sabato 28 agosto 2010


LA DISUNIONE EUROPEA



DI FRANCISCO BALAGUER CALLEJÓN
Público

Un’altra volta, un componente strutturale del processo di integrazione europea viene alla luce. L’Europa viene accusata di tutti i mali che vengono dalle misure economiche adottate dai governanti interni (e dalla maggioranza delle opposizioni, nonostante votino contro o si astengano nel Parlamento), giustificate dalle “esigenze europee”. La capacità dell’Europa di diluire, mitigare e risolvere il conflitto sociale interno è stata una costante nei suoi 25 anni di esistenza come progetto comunitario. Già lo avevamo avvertito più di un anno fa (“L'impossibile risposta europea alla crisi”, 9-4-2009), quando dubitavamo delle capacità del’Europa di fornire una risposta unitaria alla situazione economica.

Ma il cambio del distintivo “uniti nella diversità” per il motto “divisi nelle avversità” non ha impedito all’Unione di raggiungere i suoi obiettivi strategici. Al contrario, il modello originale di integrazione continua a funzionare, e la disunione europea ne forma parte come fattore di correzione dell’Unione Europea istituzionalizzata.

Un’Europa forte e integrata sarebbe, necessariamente, una organizzazione democratica alla quale la cittadinanza potrebbe rivolgersi esigendo una politica economica che rendesse compatibile l’uscita dalla crisi con il mantenimento dei diritti sociali. Se esistesse realmente uno spazio pubblico europeo nel quale il conflitto sociale si risolvesse tramite soluzioni di portata europea ai problemi economici attuali, la cittadinanza avrebbe un’opportunità per lottare a favore dei suoi diritti.

Questa opportunità non ci sono perché si apportano soluzioni in ogni paese già decise dagli stati nelle istituzioni europee. Questo è un chiaro esempio dell’incidenza negativa del deficit democratico dell’Unione Europea nello spazio pubblico interno: la cittadinanza non ha il potere di orientare le decisioni economiche nei processi democratici interni perché queste decisioni hanno una dimensione europea, ma non può farle adottare nemmeno a livello europeo, perché gli stati – alcuni più di altri, senza dubbio – sono gli unici capaci di farlo. Così, la Disunione Europea continua ad essere funzionale agli stati e ai grandi interessi economici che propugnano le manovre di regolazione del mercato del lavoro e i tagli di diritti sociali.

Francisco Balaguer Callejón, professore di diritto costituzionale – Público

Titolo originale: "La ‘Desunión Europea’"

Fonte: http://blogs.publico.es
Link
24.06.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MATTEO LUCATELLO (http://www.matteolucatello.it)

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7374


Chi è Paolo Attivissimo?

Paolo Attivissimo è un noto personaggio della rete, che si propone al pubblico come "cacciatore di bufale", ovvero una persona che verifica certe notizie e certe affermazioni particolarmente estreme per conto di chi non abbia il tempo, la voglia, o la capacità di farlo da solo. Offre quindi un servizio molto utile, specialmente a tutti coloro che si avventurano in rete per la prima volta, e ancora non hanno imparato a districarsi fra le mille diverse "verità" che ci si ritrova quotidianamente di fronte navigando in Internet.

Attivissimo predica un approccio rigorosamente scientifico, teso a separare le superstizioni, le dicerie, e le cosiddette "leggende metropolitane" dagli eventi reali ed appurati come tali. Non a caso il suo mantra preferito è "affermazioni eccezionali necessitano di prove eccezionali per essere validate."

Pur avendo realizzato ricerche encomiabili in passato, Attivissimo ha però mostrato, sull'undici settembre, di faticare non poco ad aderire ai suoi stessi principi.

Come molti sanno, la critica alla versione ufficiale consta ormai di una serie di accuse che si può considerare, nella migliore delle ipotesi, "imbarazzante" per chi ce l'ha raccontata. Si va da quattro terroristi che si trasformano in acrobati dell'aria senza aver mai guidato un jet nella loro vita, a due edifici alti 400 metri che riescono a cadere da soli interamente sulla propria pianta, e lo fanno in maniera praticamente identica pur essendo stati colpiti ad altezze e con angolazioni completamente diverse. Solo per vedere, nello stesso luogo e nella stessa giornata, il primo edificio al mondo in acciaio (che appartiene casualmente allo stesso proprietario), cadere e distruggersi anch'esso per intero, e anch'esso perfettamente sulla propria pianta, in seguito ad un semplice incendio. Oppure avremmo, nel corso della stessa giornata, i primi due Boeing nella storia dell'aviazione civile che scompaiono nel nulla dopo essersi schiantati, mentre i resti dei loro passeggeri - ma non dei terroristi - vengono tutti recuperati e positivamente identificati, nessuno escluso. Oppure ancora dei passaporti che resistono alle stesse fiamme a cui l'acciaio delle Torri si deve umilmente inchinare.... eccetera eccetera eccetera.

Come il lettore avrà modo di verificare - visitando il nostro, o qualunque altro sito che si occupi di 11 settembre - le "anomalie" di questo genere nella versione ufficiale abbondano, e arrivano spesso a sfidare le più note leggi della fisica e della statistica, per non parlare di quelle del più comune buon senso.

Nonostante questo, quando Enrico Mentana, al termine di una puntata di Matrix che riassumeva proprio questa valanga di accuse contro la versione ufficiale, chiese a Paolo Attivissimo quali di queste secondo lui fossero da prendere in maggiore considerazione, egli rispose con una sfumatura di disdegno "praticamente nessuna".

Ci si domanda quindi se il principio "affermazioni eccezionali necessitano di prove eccezionali" sia da applicare sempre, secondo Attivissimo, oppure in alcuni casi soltanto.

Nella prima ipotesi, dovremmo concludere che Attivissimo è davvero una persona di bocca buona, visto che riesce ad accettare a scatola chiusa una versione ufficiale come quella dell'undici settembre senza farsi venire il minimo dubbio. Nel secondo invece dovremmo dedurre che Attivissimo non è purtroppo il "cacciature di bufale" che dice di essere - scientifico, rigoroso e super partes - ma un banalissimo debunker come mille altri, che si dedica sistematicamente, per scelta personale, filosofica o politica, a combattere tutto ciò che rischia in qualche modo di mettere a repentaglio lo status quo sociale.

Al di là della sua ovvia libertà di agire come meglio crede, resta il fatto che di certo, in nessuno dei due casi, Paolo Attivissimo può definirsi un "amico della verità".




Fonte: http://www.luogocomune.net/site/modules/911/index.php?filename=911/0-Intro/FAQ/FAQ.html

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello Speciale Paolo Attivissimo


Giornalista polacco arrestato illegalmente: indagava sul disastro aereo di Smolensk in cui è morto il presidente polacco

Traduzione di un articolo di J Burgermeister (si ringrazia Giulia per la collaborazione).

E' indetta per il prossimo 29 agosto una protesta contro la detenzione del giornalista e attivista polacco Rafal Gawronski in una prigione a Gdansk.

Gawronski è stato arrestato un mese fa all'esterno del Palazzo Presidenziale a Varsavia. Inizialmente è stato detenuto senza accuse ufficiali in una prigione della capitale, ed è stato riferito che la polizia ha tentato di alterare il protocollo per nascondere la natura illegale del suo arresto.

Gawronski stava investigando il disastro aereo di Smolensk. Un notevole numero di polacchi è convinto che i vertici del governo polacco siano stati assassinati in un incidente aereo premeditato con l'obiettivo di consegnare le strutture economiche e politiche del paese al dominio dell'industria bancaria e farmaceutica internazionale.


Il primo ministro Donald Tusk ed il neo-presidente Bronislaw Komorowski sono stati oggetto di critiche per avere omesso di indagare sul disastro aereo, e per essersi affrettati a nominare funzionari legati al Fondo Monetario Internazionale ed alla Deutsche Bank in ruoli cruciali all'interno della banca centrale.

Una croce che sorge davanti al Palazzo Presidenziale è assurta a simbolo della battaglia per la verità sulle cause del disastro di Smolensk ed è divenuta il fulcro di importanti manifestazioni di protesta.



Interessante anche il commento del blogger che cura il sito monitorpolski.wordpress.com, che qui di seguito traduciamo

Sono in contatto con Rafal Gawronski, mi ha chiamato ieri dalla prigione. Per almento tre settimane ha subito un trattamento repressivo, gli hanno persino negato la possibilità di farsi una doccia quando a Varsavia c'era una temperatura tra i 30 e i 33 gradi.

E' stato poi trasferito a Gdansk e si suppone che debba lasciare quella prigione il 15 settembre. Non gli sono state notificate nè le accuse nè la sentenza e stanno cercando di forzarlo a firmare falsi rapporti di detenzione. Inoltre, cosa che è davvero importante, egli è dennuto dalla polizia militare, il che è illegale. E ci sono testimonianze e foto.


Fonte: http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/08/giornalista-polacco-arrestato.html


Bufale e reticenze di Attivissimo intorno al Piano Northwoods

Risponde così Attivissimo a un utente che gli fa notare l'importanza storica del Piano Northwoods come precedente di possibili attentati false-flag con la complicità di un governo:
“Il "piano Northwoods" che citi è ben noto a chi studia il complottismo: ci si dimentica spesso, però, che proprio quel piano (a base di aerei sostituiti e abbattuti simulando attentati di cui incolpare Cuba) fu ritenuto talmente idiota che chi lo propose (il generale Lemnitzer) fu silurato.”


In realtà qui Attivissimo in poche righe è riuscito a dire castronerie grossolane e insieme a nascondere una serie di verità importanti.
Non è corretto dire che fu Lemnitzer da solo a proporre il piano, perché il piano fu prima proposto a Lemnitzer da altri e con altri elaborato, e poi Lemnitzer lo propose a sua volta a McNamara nel marzo 1962. Quindi ecco la prima menzogna implicita che Attivissimo insinua nelle sue parole: Lemnitzer sarebbe “un idiota” un “pazzo” solitario.
Non si sa come reagì McNamara ma Kennedy rifiutò di far guerra a Cuba. Lemnitzer non fu “silurato” come dice falsamente Attivissimo, ma semplicemente non gli fu rinnovata la carica di Capo di Stato Maggiore. E questo mancato rinnovamento della carica non è avvenuto subito dopo quella proposta, come implica Attivissimo con la sua reticenza, ma mesi e mesi dopo la proposta! Ma non finisce qui: attivissimo qui ci propina una delle sue mozzarelle di bufala, ovvero una delle sue verità mozze. Infatti, ciò che Attivissimo vuole nasconderci ancora una volta ingannevolmente, selettivamente, disonestamente, è che questo “idiota” che per Attivissimo sarebbe Lemnitzer subito dopo continuò una lunga e importante carriera con un’altra fra le più alte cariche militari statunitensi e fu portato qui da noi, in Europa, lui col suo seguito di suoi progetti “idioti”, come direbbe Attivissimo! Infatti già nel novembre 1962, quindi pochissimo tempo dopo il presunto “siluramento” (mai avvenuto), questo “idiota” del Generale Lemnitzer fu nominato Comandante delle Forze Statunitensi in Europa, ossia su uno dei fronti strategici probabilmente più importanti e decisivi della Guerra Fredda! E non solo, presto, dopo neanche tre mesi, Lemnitzer ebbe un altro bel premio: ebbe in regalo anche l’altra carica di “Supreme Allied Commander” della NATO! Fino al lontano 1969, per sette lunghi anni dopo quel Progetto Northwoods che prefigurava una serie di veri attentati terroristici false flag, sotto falsa bandiera creati dagli americani e poi falsamente attribuiti ai cubani! Dunque Lemnitzer, il complottista-complottatore-cospiratore accertato e comprovato Lemnitzer, non fu mai davvero silurato. Tutt’altro: continuò ad avere un ruolo di primo piano negli eventi europei militari e paramilitari di quegli anni, per sette lunghi anni, fino al pensionamento avvenuto a settant'anni (alcuni studiosi – ma sulla cosa non è facile trovare le documentazioni quindi la lasciamo solo come una noticella a margine, molto a margine – ipotizzano addirittura un ruolo di Lemnitzer nell’operazione Gladio, che toccherebbe da vicino noi italiani). E poi, perché non consideriamo la cosa anche retroattivamente? Questo Complottatore, prima di proporre il Piano Northwoods, aveva fatto la seconda guerra mondiale, la guerra di Corea, e dalla fine della guerra aveva fatto parte di un comitato dei Capi di Stato Maggiore dell'esercito USA, non era mai stato un pazzo solitario qualsiasi o un homo novus dell'esercito saltato fuori solo nel 1962 per proporre qualche idea balzana o eccentrica.
Questi fatti comprovati imbarazzanti, come volevasi dimostrare, Attivissimo non li dice, anzi fa di tutto per nasconderli, anche raccontandoci palesi frottole (http://en.wikipedia.org/wiki/Lyman_Lemnitzer).
A questo si può aggiungere un altro fatto sbalorditivo per il pubblico medio, che Attivissimo si guarda bene dal citare: fu Bush stesso, in persona, a parlare a Blair di un piano che ricorda da vicino l’Operazione Northwoods: propose di prendere un aereo spia militare statunitense, di dipingerlo con i colori dell’ONU e di farlo abbattere da Saddam per fabbricare un casus belli con l’Iraq.
Come scrive “Repubblica”:
“La Casa Bianca era pronta anche a creare ad arte un incidente (come nel 1964 nel golfo del Tonchino per la guerra in Vietnam). Bush disse a Blair che il Pentagono stava valutando diverse ipotesi fra cui quella di far dipingere alcuni aerei-spia U-2 dell' aeronautica Usa con i colori delle Nazioni Unite: «Se Saddam gli spara contro, avrà violato ogni legge».” (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2006/03/28/bush-era-accordo-con-blair.html )
Questo testimonia che le operazioni sotto falsa bandiera, false flag, come quelle testimoniate dall’Operazione Northwoods così come quelle ipotizzate dai “complottisti” sull’11 settembre, anche negli anni dell'11/9 erano la norma nel pensiero degli strateghi statunitensi, al punto di permettere addirittura fughe di notizie clamorose come questa. Ma Attivissimo, ovviamente, cerca, se possibile, di nasconderlo.



Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21247137/Bufale+e+reticenze+di+Attiviss

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello "Speciale Paolo Attivissimo" - clicca QUI


GEOINGEGNERIA ATMOSFERICA: MANIPOLAZIONI CLIMATICHE,

SCIE DI CONDENSAZIONE E SCIE CHIMICHE

DI RADY ANANDA
Global Research

Commento sul rapporto "Case Orange"

Durante un simposio internazionale, che si è tenuto dal 28 al 29 maggio 2010 a Gand, in Belgio, gli scienziati hanno affermato che “la manipolazione del clima tramite la trasformazione dei cirri non è né un falso allarme, né una teoria cospirazionista”. Si tratta di un problema reale, che persiste da circa sessanta anni. Malgrado le modifiche ambientali ‘ostili’ siano state bandite dalla Convenzione delle Nazioni Unite nel 1978, oggi il loro impiego ‘benigno’ viene accolto con entusiasmo, perché considerato una fonte di salvezza contro i cambiamenti climatici e la scarsità di acqua e cibo. Il complesso militare-industriale potrebbe trarre beneficio dal controllo del clima.

Secondo quanto affermato dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale nel 2007, “negli ultimi anni è calato il supporto alle ricerche sulle modifiche climatiche, e si è manifestata la tendenza a agire in maniera diretta, attraverso progetti concreti”.

L’unico complotto riguardante la geoingegneria è che gran parte dei governi e delle industrie si rifiutano di ammettere pubblicamente ciò che è evidente a tutti. La valutazione della ricerca può essere fatta da chiunque ne abbia interesse e sia in grado di destreggiarsi nei meandri delle riviste scientifiche. Quindi, mentre da un lato si inizia a parlare maggiormente del tema, dall’altro si sente la mancanza di chiarezza pubblica. In fondo, viene presentata una breve lista di episodi di cloud seeding (inseminazione delle nuvole), a partire dal 1915.


[Nel 1915, il ‘fabbricante di pioggia’ Charles Hatfield, cercando di provocare un temporale, distrusse gran parte della città di San Diego.]

Nominate in modi diversi (geoingegneria atmosferica, manipolazioni climatiche, gestione della radiazione solare, cuscinetti chimici, inseminazione delle nuvole, moltiplicazione della forza climatica), le irrorazioni aeree tossiche sono normalmente note come scie di condensazione. Si tratta di una delle diverse tecniche di modifica climatica, pratica largamente diffusa e generosamente finanziata

Il simposio è stato ospitato dal gruppo Belfort, che negli ultimi sette anni ha lavorato per accrescere la consapevolezza sulle irrorazioni aeree tossiche, e ha visto la partecipazione di gruppi di sensibilizzazione sulle scie di condensazione provenienti da Grecia, Germania, Olanda, Francia e Stati Uniti. Il 29 maggio, il gruppo Belfort ha pubblicato cinque video [1], e nello stesso giorno il regista Michael Murphy (“Environmental Deception and What in the world are they spraying”) [2] e l’ingegnere aerospaziale Coen Vermeeren [3] hanno fatto la presentazione più drammatica.

Il Dott. Vermeeren, della University of Technology di Delft [4], ha presentato una relazione scientifica di 300 pagine intitolata “CASE ORANGE: Contrail Science, Its Impact on Climate and Weather Manipulation Programs Conducted by the United States and Its Allies” [“Caso Orange: la scienza delle scie di condensazione, l’ impatto sul clima e programmi di manipolazione climatica degli Stati Uniti e dei loro alleati”, ndt] [5].

La relazione, preparata per il gruppo Belfort da un gruppo di scienziati, è stata presentata in maniera anonima. È stata inviata alle ambasciate, alle agenzie stampa e ai gruppi di interesse di tutto il mondo, affinché si stimolasse il dibattito pubblico.

Nel documento si parla dell'HAARP, ovvero “High Frequency Active Auroral Research Program” [“Programma di ricerca sulle radiazioni aurorali attive ad alta frequenza”, ndt] [6], un impianto militare per la ricerca sulla manipolazione ionosferica, elettromagnetica, sui campi elettrostatici e su altri sistemi in grado di modificare l'ambiente.

Per ragioni di tempistica, le conseguenze che l'inseminazione delle nuvole avranno sull'ambiente e sulla nostra salute non vengono considerate. Il rapporto Case Orange, invece, ne parla, come anche gran parte degli oratori al simposio di Belfort. Delle ricerche poco approfondite rivelano che è in corso un dibattito tra i ricercatori per quanto riguarda la tossicità delle scie chimiche, ma non si sa se si tratta di un rapporto 50-50 o 99-1.

Le scie di condensazione sono scie chimiche

Il Case Orange rifiuta il termine “scie chimiche”, perché associato ai seguaci delle teorie cospirazioniste. L'unico documento attendibile che lo utilizza è lo “Space Preservation Act H.R. 2977” [“Trattato per la Preservazione dello Spazio”, ndt] del 2001, introdotto dal rappresentante democratico dell'Ohio Dennis Kucinich [7]. L' H.R. 2977 mirava a proibire l'impiego di armi esotiche tossiche in grado di danneggiare il clima, il tempo atmosferico, la tettonica e i sistemi biologici. Nella prima versione del decreto si faceva specificatamente riferimento alle scie chimiche, ma nella seconda versione no. Tuttavia, nessuna delle due versioni è stata approvata come legge.

Gli autori preferiscono definire il fenomeno con il termine “scie di condensa persistenti”, dal momento che le scie di condensa sono scie chimiche. L'espressione “scie di condensa persistenti” distingue le scie che contengono additivi capaci di alterare il tempo, da quelle emesse dagli aerei, che scompaiono dopo pochi minuti.

Il Case Orange rifiuta anche qualsiasi forma di misantropia dietro le scie di condensa persistenti. Il documento dimostra che la geoingegneria è operativa al 100%, ma nega che essa venga utilizzata per far ammalare le persone, dato che: 1) le agenzie di sanità pubblica hanno a cuore gli interessi della collettività; 2) l'andamento dell'economia dipende dai consumatori. Gli autori sembrano non essere a conoscenza dei numerosi casi di scontro tra le industrie farmaceutiche e le agenzie di sanità governative. Quest' anno, si è parlato di un rilevante conflitto di interessi sulle pagine della nota rivista “British Medical Journal”, che ha alimentato il sospetto che l'influenza H1N1 e i vari vaccini fossero una truffa [8]. Gli autori non credono nemmeno che la gente malata servirà a favorire la crescita economica, in un sistema sanitario capitalistico.

Il Dott. Vermeeren ha tenuto un discorso introduttivo e uno conclusivo, ma per quasi un'ora intera ha dato informazioni già scritte nel Case Orange. Lui stesso ha ammesso l'esistenza delle scie di condensazione.

“Sappiamo che le scie chimiche esistono, in quanto utilizziamo gli spray, come quelli usati per le coltivazioni, e sappiamo che essi vengono utilizzati anche per ragioni militari. Pertanto, le scie chimiche non sono una novità. Siamo consapevoli della loro esistenza.”

LINK: Discorso del Dott. Coen Vermeeren al simposio, pomeriggio, Prima parte del video (inizio al 35° minuto), 29 maggio 2010.

“Manipolazioni del tempo attraverso la formazione di scie di condensazione... esistono e sono pienamente operative”

Il Case Orange cita materiale accessibile a tutti, che dimostra che la geoingegneria opera da almeno 60 anni. Utilizzata come arma dal Regno Unito ad Amburgo, durante la seconda guerra mondiale, è stata riutilizzata in Vietnam dagli Stati Uniti. Le controversie circa il suo impiego, rivelate dal giornalista investigativo Jack Anderson, sono state trattate alle udienze del Senato nel 1972, durante le quali gli ufficiali militari hanno negato l'uso di tecnologie di inseminazione delle nuvole. In seguito, una lettera privata del Segretario della Difesa Melvin Laird diceva che la testimonianza era falsa, e che lui stesso, stranamente, non aveva idea di cosa stesse accadendo [9].

Le tecniche di modificazione ambientale (EnMod) sono state bandite da un trattato nel 1978. La Convenzione delle Nazioni Unite sulla proibizione dell'uso militare o di altra ostile natura delle tecniche di modificazione ambientale ha segnato la fine di tali programmi [10] (gli autori del Case Orange sembrano non essere a conoscenza di questo divieto internazionale, dato che è una delle loro raccomandazioni).

Comunque, con il proliferare delle notizie circa l'innalzamento della temperatura del pianeta, l'incremento della popolazione e il degrado delle risorse idriche, si sta assistendo a un crescente interesse verso le EnMod. (Vedere, ad esempio, “Top economists recommend climate engineering” [“I più grandi economisti consiglianol'ingegneria climatica”, ndt], del 4 settembre 2009 [11] e “Top science body calls for geoengineering plan B” [“Le più grandi organizzazioni scientifiche fanno un appello al piano B della geoingegneria”, ndt], dell'1 settembre 2009 [12]).


[L'equipaggio del “progetto Stormfury” del 1963. Notare la particolare parte anteriore del Douglas DC6-B, appositamente realizzata per il cloud seeding (dal Case Orange).]



Cercando di riproporre una tecnologia ormai superata, il Case Orange parla di alcuni brevetti statunitensi. Ad esempio, gli autori descrivono un brevetto del 1975, il “Powder Contrail Generation” [13], per l'invenzione di:

“uno specifico apparato di generazione di scie di condensazione, che produce polveri sottili, in grado di disperdere vari tipi di composti. Il materiale usato per l'inseminazione delle nuvole … è composto per l'85% da particelle metalliche e per il 15% da silicio colloidale e gel di silicio, in modo da produrre una scia di condensazione stabile, con un periodo di permanenza che varia da una a due settimane”.


Nel 2009, i ricercatori hanno pubblicato “Modification of Cirrus clouds to reduce global warming” (“Modificazione dei cirri per ridurre il riscaldamento globale”, ndt), in cui venivano proposti due metodi di distribuzione per la stessa proporzione di particelle, con la medesima capacità di permanenza di una o due settimane [14].

Il Case Orange tratta anche un brevetto del 1991 della Hughes Aircraft Company [15], che:

“afferma più volte l'intenzione di ridurre il riscaldamento globale attraverso l'inseminazione della stratosfera con ossido di alluminio... ossido di torio... e sostanze Welsbach...”.


Il report fa notare che lo scenario mostrato dall' IPCC, (Gruppo Consulente Intergovernativo sul mutamento climatico) nel 2001 condivide le stesse intenzioni del brevetto della Hughes Aircraft del 1991. Nel 1997, la Hughes è stata assorbita da Raytheon, un appaltatore nel settore della difesa, che ha anche acquisito la E-systems e i brevetti della HAARP.

Il Case Orange rende evidente che Raytheon rischia di controllare il tempo, cosa che gli autori considerano ripugnante, trattandosi di una società privata. Loro suggeriscono di far causa alle società private piuttosto che ai governi. Ma i subappalti sono molto comuni per i governi e gli enti, soprattutto per l'esercito degli Stati Uniti. Il confine tra i governi e le grandi e potenti società, non è che una linea sottilissima, ignota alla popolazione civile. Allo stesso modo, è indifferente se sono i governi o le grandi società a spruzzare nell'aria nanoparticelle di metalli, prodotti chimici e biologici. Il protettivismo degli autori nei confronti dei governi non ha alcun senso.

Secondo il Case Orange, la geoingegneria ha beneficiato della paura causata dal riscaldamento globale. Si sta dando una spolverata ai vecchi brevetti, e l'interesse privato rischia di ottenere consistenti guadagni, ora che il Cap and Trade è stato considerato inutile nelle riduzione dei gas serra (nonostante i legislatori lo stiano ancora valutando, dato che il programma potrebbe diventare una fonte di guadagno: si dice che Al Gore sia diventato miliardario proprio grazie ad esso).

Dal 2007, il miliardario Bill Gates ha speso almeno 4,5 milioni di dollari nella ricerca sulla geoingegneria [16]. Poiché la riduzione delle emissioni non alletta l'industria, la geoingegneria rappresenta un ‘piano B’, in risposta ai cambiamenti climatici e alla scarsità d'acqua. Vediamo meglio in cosa consiste questo piano: aumentare il livello di inquinamento nei cieli e nelle acque per controbilanciare l’inquinamento industriale, senza però ridurre quest’ ultimo.

Il garante dei diritti umani e ambientali, ETC Group, descrive il momento che stiamo vivendo [17]:

“Il lancio della geoingegneria come ‘piano B’ si sta realizzando con abilità: prestigiosi comitati di esperti sponsorizzati da gruppi autorevoli, valanghe di articoli nelle riviste scientifiche di gennaio, e, soprattutto nei paesi nordici, schiere di politici in preda al panico, che annuiscono nervosamente agli appelli degli scienziati per la “necessità di trovare un piano B”.


L’ETC Group rivela che il maggior consulente in materia di geoingegneria di Gates ha escogitato un piano per aumentare di cento volte la ricerca nella gestione delle radiazioni solari, “da 10 milioni di dollari a 1 miliardo di dollari in dieci anni”.

Di sicuro, molti garanti, ultimamente, hanno lottato per discutere della scarsità di acqua potabile. “Alla fine di luglio 2010, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite voterà un’importante risoluzione proposta dal governo boliviano, che, secondo quanto riportato da Food and Water Watch, vorrebbe che l’acqua potabile e la sanità diventassero diritti umani” [18].

Il tempo come forza moltiplicatrice: dominare il tempo entro il 2025

Il Case Orange è connesso a un documento dell'aeronautica militare degli USA del 1996, “Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather in 2025” [19] per vari aspetti (come i programmi di emissione di spray dei governi, i provvedimenti per l'uso di composti chimici, le corrette nomenclature usate nei manuali delle compagnie aeree e gli appelli degli economisti a ricorrere all'ecoingegneria), per sostenere la sua nozione di “gran coinvolgimento del governo in progetti per il controllo del clima”.

“Owning the Weather in 2025” fornisce una linea del tempo dell'uso di tecnologie EnMod, in collaborazione con la Weather Modification Association (WMA), una società governativa che promuove l'utilizzo benefico delle modifiche ambientali [20]

2000 Introduzione di specchi ionici, in grande aumento dal 2008;

2000-2025 Uso di sostanze chimiche per l’inseminazione delle nuvole, da parte dell’aviazione civile (nonché militare);

2004 Creazione di nuvole intelligenti grazie alle nanotecnologie, con un esponenziale dal 2010;

2005 Introduzione di ‘polvere di nerofumo’.

Malgrado il Case Orange screditi la scarsità della ricerca nelle EnMod, nel 2009 la WMA ha dichiarato la sua posizione riguardo la sicurezza dell'inseminazione delle nuvole tramite lo ioduro d'argento, citando 36 rapporti di ricerche dal 1970 al 2006 [21]. Nel 2007, l'Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) ha pubblicato una dichiarazione che includeva le “Guidelines for the Planning of Weather Modification Activities” (“Linee guida per la Pianificazione delle attività di Modificazione Ambientale”, ndt), riconoscendo che le moderne tecnologie di modifica del tempo, malgrado iniziate nel 1940, sono ancora oggi emergenti [22]. La OMM non condivide che la ricerca venga abbandonata a favore dell'azione.

Nonostante citi la WMA, IL Case Orange non fa alcun riferimento alla posizione e alle ricerche del gruppo. E neanche nomina la OMM, l'agenzia delle Nazioni Unite, il cui portale sulle modifiche climatiche è accessibile dal suo sito.

Alla fine della sezione “The bare necessity of geoengineering through cloud generation for survival of the planet” (“La stretta necessità della geoingegneria attraverso le generazionedelle nuvole per la sopravvivenza del pianeta”, ndt) (5.2.7), il Case Orange afferma:

“La nostra equipe di ricercatori è giunta alla conclusione che i programmi di controllo climatico, supervisionati dalle forze militari, ma approvati dai governi, vengono implementati tacitamente, in modo da evitare il peggio, cosa che ovviamente nessuno si augura. I due strumenti chiave sono il controllo della temperatura attraverso la generazione di nuvole artificiali, e la manipolazione della ionosfera tramite i riscaldatori ionosferici”.

“Entrambi sono essenzialmente strumenti militari, che hanno la possibilità di divenire offensivi se necessario. Comunque, dato che molti riscaldatori ionosferici sono installati in varie parti del globo, si presume che ci sia un'intensa collaborazione tra i governi, affinché entro il 2025 si raggiungano due obiettivi: controllare il tempo atmosferico e quindi il pianeta”.


Il documento riportava le seguenti immagini, fornite da un ex meteorologo dell' Ontario Weather Service”, che mostrano le emissioni di spray in Europa il 6 dicembre 2008.









“Le emissioni sembrano essere organizzate in maniera logica e l'Europa intera è coperta per un periodo di 3 giorni” scrivono gli autori. Le immagini seguenti riguardano i giorni dal 3 al 5 gennaio 2010:

Il Case Orange è d'accordo sul fatto che i cambiamenti climatici rappresentino un problema che va trattato. Per quanto riguarda il Climategate, gli autori sostengono che l' Università dell'East Anglia abbia deliberatamente manipolato i dati sul clima per preparare la popolazione mondiale a un futuro in un pianeta più caldo.

Inoltre, parlano di ricerche che confermano la tesi che i cambiamenti climatici sono un problema reale. Durante i tre giorni di blocco della maggior parte degli aerei, in seguito agli eventi dell'11 settembre, gli scienziati hanno notato un aumento della temperatura di 1,1 °C [23]. Si tratta di un aumento incredibile, in considerazione di un lasso di tempo tanto breve. L'incidenza delle accuse contro l'inseminazione delle nuvole è aumentata in maniera esponenziale da quel giorno.

Il documento del 1996, “Owning the Weather in 2025”, fornisce agli scettici del cambiamento climatico una panoramica su cosa aspettarsi nel 21° secolo:

“L'attuale trend demografico, economico e ambientale creerà delle tensioni mondiali che daranno la spinta necessaria per trasformare l'abilità di cambiare il clima in capacità. Negli Stati Uniti, le modifiche climatiche diventeranno probabilmente parte di una politica di sicurezza nazionale con applicazione sia domestica, sia internazionale. Il nostro governo intraprenderà tale politica a vari livelli, a seconda dei suoi interessi”.


Raccomandazioni

“Le scie di condensazione perenni, comunque, hanno un impatto devastante sugli ecosistemi del pianeta e, in generale, sulla qualità della vita”. Il Case Orange si unisce all'appello dell'esperto di geoingegneria di Bill Gates e della OMM, riguardo la necessità di nuovi progetti di ricerca sull'impatto sulla salute umana e sull'ambiente.

Il Case Orange raccomanda anche una maggiore informazione pubblica sulle attività di EnMod, nonché il rispetto delle leggi dell'aviazione civile.

In risposta all'interesse del mondo politico alla geoingegneria, come mezzo per controllare i cambiamenti climatici e garantire la disponibilità idrica, degna di nota è la moratoria proposta dalla sottocommissione scientifica della “Convenzione delle Nazioni Unite sulle Biodiversità” del 14 maggio 2010 [24]. La proibizione dei programmi EnMod ‘benefici’ sarà discussa alla Decima Conferenza delle Parti, che si terrà a ottobre a Nagoya, in Giappone.

Il Case Orange afferma che Cina e Russia hanno ammesso apertamente l'inseminazione delle nuvole, mentre gli Stati Uniti negano. Gli Usa consentono la sperimentazione all'aria aperta di sostanze chimiche e armi biologiche, ma non nel rispetto della legge citata dagli autori, secondo la quale il segretario della difesa può fare sperimentazioni e prove che prevedono l'uso di composti chimici e agenti biologici sulla popolazione civile.

Diritto Dubblico degli Stati Uniti, Legge 95-79, Titolo VIII, Sez. 808, 30 luglio 1977.

Codificata come 50 USC 1520, al Capitolo 32 “Chemical and Biological Warfare Program”, la Legge di Diritto Pubblico 85-79 è stata abrogata dalla Legge 105-85 nel 1997. al suo posto è stata introdotta la 15 USC 1520, che, comunque, permette la sperimentazione all'aria aperta di composti chimici e biologici, e conferisce al presidente il potere di ignorare gli avvisi e le considerazioni sulla salute pubblica per ragioni di sicurezza nazionale [25]. Gli autori del Case Orange, quindi, non sbagliano quando affermano che tali programmi, negli Usa, sono legali.

Epilogo

Avendo ascoltato teorie complottistiche per una vita, ho esitato a fare ricerche in materia di scie chimiche, mantenendo un certo scetticismo. Ho cambiato idea a marzo: era l'ora di pranzo e mi trovavo in un parcheggio con altre 30 persone, quando ho visto di persona due jet che inseminavano le nuvole. Qualcuno ha scattato delle foto col cellulare:


Le scie sono rimaste per ore, e si distinguevano notevolmente dalle altre nuvole. Da quel giorno ho iniziato a guardare il cielo e ora sono in grado di dire quando si verificano fenomeni di cloud seeding. Spesso si vede una foschia bianca al posto del cielo azzurro, anche quando le scie di condensazione perenni sono invisibili.

Pochi giorni fa mi è stato inviato un link ai video del simposio di Belfort, con la presentazione del rapporto Caso Orange fatta dal Dott. Vermeeren. Per quattro ore non ho staccato gli occhi dallo schermo. In quel momento ho deciso di dedicarmi seriamente alla questione. Per chi si è avvicinato da poco alla questione, il Case Orange è un documento molto informativo; tutte le ricerche serie sul tema rivelano che ciò che dicono questi ‘filosofi del complotto’ è vero: stanno riempendo il cielo di gas spray e ce lo tengono nascosto.

Scoprire che sul sito dell’ Organizzazione Meteorologica Mondiale c'è la scritta “Weather Modification” mi ha scioccato. Leggere che sono contrari al fatto che i governi stiano continuando con le operazioni, invece di fare più ricerca, ha confermato ciò che pensavo. E ciò è stato pubblicato nel 2007!

Quindi, malgrado nessuno ce lo dica, le informazioni sono disponibili pubblicamente anche ai ricercatori alle prime armi.

Entrare in gioco così tardi mi ha fatto guadagnare comprensione per gli altri. Per secoli i leader dell'esercito hanno affermato che piove sempre dopo una dura battaglia, ma approfittare di tali potenziali, senza provocare un diluvio come quello del 1915 a San Diego, non è stato facile. Ho scoperto altre storie come questa durante le mie ricerche: uragani, guerre agricole, alluvioni distruttive e debris flow. Non c'è da stupirsi che ci siano tanti libri sul tema. Non c'è da stupirsi che sia stato scritto un saggio di 3000 parole.

Le scie di condensazione non sono un falso allarme; ho passato un sacco di tempo alla ricerca di fonti nuove. Il record è stato raggiunto con le notizie sugli inizi del moderno programma EnMod. Se la sua nascita viene fatta risalire al successo della Gran Bretagna del 1943, quando utilizzò le window (fogli di alluminio tagliati precisamente a un quarto della lunghezza d'onda del radar) per confondere i radar nemici, il programma vanta 67 anni. Una lunga storia da mantenere segreta a molte persone; ciò si riflette negativamente sulle tradizionali fonti di informazione, che teoricamente dovrebbero svelare le disonestà del governo.

Una breve panoramica sul fenomeno del cloud seeding.

Il cloud seeding, come progetto di ricerca militare degli Stati Uniti, è iniziata nei primi anni '30, secondo quanto affermato dal professor James R. Fleming del Colby College [26]. Prima del 1915 non si erano verificati successi nel tentare di provocare la pioggia.

1915 Per porre fine a una lunga siccità, San Diego chiamò il noto ‘fabbricante di pioggia’ Charles Hatfield, il quale sosteneva che l'evaporazione del suo composto segreto, sopra a delle torrette di legno, avrebbe attratto le nuvole. San Diego fu ripagata con un diluvio di 17 giorni, che ha prodotto circa 70 cm di acqua. L'acquazzone mortale spazzò via più di 100 ponti, rese tantissime strade inaccessibili, distrusse le vie di comunicazione e lasciò migliaia di persone senza casa [27].


[San Diego, 1915: il temporale di Charles Hatfield distrusse una diga, provocando dozzine di morti.]

1943 “Il primo uso operativo delle window risale al luglio 1943, quando Amburgo venne devastata da un bombardamento aereo. Gli schermi radar furono infastiditi dai riflessi delle window e la difesa aerea venne completamente accecata” [28].

1946 Vincent Schaefer, della General Electric, sganciò circa 3 Kg di ghiaccio secco in una nuvola fredda sopra il monte Greylock nel Berkshires, causandone un aumento esplosivo [29].


[La tempesta di ghiaccio secco di New York nel 1946 (Life Magazine)]

1947 I meteorologi australiani hanno ripetuto con successo l'esperimento [30].

1949 “Progetto Cirrus”: Il premio Nobel Irving Langmuir e il ricercatore della General Electric Vincent Schaefer riempirono con quasi 300 grammi di ioduro d'argento un cannello ossidrico, facendo cadere miliardi di litri di pioggia su metà Nuovo Messico, da un deserto vicino Albuquerque [31].

1950 Il meteorologo di Harvard, Wallace Howell, inseminò i cieli di New York con ghiaccio secco e fumo di ioduro d'argento, riempendo quasi del tutto i bacini idrici cittadini [32].

1952 L' “Operazione Cumulus” del Regno Unito si concluse con un totale di piogge di 250 volte superiore al normale, provocando morti e distruzioni [33].

1962-1983 “Operazione Stormfury”, un programma di modifica degli uragani, ebbe successo nella riduzione dei venti fino al 30% [34].

1966-1972 Il progetto “Intermediary Compatriot” (poi rinominato “Popeye”) ha avuto successo nell' inseminare le nuvole di Laos. La tecnica divenne parte delle operazioni militari di Cambogia, Vietnam e Laos, dal 1967 al 1972, secondo quanto rivelato da Jack Anderson nel Washington Post, il 18 marzo 1971 [35].

1986 Grazie all’inseminazione delle nuvole, l' aeronatica sovietica riuscì ad evitare che il disastro di Chernobyl raggiungesse Mosca; Belarus, invece, venne colpita [36].


[Il razzo del tempo della Cina (ImpactLab, 2008)]

2008 Il governo cinese ha usato 1104 missili per l'inseminazione delle nuvole, per eliminare la minaccia pioggia in occasione della cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Pechino [37].

2009 L'aureola di Mosca. Il Case Orange cita questo evento come prova dell'inseminazione delle nuvole, ma altri sospettano che si tratti di un fenomeno elettromagnetico. Le autorità russe hanno detto che era solo un'illusione ottica [38].


Questa non è una lista completa; ovviamente esistono moltissimi volumi dedicati al tema.

NOTE: La lista completa delle note e delle fonti è disponibile al link originale dell'articolo. N.d.r.

Titolo originale: "Atmospheric Geoengineering: Weather Manipulation, Contrails and Chemtrails"

Fonte: http://www.globalresearch.ca
Link
30.06.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di STEFANIA MICUCCI

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7372


FAQ 1.6. L’ufficial-complottista Attivissimo mente sulle Bin-Caverne dei deserti afgani

Attivissimo suggerisce che le Bin-Caverne erano valide basi logistico-strategiche per un’operazione sofisticata come l’11/9!
La FAQ 1.6 consiste nella domanda: “Come è possibile che uno come Osama bin Laden, che vive in una caverna, abbia fatto una cosa così sofisticata?”
Attivissimo risponde: ”La "caverna" è una panzana inventata dai complottisti, attingendo a un luogo comune razzista che trova comodo dipingere gli arabi come primitivi e ignoranti.”
Grossolana falsità di Attivissimo, che dovrebbe leggersi il “Times”,The Manhunt: A Trip Inside bin Laden's Caves, di Matthew Forney, 24 dicembre 2001, dove si parla dei campi di addestramento di Bin Laden in Afghanistan e si dice che all’ombra delle Montagne Bianche si trova “una serie di caverne piene di armi e sopra di essa si trova una costa con altre caverne dove si pensava che si nascondesse Bin Laden”. L’uso dell’espressione, da parte dei “complottisti” non è dunque affatto una panzana né è arbitraria né è nata per scopi razzisti come vorrebbe ingannevolmente far credere Attivissimo. Tutto ciò implica sicuramente che Bin Laden si trovava ad agire in luoghi assai sperduti, lontanissimi dall’America, da paesi civilizzati e industrialmente avanzati (pensate all’Afghanistan già completamente distrutto da anni e anni di guerra e guerriglia con l’Armata Rossa dell’URSS!) e l’organizzazione di attentati già di per sé estremamente complessi da una base strategica del genere dev’essere stata sicuramente cosa ancora più complessa, visti tutti i problemi logistici, tecnologici e di comunicazione connessi, che conoscono bene sulla loro pelle i Russi, i quali ai tempi dell’URSS ci hanno lasciato le penne, in Afghanistan. E che conoscono bene adesso gli americani.
Continua Attivissimo disquisendo su quanto sia ricco Osama e informandoci che aveva dei “telefoni satellitari”… bella forza! per quanto uno sia ricco, e per quanti telefoni satellitari abbia, avere la propria base principale fra sperdute grotte di un impervio deserto del terzo o quarto mondo non è certo la stessa cosa che averla nei pressi di una città e in una nazione industriale avanzata. Anche perché non è spiegato se il Mullah Omar abbia mai concesso a Osama uno straccio di connessione a internet… una banda medio-larga, una 56k, o anche solo una 32k, non si sa. L’autore dell’articolo che abbiamo citato dice che le Bin-Caverne che aveva visto lui di persona non avevano certo molti equipaggiamenti, erano dei “rough bunkers”, dei bunker grezzi senza né pavimento né tubature dove sarebbe vissuto Osama con le mogli e i 13 figli dopo essere stato cacciato dal Sudan, altro paese non certo fra i più tecnologicamente avanzati. Secondo l'articolo citato, Osama avrebbe lamentato la mancanza di “servizi” in queste grotte sperdute. Ma ancora si veda il “Guardian”, Bin Laden seen 'hiding in cave fortress’ (26 novembre 2001), che descrive Osama mentre è in continua fuga, di notte si sposta a dorso di cavallo (neanche una jeep, un motocicletta, un 125, un motorino, una bicicletta elettrica: no, un cavallo. Con la sella, almeno? Il giornalista non lo specifica) e dorme in una caverna-fortezza.
Attivissimo nella sua risposta alla FAQ ovviamente si guarda bene dal far capire al suo pubblico quanto fosse di per sé incredibilmente complicato da realizzare il piano dell’11/9, anche quello che ci viene descritto dalla versione ufficiale. Quindi Attivissimo non ci illumina certo sulle tecnologie sofisticatissime, quantomeno a livello di intelligence, che avrebbero dovuto avere i terroristi di Al Qaida. Basti pensare a questi semplici “fatti ufficiali”:
- nei mesi e giorni precedenti gli attacchi nessuno fra le decine e decine di terroristi di Bin Laden, agendo nel paese con l’intelligence interna probabilmente fra le 3-4 più avanzate del mondo avrebbe attirato su di sé sospetti tali da scoprire il piano: difficilissimo al limite dell’impossibile, considerando anche gli almeno 12 avvisi ricevuti dall’intelligence estera su possibili attacchi terroristici e alcuni fra quegli stessi terroristi erano già sorvegliatissimi nell’ambito del Progetto Able Danger!
- i terroristi di Bin Laden con semplici taglierini (cutter) e senza vere e proprie armi sarebbero riusciti a dirottare con successo 4 aerei su 4 (di cui un dirottamento sarebbe fallito in un secondo tempo): plausibile, ma non facile e non troppo probabile, visto che la cosa non ha molto probabilmente precedenti (o ne ha pochissimi)
- i terroristi di Bin Laden con semplici taglierini sarebbero riusciti a dirottare QUATTRO aerei contemporaneamente: difficilissimo e non troppo probabile
- senza essersi dimostrati piloti provetti (per non dire altri dettagli sulla loro assoluta imperizia di piloti) sono riusciti a non farsi raggiungere dai caccia della difesa americana e hanno potuto volare liberamente per i cieli americani senza essere seguiti a distanza dai caccia: difficilissimo e poco probabile
- senza essersi dimostrati piloti provetti sono riusciti a fare schiantare gli ingombranti aerei di linea su 3 dei loro quattro obiettivi: giudicato quantomeno improbabile dai principali piloti.
- Con la sola forza di due schianti aerei e di due conseguenti incendi sono riusciti a far crollare le due Torri Gemelle, nel giro di poche decine di minuti, in linea tendenzialmente verticale e limitando così i danni agli edifici vicini: se non improbabile, quantomeno sorprendente, per lo stesso Bin Laden e per quasi tutti gli spettatori all’evento, compresi i pompieri e gli addetti alla sicurezza
- Schiantandosi su due torri sono riusciti a far crollare anche una terza torre del WTC, di ben 48 piani, grazie a non molti detriti finiti su di essa e grazie a un conseguente incendio che ha colpito solo pochi piani: molto poco probabile.
- senza essersi dimostrati piloti provetti sono riusciti a fare schiantare un ingombrante aereo di linea sul Pentagono, l’edificio militare teoricamente più sorvegliato al mondo, che secondo alcuni testimoni vicini allo stesso Pentagono sarebbe dotato di sistemi antimissile/contraerei: molto poco probabile
Già unendo queste difficoltà/improbabilità (che forse non sono neanche 1/5 delle difficoltà/improbabilità della missione) si ottiene una difficoltà/improbabilità estrema di una serie di fenomeni verificatisi successivamente nell’arco di un paio d’ore, che richiede tecnologie/fortuna estrema da parte di Bin Laden. Davvero notevole se si pensa che ci è riuscito al primo colpo! E avendo la sua base operativa nelle caverne afgane precedentemente descritte: le difficoltà aumentano ancora, e le probabilità diminuiscono ancora.
Quanto sia sofisticata questa operazione lo hanno testimoniato numerosi personaggi di altissimo livello, dal Generale russo Ivashov al generale pakistano Hameed Gul. I quali, ovviamente, non credono che sia stato Bin Laden (non lui da solo, almeno).
Sulla teoria della probabilità e la versione ufficiale dell’11/9 si veda il bell’articolo di Elias Davidsson, http://www.globalresearch.ca/articles/DAV504A.html.


Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21250130/FAQ+1.6.+L%E2%80%99ufficial-complott

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello "Speciale Paolo Attivissimo" - clicca QUI


FAQ 1.2. e 1.3, Attivissimo-Kaos: suggerisce la complicità del governo USA e la teoria del complotto LIHOP!

Attivissimo introduce la FAQ 1.2 in questi termini: “Perché i servizi segreti di almeno dodici paesi avvisarono gli Stati Uniti che terroristi stranieri stavano preparando un attentato contro gli USA?” E si risponde così:Perché ritenevano appunto che terroristi stranieri stessero preparando attentati. Questo fatto è una conferma che l'11/9 non fu un autoattentato, commesso da agenti interni: altrimenti i servizi segreti stranieri non avrebbero avuto nessun piano terrorista straniero da segnalare.” Questo già per come ce la presenta Attivissimo è una ammissione lampante della scarsa credibilità non solo delle versioni ufficiali ma anche di quelle diffuse versioni che teorizzano l’incompetenza degli organi di difesa statunitensi, i quali si sarebbero trovati davanti a qualcosa di completamente inaspettato che li avrebbe colti impreparati. Quella di Attivissimo è quindi una tacita ammissione della probabile complicità “attivamente passiva”, per così dire, del governo statunitense, che non poteva non sapere e ciononostante ha fatto in modo che l’attentato andasse a “buon fine” predisponendo tutte le operazioni strategiche per allentare le difese interne, come per esempio una fitta serie di esercitazioni militari avvenute proprio l’11 settembre. Attivissimo ovviamente non ve lo dirà chiaro e tondo, ma le sue parole e i suoi silenzi parlano chiaro! Dunque sulla base di queste sue considerazioni potremmo considerare Attivissimo, quantomeno, molto vicino al complottismo del tipo LIHOP, let it happen on purpose: 11/9 come opera effettivamente compiuta da Bin Laden & Co. ma anche lasciata accadere appositamente dal governo statunitense, magari per creare quella nuova Pearl Harbour che era stata auspicata dai Neocon.
Però c'è dell'altro...
Attivissimo, al di là di questa sua implicita quasi-approvazione del complottismo LIHOP, non pensa però che queste sue considerazioni non contraddicono affatto la principale teoria “complottista” MIHOP dei doppi terroristi: terroristi-realizzatori e terroristi-zimbelli. Strano che Attivissimo ignori queste teorie MIHOP: in anni e anni di studi sull'11/9 dovrebbe conoscerle per filo e per segno, invece per lui è come se non esistessero.
Questa particolare MIHOP è più estrema della LIHOP. Sostiene che terroristi di alto livello con talpe di grossissimo calibro nelle più alte istituzioni statunitensi sarebbero i veri responsabili degli attentati, e che nel contempo Bin Laden, Atta & Co. sarebbero effettivamente terroristi-zimbelli con in mente piani per attaccare l’America, ma senza i mezzi e le capacità effettivi per farlo. Il destino di alcuni di questi terroristi imbranati sarebbe stato solo quello dei figuranti un po’ alla Oswald: fare la parte dei terroristi-dirottatori ma senza arrivare a pilotare effettivamente gli aerei e facendo in modo che la colpa di quegli spettacolari e tragici attentati ricadesse su di loro. Essi sarebbero stati seguiti da tempo dai servizi segreti (in particolare quelli statunitensi e israeliani, come testimoniano diverse fonti).
Discorso analogo va fatto circa le considerazioni di Attivissimo sulla FAQ 1.3: il President's Daily Brief, era intitolato "Bin Laden deciso a colpire negli Stati Uniti", vago o non vago che fosse non è, come ingiustificatamente ritiene Attivissimo, incompatibile con “tutte le teorie che parlano di missili, dirottatori ancora vivi e demolizioni controllate e quelle che dicono che bin Laden non c'entra. Non possono essere vere tutte quante.” Esso, come nella FAQ 1.2, risulta poco compatibile con la versione ufficiale mentre risulta compatibile sia con la teoria complottista LIHOP, sia con la MIHOP dei terroristi-realizzatori e dei terroristi-zimbelli.
Ancora una volta, Attivissimo si illude di aver “sbufalato” chissà cosa, e invece, contrariamente alle sue dichiarazioni di intenti, ha affermato non solo la sua confusione di idee, ma anche una teoria del complotto (la LIHOP, che peraltro è alternativa a quella Versione Ufficiale che Attivissimo crede di sostenere!).


Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21250096/FAQ+1.2.+e+1.3%2C+Attivissimo-Ka

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello "Speciale Paolo Attivissimo" - clicca QUI


Attivissimo profeta in “patria”: e anche gli svizzeri lo sbugiardano

Premettiamo che non siamo fanatici dell’ufologia né di tutto ciò che ruota intorno a tale settore, né di alcuna affermazione da parte di ufologi. Tuttavia rispettiamo chi si interessa di tali argomenti, perché sono in effetti di enorme fascino e vi sono molte persone stimabili e competenti che se ne occupano. Ai fini di conoscere l’operato di Attivissimo ci interessa ora approfondire la polemica sorta fra lui e il Centro Ufologico della Svizzera Italiana (CUSI), perché in essa emergono alcune fra le scorrettezze più tipiche di Attivissimo, che sono molto simili a quelle rilevate anche da noi. Il CUSI rileva l’imperitura accusa che Attivissimo lancia a qualunque suo avversario indistintamente: l’accusa di battere cassa (se ne parla qui). Il portavoce del CUSI è un ex utente di Attivissimo, e sotto certi aspetti è stato suo ammiratore. Tuttavia ha rilevato una sfilza di scorrettezze sulla petitio principii di Attivissimo, e sui suoi “due pesi e due misure”. Questo è un atteggiamento pressoché costante in Attivissimo e qui l'abbiamo già riscontrato più volte allorquando, per esempio, egli si dedica giustamente a tentare di smascherare un “video ufologico” che reputa un probabile falso e però poi non si sogna mai di sollevare un minimo dubbio sull’autenticità del video in cui un’improbabile caricatura di Bin Laden, più tozza e grassa che mai, si dichiara responsabile dell’11 settembre. E, di nuovo, il portavoce del CUSI nota che Attivissimo, sempre sulla questione del “batter cassa” ha sfiorato la vera e propria diffamazione gratuita, con la sua fallacia dell'accusa di interesse, soprattutto perché non ha portato nessuna vera prova a favore delle sue affermazioni (a questo tema abbiamo dedicato un intero articolo).

Sempre in questa sezione del resoconto del CUSI, viene identificata una tattica sporca abitualmente adottata da Attivissimo, di cui ci piace parlare in termini di mozzarelle di bufala Attivissimo DOC: preselezione accurata (e iperselettiva) delle parti da “smontare” seguita da fallacia induttiva da generalizzazione indebita. Racconta il CUSI:

La prima porzione indicata dice che il ritrovo del sig. Attivissimo e degli altri interessati avverrà alle 15 davanti all’Hotel Eden, dove aveva luogo il congresso, come effettivamente è stato. Peccato che il congresso sia iniziato intorno 9:30 del mattino, e durante la mattinata si sia parlato di argomenti prettamente scientifici, con esperti del settore con tanto di attestati universitari (biologi ed ingegneri). Lui però a questo momento ha scelto di non partecipare, preferendo ritrovarsi alle 15 con le altre persone da lui invitate, in modo da trovare "terreno fertile" per raggiungere il suo scopo: ridicolizzare. Questo è l’esempio della tanto decantata onestà intellettuale e dei "due pesi due misure": partecipare ad un convegno soltanto nella parte in cui è possibile (e ahimè purtroppo lo è stato) che alcune informazioni vengano fornite non sulla base di dati scientifici rigorosi ma su supposizioni, e utilizzare queste affermazioni per diffamare e mettere in ridicolo l’intera giornata informativa, nonché il lavoro di preparazione che c'è stato dietro e soprattutto l’intera associazione, manco facesse parte di chissà che organizzazione malavitosa dedita a truffare le persone. Però i dati rigorosamente scientifici detti nello stesso convegno potrebbero ostacolare la ridicolizzazione della manifestazione, allora meglio ignorarli del tutto e aspettare di arrivare nella sala "al momento buono". Dopodiché, dopo aver partecipato a circa metà delle esposizioni dei relatori, quelle più "compromettenti", diffamare il tutto su Internet. Decisamente molto comodo.

Questa selettività preliminare assomiglia a una cosa che Attivissimo, come da sua abitudine, ama attribuire ai complottisti ma da cui si crede immune: la “MSC: Memoria Selettiva da Complottismo. Si fa finta che non esista la massa di dati contrari alla propria tesi preconcetta, e così la tesi è salva” (Attivissimo citato qui). Attivissimo fa esattamente e sistematicamente la stessa cosa: ignora la massa di dati contrari alla propria tesi (cosa visibilissima nel suo modo di affrontare i problemi dell’11/9) o, quando fa finta di considerarla, come nelle sue FAQ, sa comunque attingere a un suo bel repertorio di modi per glissare, omettere, o censurare, come dimostriamo in vari articoli.

Altro aspetto evidenziato tanto dagli svizzeri quanto da noi è la sfacciata contraddittorietà intrinseca di Attivissimo, il quale prima dice che l’ufologia non ha nulla di serio e altrove afferma l’esistenza dell’“l’ufologia seria”. Tale contraddittorietà è ancora più palese nell’atteggiamento di fondo di Attivissimo, da noi rilevato allorquando si scaglia contro i complottisti e, nello stesso momento in cui lo fa, vuole affermare le “teorie ufficiali sull’11 settembre”, che sono teorie del complotto belle, buone, e fra le più grottesche, fumettistiche e incredibili (come spiegato qui) oppure quando si dichiara sostenitore dei rapporti tecnici ufficiali, magari dimenticando di dirci che i rapporti tecnici ufficiali sul crollo delle Torri Gemelle sono due, quello della FEMA e quello del NIST, e quello del NIST espressamente CONTRADDICE e nega quello della FEMA. Dunque Attivissimo afferma qualcosa di intrinsecamente contraddittorio (si veda anche questo).



Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21247503/attivissimo-profeta-in-patria-e-anche-gli-svizzeri-lo-sbugiardano

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello "Speciale Paolo Attivissimo" - clicca QUI


L’Afghanistan ci costa 51 milioni al mese, Strada: “E non sanno neppure dove si trova”

L’Afghanistan ci costerà 51 milioni al mese, quest’anno. A fronte dei 45 dell’anno scorso. In febbraio il Senato ha votato il rifinanziamento della missione, e da giugno la spesa sarà ancora più alta. La Russa l’ha detto: arriverà un altro migliaio di sodati. Eppure l’invio e la permanenza del nostro contingente, a fronte del “pantano” che la missione si sta dimostrando essere, sembra collimare sempre meno con l’articolo 11 della Costituzione, quel “L’Italia ripudia la guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali” fin troppo ignorato.
Gino Strada, di Emergency, è del tutto contrario alla riconferma dell’invio di nostri soldati. ”Vivo questo voto con l’animo disgustato da questa classe politica, che definisco di delinquenti politici. Perché quando una classe politica, la stragrande maggioranza del parlamento, vota contro la Costituzione del proprio paese, delinque contro la propria Costituzione, quindi il termine è appropriato. Oltre questo – ha continuato Strada – c’è lo sdegno per chi non vuol vedere la strage di civili che sta avvenendo in questi giorni, proprio in queste ore, dove si stanno compiendo crimini di guerra inauditi. Non solo si massacrano civili ma si impedisce che i feriti vengano evacuati negli ospedali. Di questo, ovviamente, abbiamo numerose testimonianze, da parte dei pochi che sono riusciti a superare i cordoni che le forze di occupazione hanno disposto intorno ai luoghi dei bombardamenti. Chiediamo ancora, con forza, che si apra un corridoio umanitario per soccorrere la popolazione civile di Marjah“.
Il capo dell’associazione volontaria ha poi un appunto da fare sui mezzi del contingente italiano. Il ministro della Difesa aveva assicurato: i nostri velivoli non possono portare agli errori cui hanno condotto i militari americani. ”Al ministro chiedo, e allora cosa sono i nostri, aerei da turismo? – ha commentato, duro, il medico – Cosa fanno, portano in giro i turisti a vedere i bombardamenti? Cosa ci fanno gli aerei militari in zone dove si sta bombardano? Sono affermazioni ridicole. Piuttosto, possiamo indicare alcuni dei pericolosi terroristi feriti dalle operazioni militari nella zona di Marjah. Feriti, perché i morti non li vediamo. Un ragazzo di 10 anni di nome Fasel, una bambina di 12 di nome Rojah che stava prendendo acqua al pozzo e si è presa una pallottola in un fianco, Said, di 7 anni, con una pallottola nel torace, un bambino di 9 anni di nome Akter che stava guardando dalla finestra quando gli hanno sparato in testa… questi sono i talebani“.
“I nostri politici – ha detto Gino Strada – non sanno niente dei talebani, non sanno di cosa parlano. Non saprebbero nemmeno indicare l’Afghanistan su una cartina muta. Purtroppo, questa è la gente che prende decisioni costano la vita a tanti afgani. E che costa una quantità di soldi impressionanti agli italiani. Siamo un paese dove si perdono centinaia di migliaia di posti di lavoro e si buttano via centinaia di milioni in una guerra per sostenere questo piuttosto che quel governo afghano. Mi piacerebbe avere un parlamento decente. Sull’Afghanistan continuano a dire agli italiani bugie clamorose, palle gigantesche. L’unica cosa da fare è smettere di sostenere questa classe politica. Io, personalmente, mi rifiuto di andare a votare. Lo farò quando ci saranno politici degni di questo nome”.

Vincenzo Marino



Fonte:http://www.newnotizie.it/2010/05/19/lafghanistan-ci-costa-51-milioni-al-mese-strada-e-non-sanno-neppure-dove-si-trova/


Processo breve con autovelox

- di Bruno Tinti -

Una mia cara amica che fa il giudice civile mi ha chiesto: "Cosa sai di autovelox?". Io che ho un’automobile da tamarro (come dice Marco Travaglio) le ho risposto: "Tutto, ma che te ne frega?". E così ho scoperto che questa poveretta, consigliere di Cassazione (con stipendio adeguato), esperta di diritto societario, di concorrenza sleale e diritto fallimentare; titolare di numerosi processi in materia possessoria (sono cause rognose se mai ce ne sono state) passa un sacco di tempo a trattare gli appelli alle sentenze del giudice di pace in materia di contravvenzioni stradali.

Pensate un po': una multa per sosta vietata, per eccesso di velocità, per aver passato il semaforo con il giallo-rosso invece che con il verde-giallo finisce sul tavolo di questa mia amica; che, tra un processo per responsabilità di consiglieri di amministrazione che hanno deliberato una fusione societaria in presunto conflitto di interessi; e un altro per asserito possesso di beni immobili già appartenuti a ente pubblico; deve stabilire se 30 o 40 euro di multa debbono essere pagate oppure no.

Questo triste destino tocca a tutti i giudici civili italiani: centinaia di migliaia di processi (in grado di appello) sulle sentenze dei giudici di pace in materia di infrazioni stradali. E intanto i processi veri si ammucchiano e le parti si chiedono: "Ma che cazzo fa questo giudice?". A questo punto mi sono ricordato del tempo in cui, da pm, chiedevo decreti penali al gip: guida senza patente, omesso versamento contributi Inps, omessa esposizione della tabella dei giochi leciti e altre decine di minchiate del genere. Tutta roba che aveva il seguente percorso: richiesta al gip di decreto penale per qualche centinaia di euro, decreto emesso dal gip, due o tre tentativi di notifiche andate a male (perché l’imputato si trasferiva e non si sapeva dove andarlo a cercare), quando lo si trovava faceva opposizione, quindi processo in tribunale, poi appello e cassazione. Era una gara con la prescrizione; e vinceva sempre lei. Nel frattempo sulla mia scrivania si ammucchiavano i falsi in bilancio, le frodi fiscali, le corruzioni e le bancarotte.

Poi è arrivato Alfano e ha detto che non era tollerabile che il processo italiano durasse in media 7 anni e mezzo e quindi ci andava il "processo breve": dopo 6 anni tutti innocenti. Può anche essere una buona idea: la giustizia deve essere rapida, se no che giustizia è? Quindi facciamo qualche riforma semplice, non costosa e poi via al "processo breve". In Parlamento ci sono un sacco di magistrati e avvocati che possono spiegare ad Alfano le cose che si debbono fare; qualcuno che può dire ad Alfano che prima di varare il "processo breve" dovrebbe eliminare le sciocchezze che ho raccontato dovrebbe esserci.

Qualcuno che può fargli un elenco dei ridicoli reati di cui si può fare a meno (sono centinaia) e spiegargli che prevedere tre gradi di giudizio più il ricorso al prefetto per le contravvenzioni stradali è una cosa folle dovrebbe esserci. Qualcuno che… Ma a questo punto mi sono messo a pensare: e che farebbero i 170.000 avvocati italiani (in Francia ce ne sono 50.000), privati da un giorno all’altro del loro pane quotidiano? Allora niente "processo breve". Sì ma, e di B. che ne facciamo? Ecco, avete capito cos’è davvero il conflitto di interessi?

da Il Fatto Quotidiano del 27 novembre 2009


http://togherotte.ilcannocchiale.it/

Fonte: http://informarexresistere.blogspot.com/


Società ammalata, come uscirne - come disintossicarsi da metalli pesanti ed altri veleni

Articolo tratto dal sito The Vigilant Citizen, traduzione a cura di Anticorpi

Le prime due parti di questa inchiesta hanno descritto gli effetti negativi suscitati nel nostro organiismo da alcune sostanze chimiche che usiamo ingerire quotidianamente.

Questa terza ed ultima parte intende fornire consigli per liberare il corpo dalle sostanze pericolose. In altre parole, come fare fronte alla Società Ammalata.

Sono stati esaminati lo aspartame, il mercurio, fluoro e lo sciroppo di mais ad alto fruttosio (HFC). Se queste sostanze lesive per il sistema nervoso riescono a depotenziare le funzioni cognitive, alterare il giudizio o influenzare la memoria, ovviamente il risultato non può che essere una Società Ammalata.

Tuttavia non tutto è squallore e desolazione. La natura, con la sua tendenza a ristabilire il suo meraviglioso equilibrio, fornisce la cura per qualsiasi genere di affezione l'uomo possa sviluppare. Anche gli antichi guaritori sostenevano che la natura fosse in grado di aiutare l'uomo a scoprire la cura di molte malattie in modi sottili e misteriosi:

"Le piante potevano anche essere considerate degne di venerazione, perché dalle foglie schiacciate, petali, steli, o radici potevano essere estratti unguenti curativi, essenze o farmaci che incidevano sulla natura e la intelligenza degli esseri umani, come il papavero e le antiche erbe della profezia. Le piante erano considerate efficaci nella cura di molte malattie, ed i loro frutti, foglie, petali, o radici venivano prese in considerazione in base alla somiglianza della loro forma o colore con parti ed organi del corpo umano. Ad esempio il succo distillato di alcune specie di felci, come il muschio peloso delle querce; il "Cardo", si diceva avesse il potere di fare ricrescere i capelli; la "Dentaria", che nella forma ricorda un dente, si diceva potesse curare il mal di denti; la palma Christi, per la sua forma, si diceva che curasse tutte le afflizioni delle mani. "
Sala P. Manly - Insegnamenti Segreti per Tutte le Età

Così, dopo essere stati terribilmente esposti a sostanze chimiche velenose grazie allo operato di funzionari corrotti, l'unico modo appropriato per concludere questa serie di articoli è quello di esaminare alcuni modi del tutto naturali di ripristinare la salute.

Arrestare la intossicazione.

Avvertenza: Questo articolo fornisce suggerimenti per disintossicare il corpo naturalmente. Se hai bisogno di una terapia a seguito di una intossicazione grave, rivolgiti ad un professionista.


Il primo passo per liberare il corpo dai veleni è, logicamente, smettere di ingerire veleni. Sembra abbastanza semplice, eppure questo passaggio è probabilmente il più difficile, dal momento che molte tossine si trovano negli alimenti di ogni giorno e perfino nella acqua del rubinetto (perlomeno negli USA - n.d.t.).

E' necessario prestare maggiore attenzione nella vita quotidiana, ed assumere decisioni drastiche per tenere le tossine fuori dal vostro corpo. Tuttavia, quando effettivamente sentirete gli effetti della guarigione, sarete orgogliosi dei sacrifici fatti.

Prima di esaminare i modi per evitare le tossine specifiche, ecco alcune linee guida generali alle quali ogni persona attenta alla salute dovrebbe attenersi in ogni momento: evitare i cibi elaborati e le bevande artificiali. Al contrario, consumare prodotti biologici e locali o - meglio ancora - coltivare la propria stessa frutta e verdura. In questo modo, si evitano automaticamente molte sostanze nocive, tra cui MSG, HFC, pesticidi, fluoruro di sodio e mercurio. Tutto ciò comporta anche un risparmio economico, che è sempre piacevole. Quando si fa la spesa, leggere sempre le etichette e - come si dice - se non sai cos'è, non lo mangiare.

Passiamo ora a considerare alcuni metodi specifici per evitare di assumere tossine:

Evitare il Fluoro.

Ci sono due tipi di fluoro: fluoruro di calcio e fluoruro di sodio. Il fluoruro di calcio si trova in natura nell'acqua, mentre il fluoruro di sodio è un prodotto di scarto sintetico della industria nucleare, e può derivare dallo alluminio e dal fosfato delle industrie di fertilizzanti.



Indovinate quale tipo di fluoro si trova nella nostra acqua? Il secondo, ovviamente. Un normale impianto di filtraggio della acqua può fare un buon lavoro per ridurre il sapore di metallo e prodotti chimici, ma non filtra il fluoro. Purificare l'acqua per osmosi inversa è il modo più efficace di rimuovere il fluoruro di sodio dall'acqua (a destra, lo schema di un sistema di filtraggio ad osmosi inversa).

Alcuni cibi elaborati contengono elevate concentrazioni di fluoruro di sodio, compresi il the istantaneo, i prodotti a base di succo d'uva ed il latte di soia per neonati. Così, ripetiamo, è indispensabile evitare i cibi elaborati. Inoltre non sarebbe male passare a un dentifricio privo di fluoro (o almeno evitare di ingerire la pasta dentifricia Colgate acquistata da Walmart).

Cibi ricchi di calcio e magnesio possono aiutare a prevenire l'intossicazione di fluoro, in quanto impediscono al veleno di attaccarsi al corpo.

"Il magnesio è un minerale molto importante che molti sottovalutano. Oltre ad essere importante per il metabolismo e la sintesi delle sostanze nutritive allo interno delle cellule, inibisce lo assorbimento di fluoro nelle cellule! Insieme al magnesio, il calcio sembra aiutare attirare i fluoruri lontano dalle ossa e dai denti, permettendo al corpo di eliminare le tossine. Così durante ogni sforzo di disintossicazione dal fluoro, è essenziale che si includa una buona dose supplementare di calcio / magnesio come parte del protocollo. "
Paolo Fassa - Come Espellere il Fluoruro dal Vostro Corpo

Evitare il Mercurio.

In primo luogo, se decidete che a voi o ai vostri bambini debba essere somministrato un vaccino (meglio pensarci bene - n.d.t.), richiedete sempre che il farmaco non contenga thimerosal. In secondo luogo, evitate pesce e frutti di mare contenenti elevati livelli di mercurio, come il merluzzo, il pesce specchio atlantico, lo squalo, il pesce spada, il tonno e il tilefish.

Alcuni frutti di mare contengono bassi livelli di mercurio, il che li rende più sicuri di consumare; tra questi troviamo le acciughe, il pesce gatto, le vongole, i granchi, i gamberi, il rombo, il salmone, le sardine, la tilapia e le trote. Come regola generale, più grande è il pesce, più elevata è la quantità di mercurio che esso contiene, in quanto i pesci grandi si nutrono di pesci più piccoli, assorbendo il mercurio presente nei loro organismi.

Come si è visto nella seconda parte di questa serie, altri cibi che contengono HFC sono contaminati con il mercurio. Ecco il grafico prodotto dalla EPA:


Evitare l'Aspartame.

Leggere sempre le etichette, ed evitare i prodotti cosiddetti "sugar free." L'aspartame è contenuto in molte bibite, farmaci da banco e da prescrizione (indicato sotto la voce "eccipienti"), vitamine e integratori alle erbe, yogurt, caramelle, caramelle balsamiche, cereali, gomme da masticare senza zucchero, miscele di cacao, bibite al caffè, colazioni istantanee, gelatine dolci, dessert surgelati, alcuni succhi di frutta, lassativi, bevande al latte, edulcoranti da tavola, the e caffè istantanei.

Evitare l'HFCS.

Leggere le etichette e se si trova sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio in cima alla lista degli ingredienti, meglio schioccare le dita e riporre il prodotto sullo scaffale. Ignorare gli sguardi straniti degli altri avventori.

Diamo adesso una occhiata ad alcuni modi del tutto naturali per la disintossicazione del corpo dalle sostanze nocive.

Coriandolo.


La procedura standard per la rimozione dei metalli pesanti del corpo è detta "chelazione."

Tutto è compiuto con la somministrazione di un agente chelante - solitamente acido dimercaptosuccinico (DMSA) - che si lega ai metalli pesanti residenti nello organismo facilitandone la naturale espulsione.

Questo tipo di trattamento è piuttosto faticoso, ha molti effetti collaterali e deve essere attuato sotto stretto controllo medico.

Se, tuttavia, ritenete che liberare il corpo da una sostanza chimica mediante la somministrazione di un'altra sostanza chimica potrebbe essere controproducente, sono tendenzialmente d'accordo. Per fortuna esistono erbe e spezie che agiscono naturalmente come agenti chelanti: il coriandolo è una di esse.

Tale erba ha il potere esclusivo di neutralizzare il mercurio.

"Questa erba da cucina è in grado di mobilitare mercurio, cadmio, piombo e alluminio tanto nelle ossa che nel sistema nervoso centrale. È probabilmente l'unico agente efficace nel mobilitare il mercurio immagazzinato nello spazio intracellulare (allegato al mitocondri, tubulina, liposomi ecc) e nel nucleo della cellula (invertendo il danno al DNA di mercurio)."
Dietrich Klinghardt, MD, PhD - Chelazione: Come Rimuovere dal Corpo Mercurio, Piombo e altri metalli.

Gli studi hanno tuttavia suggerito che il coriandolo rimuove il problema solo in alcune parti del corpo, quindi è necessario adoperarlo in abbinamento ad un altro agente per completare il processo di disintossicazione.

Chlorella.


Oltre che per diversi altri effetti benefici, la chlorella è conosciuta per le sue proprietà disintossicanti da tutti i metalli tossici e le tossine ambientali. Questo la rende perfetta per affiancare il coriandolo in una cura disintossicante-.

"Mobilitando le tossine il coriandolo può far si che una parte di esse vada ad invadere il tessuto connettivo (dove risiedono i nervi).

Tale processo è definito reintossicazione, e può facilmente essere evitato somministrando contemporaneamente un agente di assorbimento intestinale delle tossine. La nostra scelta definitiva è appunto la chlorella, organismo algale. Uno studio recente ha dimostrato nei test su animali un eliminazione di alluminio dallo scheletro superiore a qualsiasi altro agente disintossicante conosciuto.

Il coriandolo induce la colecisti a riversare bile - contenente le neurotossine escrete - nello intestino tenue. Il rilascio di bile - fenomeno che avviene naturalmente dopo i pasti - è reso molto più efficace dal coriandolo. Se però non si assume il secondo agente - come la chlorella - la maggior parte delle neurotossine finiscono per essere riassorbite lungo la strada verso l'intestino tenue dalle terminazioni nervose del sistema nervoso enterico"
Ibidem

Aglio.


Non sappiamo se l'aglio sia davvero capace di respingere i vampiri (per i carenti di senso dell'umorismo: trattasi di una battuta - n.d.t.), però possiamo essere sicuri che respinge le tossine dal corpo.

"L'aglio contiene molto zolfo, compresi i gruppi di maggior valore Sulph-hydryl, che ossidano mercurio, cadmio e piombo e rendono questi metalli solubili in acqua. (...) L'aglio contiene anche il minerale più importante, che protegge dalla tossicità del mercurio, il selenio bioattivo."
Ibidem

Quindi l'aglio agisce su mercurio e piombo e aiuta il corpo a evacuare i metalli dal corpo. Forse l'alito cattivo è uno dei prezzi da pagare per conservare una buona salute.

Curcuma.


Questa pianta della famiglia dello zenzero è ampiamente utilizzata come spezia nel sud est asiatico, dove le sue proprietà purificanti sono note da secoli.

La curcuma fu definita dalla medicina ayurvedica la regina delle spezie. La spezia amara aiuta a ripulire il fegato, purifica il sangue e promuove una buona digestione. Ha grandi proprietà anti-infiammatorie, ma nessuno degli spiacevoli effetti collaterali dei farmaci anti-infiammatori. È usata altresì per la pulizia della pelle e la conservazione degli alimenti.

"La curcuma stimola la produzione di tre enzimi-aril-idrocarburo-idrossilasi, glutatione-S-transferasi, e UDP-glucuronil-transferasi. Questi sono "coltelli" chimici che abbattono le sostanze potenzialmente nocive nel fegato. La curcuma offre una protezione analoga per le persone che stanno assumendo farmaci come il metotressato e altre forme di chemioterapia, che sono metabolizzati da o attraverso il fegato."
James A. Dukes, Ph D., Dr. - Erbe Essenziali

Recenti studi scientifici hanno scoperto che la miscelazione con il pepe nero aumenta in modo esponenziale le proprietà curative della curcuma. Nessuna meraviglia che nelle ricette tradizionali dell'Asia meridionale spesso si combinino tali due spezie. Quindi datevi da fare ... macinate un mucchio di pepe nero in quella curcuma!

Omega-3


Non è un segreto che il consumo degli acidi grassi presenti nel pesce apporti molti benefici salutari. Gli acidi grassi fanno miracoli per il nostro cervello.

Gli Omega-3 costituiscono letteralmente il carburante del nostro cervello, contribuendo a mantenere efficienti le sue funzioni principali. Il nostro organo più importante dipende fortemente dallo acido eicosapentaenoico (EPA) e dallo acido docosaesaenoico (DHA), due acidi grassi della famiglia degli Omega-3, che il nostro corpo non può creare autonomamente. L'unico modo per ottenere tali acidi è attraverso la alimentazione.

"La maggior parte dei professionisti sanitari ritiene che il DHA sia l'acido grasso più importante per la struttura sana e lo sviluppo del cervello, quindi sarebbe fondamentale che ci sia abbastanza DHA nella dieta durante la gravidanza e nei primi anni di vita di un bambino. Lo EPA d'altro canto è essenziale per un sano funzionamento quotidiano del cervello, il che significa che per tutta la vita hai bisogno di una fornitura costante di EPA".
McEnvoy David - Perché l'Olio di Pesce è il Carburante del Cervello

Ecco alcuni fatti riguardanti gli Omega-3 che risultano di particolare interesse nel contesto di questi articoli:

- Una ricerca della University of Western Australia ha riscontrato che le donne che avevano assunto supplementi di olio di pesce durante l'ultima parte della gravidanza partorivano bambini con una migliore coordinazione mano-a-occhio, migliori doti oratorie ed in generale superiori doti intellettive dei bambini le cui madri invece avevano assunto olio d'oliva.

- Uno studio della Aberdeen University guidato dal professor Lawrence Whalley ha riscontrato che l'olio di pesce aiuta il cervello a lavorare più velocemente, aumenta il QI e rallenta il processo di invecchiamento.

- I test condotti su studenti dalla Dott. Madeleine Portwood hanno riscontrato che l'olio di pesce migliora il comportamento, la concentrazione e l'apprendimento in aula.

- La ricercatrice Natalie Sinn in Australia ha riscontrato che l'olio di pesce sia più efficace del Ritalin per curare la cosiddetta (molto controversa - n.d.t.) Sindrome da Deficit dell'Attenzione.

- Hibbeln et al. studiò la dieta in 22 paesi e trovò una associazione significativa tra il basso consumo di pesce e la depressione post-natale.

- Il dottor Malcolm Peet ha riscontrato che lo etil-EPA, una forma altamente concentrata di Omega 3, riduce drasticamente la depressione.

L'olio di pesce ha un ruolo importante nel liberare il cervello di sostanze indesiderate:

"I complessi di acidi grassi EPA e DHA presenti nello olio di pesce rendono i globuli rossi e bianchi più flessibili, migliorando la microcircolazione nel cervello, nel cuore e in altri tessuti. Tutte le funzioni di disintossicazione dipendono dalla somministrazione di ossigeno ottimale per il flusso sanguigno. EPA e DHA proteggono il cervello dalle infezioni virali e sono necessarie per lo sviluppo dell'intelligenza e della vista. L'organello cellulare più vitale per la disintossicazione è il perossisomi. Queste strutture di piccole dimensioni sono anche responsabili del lavoro specifico di ogni cellula.

Nella ghiandola pineale la melatonina viene prodotta in perossisomi, in neuroni della dopamina e noradrenalina, ecc. E' qui che il mercurio ed altri metalli tossici attaccano fino a impedire alle cellule di svolgere il loro lavoro. "
Dietrich Klinghardt, MD, PhD - Chelazione: Come Rimuovere dal Corpo Mercurio, Piombo e altri metalli.

Tutto ciò è un bene, ma quali sono le migliori fonti di olio di pesce? Il consumo di grandi quantità di pesce sarebbe la scelta più logica, ma sapendo che molte specie contengono elevati livelli di mercurio, ciò potrebbe causare ulteriori danni al cervello. Per questo motivo, gli integratori di Omega-3 sono probabilmente il modo migliore per mantenere il corpo ben fornito con EPA e DHA.

Quando si seleziona un supplemento Omega-3, è necessario assicurarsi che sia molecolarmente distillato e che contenga alte percentuali sia di DHA che di EPA, ma soprattutto di DHA. La distillazione molecolare è un processo speciale che rimuove tutte le tossine da petrolio (compreso il mercurio), garantendo una adeguata protezione per il consumo umano.

Consigli Finali: Dormire, Sudare e Stimolare la Mente.


Dormire per un adeguato numero di ore per notte è un requisito fondamentale per mantenere il corpo e il cervello in buone condizioni. Al contrario, la deprivazione del sonno può pregiudicare le facoltà cognitive, la gestione dello stress, e può indebolire il sitema immunitario.

L'esercizio fisico regolare è molto importante per la disintossicazione. Esso consente la evacuazione delle tossine attraverso la pelle, migliorando il metabolismo nel suo complesso.

Stimolare il cervello: leggere, meditare e alimentare il ragionamento, continuamente.

In Conclusione.

Questo articolo ha esaminato i modi per evitare i danni prodotti dalle sostanze nocive presenti nei prodotti di uso quotidiano e ha proposto una manciata di soluzioni completamente naturali per liberare il corpo dagli elementi tossici e velenosi.


Oltre che fornire le necessarie sostanze nutritive all'organismo per evacuare le tossine, le sostanze naturali descritte in questo articolo aiutano a mantenere la salute generale.

Un consumo regolare di coriandolo, aglio, curcuma e Omega-3 stimola il sistema immunitario, migliora il pensiero razionale e aumenta la memoria.

Le proprietà di questi semplici ingredienti solo adesso (lentamente) stanno venendo presi in considerazione dalla scienza, tuttavia sono stati utilizzati per secoli da culture di tutte le parti del mondo.

Siamo condizionati a trattare i disturbi causati dai prodotti artificiali usando altri prodotti artificiali, i quali a loro volta possono causare altre malattie. Solo spezzando questo circolo vizioso possiamo riappropriarci del nostro cervello e raggiungere il nostro pieno potenziale. Così, oggi è un giorno nuovo: Mettete giù il cheeseburger al gusto di ... e cambiate la vostra vita.

Fonte: http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/08/societa-ammalata-come-uscirne-come.html

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP