lunedì 28 novembre 2011

Leggere notizie: la forma perfetta per diventare un robot

Manuel Freytas

Nel suo obiettivo essenziale, la notizia “express”, il “fast food” dell’informazione, non è orientata ad alimentare la conoscenza ma ad ingrassare l’ignoranza in massa. E’ la risorsa più efficace che usa la struttura mediatica per trasformare il cervello umano in un microchip ripetitore di slogan al servizio del dominio senza l’uso di armi.

In un sistema (livellato come “mondo unico”), solo una minoranza elabora (e consuma) analisi o interpretazioni sugli avvenimenti che si succedono nel pianeta.
A livello di massa, le “notizie” o l’”informazione” pubblicata si sintetizza in titoli, volantini, paragrafi corti che si riassumono in se stessi. Nascono e muoiono alla stessa velocità della lettura.
Non c’è contesto, non c’è storia, non c’è relazione nè casualità tra avvenimento e avvenimento, e, le notizie, come le immagini, si fissano solo (e restano) nella retina mentre le guardiamo, le leggiamo o le ascoltiamo.
Per le agenzie di stampa, giornali e grandi catene mediatiche (locali o internazionali), questo formato di “consumo” è l’ideale.
Così si è livellata mondialmente la comunicazione “express” (veloce), l’informazione del consumo veloce, solo titoli, paragrafi corti, fatti memorizzati facili da digerire e da ricordare.
E il “grande pubblico” (il richiedente massivo d’informazione express) si è abituato ad assimilare informazione “sciolta” (senza come nè perchè) e senza analizzare nè riflettere sulla sua autenticità ed origine.
Facile e breve, è la formula imposta. Una specie di “mondo di slogan”, che il “grande pubblico” ripete come un pappagallo elettronico nella sua vita privata, nel suo lavoro, e in tutte le chat e reti sociali in cui lo lasciano inscriversi....

E l’informazione “express”, livellata e manipolata su scala globale, ha creato un mondo d’immagini e di somiglianza: Il mondo degli “opinionisti” compulsivi programmati da slogan sciolti delle notizie “express”.
E come emergente logico, la funzione della riflessione e dell’analisi (naturale nell’umano), è stata sostituita dal “commento” senza sostegno, e dalla speculazione delle voci e teorie cospirative senza fondamento razionale.
Oggi una prima spiegazione tecnica: La funzione del giornalismo non è quello di promuovere la conoscenza (la comprensione ragionata) della notizia ma promuovere il dibattito senza regole, la discussione irrazionale e schizofrenica (senza analisi dell’informazione trasformata) dei titoli diffusi come “immagini sciolte” per produrre attrazione commerciale.

Programmare lettori, spettatori, o utenti internet con slogan che si confrontano con altri slogan, è la funzione e la missione essenziale che sorge dalla struttura operativa del giornalismo di massa che vende “notizie” come se fossero hamburger negli scaffali.
E si produce il miracolo cercato: Il pubblico di massa, l’alienato programmato (AP), consuma informazione “express” allo stesso modo in cui consuma musica, spettacoli, prodotti, fino a presidenti e norme di vita venduti come se fossero deodoranti per ambienti.

Quella sensazione di “libertà senza frontiere” che lascia negli “opinionisti” compulsivi l’informazione di consumo veloce (come il cibo schifezza del Mc Donalds) permette loro, con totale impunità, di “criticare” o di “giudicare” qualsiasi avvenimento senza avere informazione nè elementi di base di analisi sull’argomento di cui si discute.
In questo contesto, è molto comune, per esempio, che un AP (alienato programmato) “opini” sul conflitto dell’Iran senza saperlo identificare sulla cartina geografica.
Nel suo obiettivo essenziale, la notizia “express”, il “cibo veloce” dell’informazione, non è orientata ad alimentare la conoscenza ma a ingrassare l’ignoranza in massa.
E’ la risorsa più efficace che usa la struttura mediatica per riconvertire il cervello umano in un microchip ripetitore di slogan, mentre il sistema, governi, banche e aziende capitaliste (che finanziano la struttura mediatica) continuano a depredare e a fare affari nel mondo reale.
Dal punto di vista del suo uso mediatico, la notizia “express” si fonda e si serve delle tecniche di controllo mentale.

Operativamente, il controllo mentale è una tecnica orientata a captare e/o manipolare la condotta delle persone, controllando le sue emozioni e la sua capacità di “riflessione”, con la finalità di orientare comportamenti (sociali o individuali) verso le finalità cercate dal “controllore” (Governi, gruppi di potere, ecc).
Questo modello di manipolazione del comportamento sociale (controllo mentale) è riassunta nel pensiero "branco" in cui l'individuo è dimesso la sua capacità di "proprio pensiero" in cambio di protezione da parte del leader (sviluppatore) del gruppo.
E il controllo mentale, perché abbia successo, ha bisogno del “pensiero settario”, la cui struttura è composta da un “ricettore passivo” (il manipolato con il controllo mentale) ed un “emittente attivo”.
Di modo che, in questo schema funzionale, non c’è una identificazione critica con la notizia (un feedback tra l’emittente e il ricettore), ma una memorizzazione passiva orientata ad impedire la comprensione totalizzata degli avvenimenti sui quali apparentemente si “informa”.

Il risultato (che si può verificare facilmente): Il lettore, spettatore o ascoltatorediventa un diffusore passivo di titoli (vuoti di contenuti critici e riflessivi) che si retroalimentano come ordini nella massa cerebrale.
Questo crea l’atomizzazione schizofrenica, e permette, per esempio, che il ricettore, passi, senza nessuna connessione riflessiva nè emozionale, da una notizia sulla morte di 200.000 persone in Haiti, ad un’altra sull’ultima produzione discografica di un cantante di moda.
E questo fenomeno spiega, a sua volta, l’indifferenza della maggioranza di fronte a stermini militari in massa di essere umani indifesi (come quelli di Israele a Gaza) che, senza mediare l’alienazione atomizzante mediatica, produrranno reazioni in massa contro i suoi perpetratori.

Questo effetto si produce per un’operazione riduzionista e atomizzante con le notizie “express”. Per esempio: Se io intitolo “Israele è in guerra con Hamas”,senza chiarire che Israele è la potenza che aggredisce e Hamas l’aggredito, si lavano le operazioni di sterminio dello Stato ebraico da qualsiasi connotazione genocida.
Trasferito a qualsiasi altro livello, il ruolo delle notizie “sciolte” (fuori dal contesto e senza connessione tra di esse) è orientata ad impedire che la maggior parte (attraverso il pensiero riflessivo) prenda coscienza di chi è il dominatore e chi il dominato.

Questa è la ragione che giustifica il bombardamento giornaliero con “titoli” che presentano gli avvenimenti sgozzati e privi di qualsiasi senso di totalità interpretativa.
Distrutto il suo pensiero critico (attraverso l’informazione fuori dal contesto e senza storia) l’alienato programmato si massifica e si livella in trasmittente passivo di un unico messaggio: che diffonde (a modo del Grande Fratello) la struttura mediatica che commercia con le “notizie”.
La struttura del “pensiero del gregge” si traduce in un assioma funzionale: Il sistema non vuole che pensi con la tua testa, ma che tu obbedisca agli ordini.

Questi ordini (nell’era del controllo mentale) non sono militari ma “persuasivi”. Non agiscono per imposizione fisica (la tortura e la paura della morte) ma per imposizione psicologica (la “persuasione” sociale).
Il momento della “colonizzazione delle società” con il consumo dei prodotti, cominciata negli anni '80, ha reso possibile l’era della “colonizzazione mentale” con il consumo dell’informazione perfezionata con l’avvento in massa di internet e delle comunicazioni globalizzate negli anni '90.
Quando il sistema capitalista transnazionale, attraverso il consumo, ha livellato un“modello unico di pensiero”, ha messo le basi psicosociali per il controllo politico-ideologico attraverso l’informazione giornalistica manipolata da operazioni psicologiche.
In modo che, le tecniche e strategie del controllo mentale si rivalorizzassero in metodi scientifici per indirizzare la condotta delle masse, e si sono convertiti inun’efficiente strategia di dominio senza l’uso delle armi.
Mediante la manipolazione e l’indirizzamento della condotta da un mezzo psicologico, l’individuo massa si trasforma in “soldato cooperante” dei piani di dominio e di controllo sociale stabiliti dal capitalismo transnazionale e la potenza imperialista direttiva di turno.
E’ allo stesso tempo, vittima e carnefice, delle operazioni psicologiche, dato che si trasforma in una cellula consumista- trasmittente sia dei piani di consumismo capitalista come dei piani di controllo e di repressione sociale manipolati senza l’uso delle armi.
Le notizie “express”, l’informazione del “consumo veloce”, sono la colonna vertebrale di questa strategia.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...