sabato 26 novembre 2011

LA CHEMIOTERAPIA POTREBBE DANNEGGIARE IL CERVELLO NEI CASI DI CANCRO ALSENO

"La chemioterapia potrebbe danneggiare il cervello nei pazienti affetti da cancro al seno": è quanto hanno detto alcuni sceinziati mettendo in guardia.

Uno studio d'avanguardia ha scoperto che pazienti con cancro al seno che si erano sottoposti al trattamento - che utilizza la medicina per uccidere le cellule cancerose-
avevano significativamente meno attivita' nella parte del cervello responsabile per la memoria e la programmazione, rispetto a color che non erano stati trattati in questo modo.


Dei ricercatori della Stanford University credono che le scoperte fatte potrebbero spiegare il fenomeno "cervello chemio" ( 'chemo brain' ): un termine usato per descrivere un pensiero annebbiato e vuoti di memoria a seguito di sedute di chemioterapia.

L'autrice principale, Shelli Kesler ha detto:  'Questa è una enorme convalida per queste donne che dicono ai loro dottori che "qualcosa in me non sta funzionando" 
La ricerca ha coinvolto 25 pazienti con cancro al seno, che erano state trattate con la chemioterapia: 19 pazienti con cancro al seno chr avevano avuto operazione chirurgica e altri trattamenti e 18 donne sane.

(...) le 25 pazienti che erano state trattate con la chemio , hanno fatto piu' errori nei test cognitivie la scansione loro fatta ha rivelato una attivita' ridotta in parti del cervello responsabili per la memoria, il controllo cognitivo e la pianificazione.


La Kesler ha aggiunto: 'Questo indica che quando una paziente riporta che sta lottando con questo tipo di problemi, c'è una buona probabilita' che ci sia stato un cambiamento nel cervello".

Lo studio, pubblicato negli archivi di Neurologia (Archives of Neurology) supporta le scoperte fatte precedentemente; i pazienti di cancro da lungo tempo lamentano effetti collaterali neurologici, come la perdita di memoria a breve raggio ed in casi estremi, perdita della vista e e persino demenza a seguito della chemioterapia.

Ma di regola i medici non hanno dato retta a queste lamentele attribuendole allo stress causato dalla diagnosi di cancro e dal suo trattamento.

La Keslerha detto che il prossimo passo è iniziare ad indagare quali pazienti sono piu' vulnerabili a questo tipo di deficit causato dalla chemio, amministrata sia sotto forma di pasticche, che via iniezione o endovena.


Uno studio del 2008 fatto dalla University of Rochester Medical Center (URMC) e dalla Harvard Medical School ha collegato una medicina ampiamente utilizzata nella chemio, il 5-fluorouracil (5-FU), al deterioramento delle cellule cerebrali sane.

Un altro autore eminente, Mark Noble ha detto:  'E' chiaro che, in alcuni pazienti, la chemioterapia pare attivare una condizione degenertiva nel sistema nervoso centrale'.


trad e sintesi Cristina Bassi

ZEOLITE- DI ALTA QUALITA'
ZEOLITE- DI ALTA QUALITA': ORA ANCHE IN CAPSULE!! Superfina e micronizzata, senza sostanze aggiunte. Percentuale di Klinoptilolite 89-95%, elevata capacità di scambio cationico. Non è tossica, è senza fibre, utile all’organismo per liberarlo da sostanze nocive derivanti dall’ambiente, dalla alimentazione, dai medicamenti. Per ordini academy@thelivingspirits.net

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...