sabato 21 gennaio 2012

ALLERGIE, INTOLLERANZE E I CEREALI SENZA GLUTINE

Allergia ed intolleranza alimentare sono due fenomeni completamente diversi, con reazioni specifiche differenti.

Nelle allergie la reazione è a carico di cibi ingeriti saltuariamente, è immediata e violenta. È impossibile che questa risposta passi inosservata. Un esempio tipico può essere rappresentato da quello delle fragole. In persone allergiche, la fragola scatena subito un attacco di orticaria. Appare facile riconoscere il problema ed altrettanto chiara è la soluzione. È sufficiente di evitare di assumere il cibo incriminato.

Tecnicamente si ha allergia solo ed esclusivamente se vi è nel sangue un eccesso di immunoglobuline E (IgE). Questi immunoglobuline, scoperte negli anni 60, sono anticorpi presenti oltre un certo valore nel sangue, si legano ad alcuni globuli bianchi ed in presenza dell’alimento che ha causato l’allergia (allergene) , producendo un fenomeno infiammatorio, con liberazione di istamina ed altri mediatori chimici.


Per quanto riguarda l’intolleranza alimentare, la situazione è ben differente, molto più subdola e può portare conseguenze anche più gravi nel lungo periodo. Infatti la reazione del nostro organismo avviene nei confronti di cibi che assumino regolarmente (come la pasta) e non come avviene per le allergie, saltuariamente. Inoltre i cibi verso quale si manifestano intolleranza sono di uso comune. I più problematici sono il grano, il latte e il pomodoro.

Un’altra differenza tra allergia intolleranza alimentare sono i tempi di reazione. Mentre nell’allergia l’ azione del sistema immunitario è pressoché immediato, nel caso dell’intolleranza alimentare i tempi di reattività sono decisamente più lunghi, fino a giungere anche alle 72 h dopo l’assunzione del cibo.

Tecnicamente si parla di intolleranze alimentari quando non è verificabile a livello ematico una produzione di anticorpi IgE, segnale che le reazioni immunitarie sono di tipo cronico e non immediate.

Il meccanismo che causa sia l’allergia che le intolleranze alimentari, è tuttavia simile. Infatti alla base sta il sistema immunitario che in presenza di alcuni alimenti li riconosce come se fossero estranei e di conseguenza, adotta delle reazioni più o meno modulate per combattere questi agenti estranei.

di Alessandro di Coste
FONTE : http://www.naturopataonline.org/articoli/33-allegie-intolleranze-diete/169-intolleranze-alimentari-e-allergie-ai-cibi-le-differenze/1.html


Quali sono i cereali senza glutine? Alcuni cereali contengono il glutine, proteina dei cereali che ha effetto allergizzante per molti. Per evitare problemi di celiachia o intolleranze si possono consumare altri cereali che non lo contengono, come miglio, quinoa ,grano saraceno, amaranto

Che cos'è il glutine

Alcuni cereali contengono il glutine, un complesso proteico ricco di acido glutammico, la cui caratteristica è la collosità. Nel corso dei secoli l' uomo ha abusato nel consumo di tali cereali, e specialmente nel modo occidentale, rendendo di fatto sempre più persone letteralmente allergiche al glutine o intolleranti. ( per capire la differenza tra allergia e intolleranza rimando a questo articolo).

La celiachia, che è una vera e propria malattia non è da sottovalutare. Anche le intolleranza, più subdlole ma comunque pericolose nel lungo termine, con sintomi tipici, gonfiore, dolori addominali, cefalea.

Per non avere disturbi, è sufficiente consumare cereali che non contengono glutine. Fortunatamente ce ne sono parecchi, vediamoli.

Miglio integrale
Ottima alternativa al frumento: non contiene glutine. Contiene più proteine del frumento ed è un 'ottima fonte di vitamine del gruppo B, fosforo e magnesio (di cui siamo spesso in carenza). Come tutti i cerelai integrali è anche un 'ottima fonte di fibre alimentari.

Una controindicazione del miglio è per chi soffre di ipotiroidismo a causa di una sostanza che interferisce con l' ormone tiroideo. ( per uso quotidiano)

Quinoa
La Quinoa è il meno allergizzante tra i cereali. Ricchissima di magnesio e manganese e proteine. Non mancano le vitamine B2 e E, ferro, rame, fosforo e zinco. Il contenuto di proteine è straordinariamente alto con amminoacidi di qualità. (ideale per vegetariani e vegani)

Grano Saraceno
Il grano saraceno, privo di glutine, contiene il 15/20 % di proteine ed e ricco di rutina, un bioflavonoidi che rinforzano i vasi sanguigni.

Amaranto
Viene utilizzato il seme, assimilabile al 90 % previa cottura (un valore altissimo!) Il suo contenuto di proteine è molto alto, contiene lisina e metionina, amminoacidi essenziali rari nei cereali. In combinazione con altri cereali, fornisce un apporto proteico completo.

Riso integrale
Il contenuto di fibre e vitamine è presente solo nel riso integrale, ricco di vitamine del complesso B, giova al sistema nervoso e consumato regolarmente con il suo contenuto di fibre apporta benefici alla funzionalità del colon. ve ne sono molte varietà, ognuna più indicata alla stagione:

di Simona Villa
FONTE: http://www.naturopataonline.org/articoli/33-allegie-intolleranze-diete/1862-quali-sono-i-cereali-senza-glutine-elenco-cerali-senza-glutine/1.html

Fonte: http://saluteolistica.blogspot.com/2012/01/allergie-intolleranze-e-i-cereali-senza.html

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...