domenica 15 gennaio 2012

LIBERALIZZAZIONE FARMACI NON CONQUISTA MA SCIAGURA

LETTERA

I FARMACI ANCHE DAL GIORNALAIO

Caro Valdo, Allo studio della così detta fase 2 del nuovo governo Monti leggo esservi l'ipotesi di quella che impropriamente è detta "liberalizzazione della vendita dei farmaci", che comporta un abbassamento del numero di farmacie per abitante (se ne prevede una ogni 3000) e l'ampliamento del novero dei prodotti vendibili nei supermercati.

GIA' ESISTE UN FORTISSIMO ABUSO DI FARMACI

Dimenticandosi del fatto che la curva di consumo dei farmaci è (per fortuna) anelastica, viene ridotto il filtro costituito dalla supervisione del farmacista per l'acquisto degli stessi, viene incitata la pubblicità e di conseguenza il consumo di un qualcosa di cui si sta già terribilmente abusando.

SIAMO TUTTORA INVISCHIATI NEL MEDIOEVO DELLE PROTEINE NOBILI

Ora, tra i miei amici e parenti, posso contare sulla dita di una mano le persone che hanno scelto di abbracciare la causa dell'abbandono dell'alimento carneo. Ma non me la sento di definire loro in termini dispregiativi. A scuola, in tv, dal medico si parla di "proteine nobili" e quant'altro. Non è facile accettare di abbandonare questi concetti, specie quando sono supportati dalla scienza ufficiale.

SENZA ESAGERARE HO OTTENUTO RISULTATI STRABILIANTI

Io, grazie a un amico, ho voluto provare a cambiare stile alimentare e i risultati sono stati incredibili. Il mio stato di forma, sorprendentemente sano per chi mi considerava condannato alla morte in pochi mesi, mangiando in prevalenza frutta e verdura cruda, pasta integrale e fagiolate con cipolle, comincia a incuriosire più di qualche amico (so che l'ultimo è troppo proteico Valdo, ma è così buono con un filo di peperoncino e olio a fine cottura).

BARATTOLI DI ASPIRINE PER UN PAIO DI DOLLARI, NEL PAESE-GUIDA

Non si possono biasimare soprattutto i meno giovani, che associano alla povertà e all'indigenza della passata guerra l'impossibilità di mangiare una bistecca. Loro sono destinati a essere fruitori dei farmaci per tutti i loro malesseri. Tu che viaggi spesso, avrai visto che in America nei supermercati vendono barattoli di aspirine per pochi dollari. Ogni aspirna costa circa 0,001 dollaro/cent. L'aspirina viene assunta anche dai più piccoli con preoccupante spregiudicatezza. Vogliamo finire così?

HO UNA GROSSA ESPERIENZA ALLE SPALLE

Io stesso ne ho abusato. Soffrivo di terribili emicranie che mi costringevano a letto regolarmente almeno una volta al mese. Da sportivo agonista era un lusso che non potevo permettermi. Allora giù con le aspirine, magari dopo una bella bistecca di manzo a pranzo, per avere più forza e "legnare duro" alla partita. Ero convinto che fosse inevitabile, che fosse genetico soffrendone mia mamma, nonna e bisnonna (così mi hanno detto).

MI SONO SALVATO GRAZIE A UN AMICO E ANCHE PER LA MIA ELASTICITA' MENTALE

Fatto sta che dopo qualche settimana non ho avuto più nemmeno un fastidio. Da un anno non prendo più nemmeno una pasticca per la gola. Ma se sono guarito lo devo a un amico carissimo che mi ha indotto a provare questo nuovo stile di vita, e alla mia naturale elasticità mentale.

C'E' DI CHE FARE LE BARRICATE PER DIFENDERE LO STATUS QUO

Un onnivoro non può essere riduttivamente definito un "mangiacadaveri". E' piuttosto uno che aderisce senza colpa a quello che comunemente è considerato scientificamente corretto. E' per loro che, con spirito crocerossino, dovremmo noi tutti fare barricate avverso un provvedimento del genere. Tengo a precisare che non sono un farmacista, e non ci sono conflitti di interesse. Per quanto distante dalla perfezione, questo status quo è, visto le nuvole nere all'orizzonte, il minore dei mali, altro che potere al consumatore!

DUE PAROLE SULLE UOVA

Concludo con una domanda che non c'entra nulla con le farmacie. Veronesi nel suo libro sostiene che l'uovo sia molto meno dannoso della carne, e in certi casi anche consigliabile. So che non la pensi così. Potresti spiegarmi esattamente il perché siano egualmente dannosi? Con stima.
Marco

*****

RISPOSTA

LE OBIEZIONI ETICHE SONO TUTTO SOMMATO SCADENTI, SOPRATTUTTO SE TENIAMO QUALCHE GALLINA E LE SOTTRAIAMO DEGLI OVETTI

Ciao Marco, parto dalle uova. E' evidente che le uova non soffrano, per cui il problema etico non esiste. Tireranno eventualmente giù qualche moccolo la gallina o l'anatra, gelose come sono del loro prodotto, ma niente di più.
Ci sarà magari il problema del supporto dato, mediante il nostro eventuale consumo, agli allevamenti di polli, che sono dei lager spaventosi sia per i poveri volatili che per gli stessi loro aguzzini.
Ma, a parte tutto questo, possiamo concentrarci sugli aspetti salutistici.

PERCHE' LE UOVA NON VANNO BENE PER L'UOMO

1) Parliamo di cibo animale e alto-proteico, capace di farci andare velocemente oltre la barriera e oltre il tetto dei 24-30 grammi al giorno di proteine, e questo è già un rischio concreto. Come sai l'acidificazione del sangue è uno dei peggiori attentati che possiamo fare alla nostra salute.
2) A meno che le uova non siano consumate allo stato crudo, gli aminoacidi contenuti vengono coagulati dal calore e perdono ogni loro valore nutrizionale.
3) Anche se consumate crude, le uova contengono arsenico, usato per eliminare i parassiti e per stimolare la produttività delle pollastre. E c'è in questo caso il rischio della salmonella.
4) Le uova contengono molto zolfo che rappresenta un forte stress chimico per il fegato e per il sistema renale.
5) Le uova puzzano terribilmente, emanando un odoraccio che dura per quasi 10 ore all'aria aperta. Immaginiamo cosa succede all'interno del nostro intestino, a temperatura di 37 gradi.
6) Il nostro bel corpo non richiede prodotti carichi di puzza per sopravvivere.
7) Le uova tolgono appetito e tolgono spazio alla frutta, di cui abbiamo invece grande bisogno.
8) Le uova date alle madri e ai bambini provocano grosse putrefazioni intestinali e dimostrano di non essere adatte alla nutrizione umana.
9) Le uova cotte, nei dolci, nella panificazione, nei dolciumi, rendono il prodotto particolarmente pesante ed indigesto, soprattutto per il fegato.
10) Esperimenti fatti coi canottieri, per aumentarne la resa durante le gare, hanno portato diverse squadre ad adottare diete ad alto ed esclusivo consumo di uova, con 12-20 uova al giorno. La resa delle uova però si è dimostrata di molto inferiore a quella di altre squadre alimentate a sole banane.
11) Se è fecondato, l'uovo è chiaramente un feto di pulcino, carico di proteine per farlo crescere. Un feto è carne a tutti i livelli. Se non è fecondato, rimane un aborto di pulcino.
12) L'uovo è un prodotto altamente acidificante e quindi produttore di muco.

DIO CE NE SCAMPI DAI FARMACI

Per quanto concerne la liberalizzazione dei farmaci, condivido al 100 percento quanto hai evidenziato, inclusa la frase "Dio ce ne scampi!". Qui si cerca sempre più di contrabbandare al consesso umano mondiale la balorda e demenziale idea che i farmaci rappresentino una conquista, una emancipazione, un traguardo di civiltà, anziché un baratro, un regresso e una grande disgrazia.

I PROVVEDIMENTI DEL NUOVO GOVERNO

Con un Presidente del Consiglio che è poi amico personale dei Rockefeller, e che risponde ai loro ordini e ai loro interessi prima di quelli del popolo italiano, non è affatto sorprendente che uno dei primi provvedimenti di questo governo siano verso una liberalizzazione distributiva dei farmaci, con enormi applausi e brindisi da parte delle odiosissime Bayer, Pfizer e GlaxoSmithKline.
FARMACI INNANZITUTTO ANCHE NEGLI AIUTI

Che il mondo odierno sia retto da gente farabutta dalle scarpe al cappello non vi sono dubbi. Hai mai notato quando succedono delle emergenze tipo terremoti o cose del genere, e ci si organizza per spedire degli aiuti? La prima voce regolarmente citata è quella dei farmaci, accompagnati dai soliti cibi scadenti e scaduti, tipo riso bianco, latte in polvere, integratori, e scatolette.

COME DIAVOLO AVRANNO FATTO?

Come avranno mai fatto i Romani a vivere, e per giunta a conquistare il mondo intero, stando per 600 anni continuati senza un medico e senza un farmaco?

Valdo Vaccaro

Fonte: http://valdovaccaro.blogspot.com/2012/01/liberalizzazione-farmaci-non-conquista.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...