mercoledì 4 gennaio 2012

ViverSano, la verza e le altre crucifere




Numerosi studi sperimentali hanno dimostrato il ruolo nella prevenzione tumorale degli ortaggi della famiglia delle Crucifere o Brassicacee, quali: cavolo cappuccio, verza, broccoli, cavolfiore, cavolini di Bruxelles.
Studi epidemiologici hanno ipotizzato una riduzione della probabilità di manifestare cancro alla vescica, al seno e alla prostata, nei soggetti consumatori abituali di Crucifere, rispetto ai pigri consumatori di questi ortaggi. Il ruolo preventivo delle Crucifere sembra essere espletato da sostanze fitochimiche (glucosinolati che vengono trasformati in isotiocianati e indoli, grazie alla masticazione ed enzimi vegetali chiamati mirosinasi), le quali frenano lo sviluppo del cancro inducendo la morte delle cellule tumorali, azione pro-apoptotica, ed impedendo alle sostanze cancerose di provocare danni alle cellule.
I broccoli, in particolare, contengono una sostanza denominata sulforafane, che ha azione antiossidante e anti-infiammatoria, e come tale contribuisce alla prevenzione tumorale. Le crucifere dovrebbero essere consumate regolarmente, seguendo la stagionalità, almeno 5 volte a settimana.


Fonte: Sulforophane glucosinolate. Monograph. Altern. Med. Rev., 2010. http://www.altmedrev.com/publications/15/4/352.pdf


Consigli in cucina
Una cottura rapida (con poca acqua, al vapore, al forno, in padella) e una buona masticazione, sono necessarie per sfruttare al massimo il potenziale antitumorale di questi ortaggi. Riutilizzare l’acqua di cottura per cuocere pasta, riso o altri cereali. Durante la lavorazione, i prodotti surgelati vengono sottoposi ad un processo di sbiancamento a temperature elevate, che riduce rispetto agli ortaggi freschi le proprietà anti-cancro. Preferire, dunque, gli alimenti freschi.


Minestra di verza e ceci
Per 4 persone
-200g di ceci secchi oppure 3 barattoli da 240g peso sgocciolato (preferibilmente in vetro), sciacquare prima dell’utilizzo
-Un cavolo verza, da 800g circa
-4 foglie di salvia
-Sale
-Olio extravergine di oliva


Sciacquate e lasciate i ceci secchi a bagno in acqua per circa 24 ore. Scolate i ceci e metteteli a cuocere in acqua, in una pentola capiente, assieme alla salvia, alla verza ben pulita e tagliata in sottili listarelle. Cuocere a fuoco medio e pentola coperta. Se i ceci sono in barattolo aggiungerli a fine cottura. Cuocere il minimo indispensabile fino a che gli ingredienti divengono teneri e masticabili. Salare a fine cottura.
Servire con un cucchiaio di olio extravergine di oliva a persona aggiunto a crudo.
Gustare la minestra calda, ma non bollente.

Le ricette per la LILT (lega italiana per la lotta ai tumori), prevenire è vivere

http://www.facebook.com/notes/lilt-nazionale/viversano-le-crucifere-minestra-di-verza-e-ceci/228474023890373

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...