sabato 21 agosto 2010


Obama’s covert wars

A lengthy article in the New York Times on Sunday entitled “A Secret Assault on Terrorism Widens on Two Continents” has provided a glimpse into the extent of the Obama administration’s covert wars. Obama has not only continued, he has expanded the murderous operations that were waged under the banner of the “war on terror” by the CIA and Pentagon during the Bush administration.

As the authors explain: “In roughly a dozen countries—from the deserts of North Africa, to the mountains of Pakistan, to former Soviet republics [in Central Asia] crippled by ethnic and religious strife—the United States has significantly increased military and intelligence operations, pursuing the enemy using robotic drones and commando teams, paying contractors to spy and training local operatives to chase terrorists.”

Obama has dramatically intensified the CIA’s drone missile attacks against alleged insurgents inside areas of Pakistan bordering Afghanistan. The White House has “approved raids inside Somalia,” it has “carried out clandestine operations from Kenya,” and it has collaborated with European allies in covert operations in North Africa, including a recent French strike in Algeria.

The most detailed information concerns the Obama administration’s expanding covert war inside Yemen, where the US military has carried out four air strikes since last December, killing dozens of civilians, including the deputy governor of Marib Province, Jabir al Shabwani, in May. The article incidentally confirms what has not previously been acknowledged: that all of the air strikes were carried out by the United States.

These attacks are just one aspect of American operations inside Yemen. “The Pentagon and the CIA have quietly bulked up the number of their operatives at the embassy in Sanaa, the Yemeni capital, over the past year,” the Times explains. The US is also training elite Yemeni units, providing equipment and sharing intelligence to support Yemeni operations against Al Qaeda in the Arabian Peninsula.

While the Times article acknowledges some political risks are involved, it is uncritical, even laudatory in tone. Under the banner of the “war on terror,” the US is aggressively prosecuting its ambitions for strategic and economic dominance throughout the energy-rich regions of the Middle East and Central Asia. The neo-colonial occupations of Iraq and Afghanistan have been extended into a series of covert wars aimed at consolidating the American presence and expanding Washington’s political influence.

In Yemen, the Obama administration is helping to prop up the dictatorial regime of President Ali Abdullah Saleh, who is notorious for his suppression of political opposition. He came to power in what was North Yemen in 1978 and now runs a unified Yemen as a family fiefdom. The Yemeni military and security apparatus, which Washington is training and equipping, is firmly under the control of Saleh’s family members, who will undoubtedly use its improved capacities against political opponents and critics.

Obama’s secret wars are proceeding with little or no congressional oversight and scant regard for international or American law. As the Times pointed out, the White House is benefitting from “a unique political landscape,” with support from Republicans and Democrats alike.

Earlier this year, the Pakistani newspaper, the Dawn, reported that at least 700 Pakistani civilians were killed in the CIA’s drone missile attacks during 2009. According to Amnesty International, the first US strike on Yemen last December was a cruise missile loaded with cluster bombs that killed more than 40 civilians over several days. None of these crimes has raised a murmur of opposition in the US political or media establishment.

Speaking to the Times, former top CIA officer Jack Devine raised concerns that the limited congressional oversight put in place after the notorious Iran-Contra affair in the 1980s—involving the illegal funneling of money from secret arms sales to Iran to right-wing Contra rebels in Nicaragua—had been weakened. For the current covert operations, he said, “there are not clear rules.”

Under the Obama administration, the Times explained, the Pentagon has expanded its covert missions, which “typically operate with even less transparency and congressional oversight than traditional covert operations by the CIA.” The article reported: “Across the Middle East and elsewhere, Special Operations troops under secret ‘Execute Orders’ have conducted spying missions that were once the preserve of civilian intelligence agencies.”

Not surprisingly, the CIA and military operatives involved in US imperialism’s past crimes are directing or intimately involved in the present operations. Former CIA agent Duane Clarridge, who was indicted in 1991 in connection with the Iran-Contra affair, reemerged in Pakistan, helping to run one of several Pentagon-funded contractors providing intelligence to the US military.

Assistant Secretary of Defense Michael Vickers, who oversees the Pentagon’s expanding Special Operation Command, was a senior CIA agent who helped direct its huge covert war to oust the Soviet-backed regime in Afghanistan in the 1980s. The CIA helped arm and train not only the Afghan mujahedin, but also assisted the thousands of Islamist militants from the Middle East, North Africa and Asia who passed through Al Qaeda (the Base) to fight in Afghanistan. Vickers, along with Defense Secretary (and former CIA head) Robert Gates, was one of several top officials appointed by Bush and kept in place by Obama.

In a sign of things to come, Obama last month appointed John Bennett to head the CIA’s National Clandestine Service, formerly known as the Directorate of Operations. Among his previous assignments, Bennett headed the CIA’s Special Activities Division, which handles highly sensitive spying and paramilitary missions. According to Newsweek, his last posting was as CIA station chief in Islamabad, where he was intimately involved in supervising drone missile strikes inside Pakistan.

Obama’s expansion of covert operations into some of the world’s most unstable countries and regions is reckless and inflammatory. His extension of the Afghan war into neighboring Pakistan, for instance, has not only undermined the government in Islamabad and triggered a dangerous civil war, but is destabilising relations with India and throughout the Indian subcontinent. As the US aggressively pursues its interests through military means—overt and covert—its actions cut directly across the strategic interests of other major powers such as China, and threaten to provoke broader conflicts.

Peter Symonds



Fonte: http://wsws.org/articles/2010/aug2010/pers-a16.shtml


Il widget degli articoli correlati con miniature per un blog su Blogger.

Ho già illustrato questo gadget nel post "Articoli
simili con miniature
", presentandolo come un'alternativa per la
piattaforma Blogger al widget LinkWithin.
Tale widget infatti non può essere particolarmente personalizzato
e mostra delle miniature di articoli che sono un mix
tra post con la stessa etichetta e articoli casuali
. Ha inoltre
problemi di inserimento e, soprattutto, di disinstallazione in molti modelli.
Nel gadget che mi appresto a illustrare le miniature sono ricavate dalle
immagini
presenti nei post correlati. Quando non ci sono immagini ne
viene vista una di default




che volendo può essere cambiata. Andate su
Layout > Modifica HTML
e scaricate il modello completo.
Espandete i modelli widget, cercate la riga



</head>

e, immediatamente sopra, incollate
il seguente codice






<!-- Articoli Simili Con Miniature-->

<b:if cond='data:blog.pageType == &quot;item&quot;'>

<style type='text/css'>

#related-posts {

float:center;

text-transform:none;

height:100%;

min-height:100%;

padding-top:5px;

padding-left:5px;

}

#related-posts h2{

font-size: 1.6em;

font-weight: bold;

color: #191919; /* Colore del Titolo */

font-family: Georgia, &#8220;Times New Roman&#8221;, Times, serif;Trebuchet
MS&#8221;

margin-bottom: 0.75em;

margin-top: 0em;

padding-top: 0em;

}

#related-posts a{

color:black;

}

#related-posts a:hover{

color:black;

}

#related-posts a:hover {

background-color:#FDBCB7;

}

</style>

<script src='http://sites.google.com/site/ideepercomputeredinternet/script-1/miniaturepost2.js'
type='text/javascript'/>

</b:if>

<!-- Articoli simili con Miniature-->

Le personalizzazioni riguardano il
colore del titolo
delle miniature e il colore dello sfondo
quando vengono puntate con il mouse. Se volete cambiare
l'immagine che appare quando nel post non ce ne sono dovete semplicemente
scaricare
questo
file javascript
e sostituire l'URL dell'immagine a
inizio post con quello di un'altra immagine che avete
precedentemente caricato sul web mediante Skydrive
o servizio analogo.


Adesso cercate questa riga


<div class='post-footer-line
post-footer-line-1'>


nel caso in cui no0n fosse presente cercate
quest'altra <p class='post-footer-line post-footer-line-1'> e,
immediatamente dopo, incollate il codice



<!-- Articoli Simili con Miniature -->

<b:if cond='data:blog.pageType == &quot;item&quot;'>

<div id='related-posts'>

<b:loop values='data:post.labels' var='label'>

<b:if cond='data:label.isLast != &quot;true&quot;'>

</b:if>

<b:if cond='data:blog.pageType == &quot;item&quot;'>

<script expr:src='&quot;/feeds/posts/default/-/&quot; + data:label.name
+ &quot;?alt=json-in-script&amp;callback=related_results_labels_thumbs&amp;max-results=6&quot;'
type='text/javascript'/></b:if></b:loop><a href='http://parsifal32.blogspot.com/2010/01/il-widget-degli-articoli-correlati-con.html'
style='display:none;'>Widget degli articoli correlati con miniature per
Blogger</a><a href='http://parsifal32.blogspot.com/'
style='display:none;'>Idee per Computer ed Internet</a>

<script type='text/javascript'>

var currentposturl=&quot;<data:post.url/>&quot;;

var maxresults=6; /* Numero di Articoli
Simili */

var relatedpoststitle=&quot;Ti potrebbero anche
interessare
:&quot;;

removeRelatedDuplicates_thumbs();

printRelatedLabels_thumbs();

</script>

</div><div style='clear:both'/>

</b:if>

<!-- Articoli Simili con Miniature -->

Le personalizzazioni riguardano il massimo
numero di risultati per ciascuna etichetta
(il primo 6
che lascerei comunque invariato) e il numero di articoli simili
da visualizzare
tramite miniatura (il secondo 6
che dipende dalla larghezza del template).


La scelta interessante riguarda anche la frase
che si vuole vedere sopra le miniature degli articoli
correlati
. Ho messo "Ti potrebbero
anche interessare
" che è identica a quella del widget
LinkWithin
. Salvate il modello.


Questo widget sarà visibile
ovviamente solo nei post e non in Homepage e nelle pagine di archivio.
Se lo volete vedere in azione date uno sguardo al blog "News,
Politica, Spettacolo e Sport
", per esempio a questo
post
.


miniature-articoli-simili

Come vedete è molto simile al widget
LinkWithin
e può esserne un'interessante alternativa.




Fonte: http://www.ideepercomputeredinternet.com/2010/01/il-widget-degli-articoli-correlati-con.html


Bloggers perseguitati e dichiarati malati di mente per mettere a tacere il dissenso - Jane Bürgermeister - Vienna 18 luglio 2010

Salve, il mio nome è Jane Bürgermeister e mi trovo a Vienna nella Heldenplatz, dove Hitler pronunciò il suo famoso discorso nel 1938 quando ci fu l'annessione dell'Austria, e ora nel 2010 mi sento come una delle persone che sono state perseguitate dal governo austriaco.

Il 12 agosto dovrò comparire in tribunale a Dublino, per essere sentita a proposito dell'eventualità di essere sottoposta a supervisione giudiziaria. Se verrò messa sotto supervisione giudiziaria non avrò più nessun diritto, né il diritto di difendere me stessa in tribunale, né quello di mantenere le mie proprietà, né la possibilità di continuare il mio lavoro.

Come giornalista che ha lavorato per Nature, il British Medical Journal, The Guardian e The Observer sono stata una delle persone che hanno avvertito il mondo che la pandemia da influenza suina non era affatto grave come la dipingevano i governi, i media e l'Organizzazione Mondiale della Sanità, che il virus era in realtà piuttosto debole e che le vaccinazioni non erano necessarie, ma anzi piuttosto che i vaccini non erano stati testati, oppure erano stati testati inadeguatamente, ed erano essi a costituire un rischio.

Queste opinioni sono state convalidate dal parlamentare inglese Paul Flynn in un rapporto presentato alla fine di giugno all'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, in cui anche egli conclude che l'intera influenza suina e l'allarme pandemia sono stati fabbricati dall'OMS e dalle compagnie farmaceutiche prevalentemente per il loro profitto. Anche il British Medical Journal, nel frattempo, aveva pubblicato un articolo molto critico sulla pandemia da influenza suina e sulla campagna globale di vaccinazione.

Nonostante tutto questo, stanno per mettermi sotto supervisione giudiziaria per decreto di un giudice austriaco con l'accusa di vedere ovunque cospirazioni che non posso dimostrare e per cui non ho nessuna prova, e con l'accusa di avere messo finanziariamente a repentaglio la proprietà di mio padre. Mio padre è morto nell'ottobre del 2009 ed ha lasciato a me e ai miei fratelli una casa e un appartamento per un valore di circa 700 – 800.000 euro; abbiamo già dovuto occuparci del patrimonio di nostra madre e vendere la sua casa, lo abbiamo fatto con successo, ma qui in Austria potrei essere messa in prigione e privata di tutti i miei diritti a proseguire il mio lavoro, come conseguenza delle accuse di questo giudice.

Fortunatamente sono riuscita a vedere l'appunto che lei ha scritto per il tribunale di Dublino il giorno stesso in cui lo ha scritto e ne ho fatto una fotocopia, così ho potuto verificare che le sue ragioni sono assolutamente prive di fondamento, e in effetti ho potuto lanciare degli appelli e anche inoltrare formali denunce a carico di questo giudice, perchè posso dimostrare attraverso documenti, email, fax e altre prove che questo è un deliberato falso pretesto per mettermi a tacere.

Non sono l'unica persona in Austria o in Germania che deve fronteggiare queste accuse, ci sono anche altri bloggers che sono stati consegnati dallo stato e sono diventati bersaglio di giudici corrotti che fanno un uso scorretto della legge per ridurli al silenzio.

Questa purtroppo è una tendenza che non è in atto solo in Europa ma anche in Nuova Zelanda, in America e in Canada. In Austria inoltre è stato approvato nel 2010 un Atto per la Prevenzione del Terrorismo che consente al governo di arrestare praticamente chiunque con il pretesto che possa costituire una minaccia per lo Stato, o sia legato al terrorismo, qualsiasi cosa questo significhi.

Quindi stiamo entrando in un era molto più pericolosa, paragonabile al 1933, quando allo stesso modo ci furono arresti di massa qui in Austria da parte di giudici corrotti che facevano un uso strumentale della legge e poco dopo che Hitler marciò sull'Austria nel 1938 circa 200.000 austriaci furono arrestati con vari pretesti in quello che fu l'inizio del "regime del terrore".

Ora ci troviamo di fronte alla stessa situazione, a tutti questi anni di distanza sperimentiamo una analoga crisi economica, anche questa orchestrata dalle banche, siamo sull'orlo della terza guerra mondiale contro l'Iran, rischiamo la coscrizione obbligatoria ai sensi del Trattato di Lisbona, ed abbiamo a che fare con un governo sempre più autoritario.

In America ed in Europa ci aspettano anche nuove vaccinazioni per l'influenza che contengono elementi delle vaccinazioni tossiche per l'influenza suina, e probabilmente ci aspetta anche una nuova pandemia costruita a tavolino.

Ecco perchè i governi si mostrano così ansiosi di oscurare l'internet e di ridurre al silenzio le persone che fanno informazione su questi eventi.


Frutta di stagione.


















Fonte: http://vukicblog.blogspot.com/


La rivolta d'Ungheria

Articolo tratto dall'ottimo blog di Gianluca Freda, cronaca semiseria di un ennesimo atto di non sottomissione ai poteri forti da parte di un governo dell'Est; certo non si tratta di un governo di eroi e di Don Chisciotte, anche perchè non fanno niente per far cessare le scorribande di scie chimiche nei loro cieli nè, pur tassando le banche, ne denunciano la pratica del signoraggio. Insomma l'insubordinazione al sistema c'è ma è per certi versi di basso profilo. Ciò non toglie che di fronte ad un simile "sgarro" i vertici ungheresi potrebbero fare una brutta fine, come quelli polacchi.



La rivolta d'Ungheria
"Le istituzioni finanziarie devono fare la loro parte nella distribuzione più equa degli oneri fiscali, almeno temporaneamente, per il periodo necessario a far riprendere quota all'economia e a stabilizzare la situazione finanziaria. La tassa imposta alle banche è necessaria, giusta ed efficace ed è utile agli interessi del paese e delle persone in condizioni particolarmente difficili".

A pronunciare queste eretiche parole è il Primo Ministro ungherese Viktor Orban, leader del partito Fidesz, il "rinnegato" che giovedì scorso ha osato far approvare dal Parlamento magiaro una legge che impone alle banche ungheresi, alle compagnie assicurative e ad altri istituti finanziari una folle tassa sugli attivi (dello 0,45% per le banche e del 5,2% per le compagnie assicurative), destinata a durare per almeno tre anni a partire dalla fine del 2009. Il provvedimento, stando alle dichiarazioni di Orban, dovrebbe servire a contenere il deficit ungherese entro il 3,8% del PIL. Tristemente, la legislazione è stata pure approvata con una maggioranza che, se non stessimo parlando dell'Ungheria, potremmo definire bulgara: 301 voti favorevoli contro 12 contrari. Pressoché unanime, com'è comprensibile, lo sdegno che l'iniziativa ha suscitato presso i creditori internazionali dell'Ungheria, le istituzioni europee e il Fondo Monetario Internazionale. "Questo è populismo!", si sono lagnati all'unisono i tapini defraudati. "Così si blocca la crescita del paese! Si mina la fiducia degli investitori! E poi, sul lungo periodo, è una misura che si rivelerà poco utile al contenimento del deficit". Sante parole. Un paese, come è noto, non è composto dai suoi cittadini, dalle loro esigenze, dalle loro iniziative commerciali e culturali, ma solo ed esclusivamente dai suoi operatori finanziari, astro sfolgorante intorno al quale deve ruotare e di fronte al quale deve essere pronta ad annullarsi ogni residua velleità nazionale. Quando uno Stato ha problemi di budget, come è di lapalissiana evidenza, l'unica misura possibile è quella di smantellare scuole e ospedali, tagliare i finanziamenti alle forze di sicurezza, ridurre gli stipendi dei dipendenti pubblici, fare il deserto delle strutture di assistenza, in modo che gli operatori finanziari e le società da essi controllate possano sostituirsi alle attività pubbliche così rase al suolo o acquistare ciò che ne resta per un boccon di pane, ricavandone enormi profitti con poca spesa. Ad assicurarsi che tutto si svolga secondo queste regole è il FMI, esattore e cane da guardia delle istituzioni finanziarie, che minaccia ritorsioni economiche e sospensioni di prestiti ogni volta che un paese prova a smarcarsi da questo meccanismo suicida. E' il metodo sperimentato con successo in Italia dopo la stagione di Mani Pulite, che spazzò via la vecchia classe politica legata alla concezione pubblica della fornitura dei servizi per sostituirla con un branco di avvoltoi ammaestrati che diroccarono e svendettero a prezzi di liquidazione quasi ogni struttura che garantisse sicurezza e autonomia alla nazione. Per essere più certe che il marchingegno funzioni, sono le stesse banche centrali a creare i problemi di budget che metteranno in moto lo smantellamento e la svendita, vendendo agli stati il denaro di cui hanno bisogno in cambio dell'emissione di titoli del debito pubblico gravati da interesse, che produrranno di anno in anno un indebitamento esponenziale.

Si tratta di una strategia di comprovata efficienza, i cui capisaldi nessun governo sano di mente si sognerebbe di mettere in discussione.

Ogni tanto, però, salta fuori dal cappello un primo ministro un po' folle come Orban che ha l'ardire di chiedere alle banche la restituzione di una piccola frazione del maltolto e di rispondere in malo modo al FMI, invitandolo a cavarsi fuori dai maro dalle questioni di politica nazionale. All'Ungheria era stato imposto dal FMI l'obiettivo del 3,8% del rapporto deficit/PIL entro la fine di quest'anno. Detto fatto, il governo ha deciso di tassare le banche per raggiungere tale obiettivo senza affamare e straziare ulteriormente i cittadini, già provati da cinque lunghi anni di austerity.

"Il nostro accordo non diceva nulla sui metodi che avremmo dovuto adottare per raggiungere questo obiettivo", ha detto Orban in un incontro con una schiumante Angela Merkel. "La scelta degli strumenti e dei tempi della loro applicazione attiene alla nostra esclusiva responsabilità nazionale. […] Con queste misure, l'Ungheria avrà entro la fine dell'anno un deficit non superiore al 3,8%. E con questo il nostro rapporto con il FMI è concluso. Da quel momento in poi, non dovremo più confrontarci con il FMI, ma con l'Unione Europea".

Ah ah ah!

Deridetelo tutti, schiavi!

Scelta degli strumenti? Responsabilità nazionale? Chiudere i rapporti con il FMI? Ma cosa dice questo pazzo?

Il poveretto è convinto di poter agire nell'interesse della nazione senza pagare dazio agli organi di controllo internazionali, che utilizzano le attività finanziarie e i ricatti economici come un randello per tenere in riga i paesi europei sotto l'occhio vigile delle strategie geopolitiche statunitensi. Il governo ungherese ha perfino osato approvare un provvedimento che pone un tetto all'entità dei salari dei dipendenti pubblici, compreso quello dei dirigenti della Banca Nazionale d'Ungheria e del Consiglio per le Politiche Monetarie, facendo inviperire il governatore della banca centrale, Andras Simor, che si è visto tagliare del 75% la principesca retribuzione di 8 milioni di fiorini mensili (circa 27.000 euro, 40 volte il salario medio di un lavoratore ungherese) ed ha iniziato per questo ad urlare alla lesa indipendenza dell'istituzione bancaria. Anziché infierire su chi produce ricchezza materiale per il paese, come fanno tutti i governi perbene, il governo ungherese ha ridotto di 9 punti (dal 19 al 10%) la tassazione per le aziende con un fatturato annuo inferiore ai 500 milioni di fiorini (1,7 milioni di euro), per di più con effetto retroattivo al 1° luglio. Si è spinto fino al punto di vietare i mutui in valuta straniera (euro e franchi svizzeri) che facevano concorrenza ai mutui in valuta nazionale, creavano un'impennata del debito verso l'estero e incrementavano l'esposizione del mercato immobiliare interno all'alea dei rapporti di cambio valutario.

Tutto questo ha l'aspetto inquietante di qualcosa di cui in Europa non si sentiva più da tempo né l'odore né il sapore: sovranità nazionale! Politiche elaborate nell'interesse della crescita del paese anziché per compiacere i potentati bancari internazionali! Deficit ripianati sottraendo risorse alle improduttive e velenose attività finanziarie anziché ai servizi e alla ricchezza reale della nazione. Di questo passo il governo ungherese potrebbe prima o poi mettersi in testa, che so, di progettare una propria politica del lavoro, adottare programmi pensionistici potenziati, perfino stampare esso stesso moneta anziché prenderla a prestito dalla banca centrale! E facendo questo, potrebbe fungere da esempio per altri paesi della prigione monetaria europea, che pretenderebbero di adottare gli stessi sistemi! Dove andremo a finire, signora mia?

Per questo motivo, i secondini del carcere comunitario sono corsi immediatamente ai ripari. Dapprima hanno scatenato le opportune campagne di stampa antiungheresi sugli appositi organi d'informazione economica del regime, facendo strepitare ad insigni editorialisti apocalittiche previsioni su crolli degli investimenti e blocco della crescita (crescita di che??). La BCE si è mostrata fortemente risentita per la temerarietà con cui le decisioni sul tetto ai salari dei banchieri sono state prese senza prima attendere il suo ponderato parere, che sarebbe stato ovviamente del tutto spassionato e scevro da qualsivoglia sospetto di connivenza con gli omologhi della BNU. Andras Simor, disponendosi eroicamente al martirio, ha minacciato le proprie dimissioni da governatore della BNU, prospettiva dinanzi alla quale il governo di Orban non ha palesato eccessiva disperazione. Il capo dell'austriaca Raiffeisenzentralbank (RZB), Walter Rothensteiner (chissà perché tutti i banchieri hanno cognomi così?), ha avvertito a denti stretti che "l'Ungheria sta giocando col fuoco", sottolineando il proprio disappunto nei confronti di un paese così folle da tassare i propri istituti bancari anziché tappare le loro falle con il denaro dei cittadini. Come si può fare una cosa così brutta? Perché gli ungheresi non prendono esempio dall'Austria, che nel solo 2009 ha regalato alle sue banche 6 miliardi di euro per colmare i loro crateri di bilancio e naturalmente non ha intenzione di fermarsi qui? Rothensteiner ha "consigliato" alle banche ungheresi di recuperare il denaro della tassazione imponendo ai loro clienti costi di gestione più alti e altri oneri vari ed eventuali. Gli ha fatto eco Wilibald Cernko, amministratore delegato di Bank Austria, minacciando tra i 5.000 e i 10.000 licenziamenti nel settore della finanza austriaca. Il FMI, per bocca del suo direttore Strass Khan, ha minacciato di congelare il prestito di oltre 20 miliardi di euro con cui si proponeva di "aiutare" la nazione magiara a ripianare i propri debiti, in cambio della prona accettazione dei regolamenti comunitari – che equivalgono, come noi tutti dovremmo ormai aver capito, ad una completa e definitiva rinuncia ad ogni forma di sovranità nazionale. Alla fine, non riuscendo ad ottenere alcuna marcia indietro, il FMI e l'UE hanno diramato un comunicato stampa in cui notificavano all'universo mondo di aver rotto ogni trattativa col governo di Budapest poiché quest'ultimo avrebbe rinunciato a rispettare i programmi d'austerità promessi negli accordi. Cosa non vera, come si è visto, dato che le misure adottate dal governo Orban potrebbero risanare i deficit di bilancio molto più efficacemente di qualunque forma di prestito a strozzo offerta dal FMI.

Chissà se questo accerchiamento riuscirà a far desistere il governo ungherese dai propri più che auspicabili propositi? Va tenuto presente che l'Ungheria è fra i paesi dell'ex oltrecortina quello che tradizionalmente destina le più ampie risorse all'investimento nel settore pubblico e nei servizi, e questo non solo per il suo passato socialista, ma perché i governi, dovendo tenere a freno la disoccupazione e la destabilizzazione economica esplose dopo l'apertura al capitalismo, hanno ritenuto opportuno potenziare la domanda interna con appropriati interventi dello stato e sopperire con il lavoro nelle amministrazioni pubbliche all'assenza di livelli occupazionali accettabili nel privato. Le misure "lacrime e sangue" che i governi hanno dovuto imporre negli ultimi cinque anni per entrare di diritto nell'esclusivo club europeo sono dunque non solo malviste dagli elettori, ma anche estranee ad una tradizione di forte presenza dello Stato nella vita quotidiana che gli ungheresi non sono preparati ad abbandonare; soprattutto se la rinuncia non comporta altro che un trasferimento di risorse dal parassitismo burocratico di stato al vampirismo finanziario delle istituzioni bancarie, mille volte più voraci e prepotenti delle antiche istituzioni socialiste, mille volte più inefficienti e incapaci di garantire ai cittadini, in cambio dei sacrifici senza fine a cui lo costringono, altro che sacrifici ed indebitamento ulteriore.
Fonte: http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/07/la-rivolta-dungheria.html

venerdì 20 agosto 2010


Pier Luigi Ighina: La Legge del Ritmo

Pierluigi Ighina. Senza Ritmo, la vita non può esistere.
Fonte: Altrogiornale
Penso di poter affermare, senza ombra di dubbio, che tutto ciò che è vivo e vitale, sia espresso con funzioni ritmiche. Senza Ritmo, la vita non può esistere.
Però cos'è il Ritmo in sè?

Ci sono molti tipi di ritmi in natura: il Ritmo diurno e notturno che alterna il passaggio della notte e del giorno e viceversa; il Ritmo mensile della Luna; il Ritmo delle stagioni...
Nell'uomo c'è il Ritmo cardiaco, il Ritmo respiratorio, quello digestivo, ecc..ecc...
Si può dire che la presenza del Ritmo non caratterizzi solo l'esistenza degli esseri viventi, ma anche di tutto ciò che appare nell' Universo creato.

Se vogliamo dare la definizione più possibile del Ritmo, potremmo dire che consiste in un movimeno esterno alternato, che può avere la forma di un movimento ciclico, sia parabolico che a spirale, che esprime una Pulsazione interna che si espande e si contrae continuamente.


Ora se la Pulsazione è l'aspetto interno e quindi la parte nascosta del Ritmo, il movimento esterno ritmico e spaziale di aspetto variabile, che si manifesta in successione più o meno rapida, è quello che può essere conosciuto in modo apparente, dai sensi dell'essere umano.
Da questo, i nostri sensi ottengono solo ciò che deriva da quello che è esterno e quindi superficiale del Ritmo ed è un notevole limite tra l'uomo e la vera conoscenza che lo circonda.

Ighina ha portato sulla Terra la rivelazione di ciò che è il Ritmo nel suo aspetto interiore, ma come accade sempre in questi casi, tutti o quasi tutti non hanno creduto alle sue parole, che implicavano una realtà sconosciuta alle percezioni sensoriali.

Il semplice sistema per comprendere le sue rivelazioni, consisterebbe nel Credere alle sue parole per Fede, come io ho fatto con pochi altri al tempo, perchè "sentivamo" internamente che quella era la Verità che ci veniva proposta e solo seguentemente, abbiamo notato che il premio alla nostra fiducia è stata anche una comprensione razionale e logica a tutti i fenomeni misteriosi che accadevano continuamente a noi e attorno a noi.

Però nel nostro tempo dominato da una mentalità materialistica che crede solo in ciò che possiamo vedere e toccare con mano, interpretandolo anche in modi diversi, chi crederà alle nostre parole, ad una visione energetica e spirituale della vita, l'unica che può fondere nell'armoniosa Unità della Realtà tutti i contrasti e le contraddizioni?
La versione di Ighina dell' Universo è meravigliosa, perchè spiega tutti i fenomeni in modo semplice e unitario, perchè fonde in sè in una visione unitaria, non solo quello che scopriamo in natura con metodi scientifici, ma rivela anche le relative corrispondenze nel campo religioso.

Ighina affermava che non è possibile separare la Scienza dalla Religione, dal momento che entrambe rispondono alle domande fondamentali dell'essere umano, che ha in mente il desiderio di conoscere la natura intima di ciò che lo circonda e di ciò che percepisce tramite i sensi e ha nel cuore la necessità di credere che tutto ciò che esiste ha un Creatore e un proposito da realizzare.

Sfortunatamente da millenni, è realizzata nell'uomo questa dicotomia, che separa la mente dal cuore dell'uomo, evitando che possa sentire pienamente la meravigliosa Unità della Creazione che connette, spiega e da significato a tutto.

Più tardi, ho realizzato che forse è eccessivo pretendere di cambiare l'errata mentalità umana, consolidata nei secoli, con semplici ragionamenti ben fondati sulle prove, che in passato mi hanno spinto a desiderare di mettere in atto straordinari segni per convincere le persone; però ho quindi eliminato da me questo desiderio, pensando a Gesù che nonostante i miracoli da lui compiuti, non è riuscito a cambiare la mentalità dominante del suo tempo, portandolo ad essere inchiodato alla Croce.

Di conseguenza, ho deciso di riorganizzare le mie aspettative, evitando di convincere le persone della Verità contenuta nel messaggio profetico di Ighina, ma prendendomi solo la soddisfazione facendo nascere un ragionevole dubbio nella mente di chi legge le cose che scrivo da anni.

Molto tempo fa, mi è venuto a trovare un caro amico, molto interessato su Ighina e i suoi studi, ma che poi si è chiuso quando ho toccato la materia della Religione, che per lui non è altro che una eredità di superstizioni instillate nei semplici cuori da chi ha voluto dominare la vita delle persone tramite l'ignoranza.

Con lui, che è venuto da me spontaneamente per iniziare un discorso, invece di proporre nuove cose difficilmente accettabili, ho provato a mostrare i limiti delle cosiddette "certezze scientifiche" ora entrate nel DNA mentale dell'umanità.
In questo modo, ho iniziato a parlare di cinematografia, dicendo: "Sai certamente che quando assistiamo alla proiezione di un film, riusciamo a vederlo per la persistenza delle immagini sulla retina.

Un improvviso lampo di luce può accecarci, ma anche la proiezione di un film ci "acceca", dal momento che ci fa vedere un movimento continuo e coerente sullo schermo, di ciò che in realtà è continuamente interrotto da "ombre" inserite tra i singoli frames.

La cinematografia esiste, perchè esprime l'incapacità dei nostri occhi di catturare la presenza di elementi estranei alla luce, nella proiezione di un film.
Infatti, nel momento in cui l'otturatore taglia il fascio luminoso del proiettore, nasconde alla vista l'intervallo che separa ogni singolo fotogramma da quello che lo segue, offrendoci così una continuità di visione interamente falsa in sè.

Questi istanti di ombre, che rappresentano anche una sostanziale parte del film a cui assistiamo, dal momento che ha una duranta quasi uguale a quella in cui percepiamo le immagini luminose, dovrebbero portarci a riflettere seriamente e a farci mettere alcuni dubbi sulla validità dell'affidabilità dei nostri mezzi di percezione, su cui abbiamo fondato tutta la nostra vita e la nostra mentalità.

Ighina affermava che noi vediamo solo una parte della realtà, dal momento che anche la luce del Sole è ritmica, pulsante, dato che riassorbe in sè come "ombre" non notate dai sensi umani, le riflessioni della sua luce, che non solo riceve dai Pianeti, ma anche dal Firmamento, che è lo schermo su cui il Sole proietta il film della Creazione, che è sottolineata in modo apparente e ingannevole, in virtù della persistenza retinica, come materia più o meno in movimento nello Spazio.

Dopo aver visto il film, dovremmo chiederci: "Cosa sarà accaduto nella proiezione tenebrosa che si è verificata anche sotto i miei occhi, senza che ne fossi cosciente. Ora, se anche la luce del Sole si comporta allo stesso modo, sono forzato a dedurre che metà della mia vita mi è sfuggita, dal momento che non sono riuscito ad averne coscienza e a ricordarmene!"

Ighina sosteneva che quelle sono le pause tenebrose non notate, che ci nascondono il Mistero della Riflessione e del Riassorbimento della Luce, la parte sconosciuta del Ritmo; ma chi ci crederà? L'amico a cui ho girato per la prima volta questo discorso, mi ha confidato di non essere riuscito a togliersi il dubbio che questo possa essere vero.

La cosa mi ha dato molto piacere e mi ha fatto sperare che possa servire a distaccarlo da una concezione arida e incompleta della vita, per aprire la fertilità del Mistero che appare tenebroso, ma che contiene in sè i germi della Verità di una visione spirituale della vita.

Nella prima parte di questa esposizione, parlando di cinematografia, ho cercato di mettere in evidenza alcune verità pienamente riconosciute, come dalla Scienza Ufficiale, sia nel campo fisico che tecnologico, ma le cui conseguenze a livello filosofico ed esistenziale, sono completamente ignorate da quasi la totalità degli esseri umani.

Tutti assistono ogni giorno e per molte ore, a show televisivi e cinematografici, ma nessuno realizza che ciò che viene visto sugli schermi piccoli o grandi, non è reale (ovviamente non parlo dello show in sè, ma del mezzo che ne permette la percezione), ma una illusione scambiata per realtà dai nostri sensi, soprattutto dalla vista, che viene continuamente ingannata dalla persistenza degli impulsi luminosi sulla retina, che formano una brillante e ritmica percezione, frammentata da interruzioni tenebrose provocate dall'otturatore, in una successione continua e coerente delle immagini in movimento, connesse fra loro.

L'invenzione della cinematografia dovrebbe provocare una crisi esistenziale di proporzioni mondiali nell'umanità, che usa considerare le percezioni sensoriali come vere prove della realtà oggettiva e quindi come base della mentalità comune fondata sulla logica, che aveva e ancora ha nella supposta veridicità delle percezioni, la presupposizione delle sue deduzioni.

E' incredibile pensare che i fratelli Lumiere (Lumière in francese significa Luce), con l'invenzione del cinema, hanno rivelato la base ritmica della creazione del mondo, ma praticamente nessuno ha compreso il vero significato di questa straordinaria realizzazione, che se da un lato insegna a creare così piacevoli illusioni, ad essere capaci di eccitare, muovere, a spaventare chi le guarda, al pari dei più comuni eventi della vita, dall'altra parte stimola a vedere oltre le apparenze sensoriali, la vera natura della realtà.

Il lavoro dei fratelli Lumière, è stato un forte richiamo, ma interamente mal compreso, alla revisione dei principi fondamentali della metodologia cognitiva sensoriale, un richiamo completamente ignorato e mal compreso, ma solo considerato nel suo aspetto superficiale di semplice show.
Dopo i Lumières, è stato il grande scienziato Heisenberg ad avvertire la comunità scientifica internazionale, degli effetti provocati dalla luce nel campo delle investigazioni atomiche e subatomiche.

Heisenberg disse: "Per vedere, la luce è essenziale, ma la luce interferisce con gli atomi e altera la loro posizione e il loro movimento."
Di conseguenza una investigazione veramente sensoriale della struttura atomica non sarà mai possibile.

Riassumendo, i fratelli Lumière hanno sottolineato la facilità con cui il senso della vista può essere ingannato, dal momento che reagisce a uno stimolo luminoso per la maggioranza del tempo della durata dello stesso impulso (persistenza), lanciando le basi per una revisione dell'affidabilità delle percezioni soggettive.

A turno, Heisemberg ha messo in prominenza l'oggettiva interferenza che la luce provoca nel particolare ambiente atomico, ma nessuno ha voluto rinunciare alle proprie ricerche per motivi d'orgoglio e hanno cercato di rimpiazzare la luce, con le accelerazioni operate tramite enormi campi magnetici, come se questi non operassero determinando influenze sugli atomi.

Dato che l'intero universo è composto da atomi, dovrebbe essere facile dedurre che le relazioni tra l'uomo e l'ambiente circostante, sono influenzate dagli effetti provocati dalla luce sulla materia e che è impossibile scoprire con metodi esteriori, cosa accade dentro.

Personalmente da quando ero un ragazzo, ho sempre osservato con meraviglia, gli effetti provocati dalla luce sul radiometro, l'ampolla di vetro contenente pannelli di colore bianco e nero, alternati tra loro, che ruotavano velocemente su un perno, se venivano esposti alla luce.
Era evidente che il radiometro rivelava la pressione della luce sulla materia, ma non ho trovato in alcun libro di fisica o astronomia alcuna teoria che contemplasse gli sviluppi inevitabili di tale provata verifica.

Dato che ho conosciuto Pier Luigi Ighina e ho ascoltato e seguito i suoi insegnamenti, ho compreso infine la vera natura delle relazioni tra la Luce e la Materia e le conseguenti illusioni di cui tutti gli uomini sono vittime inconsapevoli.
Da Ighina, ho appreso la Legge del Ritmo, per cui Luce e Materia sono le polarità opposte della manifestazione e le cause dell'Effetto Stroboscopico, che è il "velo" che nasconde all'uomo, la vera natura della Realtà.

Non conoscendo la Legge fondamentale del Ritmo, l'uomo crede che ciò che serve a conoscere quello che è esterno, sia anche utile a scoprire il segreto dell'interno e quindi costruiscono teorie internamente errate. Cosa fa la luce quando entra in una stanza buia?
Si inverte, cambia polarità e questo l'uomo lo sa, nel processo dello sviluppo fotografico agiscono in accordo; però se vai a dire loro che per conoscere la realtà interna devono invertire la loro mentalità, immediatamente sono pronti a tirarti le pietre!

Ighina affermava che esiste solo Energia Fondamentale Creativa, da cui ogni cosa creata deriva; tale Energia, di per sè omogenea e quindi non diversificata, veniva chiamata Spirito da Ighina.

Lo Spirito distacca da sè una parte di sè, iniziò con tale parte una relazione ritmica d'amore, nella forma di Emanazione invisibile e seguente Riflessione, che incrementava di continuo il mutuo Amore e quindi l' Energia interna.
Tali effusioni ritmiche, sempre più rapide e intense, arrivarono a uno stato di Tensione immobile, che quindi esplose, producendo la Luce Creativa.

Quindi si può dire, che è la Luce il primo concreto e quindi visibile aspetto assunto dallo Spirito, che si è irradiato nella forma di Alone dilatatosi e muovendosi all'esterno e quindi contraendosi verso il punto esplosivo di origine, ha dato inizio al Ritmo Creativo.

Infatti la Luce dilatata ora in via di contrazione, incontrandosi con la Luce ancora in fase di espansione, ha dato origine a tutti i tipi di materia, secondo il punto dello Spazio in cui è avvenuto lo scontro.
Quindi come spiegato qua in sintesi, l'Origine della Luce e della Materia, in realtà sono differenti forme di una Energia Creativa e tramite il Ritmo si trasformano continuamente una nell'altra.

Ora la Luce quando appare ai sensi, è sempre in fase di dilatazione e quando è in fase di contrazione seguendo la Riflessione sul Limite che contiene sè stesso, assume l'aspetto tenebroso e non è visibile.
La Luce e L'Oscurità si manifestano superficialmente con un movimento a spirale di senso contrario una sull'altra e con diversa velocità che è maggiore nella fase luminosa di dilatazione.

E' questa differente velocità che origina sulla superficie dei Pianeti la Pressione detta Forza di Gravità, che si manifesta anche come Effetto Stroboscopico, che porta a vedere in certi casi come in movimento, ciò che è fermo e come fermo ciò che muove nello Spazio.

Qua mi fermo anche io, perchè ho deciso che è meglio sottolineare i punti errati in ciò che era creduto e che lo è ancora, col proposito di sollevare dubbi ragionevoli, piuttosto che proporre teorie innovative rivoluzionarie, che per essere approvate richiedono l'abbandono non facile di una vecchia mentalità, ma mantenuta in vita, persino cristallizzata, perchè consolidata dalla tradizione e dall'abitudine.

Fonte: http://www.rexresearch.com/ighina2/ighina2.htm
Tradotto da Richard per Altrogiornale.org


Fonte: http://www.climatrix.org/2010/08/pier-luigi-ighina-la-legge-del-ritmo.html


Casino Royal



Fonte: http://www.gavavenezia.it/


11/9: i segreti dell’analisi sul crollo dell’Edificio 7

di reopen911.info.
tratto da Megachip


Riepiloghiamo i fatti: il World Trade Center 7 è l'edificio di 47 piani crollato l’11 settembre 2001, sette ore dopo le Torri Gemelle, senza essere colpito da alcun aereo. L'agenzia governativa NIST, National Institute of Standards and Technology, incaricata dall'amministrazione Bush di far luce sul crollo, non ha presentato la sua relazione sino all’agosto 2008, più di sette anni dopo i fatti. La sua analisi tecnica la si vorrebbe convincente e "definitiva": d’altronde, ha nominato il suo rapporto "Final WTC 7 Investigation Report". Ma ecco che ben lungi dal convincere gli scienziati, questa analisi li lascia perplessi perché il modello informatico utilizzato dal NIST rimane segreto.
Come una scatola nera dove fossero stati inseriti i parametri desiderati, e che avrebbe, dopo i calcoli, dato esattamente i risultati attesi. [Si veda: Il crollo dell'Edificio 7. Morta una teoria ufficiale se ne fa un'altra].
Gli architetti e ingegneri per la verità sull’11/9 hanno ripetutamente chiesto informazioni su questo modello matematico utilizzato dal NIST per simulare il collasso della struttura. Non hanno ottenuto nulla. Più di recente, un ex responsabile di volo della NASA, Dwain Deets, che si è già espresso sulle velocità anomale dei due aerei che hanno colpito le torri, ha pubblicato una lettera su un giornale californiano.
Si sorprende delle ragioni invocate dai funzionari del NIST per NON pubblicare i dettagli della loro analisi tecnica, con totale disprezzo della legge statunitense sulla libertà di informazione "Freedom of Information Act", che prevede di declassificare i documenti "top secret" su richiesta motivata del pubblico.
Ecco la lettera di Dwain Deets.

Proteggere il pubblico dalle informazioni

di Dwain Deets.
Noi abbiamo un'agenzia federale che mostra disprezzo per il Freedom of Information Act. Il dottor Patrick Gallagher, direttore del National Institute for Standards and Technology, ha negato la richiesta proveniente dall’ingegnere strutturale Ronald Brookman, che cercava informazioni dettagliate di analisi strutturali raccolte dal NIST quando ha stabilito la causa del crollo dell'edificio 7 del World Trade Center. Il motivo dichiarato di Gallagher per il diniego è stato che rilasciare quelle informazioni «potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza pubblica.»
Ciò che potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza pubblica è il "non" permettere ai professionisti del settore dell’edilizia quali il signor Brookman di studiare autonomamente l'analisi del NIST sul crollo altamente anomalo dell’edificio. Un grattacielo di 47 piani è crollato improvvisamente all’interno del proprio perimetro: altamente anomalo.
Il Presidente Obama ha dato il benvenuto alla trasparenza e all'apertura nell’attività di governo al primo giorno della sua nuova amministrazione. Gallagher ha rilasciato questa determinazione il 9 luglio 2009, più di cinque mesi dopo: l'esatto contrario di uno spirito di apertura da parte del governo. Cosa dovrebbe pensare l’opinione pubblica di tutto ciò?
E dove è il nostro Congresso? Non un membro del Congresso ha sollevato una sola parola di preoccupazione. Il Congresso non ha più responsabilità di supervisione? Vi sta bene che le autorità vi prendano per i fondelli?

Dwain Deets
Encinitas, California.

Fonte: www.reopen911.info.
Traduzione per Megachip a cura di Cipriano Tulli.

Fonte: http://pino-cabras.blogspot.com/2010/08/119-i-segreti-dellanalisi-sul-crollo.html


Gli elettori dei Ladri

Gli elettori dei Ladri - Marco Travaglio
(20:25)




Il PassaParola di Marco Travaglio del del 16.8.2010

Buongiorno a tutti, si avvicina la ripresa delle attività, questo è il penultimo Passaparola registrato prima delle vacanze, credo che questi Passaparola così un po’ a volo pindarico ci aiutino a guardare un po’ più dall’altro la nostra realtà e magari a capire meglio quello che succede.

Tutti i ladri del Presidente
Molto spesso ci sono commentatori che non è che non capiscono quello che succede, fanno finta di non capire quello che succede, pensate soltanto a quanta ipocrisia intorno alle leggi vergogna, quanti paraculi ci hanno raccontato che le leggi vergogna con qualche aggiustamento, con qualche emendamento possono funzionare e quanti altri dicono: ma perché Berlusconi continua a occuparsi di queste faccende, della giustizia quando c’è un paese in crisi profonda, non si sa quante imprese riapriranno i battenti dopo l’estate, quanta gente perderà ancora il lavoro, quanto crollerà ancora il reddito degli italiani e lui si occupa soltanto di queste cose?
Ma è il suo dovere, la sua missione, è entrato in politica per quello, non è mica entrato in politica per risolvere gli affari nostri, è entrato in politica per risolvere gli affari suoi, non solo suoi, ma di un’intera classe dirigente cresciuta e selezionata in questi anni a sua immagine e somiglianza o da lui o comunque secondo criteri simili ai suoi che ha un disperato bisogno di leggi per impedire i processi, le indagini, le intercettazioni, la libertà di stampa, perché? Perché hanno una tale montagna di merda da nascondere che se venisse fuori in aule di giustizia o sugli organi di informazione, non potrebbero più restare nei posti dove sono.
Qualche tempo fa per il fatto mi sono divertito proprio a fare una specie di lista della spesa della nostra classe dirigente, di quelli che sono nelle posizioni di vertice, ci si rende conto che è sembra il museo Lombroso di Torino, dove ci sono questi cranietti in forma Aldeide, facce e crani che costituiscono reati soltanto a vederli, anche senza sapere cosa hanno fatto, andiamo a vedere un po’ quelli che comandano in Italia come sono messi e poi capiremo, secondo me molto meglio, perché fino a quando non verrà giù tutto questo sistema, questa classe dirigente, il Parlamento non potrà fare altro che occuparsi di bloccare continuamente iniziative della Magistratura e quel pochissimo che resta della libertà di stampa, intanto abbiamo il Presidente del Consiglio che sappiamo che razza di personaggino è, la sfangata in una quindicina di processi, ora per amnistia, ora per prescrizione del reato spesso propiziata dalla legge ex Cirielli che aveva fatto lui, per avere depenalizzato il suo reato di falso in bilancio, per insufficienza di prove, quasi mai perché è stato ritenuto innocente e in più ha dei processi in corso, ne ha tre a Milano, Mediaset e Media Trade per appropriazione indebita, falso in bilancio e evasione a fiscale, poi ne ha uno a Milano per corruzione in atti giudiziari, il processo Mills, quest’ultimo è già stato ritenuto colpevole fino in Cassazione, reato alla fine prescritto, Berlusconi non ha ancora avuto la prescrizione perché i tempi per lui sono stati congelati nell’anno e mezzo in cui il processo è rimasto sospeso per il lodo Alfano e poi è stato di nuovo bloccato per illegittimo impedimento, quindi tutto questo tempo morto viene calcolato e aggiunto al termine di prescrizione che ordinariamente sarebbe scaduto nel novembre dell’anno scorso.
Poi c’è l’inchiesta di Trani trasferita in parte a Roma, dove Berlusconi è indagato per minacce a organo dello Stato, all’AgCom per ottenere la multa che avrebbe dato alla RAI il pretesto di chiudere Annozero. Il suo braccio destro, Previti, è un pregiudicato, 7 anni e mezzo di galera definitivi per corruzione giudiziaria, quindi è stato addirittura espulso dal Parlamento, non ci può più rientrare, interdizione perpetua dai pubblici uffici, il suo braccio sinistro, il Marcello Dell’Utri è stato condannato anche in appello a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, aveva già una condanna definitiva a 2 anni e tre mesi per frode fiscale, false fatture cumulate con alcuni patteggiamenti per falso in bilancio per la gestione allegra di Publitalia e le ruberie sui fondi neri di Publitalia, ha un processo in appello che ha bloccato in extremis questa estate con una richiesta di trasferimento di dimissione a altra sede per legittimo sospetto in base alla legge Cirami, una di quelle leggi che il centro-sinistra doveva abolire secondo quello che aveva raccontato, in realtà lasciato in vigore e Dell’Utri l’ha utilizzata per allontanare il momento della sentenza che è abbastanza imminente e quello è il processo dove Dell’Utri è accusato di avere organizzato un complotto di falsi pentiti per calunniare i veri pentiti che sono quelli che accusano lui, ma accusano anche i capimafia in base a quei pentiti sono stati condannati tutti i capi della cupola, non è che sono altri i pentiti e poi ha un altro processo per estorsione mafiosa a Milano, ne abbiamo parlato qualche mese fa, è quello dove Dell’Utri è accusato di fare fatto minacciare dal Boss di Trapani Virga, un imprenditore, Garraffa dal quale Dell’Utri pretendeva in nero 750 milioni di lire come ritorno della metà del valore di una sponsorizzazione che Publitalia aveva procacciato alla squadra di pallacanestro di questo Garraffa, la pallacanestro Trapani.
Anche Dell’Utri è ben messo anche perché poi è pure indagato per lo scandalo dell’eolico e della P3. Il coordinatore del partito, uno dei 3 coordinatori nazionali, quello più importante, Denis Verdini è indagato per corruzione nello scandalo dell’eolico e è anche indagato per violazione della legge Anselmi, per avere ricostituito un’associazione segreta e una nuova P2, la P3 insieme a Carboni e a quegli altri galantuomini.
Il vicecoordinatore nazionale Giancarlo Abelli, di Milano, ciellino, ex democristiano già beccato per strane consulente non fatturate ai tempi dello scandalo del Prof. Poggi Longostrevi, è stato di nuovo beccato recentemente nell’inchiesta sulla’‘ndrangheta a Milano, quella del blitz con cui Ilda Boccassini ha fatto arrestare circa 300 ‘ndranghetisti legati a vari uomini politici che volevano mettere le mani su Expo 2015 a Milano e è risultato dalle carte che questo gentiluomo aveva preso voti da alcuni di questi signori.
Poi ci sono i Ministri, il Ministro Matteoli è sotto processo per favoreggiamento con l’accusa di avere avvertito l’ex Prefetto di Livorno che c’erano intercettazioni su di lui in un’indagine sugli abusi edilizi all’Isola d’Elba, processo che è stato bloccato dal Parlamento con ogni sorta di artifizi, ho raccontato tutto nel dettaglio nel libro “Ad personam” e poi c’è Fitto, Raffaele Fitto, l’ex governatore della Puglia che è stato rinviato a giudizio, credo già due volte, oppure una in udienza preliminare e l’altra già approdata a rinvio a giudizio per vicende di corruzione, associazione a delinquere, finanziamento illecito, tangenti provenienti, secondo l’accusa dalla famiglia Angelucci, dai re delle cliniche editori di Libero e del Riformista a spese dei contribuenti ovviamente.
Poi ci sono altri due Ministri che sono addirittura pregiudicati Maroni lo sappiamo tutti, la leggendaria condanna per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale per avere picchiato dei poliziotti durante la perquisizione a Via Bellerio e Bossi pregiudicato sia per la maxi tangente Enimont, 200 milioni da Carlo Sama e poi finanziamento illecito e poi per istigazione a delinquere per avere detto che bisognava andare a prendere quelli di Alleanza Nazionale casa per casa e fare giustizia e poi altre cose minori come le indagini di Verona sulla costituzione di una banda armata come le Camicie Verdi.
Poi abbiamo i sottosegretari Gianni Letta indagato, salvo notizie contrarie che finora non sono arrivate, però a Lagonegro per lo scandalo degli appalti per il catering dei centri di raccolta per profughi stranieri, Bertolaso indagato per corruzione nello scandalo della protezione civile e degli appalti del G8, Brancher imputato a Milano per i soldi, circa 300 mila Euro che gli avrebbe dato Fiorani per costruire una lobby favorevole al Governatore Fazio e a tutti i furbetti del quartierino, Cosentino e basta la parola, c’è un mandato di cattura che pende sul suo capo ormai da 8/9 mesi per concorso esterno in associazione camorristica, 8 collaboratori del clan dei Casalesi lo indicano come il referente politico di Gomorra.
Il viceMinistro della Giustizia Caliendo, anche lui indagato per la storia della P3, non a caso relatore della norma sulle intercettazioni telefoniche, ex magistrato, anzi forse magistrato in aspettativa, questo meraviglioso governo gode della fiducia e l’ha già ottenuta una trentina di volte in due anni, di un Parlamento che gli somiglia perché il Parlamento italiano conta 24 pregiudicati, salvo errori o omissioni e 90 tra imputati, condannati in primo e secondo grado, prescritti etc..
Anche al Parlamento europeo abbiamo un’eccellente rappresentanza perché abbiamo pregiudicati per finanziamento illecito come Patriciello, di nuovo imputato per storie di malaffare in Molise, Borghezio condannato definitivamente per incendio doloso e Bonsignore condannato per tentata corruzione e poi abbiamo indagati tipo Mastella per quelle belle cose che faceva insieme alla moglie nella sanità e nei posti pubblici della Campania.
Molti sindaci anche sono indagati è il federalismo penale, molti sindaci e molti governatori, la Moratti è indagata per abuso d’ufficio per le consulenze facili concesse al Comune di Milano, è indagata per lo smog e per lo smog a Milano è indagato anche il governatore Formigoni, poi ci sono i sindaci leghisti condannati per razzismo come Tosi definitivamente e Gentilini in primo grado, poi c’è il Sindaco di Salerno, De Luca, ha una sfilza di pendenze, è stato salvato dalla prescrizione nel processo per smaltimento abusivo di rifiuti dopo avere promesso solennemente in cambio della sua candidatura a governatore della Campania che avrebbe rinunciato alla prescrizione, l’ha incassata questa estate e l’ha portata a casa in appello, in primo grado era stato condannato e poi è ancora imputato in due dibattimenti per associazione per delinquere, concussione, truffa, falso e altre simpatiche accuse.
Poi c’è Cammarata Diego, il sindaco di Palermo di nuovo piena di immondizia da fare schifo, Cammarata è indagato per abuso d’ufficio. Poi ci sono i governatori, ne abbiamo 6 su 20 indagati, quindi una bella media anche tra di loro, Formigoni l’ho detto, poi c’è Raffaele Lombardo il governatore della Sicilia che è indagato per mafia a Catania e per abuso d’ufficio, poi per avere messo in piedi un ufficio stampa che sembra l’esercito americano tanto è nutrito, tanto paghiamo noi! Scopelliti, il neogovernatore della Calabria era già imputato prima di essere eletto per omissione in atti di ufficio e recentemente è stato beccato a cena con un boss della’‘ ndrangheta . Poi c’è De Filippo il governatore della Basilicata che è ancora indagato per favoreggiamento in un’indagine aperta a Potenza da Woodcock, poi c’è Iorio il governatore del Molise che è indagato per concussione e abuso, poi ci sono gli ex governatori e qui non finiremmo più, abbiamo Del Turco imputato per corruzione in udienza preliminare, abbiamo Cuffaro condannato in appello a 7 anni per favoreggiamento mafioso e adesso è di nuovo udienza preliminare per l’altro processo per concorso esterno in associazione mafiosa, dove i PM hanno addirittura chiesto di condannarlo a 10 anni.


Politica, economia, giornalismo e Chiesa nel Paese di Berlusconi
I vertici della protezione civile sappiamo come sono messi, sono tutti tra l’ora d’aria e i domiciliari, c’è pure un cardinale indagato, il Cardinale Sepe, Vescovo di Napoli che era il capo della propaganda Fide e gestiva il patrimonio immobiliare sterminato del Vaticano, non tanto per raccogliere soldi per i poveri e le missioni, quanto per fare ogni tanto anche qualche favore a gente tipo Lunardi, Bertolaso, Bruno Vespa è un suo inquilino affezionatissimo.E abbiamo anche insigni gentiluomini di Sua Santità come Balducci arrestati e indagati, per i monarchici abbiamo l’erede al trono imputato, Vittorio Emanuele si era detto: ah l'hanno arrestato quei pazzi Woodcock, quelli Potenza, finirà tutto nel nulla, l'inchiesta è passata a Roma e persino Roma, la Procura ha chiesto il suo rinvio a giudizio per associazione per delinquere finalizzata a vari traffici nel mondo del slot machine, proprio una cosa da principe!
I Presidenti emeriti della Cassazione ne abbiamo due che sono uno meglio dell’altro, uno era Mirabelli quello che telefonava con Pasqualino Lombardi, quello della P3 e l’altro è Antonio Baldassarre che qualche anno fa ha capeggiato una cordata per prendere Alitalia e poi si è scoperto che era una cordata di cartapesta, infatti è indagato per millantato credito.
Governatore della Banca d’Italia, quello attuale non ha problemi, il suo predecessori, Fazio è sotto processo per aggiotaggio delle scalate bancarie sia nel caso Unipol, sia nel caso Fiorani Antonveneta, il Gota di Confindustria è una meraviglia a cominciare dalla Presidente Marcegaglia, la cui ditta di famiglia, quella fondata dal famoso Steno Marcegaglia ha patteggiato come azienda per corruzione nello scandalo dell’Enel power a Milano e per di più il padre è stato di nuovo indagato di recente per smaltimento illegale di rifiuti tossici.
Poi c’è il gruppo FIAT – Agnelli che è sotto processo con i suoi supermanager Grande Stevens e Gabetti a Torino per lo scandalo dell’equity swap, anche lì sono reati finanziari ai danni della borsa, dei risparmiatori, la Telecom di Tronchetti è nei guai sempre di più per lo scandalo della security e dello spionaggio di Tavaroli e poi abbiamo grandi ditte, il riciclaggio miliardario di Fastweb, quello di Finmeccanica, la Parmalat, che ancora è sotto processo insieme a una serie di banche italiane e americano che hanno contribuito al crac, l’Unipol, l’Impregilo , pensate lo scandalo dei rifiuti che coinvolge oltre all’Impregilo anche un altro ex governatore celeberrimo, Bassolino, ce lo eravamo dimenticato, abbiamo Ligresti che passa da condanne a indagini in continuazione, abbiamo Geronzi che ha ancora un bel po’ di processi sia per gli scandali della Cirio, sia della Parmalat, abbiamo le forze dell’ ordine e i servizi di sicurezza in grande spolvero, il Sismi di Pollaro e Pompa è sotto processo a Perugia per i dossier illegali accumulati in quell’ufficietto riservato di Via Nazionale a Roma, il Dis (Centro di coordinamento di tutti i servizi segreti capeggiato da Gianni De Gennaro che è stato appena condannato in appello per istigazione alla falsa testimonianza di un funzionario di polizia che doveva stare zitto, coprire le responsabilità dei vertici della Polizia Municipale nel G8 di Genova del 2001 e per quei pestaggi, per quelle sevizie tra torture alla Diaz e torture alla caserma di Bolzaneto abbiamo ben 73 tra dirigenti e agenti di polizia condannati già in appello, nessuno di questi è stato rimosso, nessuno! Chi vogliono rimuovere? Giocacchino Genchi, quello collabora con le procure, mica va a massacrare la gente in giro, quello sì, è stato sospeso e adesso lo vogliono destituire, è già stato sospeso e lo vogliono destituire.
Poi abbiamo l’ex comandante della Guardia di Finanza, il Generale Roberto Speciale condannato in appello per peculato perché si faceva portare le spigole fresche quando andava in alta montagna, arrivava proprio una spigola aviotrasportata a spese nostre, 18 mesi di reclusione in appello, il Comandante in capo attuale del Ros dei Carabinieri, il Generale Ganzer è stato condannato a 14 anni in primo grado dal Tribunale di Milano per traffico internazionale di droga e anche lui gode della fiducia del governo e del Parlamento e ci mancherebbe, con il governo e il Parlamento che abbiamo volete che non abbiano fiducia di uno condannato in primo grado a 14 anni per traffico di droga, ma è un Marocchino che spaccia erba agli un angoli delle strade, è uno serio, è uno che si è beccato 14 anni in primo grado, massima fiducia, rimane al suo posto, combatte la droga con una condanna per traffico di droga.
Il Ros ha una grossa tradizione, perché l’ex capo del Ros, il Generale Mori è imputato insieme al suo braccio destro il Colonnello Obinu per avere mancato o forse per non avere voluto catturare Provenzano nel 1995, quando ce l’avevano lì pronto in un casolare di Mezzojuso e averlo lasciato scorrazzare per un’altra decina di anni, sapete che Provenzano con il suo Maggiolone verde andava addirittura a trovare Vito Ciancimino a Roma e Ciancimino era agli arresti domiciliari, ma quando arrivava Provenzano si voltavano tutti dall’altra parte.
Infine ci siamo noi, che non commettiamo reati e che dovremmo cominciare a domandarci dove abbiamo sbagliato, perché o abbiamo sbagliato noi o hanno sbagliato loro, il problema è che ci sono molte persone oneste che non commettono reati che poi al momento di andare a votare continuano a votare per i ladri, forse sarebbe il caso di smettere, visto che come dimostrano i dati dell’economia che sono sempre peggiori rispetto a quelli del giorno precedente.



Questo sistema fondato sul malaffare, sul crimine del potere, sulla corruzione e su tutti i contorni, non ci conviene proprio dal punto di vista economico e quindi se conoscete qualcuno che vota per dei ladri, ditegli di smettere, passate parola!



Fonte: http://beppegrillo.it/


Odio la Sinistra

Odio la Sinistra,
odio la Sinistra dei cantori del nulla ideologico,
dei moralisti, degli intellettuali, dei filosofi
impegnata sempre a impartire lezioni.
Odio la Sinistra delle trattative sotto il tavolo,
degli inciuci, dei silenzi, delle votazioni in aula per l'indulto
e dell'assenza dall'aula per lo Scudo Fiscale.
Odio la Sinistra che ha trasformato l'opposizione in una caricatura,
la Sinistra autoreferenziale che non tollera nessuno alla sua sinistra e dialoga con mafiosi e piduisti.
Odio le ottusità e le furbizie della Sinistra, il distacco dagli operai, dai precari,
l'altezzosità dei suoi giornalisti maestri del pensiero unico.
Odio la Sinistra che ha dimenticato gli operai, i precari, i disoccupati,
la Sinistra dei sindacati scomparsi, quella degli inceneritori, dell'acqua privata,
del nucleare sicuro e dei parlamentari che maturano la pensione dopo due anni e mezzo.
Odio la Sinistra dei tesorieri di partito che incassa centinaia di milioni di rimborsi elettorali
e che organizza feste di partito tutto l'anno.
Odio la Sinistra che non è più comunista, né socialista e neppure socialdemocratica,
la Sinistra che candida De Luca in Campania e Carra in Parlamento e che elogia Tronchetti e Marchionne.
Odio la Sinistra che attacca in pubblico Berlusconi e che gli ha regalato televisioni,
ricchezza, impunità e che non ha mai fatto una legge sul conflitto di interessi,
la Sinistra che fa 10 domande su Noemi e la D'Addario per un'intera estate
e che per 15 anni non ne fa una sui mandanti della morte di Borsellino.
Odio la Sinistra che ha dimenticato Pasolini, Berlinguer, Pertini e che vuole riabilitare Craxi,
la Sinistra che se non sei di sinistra sei di destra e se sei di sinistra devi fare una coalizione delle forze progressiste.
Odio la Sinistra che si nutre di berlusconismo e di anti berlusconismo per sopravvivere,
la Sinistra che non discute mai di programmi,
ma di persone, avversari, equilibri, poltrone, percentuali di voto, candidati.
Odio la Sinistra della TAV, della base americana di Dal Molin e delle sue cooperative del cemento,
la Sinistra del "Lavoro, lavoro, lavoro!" di Fassino e sua moglie mantenuti in Parlamento da generazioni di italiani.
Odio la Sinistra dei consigli regionali in galera per tangenti, della Campania trasformata in discarica da Bassolino,
dei "termovalorizzatori" di Chiamparino, della spocchia dei funzionari di partito.
Odio la Sinistra dei richelieu da strapazzo che costruiscono alleanze e coalizioni nell'ombra.
Odio la Sinistra che, per non perdere voti, soffoca i movimenti dei cittadini nel suo recinto razionale e riformista
dove pascolano le vacche sacre con la barba bianca e, se non ci riesce, ne inventa di fasulli per occupare uno spazio politico.
Odio la Sinistra, così come la Destra, per la loro capacità di togliere ossigeno alle idee,
per la divisione dei cittadini in fazioni una contro l'altra armata con i politici a fare da arbitro,
per la distruzione della sola idea di un futuro.


Fonte: http://beppegrillo.it/


Overclock - Guida elementare

overclock tutorial, guida elementare, teoria e pratica
Fonte: hardwareforyou.it
Autore: Alberto Geniola
Che cos'è l'overclock?
Quanti di voi non hanno sentito nominare la parola overclock in siti web di hardware? Quanti di voi non sanno cosa significhi in realtà? Ebbene qui c'è la risposta alla vostra domanda.Cos'è l'overclock?

Partiamo dalle basi teoriche.
Il pc è composto da mainboard, processore, ram, scheda video, ecc. Ogni componente è essenziale per il corretto funzionamento di tutto il lo "scatolone" che chiamiamo computer.

Tutto l'hardware è coordinato grazie al FSB "Front Side Bus". Il FSB è un segnale con frequenza stabilita che è generato dal chipset della scheda madre. Per chi non sa cosa sia una frequenza o non ha ben capito queste parole, immagini una fabbrica: c'è una catena di montaggio ed ogni componente di essa svolge una determinata funzione. Provate a chiedervi chi dà il tempo ad ogni elemento per compiere l'azione che deve svolgere... questò è proprio il FSB ovvero una frequenza misurata in Hz che fa girare "assieme" (o quasi, vedremo poi il caso dei moltiplicatori) tutti i componenti del pc.
Ovviamente più la frequenza di FSB è alta, più operazioni si compiono in un determinato lasso di tempo, perciò si ha un incremento di prestazioni notevole.
Bisogna però chiarire che i componenti di un pc non "viaggiano" sempre con le stesse frequenze: una CPU può compiere 3200 operazioni al secondo (= 3200 MHZ = 3.2 GHZ) mentre il FBS è a soli 200 o 266 Mhz. Come mai?

Il FSB determina un primo "clock" (appunto dall'inglese orologio - frequenza): questo causa che tutti i componenti viaggiano con una frequenza uguale. La svolta sta nel fatto che alcuni di questi utilizzano i tanto famosi MOLTIPLICATORI e DIVISORI. Questi sono dei rapporti o fattori che permettono al componente di moltiplicare o dividere, per il moltiplicatore o divisore che lo caratterizza, il FSB ed eseguire un numero di operazioni uguale a

Operazioni = FSB x Moltiplicatore

Facile no?
Stessa cosa vale per le RAM (Random Access Memory). Queste memorie funzionano anch'esse ad una frequenza "dettata" dal FrontSideBus, moltiplicata poi per il moltiplicatore scelto dalla Mainboard o dall'SPD. La frequenza di funzionamento delle ram comporta anche la diversa classificazione di queste. Fino a 400 mhz sono chiamate DDR, da 533 a 1200 sono ddr 2, da 1333 in poi sono ddr 3.

Che vuol dire perciò la parola Overclock?
L'overclock è un innalzamento del clock di sistema. Sì, basta alzare il FSB da BIOS per fare overclock. Nel momento in cui noi overclockiamo anche di un solo MHZ il FSB abbiamo occato il sistema. Infatti tutti i componenti viaggiaranno ad una velocità differente (più elevata) con un esiguo/evidente vantaggio in termini prestazionali in base all'overclock effettuato.

Prima di spiegare praticamente come fare tutto ciò è assolutamente necessario capire alcuni concetti fondamentali.
L'overclock è un qualcosa di "non contemplato" dalle case produttrici di hardware. Con questa tecnica è infatti possibile arrivare a toccare i livelli prestazionali di un processore molto costoso overclockandne uno di minor costo. Ed è per questo motivo che non tutti i processori "reggono" bene l'OC. E' indispensabile sapere che mettere sottosforzo un componente ad una frequenza assai più elevata da quella standard può comprometterne il funzionamento o addirittura renderlo inutilizzabile e guastarlo irrimediabilmente. Ovviamente al giorno d'oggi molte mainboard dispongono di protezioni in caso in cui un OC non dovesse essere retto da un processore. Alcune volte basterà riavviare il pc per tornare alle frequenze standard, altre bisognerà resettare la memoria del BIOS, e alre ancora - purtroppo - cambiare processore.
Inoltre bisogna dire che l'overclock non è un qualcosa di sconfinato. Non si possono arrivare a raggiungere frequenze assai astronomiche con processori da 4 dollari se non si dispone di un hardware che ne è all'altezza.
Infine l'overclock può risultare essere molto costoso... dipende dai casi. Ad ogni modo va assolutamente detto che bisognerà cambiare sistema di raffreddamento dei componenti overclockati e in alcuni casi addirittura il cabinet!

E ora si parte!
Quello di cui avete bisogno è:

- Una mainboard che supporti la modifica del FSB;
- Un sistema di raffreddamento ad aria o liquido che non sia stock (potete chiedere nella sezione air-cooling quale prendere in base alle vostre esigenze);
- Della suite di programmi per overclock che potete trovare nella sezione download del sito oppure potete scaricarla da qui
- Tanta pazienza e tempo da deicare all'OC.

Innanzitutto dovete sapere che un Overclock riuscito è un overclock stabile. Quello che volgio dire è che un overclock diventa funzionale nel momento in cui il sistema è stabile a quelle frequenze e possiamo utilizzare il pc nel massimo delle funzionalità senza che questo si riavvii, si spenga o crashi improvvisamente. Solo allora avremo realizzato un overclock da manuale.

Prima di cominciare ad innalzare il FSB dobbiamo farci due conti: che ram abbiamo? che moltiplicatore usano? che fsb abbiamo ora? quale frequenza di fsb possiamo raggiungere al massimo?
Tutte queste informazioni le potete ricavare dal programma chiamato CPU-Z fornito nel pacchetto della suite di overclock. Questo magnifico tool vi dirà tutto quello che dovete sapere sul vostro pc.

Facciamo quindi 2 conti.
Se dovessimo trovarci d fronte ad un caso del genere

CPU: Intel Core 2 Duo E6600 con FSB a 266 (1066 quand-pumped), moltiplicatore x 9 = : 2.39 Ghz
RAM: 2x 1Gb Corsair ddr2 800mhz con FSB a 266 (uguale per tutto il sistema) e moltiplicatore a x 3.

Dobbiamo ragionare così. Se alzassimo il FSB da 266 a 333 mhz, accadrebbe che
CPU= : 333 x 9 = : 2997 mhz
RAM= : 333 x 3 = : 999 mhz
Il pc potrebbe non avviarsi a queste frequenze. Il problema in questo caso sono le RAM. Queste risentono più degli altri componenti dell'innalzamento del FSB. Suggerisco ai beginners, almeno per le prime esperienze, di mantenere le ram alla loro frequenza nominale (di fabbrica). Ma come? Abbiamo detto infatti che alzando il fsb si alzano tutte le frequenze!
Esatto, ed è qui che entrano in gioco i moltiplicatori/divisori. Se la scheda madre lo permette potrete scegliere dei moltiplicatori che fanno per voi e fare girare le ram ad una frequenza rapportata a quella dell'FSB. Bisogna infatti cambiare il rapporto tra FSB e RAM. Normalmente questo è di 1:1. Tuttavia sono possibili altri valori come 2:3, 3:2, 3:4, 4:3 e via dicendo.

Facendo l'esempio di prima
FSB:RAM = : 1:1 = : 266:266 (x 3) = : 266:800

con un rapporto 3:2
FSB:RAM = : 3:2 = : 266: 266 x 2/3 (x3) = : 266:532

con un rapporto 5:4
FSB:RAM = : 5:4 = : 266: 266 x4/5 (x3) = : 266:638

Diciamo quindi che per far andare le ram a 800 con fsb a 333
FSB:RAM= : 333:800(/3) = : 333:266 = 5:4 cioè per andare a 800 mhz con fsb a 333 dobbiamo avere un moltiplicatore divisore con rapporto di 5:4.

Ora che vi siete fatti dei calcoletti si può cominciare praticamente ad aumentare il FSB. Perciò seguite le istruzioni:

1) Riavviate il pc e mentre questo si avvia iniziate a premere ripetutamente il pulsante "CANC" o "DEL" sulla tastiera, finchè non appare una schermata BLU con delle scritte bianche, simile ad un menu. Bene, questo è il BIOS (BASIC INPUT-OUTPUT SYSTEM).

2) Navigate finchè non trovate la voce di menu corrispondente al FSB di sistema. Attenzione! Alcune mainboard presentano il FSB già QuadPumped, ovvero

moltiplicato per 4. Potreste perciò trovare valori come 800 o 1066 o 1333. Ovviamente ricavate il FSB dividendo il valore per 4.

3) Alziamo il FSB di 10 mhz

4) Salvate e riavviate la macchina (il tutto dovrebbe avvenire premendo F10). Se tutto è andato bene, e il pc riesce ad avviarsi, potete ripetere i passaggi 2 e 3 e ricominciare.
Se invece la macchina non si è avviata, dovete provare a riavviarla premendo reset o a spegnerla per qualche secondo per poi riaccenderla. Se non doveste risolvere, è necessario consultare il manuale del BIOS e resettare il CMOS.
Una volta ri-avviata la macchina, ritornate nel BIOS e cercate il pannello per gestire i voltaggi. Identificate quello della CPU e salite di 0.1v, poi tornate al pannello dove è possibile modificare la frequenza del FSB e riprovate a impostare la frequenza che vi eravate proposti. Riavviate e ricominciate da capo finquando vi rendete conto di aver raggiunto il limite.

5) Trovato il limite di FSB avviate la macchina facendo il boot del sistema operativo. Dalla suite di programmi di Overclock aprite Orthos e effettuate un test di un ora. Se il sistema non si blocca e tutto fila liscio avete effettuato un Overclock da manuale. Ovviamente BISOGNA ASSOLUTAMENTE MONITORARE LE

TEMPERATURE DI SISTEMA E DI CPU mente si effettuano i test!

La guida termina qui. E' un qualcosa di essenzialmente introduttivo. Non esistono regole precise per fare overclock, ma molta esperienza vi aiuterà a migliorare. Ovviamente per maggiori informazioni o istruzioni siete liberissimi di contattarci sul forum.

Spero di essere stato chiaro,

Alberto.


Fonte: http://www.climatrix.org/2010/08/overclock-guida-elementare.html

giovedì 19 agosto 2010


Il precipizio o la salvezza

di Paolo Flores d'Arcais, il Fatto Quotidiano, 12 agosto 2010

Cari Di Pietro e Vendola, forse sono io che prendo lucciole per lanterne, ottenebrato da un pessimismo ingiustificato. Alcune cose, tuttavia, continuano ad apparirmi terribilmente chiare. Quella fondamentale, per cominciare: se Berlusconi vince le elezioni anticipate diventa il prossimo presidente della Repubblica, trasforma la Corte costituzionale in una privatissima “corte dei miracoli”, cambia la Costituzione come più gli piace, e per sfregio nomina Previti e Dell’Utri senatori a vita. Vi chiedo perciò una volta di più: avete un solo argomento (argomento razionale, non “pio desiderio”) per convincermi che esagero? Sarei felicissimo di ascoltarlo e darvi credito, ma empiricamente parlando Berlusconi ha dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che appena può fa strame di democrazia senza il minimo ritegno e con ogni mezzo. Se vince attuerà il suo programma originario, confessato a suo tempo per interposto Previti: non farà prigionieri. Trovo perciò agghiacciante la “normalità” con cui le forze politiche non berlusconiane stanno affrontando la situazione. Neppure da irresponsabili ma da allucinate, in una cecità volontaria (e dunque più che mai colpevole) di fronte all’esito che il loro piccolo cabotaggio rende scontato: l’assassinio delle democrazia italiana nata dalla Resistenza.

Secondo elemento: Berlusconi vuole le elezioni al più presto perché sa tutti i crimini che ha commesso (o che hanno commesso i suoi più stretti sodali e complici), e che ogni giorno potrebbero venire scoperti, malgrado la rete ormai evidente (perché nella punta dell’iceberg intercettata) di toghe di regime che ha approntato. Deve perciò strangolare definitivamente la possibilità che la legge possa valere “eguale per tutti”, prima che il disvelamento giudiziario di ennesime ruberie o mafiosità faccia traballare e tracollare i suoi consensi. Inoltre, vuole andare alle urne con questa legge elettorale, e soprattutto con l’attuale dominio totalitario sul sistema televisivo.

È il tempo di lottare, non di guardare
D i fronte a una situazione di così cristallina tragicità, possibile che le forze non berlusconiane continuino a cincischiare? Possibile che – pur continuando a restare divise su tutto il resto – non vogliano trovare subito quel minimo comun denominatore capace di togliere a Berlusconi gli strumenti (legge elettorale e monopolio tv) di un eccidio costituzionale annunziato? Possibile che abbiano tutte la vocazione delle vittime sacrificali? Perché Berlusconi offre a tutti monili ghirlande e tappeti di fiori, al culmine dei quali per chi non obbedisce perinde ac cadaver ci sarà però sempre e solo il coltello affilato dell’officiante. Fini sembra alla fine averlo capito, che con il dominus del Giornale sarà un mors tua vita mea, e un sussulto di istinto di sopravvivenza potrebbe accadere anche agli altri, se noi cominciamo a fare la nostra parte: a lottare anziché stare a guardare.

E dunque, cari Di Pietro e Vendola, perché non cominciate (cominciamo) ad incalzare tutte le forze politiche con proposte adeguate? Perché tanto il Pd non ci starà mai, mi risponde Antonio. E dobbiamo puntare sulla manifestazione della Fiom di novembre, mi ammonisce Nichi. Al primo vorrei ricordare che il Pd non sa quello che vuole, e comunque quello che vorranno e faranno gli altri dipende sempre, almeno in parte, da quello che vogliamo e facciamo noi (da quanto e come lottiamo). Altrimenti sarebbe più logico accoccolarsi fatalisticamente sulla riva del fiume. Se in questi anni non ci fosse stato chi nel paese (i movimenti) e in Parlamento (Di Pietro) ha tenuto alta la bandiera della legalità, credo che la “rottura” di Fini su questo tema non sarebbe mai avvenuta. Al secondo vorrei suggerire il timore – niente affatto campato in aria – che se non impediamo a Berlusconi di vincere le elezioni quella di novembre potrebbe essere l’ultima manifestazione della Fiom.

Una strategia d’azione su 3 linee
E cco perché credo sia molto più che urgente, sia – alla lettera – improcrastinabile, una strategia d’azione che si muova contemporaneamente su tre linee: preparare per fine settembre una grande manifestazione nazionale di tutta la società italiana ancora civile, con l’obiettivo “Fuori Berlusconi, elezioni democratiche, basta criminali al potere, governo di legalità”; proporre una nuova legge elettorale a tutte le forze non berlusconiane; lanciare una martellante campagna informativa e propagandistica sulla sicurezza dei cittadini, dimostrando come le leggi di Berlusconi (ma purtroppo anche tante del centrosinistra) la mettano vieppiù a repentaglio favorendo ogni genere di criminalità. E come i diritti dei lavoratori, oggi calpestati, siano l’altra faccia della liberazione dalle cricche.

È possibile che tutto ciò non serva. Che malgrado un’ondata di passione civile, e di resipiscenza e intelligenza delle forze politiche, Berlusconi riesca a imporre le elezioni secondo il quando e il come della sua volontà. In tal caso le affronteremo, anche se non democratiche. Ma aver dispiegato il massimo di lotta per impedire elezioni truccate avrà intanto accresciuto le chance dell’opposizione. Mezzo secolo fa, contro la legge truffa, le opposizioni non si dedicarono a minuetti, mobilitarono il Paese. Ma soprattutto si tratterà di andare alle urne senza ripetere gli errori del passato. Per parlarci chiaro: si tratta di trovare un candidato da contrapporre a Berlusconi che non regali all’aspirante duce la carta dell’antipolitica, risorsa strategica sulla quale dal 1994 si vincono e si perdono le elezioni (e che poi “antipolitica” non è, ma sacrosanta voglia di una politica autentica, non più sequestrata dalle nomenklature partitocratiche).

Già nel ‘94 la vittoria era certa, se il narcisismo non avesse spinto il Pds a candidare un politico di mestiere e per sovrammercato l’ultimo segretario del Pci. Bastava una figura di indipendente di sinistra, di cui era ricca la società civile.

Davanti il precipizio o la salvezza
E bastò un “mezzo e mezzo”, rispetto al ceto politico di mestiere, quale era Prodi, per vincereduevolte.Dunquenonsarà Chiamparino, e meno che mai Bersani, ma non sarai neppure tu, caro Nichi, a poter davvero raccogliere tutto il potenziale di passione civile che credo sia già maggioritario nella società e che va traghettato integralmente nelle urne. Di fronte a momenti che possono segnare il precipizio o la salvezza di un paese, mettere la sordina ad aspirazioni personali legittime, e in soffitta i patriottismi di bottega, è il minimo che si possa pretendere. Cerchiamolo, questo candidato, anche attraverso le lotte. Su cinquanta milioni di italiani è statisticamente impossibile che non ce ne sia più d’uno.

Fonte: http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-precipizio-o-la-salvezza/

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP