giovedì 15 dicembre 2011

Parto indolore in Italia? Un'utopia. Epidurale praticata solo nel 16%degli ospedali

Secondo un'indagine condotta in quattro strutture ospedaliere di Torino , (Maria Vittoria, Amedeo di Savoia, San Giovanni Bosco e Molinette), solo il 16% degli ospedali è in grado di offrire l'anestesia epidurale ma, anche in queste strutture, non è sempre disponibile, soprattutto se il parto avviene di notte o nel fine settimana. L'allarme è lanciato anche dalla Fidapa, la Federazione donne arti professionali affari . Secondo l'indagine, a una donna su due (49%) non viene proposta l'epidurale, mentre il 43% l'ha chiesta senza però ottenerla. «È necessario intervenire» afferma Antonio Tomassini, presidente della Commissione igiene e sanità del Senato, «con soluzioni moderne, quali il rilievo delle schede del dolore. Occorre agire sulla formazione del personale, sull'integrazione delle strutture con il territorio e sul controllo degli esiti». Una soluzione potrebbe arrivare dal rendere equivalente il rimborso per il parto naturale e il cesareo senza complicanze, superando di fatto la situazione attuale per cui il cesareo prevede un rimborso più alto. «Come è stato fatto in Lombardia» aggiunge Luisa Pavesio Mosso, past president di Fidapa. «Questa modalità dovrebbe estendersi ad altre regioni e una quota del bilancio sanitario andrebbe dedicata al parto con epidurale». La senatrice Fiorenza Bassoli, capogruppo Pd in commissione sanita' del Senato, aggiunge: ''Purtroppo ancora oggi - spiega la senatrice - il dolore del parto viene considerato connaturato all'evento naturale, senza considerare che dai dati sull'aumento costante dei parti cesarei emerge che molte donne scelgono questa metodica proprio per paura del dolore''.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...