lunedì 10 gennaio 2011


Dimensioni del pene: piccolo o grosso? E’ davvero possibile intervenire?

Riportiamo alcune informazioni reperite dal sito www.farmacoecura.it.

State pensando di farvi allungare il pene? I farmaci, i dispositivi, gli esercizi e gli interventi chirurgici possono essere costosi e pericolosi, in quest'articolo vi consiglieremo alcune possibilità alternative a nostro avviso migliori.

I prodotti e gli interventi per aumentare le dimensioni del pene sono poco conosciuti, benchè i giornali destinati a un pubblico maschile, le radio e i siti Internet pullulino di pubblicità di dispositivi, farmaci, pesi, esercizi e persino interventi chirurgici che pretendono di aumentare la lunghezza e la larghezza del pene. Occorre tuttavia fare molta attenzione, perchè troppo spesso si tratta in realtà di truffe.

Finora nessuna ricerca scientifica ha dimostrato l'efficacia dei metodi non chirurgici per l'allungamento del pene e nessun centro di ricerca rinomato consiglia di intervenire chirurgicamente sul pene solo per motivi estetici. Le tecniche pubblicizzate possono causare lesioni al pene e alcune di esse potrebbero persino provocare l'impotenza (disfunzione erettile), quindi pensateci bene prima di provarle!

I pubblicitari vorrebbero farvi credere che alla vostra partner importino soltanto le dimensioni ma molte donne, in realtà, affermano che le dimensioni non sono importanti. In realtà il fatto di avere un pene troppo grande può essere uno svantaggio: durante il rapporto, se il pene è troppo lungo, può arrivare a toccare il collo dell'utero, provocando dolore o disagio alla partner.

Le pubblicità vi vorrebbero far credere che anche gli uomini gay siano ossessionati a tutti i costi dalle dimensioni, ma in realtà è soltanto questione di preferenze personali.

A meno che il partner vi dica esplicitamente il contrario, siete adeguati così come siete. Capire le esigenze emotive e fisiche e i desideri del partner probabilmente è molto più utile per migliorare la relazione che non cercare di cambiare le dimensioni del pene.

Non credete alle pubblicità.

Le strategie di marketing pubblicizzano diversi tipi di terapie non chirurgiche per l'aumento delle dimensioni del pene, spesso con pubblicità che sembrano serie perché comprendono affermazioni di (presunti) ricercatori. Se date un'occhiata più da vicino, vedrete invece che tutte le pretese di sicurezza ed efficacia non sono mai state dimostrate. Non esistono ricercatori né scienziati famosi che consiglino o promuovano alcun tipo di intervento non chirurgico per aumentare le dimensioni del pene, quindi le pubblicità fanno affidamento sui testimonial, su dati manipolati e su foto "prima" e "dopo" che spesso non sono autentiche.

La paura che il pene sembri o sia troppo piccolo per soddisfare la partner o il partner durante i rapporti è una paura molto diffusa, benchè molte ricerche abbiano dimostrato che la maggior parte degli uomini che ritengono di avere un pene piccolo in realtà ha un pene di dimensioni normali.

È quindi altamente improbabile che il pene sia anormale e, se anche lo fosse, sarebbe comunque possibile avere una vita sessuale normale e diventare padre.

Le dimensioni medie del pene possono variare tra i 7,6 e i 10,2 centimetri quando non è in erezione e tra i 12,7 e i 17,8 centimetri in erezione.

Il pene può essere considerato troppo piccolo solo se misura meno di 7,6 centimetri in erezione: questo disturbo è detto micropenia.

Alcuni metodi molto pubblicizzati non sono efficaci e possono provocare lesioni permanenti al pene. Tra di essi ricordiamo:

Tecniche di compressione manuale.

Questi esercizi usano entrambe le mani per stringere il pene e forzare la circolazione dalla base al glande. Questa tecnica può essere più sicura rispetto agli altri metodi, ma può comunque causare dolore o lesioni anche permanenti. Non esistono ricerche scientifiche che dimostrino l'efficacia di questa tecnica.

Esercizi di stretching con i pesi.

Questi esercizi, che comportano l'uso di pesi attaccati al pene non eretto, possono causare lesioni permanenti. Nessuna ricerca ne ha finora dimostrato l'efficacia.

Pompe a vuoto

.

Le pompe a vuoto fanno affluire il sangue al pene, rendendolo più turgido, quindi a volte sono usate per curare l'impotenza (disfunzione erettile). Usarle più spesso, o per un periodo maggiore rispetto a quello per la cura dell'impotenza, può danneggiare i tessuti elastici del pene, causando problemi di erezione. Usare una pompa a vuoto può dare l'impressione di avere un pene più grosso, ma i risultati di rado sono definitivi.

Pillole e unguenti

.

Di solito contengono vitamine, minerali, ormoni o erbe che dovrebbero aumentare le dimensioni del pene. Nessuno di questi prodotti si è dimostrato efficace, anzi potrebbero addirittura essere pericolosi.

Metodi chirurgici

Alcuni medici hanno ideato diverse tecniche chirurgiche, ma nessuna di esse è approvata dalle associazioni mediche. L'associazione americana degli urologi, la società americana di chirurgia plastica estetica e la società dei chirurghi plastici (ASPS) si sono pronunciate contro gli interventi estetici di allungamento del pene.

Per allungare il pene si possono usare diversi metodi, tutti sperimentali. Finora non esistono abbastanza ricerche sugli interventi di allungamento del pene che permettano di ottenere un quadro generale dei risultati, dei rischi e delle complicazioni.

Uno degli interventi di allungamento comporta il taglio dei legamenti sospensori che attaccano il pene all'osso pubico e il trapianto di pelle dall'addome al glande. Se vengono tagliati i legamenti, il pene può apparire più lungo perché una parte maggiore sporge; tuttavia, durante l'erezione, il pene può essere instabile e assumere curvature anomale.

Con un'altra tecnica un lembo di pelle della zona pubica viene trapiantato sul pene: quest'intervento può causare deformità gravi, ad esempio la crescita di peli sulla base del pene, la formazione di cicatrici e altri problemi.

Alcuni interventi permettono di aumentare la circonferenza del pene aspirando il grasso da un'altra parte dell'organismo e iniettandolo nel pene. Un'altra tecnica prevede l'asportazione di tessuto adiposo dalle natiche o dall'addome e il suo trapianto sull'asta; alcuni medici negli USA usano tessuti provenienti dai cadaveri.

Finora nessuna ricerca ha dimostrato l'efficacia e la sicurezza di queste tecniche di allungamento del pene. L'ASPS ritiene che l'iniezione di grasso nel pene non abbia benefici dimostrati e che non sia possibile dimostrarne la sicurezza. Tra i rischi potenziali di queste tecniche ci sono infezioni, perdita di sensibilità della pelle, emorragia e perdita della funzionalità del pene. La circonferenza del pene inizialmente può aumentare, ma l'organismo è in grado di riassorbire il grasso, causando irregolarità nella forma dell'organo.

L'intervento chirurgico è rischioso e costoso, e può essere inutile.

Le ricerche hanno dimostrato che la maggior parte degli uomini che si sottopongono a interventi chirurgici per aumentare le dimensioni del pene non è soddisfatta dei risultati: l'intervento può, nel migliore dei casi, allungare il pene non in erezione di 1,. centimetri. Alcuni interventi hanno addirittura accorciato il pene anziché allungarlo.

Quando ricorrere all'intervento

I casi in cui è opportuno ricorrere all'intervento chirurgico sono estremamente rari, può essere preso in considerazione dai pazienti la cui funzionalità non è ottimale a causa di malformazioni congenite o di lesioni. Alcuni chirurghi offrono la possibilità di intervenire per motivi cosmetici, ma l'utilità dell'intervento è controversa: l'intervento, di solito, è considerato inutile, quando non potenzialmente dannoso.

Consigli pratici

Non esiste alcun modo sicuro ed efficace per aumentare le dimensioni del pene, però è possibile seguire questi consigli se si è preoccupati per le proprie dimensioni:

1. Comunicate con la vostra partner. Dimenticare le abitudini consolidate o riuscire ad avere un dialogo sulle proprie necessità o preferenze può essere difficile. Se ci riuscite, però, non rimarrete delusi: anzi vi assicuriamo che rimarrete sorpresi dalle "scintille" della vostra vita sessuale rinnovata.

2. Fate attenzione alla forma fisica. Cercate di migliorare il vostro aspetto in generale. Se fate attività fisica regolarmente, noterete la differenza. Una forma fisica migliore non solo ottimizza il vostro aspetto, ma vi permette di avere più forza e resistenza durante i rapporti.

3. Dimagrite. Le dimensioni che contano di più sono quelle della pancia, e non quelle del pene! Se la pancia sporge sopra ai genitali, sembra che il pene sia più piccolo e più corto. La pancia può nascondere la parte superiore del pene, tutta o in parte, quindi è opportuno e utile raggiungere e mantenere il peso forma.

4. Depilatevi. Se la peluria pubica alla base del pene è eccessiva, il pene sembra più corto, quindi depilatevi. Depilarsi può anche essere utile per aumentare la sensibilità intorno alla base del pene.

5. Consultate un medico o uno psicologo. Sentirsi insoddisfatti per le dimensioni del pene è un problema frequente. Uno psicologo, uno psichiatra o il medico di famiglia vi potranno aiutare. Molti uomini si sentono meglio se vengono rassicurati di essere "normali" o se ricevono consigli su come soddisfare la partner anche senza ricorrere ad interventi cosmetici.

Conclusione

Molti uomini ritengono di avere un pene piccolo e che aumentarne le dimensioni possa renderli più esperti e desiderati durante i rapporti: nella maggior parte dei casi, invece, le dimensioni del pene sono nella media. Anche se il vostro pene è più piccolo della media, il problema potrebbe essere meno grave di quanto pensiate.

Prima di ricorrere a tecniche lunghe, costose o pericolose che al massimo possono avere effetti trascurabili, prendete in considerazione le altre opportunità. La soluzione più efficace può essere quella di dialogare apertamente con la partner, di rivolgersi a uno psicologo o di migliorare il proprio aspetto fisico in altri modi.

Fonte:http://www.farmacoecura.it/

Condividi l'articolo:

A FINE PAGINA puoi COMMENTARE l'articolo!

Sei il primo a commentare

Posta un commento

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP