sabato 27 marzo 2010


Avanti tutta con il Nazismo Salutista

di Corrado Belli

Chi credeva che la campagna del Proibizionismo si sarebbe fermata al divieto di fumo nei locali, dovrà ricredersi e stare attento a quello che verrà prossimamente, già ..come accennato in un precedente Articolo dove mi riferisco a quei due Senatori ..guarda caso Medici che vogliono far approvare una legge che vieta di fumare anche fuori dai locali, adesso la nostra Mamma.. l’OMS, vuole far credere che non solo il fumo passivo faccia male.. ma anche il bere passivo fa male, quindi con la stessa tattica che usarono i Nazisti, si vuole far credere che anche il bere passivo fa male alla Salute, cioè se si guarda uno che beve un bicchiere di vino o di Birra provoca malattie a colui che lo sta guardando o che magari sente l’odore della Birra o del Vino.

http://www.who.int/substance_abuse/expert_committee_alcohol_trs944.pdf

Come fecero con il fumo passivo, non parlano mai dell’abuso, ma del consumo e ciò deve far riflettere, qui si vuol vietare di bere completamente alcool, anche un bicchiere di vino o qualche bicchiere di Birra, ma ci sta anche l’inganno dato che le conseguenze dei divieti portano a criminalizzare tutta la Popolazione, non solo cosi facendo si aumenta il consumo di alcool tra i giovani, cosi come è successo con le sigarette.. più si vieta e più saranno coloro che incominceranno a fumare e a bere più alcool, naturalmente la strategia dell’OMS, in collaborazione dei Mass Murder Media, è quella di diffondere disinformazione in riguardo, come abbiamo già constatato diranno che l’alcool fa venire un sacco di malattie, ma non dice mai che è l’ABUSO che deve essere evitato e non proibire alle persone di bere alcool in moderate dosi, perché è la dose che fa male e non il consumo di un prodotto che fa parte non solo dei piaceri della vita, ma anche di migliaia di anni di cultura, una cultura che a tutti i costi vogliono ammazzare, cosi come hanno fatto con tante altre culture e modi di vivere in Europa.
Per chi non abbia ancora capito (mi rivolgo a quei santoni over 70/80 anni e a quei cervelli lavati che credono di far Politica).

È ora di smetterla di prendere per i fondelli i cittadini, è ora di smetterla di sfasciare il tessuto sociale istigando i cittadini l’un contro l’altro, sapete bene che non c’è nessun studio che possa dimostrare quello che propagandate.. piuttosto se credete di essere utili alla società, dite la verità.. dite quanto vi hanno pagato e chi vi ha pagato, dopo lo scandalo del Virus e di tutti gli scandali che sono preceduti nei confronti dell’OMS e delle Case Farmaceutiche, ormai non solo Più credibili, la loro Politica è basta sulla Politica Nazional Socialista Salutista del Terzo Reich = Nazismo, dove si vietava ai cittadini di superare un determinato peso, non dovevano fumare, non dovevano bere alcool (specialmodo le donne) perché il loro corpo apparteneva al Fùhrer, ..mentre loro si abbuffavano/bevevano/fumavano e si improfumavano come PORCI.

L’OMS è un braccio della Piovra del Nazismo sfrenato chiamato oggi NWO, chi comanda sappiamo che è di origini Sionisti Ebrei Nazisti, Rockefeller e Rothschild.

Il loro inno del salutismo e della conquista del pianeta parla chiaro di quello che sta accadendo oggi, incominciato negli anni 30 e ripreso negli anni 50, con la proclamazione del Trattato di Lisbona è finita quella Pseudo Libertà e Democrazia che ci hanno fatto intendere, siccome i Media ..lecchini e meschini servi e vermi striscianti, non hanno più un cervello con la quale possono pensare, diffondono disinformazione a tutto campo, Medici compiacenti e socialmente Inutili ..non più capaci di svolgere la loro attività, si sono buttati nella più schifosa e abominevole Campagna di diffamazione e discriminazione pur di salvare il loro fondello e camminare sui cadaveri dei loro figli, politici che non hanno mai capito un tubo ..ne di politica e nemmeno di medicina/scienza, pur di acchiappare qualche bustarella e qualche nomina ..mandano allo sfacelo una Nazione basandosi solamente su quello che gli viene impostato nel cervello, senza andare a indagare e capire se il tutto corrisponde alla verità, e si... la verità, cosa brutta per chi non la vuole accettare.

Bene, adesso ci sarà anche il divieto del Mangiare passivo... non ci credete?

Eppure anni fa i cittadini Europei furono messi in guardia di quello che arrivava dai paesi Anglosassoni, ma nessuno volle crederci, ora non sanno come fare perché tutto quello che era stato predetto si sta attuando sotto i vostri occhi e ancora state a guardare a bocca aperta come tanti “scimuniti”.

http://lacittadisalerno.gelocal.it/dettaglio/il-sindaco-di-ascea:-calorie-sotto-controllo-nei-menu/1483272

come vedete a breve ..se siete al Ristorante non vi meravigliate se arriva "la Polizia delle Calorie" con un Caloriemeter e guai a voi se nella pietanza ci stanno 2 calorie in più.. multa per voi e per il Ristoratore.

Esatto... la Commissione Europea ha già pronto un altro divieto che guarda caso gli è stato gentilmente proposto dall’OMS, secondo gli studi (come al solito falsi e mai fatti) guardare che mangia fa ingrassare e fa venire malattie, quindi quando mangiate OSCURATEVI del tutto e non fate vedere ai Bambini quello che mangiate, e già.. i Bambini, siccome la Politica del Nazional Salutismo dice sempre di salvaguardare i Bambini da quello che fanno gli adulti..allora vietiamo agli adulti tutti i piaceri della vita, vi siete mai chiesti perché si incitano i cittadini a comprare nuove macchine? No... chiaro, anche Hitler incitava i suoi cittadini a comprare Auto.. ma gli vietava di fumare dentro l’auto, dopo vietò alle donne di profumarsi e questo verrà anche qui.. esatto da noi in Europa, in Canada è già legge non usare profumi negli uffici e nelle vicinanze di vicini di casa che secondo loro (Puritani) sono allergici ai Profumi.

http://www.forcesitaly.org/italy/rubr9/profumo.htm

http://www.forcesitaly.org/italy/rubr6/bev.htm

http://www.sackstark.info

Torniamo ai Media, dopo questi consigli pervenuti alla Commissione UE, anche i più radicali Proibizionisti hanno cominciato a lamentarsi e si.. anche Karl Heinz Florenz e i Verdi stanno incominciando a capire che anche per loro arrivano le Proibizioni e quindi chiedono dei chiarimenti al Barroso, lo “Spocchioso”, che a sua volta povero disgraziato e incosciente deve dare il fondello al Nuovo Presidente del Consiglio UE..Van Rompuy che come sappiamo è una marionetta dei Bilderberg = Rockefeller/Rothschild.

Quindi?

Quindi.. se non avete ancora capito.. ascoltate questa bella canzone che si trova come favorita in casa dell’OMS e del NWO.

http://www.youtube.com/watch?v=hMYi9D3dBvQ&feature=related

Quindi cari connazionali, avete due possibilità:

1) o incominciate a disobbedire a tutti questi divieti

2) o andate nelle caserme più vicine, scrivete a La Russa che volete indossare una Uniforme color Marrone o Nera, scegliete come Gauleiter Sirchia oppure Veronesi/Garattini/Invernizzi/Mangiaracina/Marino/Giovanardi/Tomassini o qualcun altro male intenzionato Puritano Fascista/Stalinista Proibizionista... se poi decidete di formare un comitato di persone Libere e civilmente sociali come era fino a pochi anni fa, fatevi sotto e cerchiamo di mandare questa marmaglia di corrotti in Galera e buttare le chiavi nell’oceano.

Non vi siete stancati di aspettare di superare i 70 anni per sedervi nei Parchi di Vicenza?

Di non potervi fermare dopo le 22.00 in un parco e chiacchierare con un amico?

Di non poter consumare d’estate un gelato a Milano dopo la mezzanotte?

E soprattutto di pagare tasse per mantenere questi magnaccia che si spacciano per benefattori dei cittadini?

Sapete a cosa serve la Politica del riscaldamento climatico?

No? A farvi pagare anche l’aria che respirate e guai a voi se respirate più del normale perché provocate C02 e quindi c’è una soprattassa.

La politica della UE nei prossimi 2 anni:

Fumatori////Obesi////Alcolisti////

Non avranno la possibilità di ottenere un posto di lavoro, non potranno entrare in nessun locale, sarà vietato prestare loro ogni servizio sanitario.. anche se hanno pagato di già, sarà dimezzata loro la pensione, saranno istituiti dei corpi di Polizia dedica solo a denunciare e controllare i cittadini che non si attengono alle Leggi naziste della UE e dello stato in cui vivono, ex tutori dell’ordine e impiegati e statali saranno incorporati in questi corpi e guai se si rifiutano, saranno criminalizzati come le classi sociali nominate sopra.

Alle prossime elezioni sputate in faccia a chi vi promette giustizia, Libertà e meno tasse (tanto lo fanno tutti i partiti) ..questo è quello che dovete fare ..altro che dimostrazioni, sono tutti al soldo dell’OMS e delle Case Farmaceutiche, non esiste un governo ..solo dei Pupi che vengono gestiti dai PUPARI ..non quelli di Palermo ..ma quelli del NWO/UE.

Heil Hitler o Sieg OMS? ..nessuna differenza.

Corrado Belli

Fonte: http://mentereale.com/articoli/avanti-tutta-con-il-nazismo-salutista


DOVE VANNO GLI INCENTIVI

di Francesco Daveri 23.03.2010

Alla fine il governo ha varato il decreto incentivi di sostegno ai consumi. Era ora. Si tratta di 300 milioni di veri e propri incentivi temporanei all'acquisto di una varietà di beni di consumo durevole e di 120 milioni di sgravi fiscali per la cantieristica e per il settore tessile. Nella sua attuale formulazione, però, il provvedimento mette in campo poche risorse, dura troppo e assegna i fondi con criteri poco trasparenti. Ma non è troppo tardi per rimediare.

Il governo ha finalmente approvato il cosiddetto “decreto incentivi” di cui si parlava da settimane come uno strumento per incoraggiare l’anemica crescita di cui ha sofferto l’economia italiana nell’ultimo scorcio del 2009 e nei primi mesi del 2010. Il decreto mette a disposizione 420 milioni di euro, divisi in 300 milioni di veri e propri incentivi temporanei all’acquisto di una varietà di beni di consumo durevole e 120 milioni di sgravi fiscali per la cantieristica e per il settore tessile. Da utilizzare a partire da dopo Pasqua fino a esaurimento dei fondi, comunque entro la fine del 2010.
Ora che il provvedimento è stato delineato, se ne può discutere più precisamente la ragione di essere e la modalità di attuazione.

PERCHÉ INCENTIVARE I CONSUMI?

L’economia italiana viene da un anno di grave crisi che ha visto diminuire la capacità produttiva manifatturiera utilizzata di dieci punti percentuali, dal 76,7 per cento del totale del primo trimestre 2008 al 66,7 per cento nel primo trimestre 2010 , con un recupero molto limitato negli ultimi mesi. Oggi l’economia italiana soffre di un problema di scarsità di domanda aggregata: a questo problema si deve porre rimedio prima di tutto.
Da dove può venire l’aumento di domanda? Forse dalla domanda estera, se l’economia mondiale si riprende. Ma gli eventi globali sono esogeni, anche per Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti. Quindi rimane la domanda interna, la cui voce principale sono i consumi delle famiglie. I consumi oggi però mostrano una dinamica fiacca perché dal settembre 2009 la disoccupazione è salita fino a superare le due milioni e centocinquantamila unità, pari all’8,6 per cento della forza lavoro. A causa della legge di Okun, la disoccupazione continuerà ad aumentare ancora per qualche mese fino a stabilizzarsi intorno al 9-9,5 per cento verso la metà del 2010. A partire dalla seconda metà del 2010, se la crescita del Pil sarà superiore all’1 per cento, la disoccupazione dovrebbe calare gradualmente e così anche i consumi dovrebbero andare meglio: quando la gente lavora, recupera fiducia e ricomincia a consumare. Il problema è dunque quello di incentivare i consumi da qui ad allora, per evitare licenziamenti e chiusure aziendali non necessarie.
Come si incentivano i consumi? Non con riduzioni di imposte che, nella attuale situazione di incertezza, sarebbero probabilmente risparmiate dalle famiglie. Meglio invece ricorrere a incentivi temporanei e diretti agli acquisti di beni. Ad esempio motorini, elettrodomestici, barche, macchine agricole e rimorchi. Ecco da dove nasce il decreto incentivi 2010. Nello stesso spirito, è stato aiutato il settore automobilistico nel 2009, anziché tagliare le tasse.
Dato l’eccesso di capacità produttiva inutilizzata, avrebbe invece poco senso incentivare gli investimenti (come ha fatto ad esempio la Tremonti ter): quando c’è un eccesso di capacità produttiva il problema è quello di smaltire gli eccessi di investimento del passato, non di incentivare le aziende a farne di nuovi. Gli investimenti aziendali ripartiranno una volta che sia ripartita la domanda di beni di consumo e l’export, prima di allora è inutile se non dannoso incentivarli. (1)

IL DIAVOLO NEI DETTAGLI

Gli aspetti più controversi del decreto incentivi non derivano dunque dal “se” ma dal “quanto”, dal “quando” e dal “per chi” il provvedimento viene attuato.
Cominciamo con il “quando”. Se ne parlava da novembre, è stato varato a Pasqua, con durata potenziale fino a fine 2010. Insomma, si è aspettato che la congiuntura peggiorasse per metterci una pezza. E poi si estende la durata del sostegno fino alla fine dell’anno, quando presumibilmente la ripresa avrà già guadagnato respiro. Se si vuole dare un efficace aiutino all’industria, meglio sarebbe restringere la durata di validità (fine luglio?), non allungarla. Inoltre un sussidio “temporaneo” che dura novemesi comincia a dare dipendenza. E con le droghe (un sussidio è una droga) è facile cominciare, ma difficile smettere.
C’è poi il problema dell’entità dell’intervento (il “quanto”). Il governo ha messo in campo 300 milioni per i soli incentivi, circa lo 0,1 per cento del Pil del settore industriale. Anche con ipotesi molto favorevoli sull’effetto moltiplicativo delle somme stanziate, sono troppo pochi soldi per “rilanciare la crescita”. Inoltre, settecentocinquanta euro per un motorino sono una bella sommetta, ma il criterio per l’assegnazione è quello della rapidità del click del mouse nel click-day, che può non coincidere con l’efficienza di utilizzo dei fondi. Non a caso, le potenziali categorie destinatarie dell’intervento hanno subito lamentato il rischio dell’esaurimento dei fondi (anche se il governo ha previsto la possibilità del travaso da una destinazione all’altra a seconda del gradimento degli utenti).
Infine, il “per chi”: perché a quel settore sì e a quell’altro no? Sulla scelta dei settori da privilegiare hanno certamente pesato i dati della produzione industriale. La produzione industriale dei beni di consumo durevole era a 102 nell’aprile 2008 ed è scesa a 83 oggi; quella dei beni strumentali era 116 ed è oggi 89, mentre quella dei beni intermedi era 106 ed è scesa a 76. Per tutti questi settori - i principali destinatari dei sostegni di ieri e di oggi - la crisi è stata una vera e propria Caporetto. Il discorso è un po’ diverso per i beni di consumo non durevoli, per i quali il livello della produzione industriale era 106 nell’aprile 2008 ed è sceso a 103 oggi: una battuta d’arresto lungo un trend di solida crescita graduale, non una disfatta.
Giusto quindi fare una scelta e nella fattispecie condivisibile l’idea di aiutare nella transizione al dopo-crisi chi da questa ha subito i colpi più violenti. Ma siccome la platea dei beneficiari non è sfoltita abbastanza dal criterio “riceve di più chi ha pagato di più la crisi”, si è poi aggiunto anche il criterio dell’impatto ambientale, cioè quello che porta a incentivare la sostituzione di beni inquinanti con beni ecologici (anche per i motori nautici!). Senza poi dimenticare il mercato delle vacche che ha portato, come succede sempre con le politiche settoriali, a spostamenti di poste di spesa da una voce all’altra all’ultimo momento. Alla roulette dell’ultimo minuto hanno, per ora, “vinto qualche cosa” la nautica e internet, mentre hanno perso i rimorchi e gli immobili ad alta efficienza. Insomma, le belle parole di facciata purtroppo si accompagnano sempre ai soliti criteri di allocazione poco trasparenti.

GLI INCENTIVI, SOLO UN AIUTINO DOPO TUTTO

Nei momenti di crisi, la coperta è sempre corta. Incentivi a tutti e per sempre sarebbero vietati dalla Commissione, ma soprattutto sarebbero la negazione del mercato e la morte di un’economia sana perché non si possono alimentare artificialmente imprese che non hanno più un futuro.
È però possibile, e anche doveroso, fornire assistenza in circostanze eccezionali a settori in difficoltà in cui siano in corso ristrutturazioni costose dal punto di vista sociale. Purché, in fase di attuazione, i dettagli delle misure non finiscano per oscurare i sia pur piccoli benefici di crescita e quelli più rilevanti di equità sociale che gli incentivi vogliono raggiungere.


(1) A meno che gli investimenti non siano a efficacia differita, cioè se richiedono tempo per essere realizzati (ad esempio, le infrastrutture) e quindi portano solo dopo qualche anno ad aumentare la capacità produttiva.



Fonte: http://www.lavoce.info/articoli/pagina1001620.html


LA PAZZIA DEL GRANTURCO

Questo è un guest post. Tradotto dal russo dal Vostro Umile Narratore. E’ una lettera spedita da un giovane, un Russo una volta ottimista che si trova abbandonato in qualche sobborgo degradato di Boston nel sud del New Hampshire.

DI YEVGENY


Caro Dmitry,

spero non ti dispiaccia se ti scrivo in russo. Penso che in questo modo posso essere completamente onesto. Sono un laureato di Filosofia relativamente recente di uno dei molti anonimi istituti di studi superiori post-sovietici. Lo scorso anno mi sono trasferito negli U.S.A. e ho sposato una donna americana.

La domanda riguardo a quando il moderno sistema capitalista crollerà mi ha interessato sin dagli anni da studente, e me l’ha fatto affrontare da diverse direzioni: dalle banali teorie cospirative ai seri lavori di Oswald Spengler e Noam Chomsky. Sfortunatamente non riesco ancora a capire cos’è che continua a far vivere questo sistema.

Mia moglie è una donna molto dolce, ma anche una tipica americana bianca e conservatrice. Ogni volta che saltano fuori questioni politiche, inizia a farneticare riguardo la Costituzione definendosi una costituzionalista conservatrice liberale. Allora pensavo che fosse una persona colta che sapesse di cosa stesse parlando. Infatti, lei è l’unica che mi ha fatto conoscere gli Stati Uniti e, una volta, credevo a tutto quello che mi diceva. Ma, come ho scoperto in seguito, lei non capisce niente di politica e ripete solo alcuni stralci tra le sciocchezze populiste fuoruscite da Severin, O’Reilly, Limbaugh e altri pagliacci dei mass media. Beh, non ho intenzione di dimostrare a mia moglie che si sbaglia su argomenti che io per primo non capisco. Dopotutto, è una buona moglie. E così provo a stare alla larga da ogni discussione politica quando sono con la mia famiglia, sebbene non sempre ci riesco. Forse, avere una copia del tuo libro mi aiuterebbe a spiegarmi meglio con lei, ma la nostra famiglia è stata una delle prime a essere stata schiacciata dal crollo del mercato immobiliare. Mia moglie andò in fallimento, perse il suo conto in banca, casa, lavoro e tutto il resto giusto poco prima che arrivassi io, per questo motivo non possiamo comprare niente online.

Nel discorso che hai tenuto alla conferenza in Irlanda hai menzionato il fatto che ci sono alcune regioni degli Stati Uniti dove la gente comune mangia solo cibo spazzatura, composto da coloranti artificiali, aromi e granturco, che arrivano da luoghi quali il Walmart, e che tale dieta li rende “un po’ matti”. Dal mio totale disappunto, devo concordare pienamente con te. Alcuni spiritosi commentatori russi amano riempire di ridicolo “gli stupidi Americani” e gli U.S.A. visti in generale come uno stupido Paese. Ma se avessero trascorso un po’ di tempo qui prestando un po’ più di attenzione, si sarebbero resi conto che non è il basso livello culturale che distingue gli Americani dai, diciamo, i Russi: entrambi sono, in generale, piuttosto rozzi. Ma anche se sono già stato qui anni fa, quando ero studente, la mia prima impressione è stata di una nazione piena di folli, che andavano da abbastanza competenti mentalmente a totalmente pazzi. E più viaggiavo verso sud, più questo diventava evidente. All’inizio mi sono pure meravigliato, pensando: guarda quanto può essere inebriante lo spirito di libertà! Ma adesso capisco che questa è una catastrofe, che la società americana ha subito il lavaggio del cervello ed è alienata all’estremo, e che tutto ciò che rimane loro è giocare a fare i creduloni che sono diventati.

Purtroppo, percepisco l’insidiosa influenza di tutto questo sulla mia famiglia proprio qui, adesso. Non devi essere un brillante visionario per renderti conto che nella situazione attuale tutte queste periferie infinite, costruite secondo il modello del nord America, si stanno trasformando , lentamente ma inesorabilmente, in fosse comuni per quei milioni di ex appartenenti alla classe media. Quelle che non si trasformeranno in fosse comuni diventeranno riserve naturali, fornite di animali selvatici che una volta erano esseri umani. I miei famigliari si stanno trasformando in selvaggi sotto i miei stessi occhi. La mancanza di risorse ci ha costretti a vivere secondo il modello sovietico: tre generazioni sotto lo stesso tetto. Siamo in sei, dei quali solo uno che lavora e che, di conseguenza, è esasperato e amareggiato. Il resto della famiglia sta gradualmente diventando pazza a causa dell’ozio e della noia. La televisione non viene mai spenta. La parte femminile della famiglia è stata risucchiata dai social networks e dai relativi divertimenti. Ognuno sta coltivando la propria speciale psicosi personale, che periodicamente diventa viziosa. In questi sobborghi una persona senza macchina è come una persona senza gambe, la disoccupazione non permette a nessuno di noi di guadagnare soldi per la benzina e così la casa è completamente isolata dal mondo. Le uniche informazioni che riescono a filtrare arrivano da quei bugiardi dei mass media. E io capisco che milioni di famiglie in tutta America vivono così! Ecco come le persone diventano “teabaggers” (ndt. lett. mendicanti di tè, riferito anche ai membri del TEA Party che protestavano contro le tasse troppo alte negli Stati Uniti, utilizzato per insultare i conservatori. ), mentre i loro bambini entrano a far parte delle gang di strada.

Per me, come per te, questo è il secondo collasso. Tu hai lasciato l’URSS prima di quello che sarebbe successo, mentre io ero lì, a guardare con gli occhi di un bambino. Ho visto cosa è successo quando alle persone è stato detto finalmente che erano state prese in giro per 70 lunghi anni, e come consolazione è stato dato loro una barretta di cioccolato. Adesso, dopo tutto questo, la società russa è finita. Mi addolora vedere le facce degli Americani, che ancora credono in qualcosa sventolando la loro Costituzione, e sapere che sta per succedere la stessa cosa anche a loro. Penso che il modello che tu hai proposto ci permetterà di confrontarci e sopravvivere al collasso con dignità.

Yevgeny, New Hamshire

Fonte: http://cluborlov.blogspot.com
Link: http://cluborlov.blogspot.com/2010/03/corn-madness.html
6.03.2010

Traduzione per www.comedonchiscitte.org a cura di MARICA ROBIBARO

Fonte: http://mentereale.com/articoli/la-pazzia-del-granturco


TERRORISMO ECONOMICO: LE CONSEGUENZE SONO POVERTÀ E DISOCCUPAZIONE DI MASSA

DI DAVID DEGRAW
globalresearch.ca

"L'oligarchia americana si sforza di promuovere l'idea della propria non esistenza, ma il successo della sua sparizione dipende allo stesso tempo dagli sforzi del pubblico americano, ansioso di credere nella finzione dell'uguaglianza, e dalla sua riluttanza a vedere ciò che si nasconde alla vista." - Michael Lind, To Have and to Have Not

Sì, certo, abbiamo tutti opinioni differenti su vari argomenti.

Ad ogni modo, così come hanno fatto i Padri fondatori prima di noi, dobbiamo mettere da parte le nostre differenze e unirci per combattere un nemico comune. È diventato ormai evidente a molti che i partiti Repubblicano e Democratico, così come i tre poteri del nostro governo, sono stati distrutti da un'élite economica ben organizzata, che sta devastando le nostre vite in modo tattico. La dura verità è che il 99% della popolazione statunitense non è più rappresentata politicamente. L'economia degli Stati Uniti, il governo e il sistema delle imposte oggi sono sfacciatamente manovrate contro di noi.

Gli indicatori statistici attuali della società dimostrano chiaramente che è stato sferrato un attacco strategico e un'analisi delle politiche governative prova che le condizioni in cui versa la maggior parte degli americani continueranno a peggiorare. L'élite economica ha progettato un colpo finanziario e ci ha portato la guerra davanti alla porta di casa... e tanto per chiarirci, hanno avviato una guerra per eliminare la classe media statunitense.

A meno che non decidiamo di unirci ed organizzarci per una causa comune, il nostro stile di vita e gli ideali su cui è stato fondato il nostro paese continueranno a disfarsi.

Prima di spiegare chi sia esattamente l'élite economica e di discutere alcune manovre di buonsenso con le quali possiamo combatterla, diamo un'occhiata al danno che hanno causato fino ad ora.

L'America è la nazione più ricca della storia, eppure abbiamo oggi il tasso di povertà più alto del mondo industrializzato, con un numero senza precedenti di americani che versano in condizioni di profonda crisi, e oltre 50 milioni di cittadini già in stato di povertà.

Il governo ha sollevato alcune idee su come minimizzare questi numeri, ma ci sono più di 50 milioni di persone che hanno bisogno di usare i buoni pasto governativi per mangiare, e un sorprendente 50% di bambini statunitensi faranno uso degli stessi buoni ad un certo punto della loro infanzia. Un numero pari a circa 20.000 persone vengono aggiunte al totale ogni giorno. Nel 2009, una famiglia su cinque non aveva abbastanza soldi per procurarsi cibo. Nei nuclei familiari con bambini, questo numero arriva al 24%, mentre il tasso di fame tra i cittadini ha raggiunto il picco più alto di tutti i tempi.

Al momento abbiamo anche oltre 50 milioni di cittadini statunitensi privi di cure sanitarie. 1.4 milioni di americani hanno presentato richiesta di bancarotta nel 2009, con un incremento del 32% rispetto al 2008. Mentre il numero di richieste continua ad esplodere, quelle in campo medico ne coprono più del 60%, delle quali oltre il 75% riguarda persone che possiedono un'assicurazione sanitaria. Abbiamo il sistema sanitario più costoso del mondo, siamo obbligati a pagare almeno il doppio di altri paesi per averne in cambio cure che si attestano al 37° posto nel mondo.

In totale, da quando è iniziata la crisi economica, gli americani hanno perso 5 bilioni di dollari da pensioni e risparmi e 13 bilioni nel valore delle loro case. Durante il primo anno di crisi, i lavoratori tra i 55 e i 60 anni, che hanno versato contributi per circa 20 - 29 anni, hanno perso all'incirca il 25% del loro 401(k) [un fondo pensione statunitense, ndt]. "Il debito personale è cresciuto dal 65% delle entrate nel 1980 al 125% attuale". Oltre cinque milioni di famiglie statunitensi hanno già perso le loro case, e ci si aspetta un totale di tredici milioni di famiglie che le perderanno entro il 2014, con un 25% di mutui attualmente underwater [termine con cui si intende la situazione in cui il valore della casa è inferiore a quello del mutuo rimanente, ndt]. La Deutsche Bank ha fatto una stima ancora più pessimista: "La percentuale di prestiti 'underwater' potrà salire fino al 48%, o al numero di 25 milioni di case". Ogni giorno 10.000 abitazioni statunitensi perdono il diritto di riscatto. Le statistiche mostrano che un numero sempre maggiore di persone non trovano riparo altrove, ci sono ormai oltre 3 milioni di americani senzatetto, e la frazione di popolazione maggiormente colpita da questo fenomeno sono i genitori single con figli.

Un posto in cui sempre più americani stanno trovando casa è la prigione. Con una popolazione carceraria di 2.3 milioni di persone, abbiamo il maggior numero di cittadini incarcerati di qualunque altra nazione al mondo - la stima pro capite è di circa 700 ogni 100.000 persone. Per confronto, la Cina ne ha 110 su 100.000, la Francia 80 su 100.000, l'Arabia Saudita 45 su 100.000. L'industria carceraria è prosperosa e ci si aspetta una crescita enorme nei prossimi anni. Un rapporto recente dell'Hartford Advocate, che titolava "La nazione incarcerata", ha rivelato che "ogni settimana, da qualche parte in America, apre una nuova prigione".

Disoccupazione di massa

Il tasso di disoccupazione diffuso dal governo è ingannevole sotto molti aspetti. Non tiene conto dei "lavoratori part time involontari", ovvero lavoratori con un impiego part time, ma che ne vorrebbero uno a tempo pieno. Col passare del tempo, sempre più persone smettono di cercare costantemente lavoro e vengono escluse dai conteggi di disoccupazione. Ad esempio, in Gennaio, 1.1 milioni di lavoratori sono stati eliminati dai conteggi poiché "ufficialmente" classificati come "lavoratori scoraggiati". Quindi, anziché avere un aumento del totale, sentiremo ingannevoli rapporti parlare di livelli di disoccupazione che si stabilizzano.

Oltre a questo, il Bureau of Labor Statistics [Dipartimento statunitense di Statistiche sul Lavoro, ndt] ha recentemente scoperto che 824.000 posti di lavoro persi non erano stati conteggiati a causa di "un errore di modello" nei loro dati. Anche nei dati di inizio Gennaio risulta esserci un'enorme sottovalutazione, con il rapporto più recente che parla di 20.000 posti di lavoro persi. Le analisi sull'occupazione della TrimTabs, che ha fornito i dati più accurati, "stimano che l'economia statunitense abbia perso 104.000 posti di lavoro in Gennaio".

Includendo tutti questi lavoratori non conteggiati - "part time involontari" e "lavoratori scoraggiati" - il tasso di disoccupazione passa dal 9.7% ad oltre il 20%. In totale, ora ci sono più di 30 milioni di cittadini statunitensi disoccupati o sottoccupati. Il tasso di "impiego attivo", raramente citato, rivela che la percentuale di popolazione attualmente conteggiata come forza lavoro è ora precipitata al 64%.

Anche basandosi sul valore di disoccupazione "ufficiale", per tornare ai livelli del 4.6% che avevamo nel 2007, dobbiamo creare più di 10 milioni di posti di lavoro, e la maggior parte degli economisti seri vi diranno che questo non è possibile. Di fatto, stiamo ancora perdendo posti di lavoro in numero consistente, in un solo giorno (il 27 Gennaio) svariate compagnie hanno annunciato nuovi tagli per più di 60.000 posti.

A causa della lunga durata della crisi, milioni di americani hanno raggiunto una posizione tale per cui l'indennità di disoccupazione, grazie alla quale sono sopravvissuti fino ad ora, sta per esaurirsi. Altri lavoratori sono rimasti senza occupazione per tempi talmente lunghi che le statistiche non avevano mai registrato nulla di analogo, con oltre sei milioni di disoccupati per più di sei mesi. Lo scorso anno, il numero record di 20 milioni di americani si è qualificato per l'assegno di disoccupazione, causando l'esaurimento di fondi in 27 stati, con altri sette che andranno in rosso entro i prossimi mesi. In totale, si stima che falliranno i programmi [per la gestione della disoccupazione, ndt] di 40 stati.

La maggior parte degli economisti sono convinti che il tasso di disoccupazione rimarrà alto nell'immediato futuro. Cosa succederà quando avremo milioni di lavoratori licenziati senza alcun assegno di disoccupazione a salvarli?

Lavorare di più per meno

I milioni di persone impegnati a cercare lavoro sono solo una parte della storia. Dal momento che assistiamo al record di sei persone per ogni posto di lavoro vacante, le compagnie hanno potuto aumentare il carico di lavoro dei propri impiegati. Sono riusciti ad aumentare l'orario lavorativo, a ridurre gli stipendi e a tagliare in modo drastico le indennità. Sebbene gli americani fossero il popolo più produttivo del mondo già prima della crisi, nel terzo quarto del 2009, la produttività media è cresciuta di un tasso - tradotto su base annuale - del 9.5%, e nello stesso periodo il costo del lavoro unitario è diminuito del 5.2%. Questo ha portato a profitti record per molte compagnie. Tra le 220 compagnie di cui si hanno i resoconti per l'ultimo quarto nell'S&P 500 [indice realizzato da Standard & Poor's, segue l’andamento di un paniere azionario formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione, ndt], il 78% ha avuto "profitti migliori di quanto atteso" con guadagni oltre il 17% delle aspettative, "i più alti di qualunque quarto da quando il Thomson Reuters ha iniziato ad elaborare dati".

Secondo il Bureau of Labor Statistics, il salario medio nazionale era di soli 32.390$ all'anno nel 2008, le entrate per nucleo familiare sono cadute del 3.6%, mentre la disoccupazione è stata del 5.8%. Oggi, con un tasso di disoccupazione del 10%, le entrate medie crollano con un tasso del 5% e ci si aspetta di continuare a vederlo calare. Non stupisce che, al momento, il livello di soddisfazione degli americani per il proprio impiego sia ad un minimo storico.

C'è anche un numero crescente di impiegati che, sebbene abbiano un lavoro, si trovano in condizioni di povertà. Ci sono almeno 15 milioni di lavoratori che ricadono in questa categoria, attualmente in rapida crescita. Un salario di 32.390$ all'anno non ti porta molto lontano nell'economia di oggi, e metà del paese guadagna meno. Questa è la ragione per cui gli americani sono obbligati a fare due lavori per sperare di arrivare a fine mese.

Un crimine contro l'umanità

I media principali non smetteranno di paralizzarci su questa orribile realtà snocciolando in continuazione i numeri più recenti, ma non metteranno mai insieme le cifre in modo da rivelarci il quadro devastante nel suo insieme, e raramente ci mostreranno l'immensa sofferenza individuale che c'è dietro. Questo è il modo in cui "normalizzano l'impensabile" e ci rendono passivi di fronte a considerazioni con un così alto rapporto causa-effetto.

Dietro a ciascuno di questi numeri c'è una quantità enorme di sofferenza, l'impatto fisico è superato solamente da quello psicologico. Chiunque abbia dovuto sbarazzarsi dell'assistenza sanitaria, o che non possa permettersela per uno dei propri cari a causa di circostanze finanziarie sfavorevoli, può testimoniare quanto l'impatto psicologico possa dominare quello fisico. Chiunque abbia subito lo stress di domandarsi come mettere insieme il prossimo pasto, per i figli o per se stesso, o quello di non sapere come fare a pagare il mutuo, l'affitto, l'elettricità o il riscaldamento, senza considerare la rata della macchina, la bolletta del gas, quella del telefono, della tv via cavo, o di internet.

Oggi ci sono più di 150 milioni di americani che vivono sulla propria pelle questo tipo di stress su base costante. Oltre il 60% vive alle soglie della povertà.

Questi sono beni di base, che ogni persona dovrebbe potersi permettere con facilità in una società tecnologicamente avanzata come la nostra. La ragione per cui siamo in difficoltà è che siamo stati rapinati dall'élite economica. L'entità della sofferenza che si respira oggi negli Stati Uniti d'America è letteralmente un crimine contro l'umanità.

David DeGraw
Fonte: www.globalresearch.ca
Link: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=17633
16.02.2010


Fonte: http://mentereale.com/articoli/terrorismo-economico-le-conseguenze-sono-poverta-e-disoccupazione-di-massa


Candidata Idv a cena con boss, fuori dalle liste!

Dopo l'incredibile scoop della Casa della Legalità, che ha scoperto e documentato come una delle candidate dell'Italia dei Valori in Liguria, Cinzia Damonte, abbia tra i suoi sponsor elettorali un boss della 'ndrangheta, Onofrio Garcea, già condannato per droga e coinvolto nell'inchiesta sul controllo del gioco d'azzardo dei videpoker del clan dei Macrì, di cui è considerato un esponente di vertice, non posso tacere e voglio dire la mia in qualità di candidato indipendente dell'Italia dei Valori, ma soprattutto in qualità di socio fondatore dell'Associazione Nazionale dei Familiari delle Vittime di Mafia. La dolce signora, attualmente assessore all'urbanistica del Comune di Arenzano, girava tra i commensali mentre, dietro di lei, il boss distribuiva i "santini" elettorali. Una scena agghiacciante venuta alla luce solo grazie alla mirabile opera della Casa della Legalità. Le risposte della candidata (non lo conosco, non posso conoscere tutti quelli che mi invitano a cena) sono state ancora più gravi delle foto.

Sento come obbligo morale, in virtù della mia storia familiare e personale, chiedere al presidente del partito che mi ha coraggiosamente candidato alle elezioni regionali in Veneto, Antonio Di Pietro, di rimuovere subito la candidatura di Cinzia Damonte prima delle elezioni, perchè la sua presenza cozza in maniera imbarazzante con la mia, con quella di Giulio Cavalli, Emiliano Morrone, Serenetta Monti e altre persone impegnate in prima linea contro la mafia, ma anche e sopratutto con quella di coloro che ci hanno convinti a schierarci nelle liste dell'Idv, come Sonia Alfano e Luigi De Magistris.

Io non posso essere accomunato per nessuna ragione a persone che disprezzo profondamente per le proprie frequentazioni, come la Damonte.


Fonte: http://bennycalasanzio.blogspot.com/2010/03/candidata-idv-cena-con-boss-fuori-dalle.html


11 SETTEMBRE: UNA PRODUZIONE KOSHER

DI GIANLUCA FREDA
blogghete.blog.dada.net/

“E’ sicuro al 100% che l’11 settembre è stato un’operazione del Mossad […]. Ciò che gli americani devono capire è che sono stati loro. SONO STATI LORO. E se capiranno questo, allora Israele scomparirà. Israele scomparirà definitivamente dalla faccia di questa Terra. […] Vedi, se gli americani dovessero mai capire che è stato Israele a fare questo, lo spazzeranno via dalla faccia della Terra”.

A parlare in questi termini non è il crudele e bieco Ahmadinejad o un delirante neonazista del Circolo Ariano. E’ invece Alan Sabrosky, veterano del corpo dei marines ed ex direttore degli studi presso l’US Army War College. In un podcast messo in rete dal sito The Ugly Truth, Sabrosky discute con Phil Tourney, uno dei marinai sopravvissuti all’attacco contro la nave americana USS Liberty.

Nella foto: il generale David Petraeus

La USS Liberty fu aggredita l’8 giugno 1967 - in piena guerra dei sei giorni – da aerei e motosiluranti israeliane che provocarono una strage: 34 marinai americani morti e 172 feriti. La portaerei Saratoga, rispondendo all’SOS lanciato dalla Liberty, inviò dodici aerei militari per proteggere la nave, che vennero però fatti rientrare senza ulteriori spiegazioni prima di raggiungere la loro destinazione, abbandonando la Liberty al suo destino. Già questo potrebbe servire a comprendere come l’asservimento della politica statunitense alle pressioni delle lobby filoisraeliane non sia un fenomeno recente.

Insieme a Tourney c’è Mark Glenn, ex docente ora dedicatosi a tempo pieno al giornalismo. I legami del Mossad con l’11 settembre sono noti da tempo. Tutti (o quasi) conoscono la storia dei cinque agenti del Mossad arrestati durante gli attacchi al WTC, mentre sghignazzavano e ballavano di fronte ai grattacieli in fiamme. I cinque figuri – arrestati, detenuti in confinamento per settimane e poi inspiegabilmente rispediti in Israele - operavano sotto copertura, svolgendo ufficialmente il lavoro di facchini per la ditta di traslochi Urban Moving System, di proprietà dell’israeliano Dominick Suter. Al momento dell’arresto si trovavano su uno dei furgoncini bianchi della ditta, quelli utilizzati, con ogni probabilità, per trasportare all’interno delle torri l’esplosivo e le attrezzature che servirono per la loro demolizione. Tre giorni dopo gli attacchi, anche Dominick Suter fuggì precipitosamente in Israele. A questo si aggiungano i massicci movimenti di agenti israeliani registrati nei mesi e negli anni precedenti agli attacchi su tutto il territorio americano, documentati dal filmato qui sotto. Fox News riferiva che tra il 2000 e il 2001 sarebbero state arrestate su territorio USA almeno 200 spie israeliane, nella più massiccia operazione di controspionaggio mai vista nella storia americana.

Se il coinvolgimento del Mossad nell’orribile messinscena dell’11 settembre è cosa risaputa, la novità sta nel fatto che gli ambienti militari americani iniziano ora a denunciare sempre più apertamente all’opinione pubblica quella che, fino a poco tempo fa, era una verità conosciuta solo su internet e nota solo ai ricercatori più informati. L’insofferenza degli ambienti militari americani verso la politica di Israele diventa sempre più marcata. Il 16 gennaio scorso il Gen. David Petraeus, comandante in capo del CENTCOM (il Comando Centrale statunitense) e architetto delle strategie militari americane in Medio Oriente, aveva espresso al capo di stato maggiore, Ammiraglio Michael Mullen, la propria preoccupazione per la situazione del conflitto israelo-palestinese. Su ordine di Petraeus, uomini del Comando Centrale avevano parlato con i principali leader arabi, riportandone la sensazione di netta sfiducia e ostilità che circonda in questo momento gli Stati Uniti a causa dell’incapacità del governo americano di far rispettare ad Israele i propri impegni relativi all’ormai più volte disatteso ed inservibile processo di pace.



Le osservazioni di Petraeus, espresse nel corso di un briefing ufficiale, sono qualcosa che non ha precedenti nella storia dell’esercito americano. Non era infatti mai successo prima che un generale americano esprimesse la propria opinione su quello che è essenzialmente un problema politico. Il problema è che i cedimenti a Israele e la visibile debolezza dell’amministrazione americana nel far rispettare le proprie richieste iniziano a rappresentare un serio pericolo per l’immagine delle truppe statunitensi operanti in Iraq, Afghanistan e Pakistan. I paesi arabi non rispetteranno l’esercito di un paese che tutti ritengono – non a torto – asservito alle lobby israeliane e che per giunta si mostra incapace di ottemperare alle proprie promesse.



La situazione si è ovviamente aggravata dopo la decisione di Netanyahu di costruire 1.600 nuove case a Gerusalemme Est. Si tratta di un atto di sfida aperta ai desideri espressi dall’amministrazione americana, di fronte alla quale il vicepresidente Biden è riuscito solo a farfugliare scuse e garanzie di ulteriori, inutili colloqui. Petraeus ha chiesto alla Casa Bianca l’estensione dell’autorità del CENTCOM ai territori palestinesi, richiesta ovviamente respinta, ma che dà l’idea di quanto i comandi militari americani si mostrino preoccupati e ormai apertamente insofferenti per i continui insulti di Israele all’autorità statunitense. La recente diffusione presso le truppe americane di alcune evidenti, ma finora poco pubblicizzate, verità sugli attacchi dell’11 settembre è da inserirsi sicuramente in questo clima di gelo diplomatico tra due potenze che, all’epoca dell’amministrazione Bush, mostravano di essere pressoché un’unica, indistinguibile macchina da guerra e da propaganda.

Gianluca Freda
Fonte: http://blogghete.blog.dada.net/
Link: http://blogghete.blog.dada.net/archivi/2010-03-21



Fonte: http://mentereale.com/articoli/11-settembre-una-produzione-kosher


indagare la pedofilia esoterica...

il nostro è un paese con un elevato numero di fattucchiere, di maghi, di maestri, di sensitivi, di persone che per una ragione o per l'altra se-dicono di avere dei poteri paranormali ed extra-sensoriali dei quali hanno fatto la propria fonte di guadagno, il proprio lavoro, una sorta di "professione" socialmente riconosciuta e sostanzialmente accettata da una ampia fetta della collettività

la cronaca ci offre soventemente delle notizie che riguardano il comportamento seducente che questi secidenti adottano nei confronti dei e delle proprie clienti, fino a conquistarne la fiducia ed anche le grazie e gli orifizi

apparentemente potrebbe sembrare un sottobosco di ignoranza, di credulità popolare, di uomini e donne riciclatesi in maghi per sbarcare il lunario, alcuni dei quali con aspetti psicopatologici chiari, altri più criminogeni, molti in buona fede, coscienti di rappresentare il "me la racconto", ciò che la gente desidera vedere per non affrontare la realtà, guadagnandoci tanto ed in fondo meno disonestamente di altri venditori di qualcosa

il nostro è un paese approssimato nel quale proprio l'appossimatezza diventa normalità e tutto è alibizzato all'insegna del "così vanno le cose" o più propriamente della classica espressione: "embè, che probbllemma c'è? " come direbbe un mio amico maresciallo dei carabinieri

nel corso degli anni mi è capitato di studiare questo settore della nostra società, che non è affatto marginale, quello dell'esoterismo; l'ho fatto mentre mi stavo affacciando alla realtà degli "RSA" gli abusi rituali satanici, che negli USA erano stati investigati in alcuni casi di scomparsa e violenza di minori, mentre in Italia di satanismo se ne occupava solo il Gris ed un settore dei servizi segreti civili che studiava le psicosette e le organizzazioni occulte

ho studiato con attenzione le dinamiche italiane dei rituali esoterici, ben diversi dalla "cultura" esoterica che ha lasciato dei segni nella storia, evidenziando l'appossimatezza delle conoscenze di talune entità spesso evocate solo per fare vetrina, ovvero la grande confusione fra i riferimenti ritualistici esoterici, quelli satanici e talvolta quelli massonici; sostanzialmente nella gran parte dei casi si tratta di persone che si alzano una mattina in preda alla necessità di fare soldi o spinti da meccanismi psicologici ben conosciuti che prendono spunto da qualche libro o dai racconti della nonna, oppure da un viaggio in Egitto vinto con la raccolta punti della "miralanza" per trasformarsi nel "mago del nilo", nella "maga delle sette chiavi", nel "maestro del popone", nel "mago di tutti i tempi" o nel più classico "mago dei maghi" buono per tutte le occasioni. Vendendo per conoscenze ciò che in realtà hanno spulciato in qualche enciclopedia o partorito da ben note dinamiche psicopatologiche, con tanto di accessori esoterici dalle piramidi alle pluricroci, dai mantelli alle parole magiche

fra questa gran massa di persone, perchè il numero è elevatissimo, ci sono anche dei soggetti invece molto competenti ed assolutamente pericolosi, che dell'esoterismo hanno fatto lo strumento di incursione nelle realtà sociali e psicologiche più vulnerabili, per predare non solo le menti ma anche le "anime" di coloro che cercano nell'esoterismo le risposte alle domande che non si fanno nella vita quotidiana

l'esoterismo nasconde al suo interno, molto spesso senza saperlo, il satanismo e la pedofilia esoterica, cioè quella specialità della cultura pedofilica che necessita dello strumento infanzia come mezzo di intercessione per raggiungere una presunta entità ovvero per nutrirsi della energia che, secondo questi, il bambino racchiude; oltre che soddisfare la propria necessità di raggiungere una predazione sessuale di un bambino o di una bambina prepubere

ci sono però due grandi differenze fra la pedofilia esoterica e gli abusi rituali satanici

i satanisti hanno come scopo il raggiungimento della connessione con l'entità adorata, il bambino è un mero strumento sacrificale, un mezzo d'intercessione, la componente sessuale negli abusi rituali satanici è solo un meccanismo e non una precisa necessità pedofilica. Questa è una realtà insorgente e molto pericolosa, ancora poco studiata anche a causa delle numerose differenze che vi sono al suo interno fra scuole di pensiero e schole esoteriche varie

la pedofilia esoterica vede invece la presenza di numerosi soggetti, nella gran parte dei casi maschi, che attivano delle dinamiche pedofiliche "pure", protese cioè alla predazione sessuale dei minori, pulsione che li gratifica e che è solo associata alla utilizzazione della preda, il minore, all'interno di ritualità esoteriche che apparentemente sono poste in essere come rito benevolente nei confronti del minore stesso o della sua famgilia, per questo sono subdole

mi è capitato di incontrare un sedicente mago, in Puglia, al quale la famiglia di una ragazzina appena mestruata gli aveva chiesto un rito solo perchè questa era dismenorreica, per molto tempo l'uomo ha non solo molestato sessualmente la ragazzina ma si è fatto consegnare una bella somma di denaro per eseguire i suoi rituali in nome di una non meglio riconosciuta potente energia, che questi evocava con lo svolgimento di rituali tanto assurdi quanto palesemente evocativi la sola produzione di una soddisfazione sessuale

in questo caso l'ignoranza della famiglia della ragazzina è altresì colpevole ma lo è anche quella sociale, perchè costui si pubblicizzava tramite una rete televisiva privata, manifestando apertamente la sua invenzione come mago di qualcosa, smazzando i tarocchi allo stesso modo con cui dava le carte giocando a teresina al bar che frequentava fra un rituale e l'altro, con somme di denaro sempre maggiori

in realtà la nostra attenzione è colta solo nel momento in cui esce la notizia di un abuso contro un minore da parte di questi maghi, o quando avvengono grandi casi di truffa, in qualche modo siamo protesi a dire che se la sono cercata, che ci vanno a fare da un cretino vestito di carta stagnola? affari loro. Questo è sostanzialmente l'alibi che ci offriamo per continuare a farci gli affari nostri ed ipocritamente leggere l'oroscopo o guardare i tanti programmi televisivi popolari, nei quali la presenza e l'apparizione di un mago c'è sempre

dovremmo invece iniziare a comprendere le ragioni della esigenza collettiva di rivolgersi a dei ciarlatani per risolvere anche dei seri problemi, di salute oppure relazionali, forse incrementata anche da una elite di professionisti che hanno sviluppato un confine fra chi può permetterseli e gli altri, ai quali rimane solo il "mago dell'ora d'aria". Per quanto oggi anche gli psicologi stanno diventando popolari e auspicabilmente capaci di sconfiggere l'ignoranza sociale, il pregiudizio di cui si nutre gran parte della nostra società

la pedofilia esoterica non è però solo caratterizzata dalla presenza di un marpione sessualizzato, bensì dalla convinzione che il bambino possa essere il contenitore di una determinata energia, positiva o negativa, in base alla quale questi può essere adorato ovvero soppresso; non dimenticherò mai la bambina di pochi mesi torturata ed uccisa con le percosse dalla madre e dalla nonna perchè credevano che fosse posseduta dal demonio, idea suggerita paradossalmente da dei soggetti che si sono dichiarati adoratori del culto di satana che gravitavano intorno alla famiglia

il rischio reale ed effettivo della pedofilia esoterica è rappresentato dalla trasversalità dei potenziali adepti, che diventano tali senza accorgersi di favorire una attività predatoria di minori, specialmente da parte di coloro i quali coi minori ci lavorano o ne hanno molti all'interno della propria famiglia, semplicemente credendo alla esistenza della energia positiva o negativa, al malocchio, alle fatture, alla necessità di aderire a pratiche ritualistiche suggerite dal mago di turno per conquistare un potere, un amore, la carriera lavorativa ovvero per difendersi dall'invidia e dal male degli altri; pratiche eseguite non solo da sottosviluppati e ignoranti cittadini, ma anche da professionisti, da insegnanti, da soggetti apparentemente dotati di una sana struttura di pensiero, ma facilmente condizionabili in forza della propria debolezza emotiva, relazionale o a causa di una insorgente grave malattia che ne destabilizza l'equilibrio spingendoli a praticare ogni cosa pur di fuggire la paura di soffrire o di morire

il pedofilo esoterico eterodirige i propri adepti, i propri clienti, coloro che gli chiedono aiuto, questi è capace di suggerire dei comportamenti e di sviluppare delle situazioni che coinvolgono i minori senza mettere in allarme nessuno, per esempio semplicemente dicendo ad una maestra di una paesino che un gruppo di bambini dovrà trovarsi dentro una stanza ad un certa ora, per farli giocare con dei peluche "caricati" di energia positiva, che dovrà fargli fare dei "giochi" per convogliare le energie dei bambini e così via senza mai apertamente parlare di sesso oppure mimare alcunchè; fino a raggiungere un picco tale da aver soggiogato la maestra in un circuito autoreferenziale oppure di poterla ricattare con la minaccia dello "scandalo", laddove questa si accorgesse di essere parte di una predazione sessuale di minori; il ricatto è la maggiore arma usata da questo tipo di pedofilia esoterica

ho studiato alcuni casi, non ultimo quello di Rignano, evidenziando la componente esoterica nelle attitudini comportamentali dei presunti autori delle violenze, i quali hanno tutti manifestato quell'ambiguità omertosa laddove sono state posti di fronte alla realtà delle ragioni degli incontri fra i bambini e gli adulti, come se questi temessero non tanto di essere additati come pedofili ma di essere screditati come insegnanti, come mogli, mariti, professionisti, poliziotti et. etc. Infatti da una accusa come quella di pedofilia, molto difficile da dimostrare e sostenere nei tempi di giustizia italiani, è assai facile uscirne in qualche modo, specialmente nei casi proprio come quello di Rignano Flaminio, mentre da un pregiudizio sociale, dalla condanna sociale dei piccoli paesi non se ne esce più per generazioni, tanto che il lavoro ed il prestigio ne possono essere compromessi

sono abituato ad indagare le debolezze delle persone prima di cercare le grandi forze occulte, soprattutto nei casi di pedofilia ambigui, quelli che vedono accusate delle persone considerate "normali" o al di sopra di ogni sospetto, le quali sembrano non essere coscienti che i bambini a loro vicini sono stati oggetto di molestie ed abusi sessuali

inoltre è nei casi che vedono più persone di questo tipo accusate di aver commesso degli abusi che indirizzo la ricerca della componente esoterica, quindi associativa, oppure psicosettaria che possa giustificare non solo la ragione della predazione di più bambini, ma anche la presenza di più adulti con ruoli sociali specificatamente dedicati ai minori, diversi dai propri figli

la prima ricerca che svolgo è quella storica e culturale nel territorio oggetto degli abusi, quindi controllo la progressione cronologica dell'insediamento di eventuali comunità psico-settarie, pseudoreligiose, esoteriche, mistiche, fino alla valutazione della presenza di singoli personaggi riconducibili a questi ambienti, capaci di catalizzare le esigenze delle persone più deboli (che non sono solo i creduloni o gli ignoranti) per poi manipolarle subdolamente fino a trasformarle in dei complici passivi, spesso ignari, nella predazione dei bambini. Utilizzando il ricatto come strumento di pressione per mantenere il più a lungo possibile il segreto, ove il segreto è proprio l'elemento collante fra la pratica violenza in danno dei bambini e l'immatura speranza degli adulti di risolvere i propri problemi emotivi, relazionali, sanitari o lavorativi con l'ausilio di un mago o di ambigui rituali esoterici

molto spesso quando ho tentato di parlare di questi eventi all'interno di convegni o durante le indagini in qualche caso specifico, mi sono visto trattare da idiota, da pazzo o con sufficienza, ho sempre risposto che di fronte alla paura, alla debolezza interiore di una persona anche apparentemente forte, socialmente inserita, si attivano dei meccanismi che riducono l'intelligenza schiava della esigenza di fuggire il problema, l'intolleranza alla fonte di frustrazione si trasforma in tolleranza di pratiche pericolose, ma accettabili se capaci di risolvere il problema, di donare potere e forza, di continuare a raccontarsela invece di affrontare il problema stesso ponendosi in discussione

la differenza fra uno psicologo ed un ciarlatano consiste infatti proprio in questo piccolo particolare, che lo psicologo invita a porsi in discussione ed accettare il problema per poi tentare di elaborarlo; il ciarlatano invece avalla la fuga dal problema stesso indicandone le cause in improbabili malefici fino a proiettare nel capro espiatorio individuato ogni responsabilità, naturalmente da sconfiggere con l'acquisto di amuleti e riti vari, nella più buona delle ipotesi, oppure con l'adesione a pratiche ritualistiche pericolosissime, nelle quali purtroppo il coinvolgimento di un bambino c'è sempre e finisce con la sua predazione sessuale

chi glielo spiega poi al giudice che l'adulto indagato, socialmente inserito, incensurato, irreprensibile, si è trovato dentro quella stanza con dei bambini solo perchè stava praticando il rituale suggerito da "Nestore il mago delle nespole", che invece di togliere il malocchio con delle pratiche improbabili ha tolto l'infanzia con una ritualità pedofilica ancora troppo frequente in questo nostro strano paese di maghi e fattucchiere....

Fabio Piselli



Fonte: http://www.piselliscrittiedizioni.com/ilBlog/tabid/548/EntryID/33/Default.aspx


Il MoVimento 5 Stelle non vuole i contributi elettorali

Il voto al MoVimento 5 Stelle
(3:00)
MoVimento_5_Stelle_voto.jpg


I soldi trasformano la politica in una montagna di merda. Il MoVimento 5 Stelle RIFIUTA ogni contributo elettorale in caso di elezioni. I soldi devono rimanere alla comunità. La nostra campagna elettorale è stata finanziata da contributi spontanei. La spesa sostenuta in ogni Regione è stata di circa 15.000 euro più il lavoro immenso e non retribuito di tante persone. Se venisse eletto in Regione un candidato, lo Stato dovrebbe versare al MoVimento 2/300 mila euro. Questi soldi non li vogliamo. Non li vogliono i nostri candidati:
- Davide Bono
per il Piemonte
- Roberto Fico
per la Campania
- Vito Crimi
per la Lombardia
- David Borrelli
per il Veneto
- Giovanni Favia
per l'Emilia Romagna.

Se verranno eletti, riceveranno uno stipendio per la loro attività, se il MoVimento avrà bisogno di finanziare delle iniziative nelle singole Regioni li chiederà ai cittadini attraverso la Rete.
Il costo della politica è un'invenzione linguistica dei politicanti per diventare ricchi, o almeno benestanti, con le risorse dello Stato. Io non conosco un solo politico povero. Le elezioni sono diventate un "Gratta e vinci", una lotteria di Stato, un'assicurazione per la vita dei partiti. Il tesoriere di un partito è spesso più importante dello stesso segretario. Lo Statuto del MoVimento non prevede un tesoriere. Il MoVimento è "altro", non vogliamo i soldi delle tasse degli operai, degli impiegati, dei pensionati, delle piccole imprese per finanziare i costi della politica.
Il MoVimento è "altro" anche per i telegiornali, per quella fogna della televisione pubblica che assorbe i soldi del canone, della pubblicità e fa debiti di decine di milioni di euro ogni anno. Il MoVimento 5 Stelle non è mai stato citato (tempo di antenna *) nei telegiornali TG1, TG2, TG3 e RAInews24 (dati al 20 marzo 2010, fonte Agcom) . Non esistiamo, siamo dei "non" cittadini per l'informazione controllata da Pdl e Pdmenoelle, la cancrena del Paese.
Il costo della politica ha generato mostri come Craxi, Berlusconi, D'Alema, Casini. I soldi sono uno strumento per regnare all'interno del partito, per premiare i più fedeli. La sete di soldi è senza limiti. Per i partiti sono l'equivalente dell'odore del sangue per gli squali. Il MoVimento è "altro", noi siamo cacciatori di squali. Un solo consigliere in Regione permetterà di dare ai cittadini trasparenza su ogni atto, su ogni porcata, su ogni inciucio attraverso la Rete.
Domenica e lunedì si vota. Ricordate di fare una doppia croce, una sul simbolo del MoVimento 5 Stelle con il nome del candidato e una sul simbolo del MoVimento 5 Stelle con la preferenza.
E' IMPORTANTE FARE UNA DOPPIA CROCE PER ELEGGERE ALMENO UN CONSIGLIERE, ditelo anche ai vostri amici.
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene'). Noi neppure.

>>> Scarica e diffondi il Programma del MoVimento 5 Stelle

(*) Tempo di antenna: indica il tempo complessivamente dedicato al soggetto politico istituzionale ed è dato dalla somma del “tempo di notizia” e del “tempo di parola” del
soggetto



Fonte: http://www.beppegrillo.it/2010/03/i_soldi_trasfor.html


Torta al limone

Questa ricetta della torta al limone è davvero buonissima. Ho preso la ricetta da un post di debby sul forum quella sul dolce al limone soffice farcito di crema al limone senza latte io ho solo aggiunto un pò di succo di limone in più… con questa ricetta della crema saranno felici gli intolleranti al lattosio :P
Questa torta al limone è un dolce che può essere servito per colazione o per una merenda anche senza farcia perchè è un dolce molto soffice ma se la si vuor rendere una torta speciale beh bisogna farcirla con una crema al limone. Ho preparato questa torta al limone sabato per una cena a casa mia con i miei suoceri e i miei genitori, e me ne sono innamorata….vi consiglio di provarla ;)

P.s. Ho provato questa ricetta della crema al limone senza latte per curiosità, è molto buona, ma un pò gelatinosa io preferisco la mia crema pasticcera al limone e la prossima volta utilizzero questa per farcire la torta.

Ingredienti:
4 uova,
200 gr di zucchero
1 bicchiere di olio di semi,
1 limone
200 gr di farina 00,
50 gr di fecola di patate,
una bustina di lievito

Per la crema al limone senza latte:
300 ml di acqua,
200 gr di zucchero,
50 gr di fecola,
1 tuorlo d uovo,
1 uovo intero,
1 limone

zucchero a velo

Procedimento:
Separare i tuorli dagli albumi; montare gli albumi a neve
In una terrina a parte montare montare i tuorli con lo zucchero
Aggiungere il succo di un limone,la scorza grattugiata e l’olio a filo.

Versare a pioggia la farina, la fecola e il lievito setacciato.

In ultimo incorporate all’impasto della torta, gli albumi montati a neve mescolando con un cucchiaio di legno con un movimento che va dal basso verso l’alto per incorporare aria nell’impasto.

Imburrare ed infarinare una tortiera da 24 cm e versare al suo interno l’impasto del dolce al limone

Infornare la torta al limone in forno già caldo a 180° e cuocere per 30 minuti.

Nel frattempo preparare la crema al limone senza latte.
In una casseruola dal fondo spesso far sciogliere a fiamma bassa lo zucchero nell’acqua.
A parte lavorare l’uovo con il tuorlo, la fecola e il succo e la buccia di un limone.

Mescolare fino a formare una crema liscia e omogenea.
Versare a filo il battuto d’uovo nella casseruola con l’acqua e mescolare

Cuocere la crema a fiamma bassa, mescolando con un cucchiaio di legno, per 10 minuti circa o finchè la crema di limone non si sarà addensata del tutto..

Andate ora ad assemblare la torta al limone

Tagliare la torta raffreddata a metà.
Distribuire la crema al limone su un lato e livellarla in più possibile.

Coprire con l’altro disco di torta ed esercitare un pò di pressione per far si che la farcia al limone sia distribuita in maniera uguale in tutto il dolce.



Spolverizzare quindi la torta al limone con lo zucchero a velo e servire. Purtroppo io ho sempre bpoco tempo da dedicare alla decorazione delle torte, ma voi potete sbizzarrirvi mettendo attorno alla torta del nastro giallo oppure dei riccioli di limone glassati…

Ed ecco un particolare di una fetta per farvi notare quant’è soffice questa torta




Fonte: http://www.misya.info/index.php/2009/11/10/torta-al-limone.htm


Radiazioni degli alimenti: onde umane e salute

Marcello Pamio, fonte: “Radiations des aliments: ondes humaines et santè”, André Simoneton e "La vita segreta delle piante" di Peter Tomkins e Christopher Bird

Quando si parla di materia ed energia, subito alla mente compare l’immagine di Albert Einstein e della sua famosa equazione: E= mc2.
Se invece si parla di radiazioni e vibrazioni emesse dagli alimenti, alla mente, nonostante la storia sia ricca di personaggi che hanno lavorato in questo ambito, non compare proprio nulla! Come mai?
Questo articolo ha proprio il senso di ricordarne uno: Andrè Simoneton, un ingegnere elettrico francese.

Simoneton partendo dalle ricerche e scoperte di altri grandi ricercatori, come i francesi André Bovis e Louis Kervran e il russo G. Lakhowsky, si è occupato principalmente delle “azioni”, degli "effetti" che gli alimenti hanno sul corpo umano.
Per esempio una delle teorie di André Bovis, si basa sul principio che la Terra ha correnti magnetiche positive che vanno da Nord a Sud e correnti magnetiche negative che vanno da Est a Ovest. Queste correnti vengono captate da tutti i corpi sulla superficie terrestre, e se uno di questi corpi viene messo in posizione Nord-Sud sarà più o meno polarizzato a seconda della forma e della sua consistenza.
Nei corpi umani queste correnti, dette telluriche, positive e negative, entrano in una gamba ed escono dalla mano della parte opposta; contemporaneamente le correnti cosmiche entrano dalla testa ed escono dalla mano e dai piedi opposti.
Tutti i corpi contenenti acqua accumulano queste correnti e le irradiano lentamente, perciò il corpo umano (e tutti gli alimenti offerti dalla Natura), come un condensatore variabile, agisce da rilevatore, selettore e amplificatore di onde corte e cortissime.
Lakhowsky affermava invece che “la vita nasce dalle radiazioni e viene mantenuta dalle radiazioni”.

Grazie al lavoro di questi insigni ricercatori, Simoneton poté concepire l’idea che le cellule nervose umane non solo ricevevano lunghezze d’onda ma erano anche delle trasmittenti: egli era convinto infatti che “ciascuno degli organi essenziali con le loro cellule costituisce un piccolo circuito oscillante”. Qualsiasi ricevitore deve entrare in vibrazione risonante con un emettitore in maniera da raccogliere le sue emissioni. Lakhowsky paragonò il sistema a due pianoforti bene accordati: quando viene battuta una nota sull’uno, esso fa vibrare la stessa nota sull’altro.

Numerosi anni di studio, permisero a Simoneton di dimostrare empiricamente che tutto il vivente in Natura emette una vibrazione o radiazione ben specifica; ma la cosa forse più intrigante è stata quella di rispondere alla domanda: quali vibrazioni indeboliscono l’essere umano e quali invece lo fortificano?
Per le sue misurazione utilizzò un contatore geiger, una camera ionizzante di Wilson, il dosimetro e biometro di Bovis graduato in Angstroms (A°) che poteva misurare al decimilionesimo di millimetro.
Con questo sistema è riuscito a stabilire che ogni essere umano in salute, emette delle radiazioni dai 6200 ai 7000 Angstroms (lunghezza d’onda che corrisponde al colore rosso).
Ogni colore in natura ha una sua vibrazione e una sua lunghezza d’onda:

Viola, da 3900 a 4300 A°
Indaco, da 4300 a 4500 A°
Blu, da 4500 a 5200 A°
Verde, da 5200 a 5800 A°
Giallo, da 5800 a 5900 A°
Arancio, da 5900 a 6200 A°
Rosso, da 6200 a 7800 A°

Dopo estenuanti controlli ed esperimenti su persone sane e malate, Simoneton trovò che la media della vibrazione nelle persone sane è di 6500 A° (in sù), mentre nelle persone malate tale vibrazione è sempre più bassa!
Tutti gli esseri viventi, per mantenere e conservare la propria integrità funzionale e il suo sistema vibratorio interno, hanno bisogno di tre principali sorgenti:

- Le onde telluriche e cosmiche;
- Le onde dello spettro solare;
- Le onde dei prodotti alimentari.

L’uomo quindi si trova in mezzo tra le influenze vibratorie che arrivano dal cosmo, dal Sole e dalla Luna, dalle vibrazioni telluriche del sottosuolo, dalle vibrazioni umane e da quelle degli alimenti.
André Simoneton, diede sempre molta importanza all’aspetto nutrizionale, anche grazie al fatto che il regime vegetariano gli salvò letteralmente la vita.
A 23 anni infatti, in piena Grande Guerra (1916), venne riformato dal servizio militare per bronchite bacillare e ricoverato in un ospedale per tubercolosi. A 33 anni era alto 1,69 metri e pesava ben 90 kg, aveva una colibacillosi aggravata da una prostatite con cistite, arteriosclerosi e costipazione molto grave.
La sua situazione quindi era molto grave, incurabile per l'epoca.

Fu allora che intraprese una cambio drastico di regime alimentare, diventando vegetariano. L’applicazione “di questo metodo nuovo fu lunga e faticosa” ma dopo sei mesi vide già i primi segnali di miglioramento, e in 4-5 anni riguadagnò la salute completamente! Al punto tale che a 83 anni (nel 1977) pedalava con la bicicletta per 70-80 km, giocava a tennis settimanalmente, sciava, nuotava e faceva addirittura canottaggio.

Visto il suo interesse per lo studio delle energie, indagò dettagliatamente la radiazione emessa dagli alimenti, e la sua importantissima conclusione gli permise di classificare gli alimenti in quattro grandi categorie:

1) Prima categoria: ALIMENTI SUPERIORI
Radiazione superiore a quella trovata nell’uomo: da 10.000 a 6500 A°

2) Seconda categoria: ALIMENTI DI SOSTEGNO
Radiazione variabile tra 6500 e 3000 A°.

3) Terza categoria: ALIMENTI INTERIORI
Radiazione molto inferiore a quella trovata nel corpo umano: sotto i 3000 A°

4) Quarta categoria: ALIMENTI MORTI
Alimenti che non emettono alcuna energia riscontrabile.

ALIMENTI SUPERIORI
La polpa dei frutti freschi ben maturi, le verdure crude e/o cotte a temperature inferiori ai 70 °C, il pane e la farina integrale, la frutta oleosa, le olive, mandorle, noci e noci di cocco, il burro fresco, il formaggio non fermentato e le uova di giornata.
Quando la frutta ha maturato correttamente sotto il calore del sole, la sua radiazione è massima. Dopo la maturazione, la lunghezza d’onda è stabile per qualche giorno, spesso qualche settimana nel caso dei frutti d’inverno, per poi decrescere fino a zero. Mangiando un frutto noi assorbiamo la radiazione spettrale del sole e probabilmente anche quella tellurica e cosmica. La sensazione di benessere che proviamo nella regione dello stomaco è dovuta proprio a questo insieme di radiazioni (immagazzinate nella pianta), che sappiamo oscillare tra l’infra-rosso e l’ultra-violetto.
Un vero e proprio bagno solare locale!
Questo è il motivo per cui Simoneton faceva colazione ogni giorno con un pasto di frutta fresca.

ALIMENTI DI SOSTEGNO
Il latte fresco (dopo 12 h la radiazione scende del 40% e dopo 24 h del 90%), il burro ordinario, le uova, il miele, lo zucchero di canna integrale, l’olio di arachidi, il vino, vegetali e legumi cotti (bollitura).

ALIMENTI INFERIORI
La carne cruda, le uova di due settimane, il latte bollito, caffè, thè, cioccolata, confetture e marmellate, formaggio fermentato, pane bianco.

ALIMENTI MORTI
Le conserve alimentari, le margarine, gli alcolici, liquori, lo zucchero bianco, le farine raffinate e tutti gli alimenti pastorizzati (succhi di frutta, ecc.).

Le conclusioni sono:
a) Tutti gli alimenti reputati più sani sono quelli con la lunghezza d’onda più elevata, cioè quelli che emettono più energia. Quelli con più vitamine!
b) Certe procedure, comunemente utilizzate come la cottura, alterano e distruggono alcune qualità degli alimenti.
c) La freschezza di certi alimenti resta un fattore importantissimo.
d) Gli alimenti conservati e pastorizzati non conservano alcuna vitalità, sono alimenti morti.
e) Gli alimenti della terza categoria (inferiori), senza vitamine sono praticamente tutti i polipeptidi (proteine) e quindi basta una piccola carenza nell’apparato digerente (per esempio nel fegato) per scatenare intolleranze all’organismo. Non è estranea infatti l’origine spesso alimentare di emicranie, asma, eczema, orticaria, ecc.
f) Infine, la stragrande maggioranza degli alimenti della quarta categoria (alimenti morti) se sono mangiati in eccesso, provocano intossicazione.

Gli alimenti per i quali l’essere umano è biologicamente predisposto sono quelli che hanno il maggior quantitativo di acqua biologica, enzimi e vitamine, quindi di vibrazione energetica: gli alimenti della prima categoria: frutta, verdura, noci, cereali.
Quando si parla di vitamine s'intendono migliaia di sostanze organiche che SOLO le piante, e non i laboratori, possono produrre. Lo ha dimostrato sperimentalmente il dottor Ehrenfried Pfeiffer (biochimico seguace del filosofo e scienziato austriaco Rudolf Steiner). La vita - era solito affermare Pfeiffer - pulsa in modo genuino dal cibo, dal suolo e dalle vitamine vive e come i minerali inorganici, i prodotti chimici e le vitamine sintetiche sono morti. Mediante la cromatografia ha dimostrato che la vitamina C sintetica o acido ascorbico è del tutto diversa dalla vitamina C dei frutti della rosa canina per esempio: quello che manca nell'acido ascorbico è il valore biologico o vitalizzante!

Le immagine seguenti, originali dell'ing. Simoneton tratte dal suo libro, mostrano come la vibrazione degli alimenti decresce con il passare delle ore e dei giorni.
A sinistra (sopra) le pere William dalla maturazione hanno circa 8 giorni in cui emettono radiazioni vitali, dopodichè la vibrazione scende a zero; le pesche (sotto) hanno una durata di emissione di 10 giorni.
A destra (sopra) albicocche e prugne mostrano una durata maggiore: circa 15 giorni.
Il ciclo vitale di una banana è di 24 giorni, dove nei primi 8 giorni, avendo una energia superiore i 6000 A° rientra negli “alimenti superiori”, i 6 giorni successivi negli “alimenti di sostegno” e gli ultimi 10 giorni invece nella categoria degli “alimenti inferiori”.
la logica conclusione è che la frutta va mangiata matura e prima possibile.

Molto interessante è constatare che la lunghezza d’onda della frutta e degli ortaggi disidratati rimane dentro la banda del viola e ultra-violetto: 4/5000 A°, e la frutta disidrata se immersa nell'acqua (processo di idratazione) per almeno 24 h, irradia quasi quanto appena colta.
Secondo il paragnostico cecoslovacco Jan Merta, la buccia di mele, pere e altra frutta o verdure, se lasciata immersa in un bicchiere di acqua durante la notte, emette vibrazioni salubri all'acqua che poi può essere bevuta.

Per la salute umana è fondamentale mangiare frutta e verdura crude, visto che la cottura - mera invenzione dell’uomo - distrugge enzimi e vitamine, fa coagulare le proteine e rende inorganici i minerali.
La patata e il frumento sono eccezioni. La patata cruda ha una vibrazione di 2000 A°, cotta nell’acqua arriva a 6000 A°, mentre al forno (con buccia) raggiunge i 9000 A°. Il frumento ha una radianza di 8500 A°, se cotto sale a 9000 °A.

La carota, e gli altri ortaggi hanno una lunghezza d’onda di circa 8000 A°. I legumi (ceci, piselli, lenticchie, fave, ecc) hanno una vibrazione che va da 7000 a 8000 A° da freschi, se seccati da più di qualche settimana, la radiazione è bassa, e dopo parecchi mesi, non hanno più alcuna vitamina, questo è il motivo per cui diventano pesanti ed indigesti.

Le Malattie

Le radiazioni misurate dall'ing. Simoneton non riguardarono solo gli alimenti Egli stabilì che la banda dei microbi e delle malattie va da 3100 A° (valore della meningite, colore ultra-violetto) ai 6250A° (valore della dissenteria, colore infra-rosso).
Ecco qualche esempio di malattie:

Malattia

Vibrazione

Alimenti con la medesima vibrazione

Dissenteria 6250 A°
Difterite 4500 A°
Stafilococco 5400 A°
Tubercolosi 5525 A° Carne cruda di 10 gg., uovo di 11 giorni, pane bianco
Influenza 5460 A°
Cancro 4874 A° Carne cruda di 3 gg., pane bianco
Tetano 4900 A°
Meningocco 3100 A°

La lunghezza d’onda della tubercolosi è pari a 5525 A° e coincide con la carne cruda di 10 giorni, all’uovo di 11 giorni e al pane bianco. Un essere umano canceroso ha una vibrazione di 4875 A° che corrispondono alla carne cruda di 3 giorni e al pane raffinato. Una crisi reumatica ha una vibrazione di 3250 A° e corrisponde alla carne cruda di 4 giorni e all’uovo di 26 giorni. Il francese André Bovis, ha constatato che la lunghezza d’onda del pane bianco (prima della guerra del 1939) era di 4875 A°, proprio la lunghezza d’onda del cancro!
Mentre il pane integrale arriva a 7-8000 A°.

Stabilito che l'essere umano è in buono stato di salute quando le sue cellule vibrano dai 6250 ai 7000 A°, e siccome questa vibrazione può essere mantenuta dalle onde vibranti della medesima lunghezza o superiore, l'uomo si deve nutrire con cibi sani ad altissima radianza: frutta, verdura e semi oleaosi crudi, legumi freschi e cereali cotti a basse temperature.
Riduzione o eliminazione dei cibi a bassa vibrazione (carne, cibi cotti ad alta temperatura, alimenti raffinati e pastorizzati) perché sottraggono energia vitale all’intero organismo.


Fonte: http://disinformazione.it/vibrazione_alimenti.htm

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP