradosso con il quale ho indicato con una linea sottile la moneta (che è una unità di misura - parliamo in particolare dell’euro ma vale per qualunque valuta creata dal nulla col signoraggio primario) senza aggancio con l’oro, con riserva frazionaria (signoraggio secondario), con inflazione, strette creditizie, finanziarizzazione dell’economia reale, distruzione dell’industria pubblica,.. è che essa non ha valore in sé, (cioè intrinseco), come sarebbe se fosse di metallo prezioso, ma solo relativo ai capricci dei banchieri (valore estrinseco).
Non voglio dilungarmi ma vi sono una lunga serie di testi fondamentali la cui letture, anzi, il cui studio mi ha portato a raccogliere una serie di tasselli che, poi, ho composto in questo mosaico, come se fosse un collage, a partire dai primordi di Internet in Italia, negli anni ’90, sfruttando gli articoli (ormai sono diventati quasi un mondo a parte, per la loro articolazione) del sito di Marcello Pamio www.disinformazione.it.
Ovviamente io cercavo voci dissonanti dalla “vulgata corrente”, definizione ampiamente utilizzata da Renzo De Felice, uno dei primi professori di storia a studiare criticamente quello che tutti ripetevano per “copia/incolla” (come si usa dire ora) senza, magari, neanche essere andati sui posti dov’erano avvenuti i fatti e rendersi conto se il primo ricercatore aveva omesso o mal compreso qualcosa, se c’era ancora qualcosa da analizzare, se uscivano fuori nuovi reperti documentali, testimoniali e/o di altro genere (senza metter in conto la malafede…).
Ma non voglio dimenticare testi come “Massoneria e sette segrete: la faccia occulta della storia” di Epiphanius, ed. Controcorrente, oppure “Il golpe inglese - Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell’Italia” di Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella, ed. ChiareLettere, ed ancora il saggio “Neuroschiavi, tecniche e psicopatologia della manipolazione mentale collettiva e individuale” di Marco della Luna e Paolo Cioni, ed. MacroEdizioni (voglio citare i lavori di Savino FRIGIOLA e Bruno TARQUINI che hanno grandemente contribuito a generare questa visione; tra l’altro il fumetto è al momento tradotto in varie lingue ed in via di affinamento, per la pubblicazione sul blog).
Ma vorrei anche citare quotidiani come Rinascita, che da tanto esplorano la vita con un occhio “sui generis” ed i tanti giornali on-line tra cui spiccano (tra quelli a pagamento) EffeDiEffe diretto da Maurizio Blondet, come LaNuovaEnergia dell’infaticabile sociologa Antonella Randazzo, oppure (tra quelli gratuiti) il blog omonimo di Paolo Franceschetti), un avvocato che riesce benissimo a fare più il criminologo e disvelatore di complotti (oltre che organizzatore di convegni) che il principe del foro, il compianto Giuseppe Cosco (lui sì, criminologo a tutto tondo, prematuramente scomparso in circostanze non chiarite, a circa 51 anni che mise su il primo sito italiano di storia occulta e John Kleeves (pseudonimo di Stefano Anelli, infaticabile distruttore della falsa immagine degli USA come nazione “sana, dura e pura”, che purtroppo è andato incontro a una fine prematura).
A tale proposito voglio brevemente ricordare che in America opera l’USIA (United States Information Agency) il quale è un ente di stato che impiega circa 25’000 dipendenti e vaglia ogni copione, ogni scena, ogni battuta dei film di produzione USA (infatti “Avatar” una famosa e remunerativa pellicola di fantascienza che denuncia i metodi e gli scopi dell’oligarchia statunitense è un film indipendente cioè che è stato pagato in proprio dal regista e da altri professionisti del cinema internazionale che hanno cofinanziato quell’opera a cui hanno anche lavorato).
Ecco se devo fare un riferimento alto, il metodo defeliciano è quello che mi si attaglia di più, infatti sono qui anche per scoprire quello (tanto) che ancora mi separa dalla conoscenza completa del mondo, grazie alle persone che tali studi hanno fatto e che, in questi giorni, ci offrono e ci offriranno.
Proprio perché credo che il convegno abbia una grande valenza sia intrinseca sia estrinseca, mi sia consentito un piccolo appunto all’organizzazione: è un vero peccato che il convegno non sia registrato (quasi tutte le organizzazioni culturali oggigiorno lo fanno, senza complessi da “grande fratello” orwelliano) e che le sintesi più significative di esso non siano poste su YouTube, in modo tale che ne possano fruire tante persone interessate che, magari non informate od impossibilitate, non hanno potuto essere presenti.
Grazie a voi per l’attenzione, ma grazie anche a chi mi ha suggerito idee, aiutato a sviluppare le mie, rivelato aspetti a volte straordinari (a volte meravigliosi, altre spaventosi) di questo universo con più piani di conoscenza, come Edoardo VITALE (magistrato integerrimo, passionale direttore della storica rivista “l’Alfiere”) ed il CANS (Comitato AntiUsura di Napoli e Sud-Italia).





Intervento di Alex Focus al convegno di Gaeta del 3-5 febbraio del 2012



Fonte: Rinascita


Fonte: http://feedproxy.google.com/~r/nuovediscussioni2/~3/uwbs8pJU4kw/il-signoraggio-e-una-macchina-infernale.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...