lunedì 2 aprile 2012

Operazione Northwoods

"... è avvenuto in passato, avverrà di nuovo. La questione è solo quando."
Armageddon - Giudizio finale, USA 1998, di Michael Bay

Dalla nostra nascita siamo portati a pensare che dietro ogni attentato si nascondano terroristi o fondamentalisti; la Storia, però, ha più volte portato alla luce una realtà diversa, ancora più inquietante, in cui gli stessi Governi delle Nazioni attaccate, sono responsabili degli attentati subiti. La maggior parte dei mass-media, nonostante sia a conoscenza di queste pratiche, continua a rappresentare il "terrorismo" come l'opera di ribelli e non dei Governi. Il termine "false flag", ovvero "di falsa bandiera", finisce quindi con l'essere menzionato raramente e solamente da determinati soggetti che, di volta in volta, vengono etichettati come "paranoici" o, peggio ancora,"Teorici del Complotto".

Tra i precedenti storici, enorme rilievo meritano, senza ombra di dubbio, "Il caso Reichstag", "Il caso Gleiwitz", "Il caso Tonkino" ed "Il caso Pearl Harbor".
Quando si parla degli accadimenti dell'11 Settembre 2001, però, il "precedente storico" che riecheggia nelle menti dei "Teorici del Complotto" che "studiano" o "vivono" di questa tematica, è costituito dall'Operazione Northwoods.
Il memorandum redatto dagli "Stati Maggiori Riuniti" il 13 Marzo 1962, presentato a Robert McNamara, segretario della Difesa di Robet Kennedy, prevede un'operazione di tipo "false flag" in cu un finto attentato terroristico contro gli Stati Uniti, un evento "catastrofico e catalizzatore", per usare un termine tanto caro ai membri del "Project for a New American Century" (PNAC), redattori del ''Rebuilding America's Defenses'', avrebbe dato al Governo statunitense carta bianca per l'invasione di Cuba...

Tra le varie azioni (forse sarebbe meglio dire rappresentazioni, poiché si tratta di una vera e propria messa in scena) descritte nel documento, ce ne sono alcune particolarmente interessanti che meritano un'attenta lettura:

"Questo piano [...] deve essere sviluppato per concentrare tutti gli sforzi su uno specifico obiettivo ultimo, che fornirà un'adeguata giustificazione per l'intervento militare degli Stati Uniti. Tale pianificazione permetterà la logica concentrazione di diversi incidenti che andranno a combinarsi con altri eventi in apparenza non collegati, allo scopo di camuffare l'obiettivo ultimo e creare la necessaria impressione della pericolosità e irresponsabilità su larga scala da parte di Cuba, dirette non solo contro gli Stati Uniti ma anche contro altri Paesi. Il piano integrerà e collocherà correttamente in ordine cronologico la linea da seguire. Il risultato voluto dalla realizzazione di questo piano sarà quello di mettere gli USA nell'apparente posizione di poter giustamente deplorare lo sconsiderato e irresponsabile governo di Cuba e poter diffondere l'idea nella comunità internazionale della minaccia portata da questo Paese alla pace dell'Occidente."

"Un aereo [...] verrebbe riverniciato e dotato di un numero, per farlo diventare un esatto duplicato di un mezzo civile [...]. Al momento previsto, il duplicato andrebbe a sostituire il vero aereo civile e vi verrebbero imbarcati dei passeggeri selezionati, tutti con un'identità accuratamente studiata. Il vero velivolo registrato verrebbe convertito in un drone."

"L'orario di decollo del drone e del vero aereo saranno programmati in modo che si incrocino [...]. Nel punto d'incontro, il volo che trasporta i passeggeri si abbasserà a una quota minima e si dirigerà direttamente in un campo ausiliario della base aerea militare [...], dove saranno già stati organizzati l'evacuazione dei passeggeri e il ritorno dell'aereo al suo stato originario. Intanto, il drone continuerà a seguire la rotta prestabilita."

Dopo un primo momento di "esaltazione" dovuta all'aver trovato un'altra prova, l'ennesima, a conforto delle teorie "complottiste", però, i "Teorici del Complotto" più "paranoici" (la categoria della quale ho iniziato a far parte nel momento in cui i miei neuroni hanno solamente sfioratol'idea della possibilità di una teoria nominata "no-plane" e che io preferisco chiamare "No(those air)-plane") si domandano come sia potuto accadere che, quello che James Bamford definisce nel suo libro "L'orecchio di Dio: Anatomia e storia della National Security Agency" come "il piano più corrotto mai creato dal governo americano", sia stato "desecretato" e reso disponibile (è possibile scaricare una comoda versione in PDF direttamente dal sito dell'archivio della Sicurezza nazionale) alla fine dell'Aprile 2001, poco più di 4 mesi prima dell'11 Settembre.

Quella che, nel "Manuale del perfetto Debunker", potrebbe essere etichettata come un'altra, ennesima, "coincidenza" relativa all'11 Settembre 2001 (giorno che, tra violazioni di leggi fisiche ecoincidenze, sarebbe comunque passato alla Storia) fa riflettere soprattutto se vista nel momento storico in cui stavamo e stiamo vivendo; un'epoca che vede aumentare il tasso di segretezza del 75 percento dal 1996 al 2010, con la crescita di documenti che trattano "informazioni confidenziali" da 5,6 a 54,6 milioni [1]. In un momento in cui quasi tutto quello di cui si occupa l'Amministrazione statunitense (e non solo) viene classificato come "top secret", a pochi mesi dall'entrata in vigore del provvedimento che calpesta di fatto tutti i principi base del diritto internazionale e della libertà individuale, lo "USA Patriot Act" (Uniting and Strengthening America by Providing Appropriate Tools Required to Intercept and Obstruct Terrorism Act), il fatto che il Governo abbia voluto desecretare un documento riguardante un'operazione di tipo "false flag" proprio a qualche mese dall'11 Settembre 2001, più che della "coincidenza", ha, decisamente, del grottesco.

Jesse Ventura, ex governatore del Minnesota, wrestler, attore ed autore di libri come "American Conspiracies", nonché produttore e conduttore del programma "Conspiracy Theory with Jesse Ventura", in onda sul canale americano TruTV, nel suo scritto "Il libro che nessun Governo ti farebbe leggere - 63 documenti top secret che cambieranno per sempre la tua visione del mondo" si domanda: "se un piano simile è stato ideato nel 1962, non lo si poteva fare anche nel 2001?".
Personalmente mi pongo un'altra domanda: "se un piano simile è stato ideato nel 1962, con ulteriori quarant'anni di propaganda e copertura totale da parte dei principali mass media e ulteriori quarant'anni di ricerche in campo scientifico e tecnologico da cui attingere, cosa si sarà potuto fare nel 2001?". Ecco perché non scarto a priori la "No(those air)-plane" theory... ecco perché mi ritengo un "Teorico del Complotto" decisamente "paranoico".

Personalmente mi pongo un'ulteriore domanda, non ho ancora capito se i burattinai del "Nuovo Ordine Mondiale" utilizzino i vari Jesse Ventura, David Icke, Alex Jones o Beppe Grillo (tanto per fare qualche nome) nella speranza che la gente realizzi il sofisma che i linguisti chiamano"circumstantiam ad hominem" (A afferma la tesi X; si getta discredito sul contesto cui appartiene A, quindi la tesi di A è falsa) o solo perché dotati di uno spiccato senso dello humor... in fin dei conti si parla pur sempre di persone che hanno contribuito a far diventare Arnold ShwarzenegerGovernatore della California e Ronald Reagan Presidente degli Stati Uniti d'America.

Questa ulteriore frase tratta dall'Operazione Northwoods è dedicata a coloro che non condividono affermazioni come "no-plane": una teoria insostenibile:

"La visione di un F-86, adeguatamente riverniciato, potrebbe ingannare i passeggeri di un aereo di linea di aver avvistato un MIG cubano, specialmente se fosse il pilota a dirlo."
La visione di "un qualcosa", invece, potrebbe ingannare un'intero quartiere (Manhattan) o un'intero Pianeta (che, come me, ha vissuto l'evento in "diretta" da casa) di aver avvistato un Boeing 767, specialmente se fossero i principali mass media a dirlo?


Fonte: http://crepanelmuro.blogspot.com/2012/03/operazione-northwoods.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...