sabato 6 febbraio 2010


Guerra climática: ¿Fue manipulado científicamente el terremoto de Haití?

(IAR Noticias) 20-Enero-2010

Antenas del proyecto HAARP en Gakona, Alaska.

La guerra climática, la guerra biológica o la guerra química, son parte indivisible de la guerra militar para controlar países y poblaciones. Todas a su vez, se sintetizan en la guerra psicológica para controlar y dominar la mente humana con fines del control social sin el uso de las armas (Guerra de Cuarta Generación). Su existencia operativa y sus estrategias de aplicación (exterminios masivos de personas con fines económicos y políticos) tienen origen en los laboratorios militares de las potencias centrales.

Por Manuel Freytas (*)
manuefreytas@iarnoticias.com

Por la red está circulando una teoría inquietante: El terremoto de Haití habría sido manipulado científicamente por un programa desarrollado por la Fuerza Aérea de EEUU, o sea el Pentágono.

A simple vista suena como una "teoría conspirativa", pero ateniéndonos a las investigaciones y verificaciones que existen sobre experimentos militares (sobre todo de EEUU y de algunas potencias centrales) con armas, químicas y biológicas orientadas al exterminio masivo de seres humanos, la versión no parece tan descabellada.

El proyecto HAARP (del inglés High Frequency Active Auroral Research Program, Programa de Investigación de Aurora Activa de Alta Frecuencia) es una investigación financiada por la Fuerza Aérea de los EEUU, la Marina y la Universidad de Alaska para "entender, simular y controlar los procesos ionosféricos que podrían cambiar el funcionamiento de las comunicaciones y sistemas de vigilancia".

El Haarp (considerado, entre otras funciones, como una "máquina de crear terremotos"), es un calentador de la ionosfera, y actúa sobre ella como la antena más poderosa que jamás haya existido.

A pocas horas de la catástrofe, la agencia EFE divulgó un informe elaborado por la Flota Rusa del Norte señalando que el sismo que ha devastado a Haití fue el "claro resultado" de una prueba de la Marina de EEUUU por medio de una de sus "armas de terremotos".

De acuerdo con el documento de la Armada Rusa (una potencia que cuenta con una versión del programa Haarp) a finales de la década de 1970, los EEUU han "avanzado enormemente" el estado de sus armas de terremotos y, según estos informes, ahora emplea dispositivos que usan una tecnología de Pulso, Plasma y Sónico Electromagnético Tesla junto con “bombas de ondas de choque”.

El reporte concluye que es “más que probable” que la Marina norteamericana haya tenido “conocimiento total” del catastrófico daño que esta prueba de terremoto podría tener potencialmente sobre Haití y que había pre-posicionado a su Comandante Delegado del Comando del Sur, el General P.K. Keen, en la isla para supervisar las labores de ayuda si fuesen necesarias.

El programa Haaarp se inició en 1993 para una serie de experimentos durante veinte años, y tiene un gran número de instrumentos de diagnóstico que se usan para mejorar el conocimiento científico de la dinámica ionosférica.

Actúa con el recientemente descubierto electro chorro, el cual se forma en los polos norte y sur del planeta, y se aprecia su efecto atmosférico con el fenómeno conocido como aurora boreal.

Teóricamente, HAARP podría modificar el clima del planeta, desviar los jetstream o corrientes a chorro de la alta atmósfera hacia donde se tenga interés, trabaja con ondas de alta y baja frecuencia, y es considerado por algunos expertos como un peligro para la existencia de la humanidad, debido al uso potencial como arma de "guerra climatológica".

Se trata -dicen los que lo estudian- de un nuevo tipo de arma, capaz de intensificar tormentas, prolongar sequías, incluso crear terremotos sobre territorio de un supuesto enemigo, sin que nadie advierta el peligro.

Los HAARP potencialmente tendrían también la capacidad, de desintegrar objetos, generar combustiones espontáneas e inducidas, e incluso cambiar patrones cerebrales, inducir conductas y producir enfermedades biológicas. Investigaciones sobre el proyecto HAARP han surgido desde universidades estadounidenses y centros europeos

Con sus cientos de millones de vatios de potencia es considerado como un verdadero "calefactor" de la alta atmósfera, que puede actuar provocando una tremenda ionización que puede acarrear consecuencias imprevisibles, y que gracias a su efecto "espejo" podría dirigir sus efectos hacia cualquier zona del planeta.

En su resolución del 28 de enero de 1999 sobre medio ambiente, seguridad y política exterior (A4-0005/1999), el Parlamento Europeo señalaba que el programa HAARP manipulaba el medio ambiente con fines militares y solicitaba que HAARP, fuese objeto de una evaluación por parte de STOA (organismo encargado de mensurar opciones científicas y tecnológicas) en lo que se refería a sus repercusiones sobre el medio ambiente local y mundial y sobre la salud pública en general.

En esa misma resolución, el Parlamento Europeo, pedía que se celebrara un convenio internacional para la prohibición mundial de cualquier tipo de desarrollo y despliegue de armas que pudiesen permitir cualquier forma de manipulación de seres humanos.

Las guerras ocultas

¿Fue manipulado científicamente el terremoto de Haití?

A simple vista suena como una "teoría conspirativa", pero ateniéndonos a las investigaciones y verificaciones que existen sobre experimentos militares (sobre todo de EEUU y algunas potencias centrales) con armas, químicas y biológicas orientadas al exterminio masivos de seres humanos, la versión no parece tan descabellada.

Que el Pentágono investigue y desarrolle un sistema que puede generar violentos e inesperados cambios en el clima, incluido un terremoto como el de Haití o un tsunami como el de Asia, más que un asunto conspirativo podría ser parte de una realidad estudiada y expresada en diversos informes de especialistas "silenciados" por la prensa oficial.

Hay un cúmulo de trabajos investigativos (esparcidos en la red y silenciados por la prensa del sistema) que demuestran, por ejemplo, que los virus patógenos y las pandemias son inicialmente estudiados para su utilización en posibles operaciones de exterminio en masa, con la finalidad de controlar y manipular socialmente determinadas poblaciones.

Bajo el argumento de "prevenir ataques enemigos" con armas químicas o biológicas, el Pentágono ha diseñado -desde el siglo pasado hasta aquí- diferentes programas de investigación y experimentación con virus inyectados primero en organismos animales, y luego lanzados contra organismos humanos.

El investigador y profesor canadiense Michel Chossudovsky, en su artículo titulado "Guerra climática: Atención a los experimentos militares de EEUU", publicado en el sitio web The Ecologist, señala que “El Haarp es un arma de destrucción masiva, capaz de desestabilizar los sistemas agrícolas y ecológicos en todo el globo”.

Afirma que EEUU ha desarrollado experimentos similares desde 1940, y que durante la guerra de Vietnam se hicieron prácticas de bombardeo de nubes, con el fin de prolongar la estación del monzón (temporada de lluvias) y bloquear las rutas de suministro de sus enemigos a lo largo del corredor Ho Chi Minh.

De acuerdo con el investigador, “La tecnología, que está siendo perfeccionada bajo el Programa de Investigación de Aurora Activa de Alta Frecuencia (Haarp), “Apunta a lo impensable: la manipulación encubierta de modelos climáticos, comunicaciones y sistemas de energía eléctrica como un arma de la guerra global, capacitando a EEUU para desestabilizar y dominar regiones enteras”.

Según Chossudovsky, “La manipulación climática es el arma preventiva por excelencia. Puede ser dirigida contra países enemigos o ‘naciones amigas’ sin su conocimiento, utilizada para desestabilizar economías, ecosistemas y agricultura. También puede provocar el caos en los mercados financieros y de materias primas. La alteración en la agricultura causa una mayor dependencia de la ayuda alimentaria y de productos de granos importados de EEUU y de otros países occidentales”.

Las teoría de Chossudovsky sobre la guerra climática, tiene un correlativo en las armas químicas o biológicas de exterminio masivo utilizadas en diferentes programas de investigación y experimentación, entre las cuales sobresalen los virus inyectados primero en organismos animales, y luego lanzados contra organismos humanos.

Con la aparición cíclica de pandemias detonadas por la inseminación de virus patógenos en poblaciones civiles, se genera una campaña simultánea de "terror mediático" (con pánico e incertidumbre social) ejecutada por las grandes cadenas informativas internacionales, la que activa a su vez una demanda comercial masiva de recursos y medicamentos para enfrentar la emergencia sanitaria, que moviliza paralelamente un multimillonario negocio capitalista a escala global.

Cabe recordar que a la feroz manipulación mediática global con el "terror pandémico" de la reciente fiebre porcina ( o Gripe A), se agregan cada vez más, preguntas e hipótesis sobre el origen y posible utilización económica o política del virus patógeno, que van desde la lógica y el sentido común hasta teorías conspirativas de la más variada especie y procedencia.

En este caso, se ha hablado, incluso, de distintas operaciones de "aprovechamiento" político y militar del virus, cuyos objetivos van desde una "cortina de humo" para distraer la atención de la actual crisis global, hasta una estrategia para crear un "11-S biológico" que justificara nuevas invasiones y "guerras antiterroristas", un plan capitalista "malthusiano" para reducir la población pobre "sobrante", o una maniobra comercial de los grandes laboratorios para generar demanda masiva de medicamentos y vacunas preventivas.

Una crisis pandémica, una crisis económica, una catástrofe natural o una guerra movilizan multimillonarios recursos financieros para enfrentarla.

Y como vivimos dentro de un sistema capitalista centralizado por potencias hegemónicas (EEUU y las naciones centrales de Europa), los programas de exterminio en masa con epidemias salen originalmente de los laboratorios militares del Pentágono y de los sectores de biodefensa europeos, principalmente Gran Bretaña.

En ese escenario, la guerra climática, la guerra biológica o la guerra química , son parte indivisible de la guerra militar para conquistar países y poblaciones. Todas a su vez, se sintetizan en la guerra psicológica para manipular la mente humana con fines del control político y social sin el uso de las armas (Guerra de Cuarta Generación).

La guerra biológica por medio de agentes genéticos orientados al exterminio masivo de poblaciones es un soporte activo de la guerra militar y de la guerra psicológica. Cuando está al servicio de la guerra psicológica, la guerra biológica se convierte en bioterrorismo, y cuando sirve a la guerra militar se convierte en operación de exterminio con uso de agentes biológicos.

Como primer objetivo central, las "guerras silenciosas" de exterminio poblacional por medio de agentes biológicos o químicos se originan dentro de los planes y estrategias del Pentágono para preservar la seguridad de EEUU, la potencia regente y dominante del sistema capitalista a escala global.

Como segundo objetivo central, todo lo que se destruye hay que "reconstruir", y todo lo que enferma hay que "curar", es la máxima que sigue siempre el sistema capitalista para arrancar rentabilidad tanto de las crisis económicas, como de las catástrofes, las epidemias y las guerras.

"Si no hay guerra hay que inventarla para hacer negocios", es la máxima histórica de Rothschild, líder emblemático del sionismo financiero internacional.

En este escenario ¿Puede sorprender la posibilidad de que el terremoto de Haíti haya salido de los laboratorios militares de Pentágono?


(*) Manuel Freytas es periodista, investigador, analista de estructuras del poder, especialista en inteligencia y comunicación estratégica. Es uno de los autores más difundidos y referenciados en la Web.
Ver sus trabajos en Google y en IAR Noticias
Fonte: http://www.iarnoticias.com/2010/secciones/contrainformacion/0007_guerra_climatologica_haiti_19en2010.html


IL PAPA CHIEDE AIUTI PER LA FIAT E PER ALCOA. SI TRATTA DI INGERENZA NELLA POLITICA ECONOMICA DI UN PAESE?


ll Papa: "Salvate Fiat e Alcoa".
http://www.tgcom.mediaset.it/economia/articoli/articolo472676.shtml

Francamente il Papa dovrebbe rispondere a due domande:

1) perchè si deve salvare la Fiat utilizzando soldi pubblici, se poi la Fiat paga un dividendo 6 volte piu' alto di quello di un bot ai suoi azionisti (per non parlare delle azioni di privilegio e risparmio).

2) Alcoa, per salvare gli occupati Alcoa lo stato permette alla azienda americana di avere un forte sconto sul costo dell'energia elettrica. Mi domando se tutte le imprese in Italia possano godere degli stessi vantaggi. Perchè l'Alcoa e non centinaia di piccole e medie imprese che stanno chiudendo? Ma Alcoa farà profitti e i profitti verranno rimpatriati in USA. Migliaia di imprenditori chiuderanno lasciando a casa centinaia di migliaia di persone...ma l'Alcoa si, loro no.

Lo sapete che gli incentivi per le auto dirottano i risparmi verso un prodotto invece che un altro, e che per salvare i compagni di merende azionisti Fiat centinaia di migliaia di persone perdono il lavoro?

MI DOMANDO PERCHE' IL PAPA INGERISCE NELLE DECISIONI DI POLITICA ECONOMICA APPLAUDENDO QUELLA CHE INVECE E' UNA GRANDE INGIUSTIZIA SOCIALE.

Il ruolo del Papa è quello di essere preoccupato per la disoccupazione, non quello di dire quali sono le persone che devono mantenere il posto (e visto che la coperta è corta, quali sono quelle che si possono licenziare).


Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/


IL FATALE PREMIO GEOLOGICO CHIAMATO HAITI

DI F.WILLIAM ENGDAHL
www.globalresearch.ca

Il presidente diventa l’inviato speciale dell’ONU nell’Haiti colpita dal terremoto.

Un affarista e predicatore neoconservatore convertito americano sostiene che gli Haitiani sono stati condannati per aver fatto un letterale ‘patto con il diavolo’.

Le organizzazioni di soccorso venezuelane, nicaraguensi, boliviane, francesi e svizzere accusano i militari americani di negare il permesso di atterraggio agli aerei che trasportano i medicinali necessari e l’acqua potabile urgentemente necessaria per i milioni di Haitiani terremotati, feriti e senzatetto.

Dietro il fumo, le macerie e il dramma infinito della tragedia umana di questo disgraziato paese caraibico, si sta svolgendo un dramma per il controllo di quella che i geofisici credono che possa essere la zona più ricca del mondo di petrolio e di gas derivato da idrocarburi dopo il Medioriente, possibilmente di grandezza maggiore del vicino Veneuela.



Haiti, e l’isola più grande di Hispaniola di cui fa parte, ha il fato geologico di poggiare su una delle zone geologiche più attive al mondo, dove le placche sottomarine profonde di tre immense strutture si urtano continuamente l’un l’altra – l’intersezione tra la placca tettonica nordamericana, sudamericana e caraibica. Situate sotto l’oceano nelle acque dei Caraibi, queste placche consistono in una crosta oceanica di uno spessore che va da tre a sei miglia, che galleggia sopra un mantello adiacente. Haiti è inoltre sita al margine di una regione conosciuta come il triangolo delle bermude, una vasta area dei Caraibi soggetta a strane e inspiegate perturbazioni.

Questa vasta massa di placche sottomarine sono sempre in movimento, sfregandosi reciprocamente lungo linee analoghe alle crepe di un vaso di porcellana rotto che è stato rincollato. Le placche tettoniche terrestri si muovono tipicamente l’una rispetto all’altra ad una velocità che va da 50 a 100 mm all’anno, e sono all’origine di terremoti e vulcani. Le regioni di convergenza di tali placche sono inoltre aree dove abbondanti quantità di petrolio e gas possono essere spinte in superficie dal manto terrestre. La geofisica intorno alla convergenza delle tre placche, che si trovano più o meno direttamente sotto Port-au-Prince, rende la regione soggetta a terremoti come quello che ha colpito Haiti con devastante ferocia lo scorso 12 gennaio.

Un progetto geologico attinente del Texas

Mettendo da parte l’interrogativo pertinente sull’anticipo con cui il Pentagono e gli scienziati americani avrebbero saputo che si sarebbe verificato un sisma, e sui piani del Pentagono che venivano fatti prima del 12 gennaio, emerge un’altra questione intorno agli eventi di Haiti che può aiutarci a spiegare lo strano comportamento finora dei maggiori attori del ‘soccorso’ – gli Stati Uniti, la Francia e il Canada. Oltre ad essere soggetta a violenti terremoti, Haiti si trova inoltre in una zona che, a causa della inconsueta intersezione delle sue tre placche tettoniche, potrebbe poggiare su uno dei più grandi ed inesplorati giacimenti di petrolio e gas, come pure di rari minerali preziosi di [importanza] strategica.

Le vaste riserve di petrolio del Golfo Persico e della regione che va dal Mar Rosso fino al Golfo di Aden si trovano in una zona analoga di convergenza di grandi placche tettoniche, come del resto anche le zone ricche di petrolio dell'Indonesia e le acque vicino alla costa della California. In breve, in termini di fisica terrestre, precisamente tali intersezioni di masse tettoniche, come quella che sta direttamente sotto Haiti, hanno una particolare tendenza ad essere i siti di vasti tesori di minerali, petrolio e gas, in tutto il mondo.

Significativamente, nel 2005, un anno dopo che l’amministrazione Bush-Cheney aveva deposto de facto il presidente di Haiti eletto democraticamente, ovvero Jean-Baptiste Aristide, una squadra di geologi dell’Institute for Geophysics della University of Texas hanno dato inizio ad un’ambiziosa ed approfondita mappatura in due fasi di tutti i dati geologici del bacino caraibico. Il progetto sarà ultimato nel 2011. È diretto dal dott. Paul Mann e si intitola “Il bacino caraibico, la tettonica e gli idrocarburi”. Verte sulla determinazione quanto più precisa possibile, della relazione tra le placche tettoniche nei Caraibi e il potenziale di idrocarburi – petrolio e gas.

Significativamente, gli sponsor di [questo] progetto di ricerca da milioni di dollari sotto la direzione di Mann sono le più grandi società petrolifere del mondo, compresa la Chevron, la ExxonMobil, la anglo-olandese Shell e la BHP Billiton. [1] Curiosamente, questo progetto è la prima mappatura geologica appofondita di una regione che avrebbe dovuto essere una priorità per i giganti del petrolio americani già da decenni. Data l’immensa produzione di petrolio attuale vicino al Messico, alla Lousiana e a tutti i Caraibi, oltre alla sua prossimità agli Stati Uniti – per non pensare alla stessa attenzione degli USA per la propria sicurezza energetica – è sorprendente che la regione non sia già stata mappata prima. Ora emerge che da molto tempo le maggiori società petrolifere erano almeno generalmente a conoscenza dell’enorme potenziale della regione, e che hanno apparentemente deciso di tenerlo segreto.

La scoperta super gigante di Cuba

Le prove che l’amministrazione USA abbia in mente ben più che il miglioramento della devastata popolazione haitiana, possono essere trovate nelle acque vicine a Cuba, direttamente di fronte a Port-au-Prince. Nell’ottobre 2008 un consorzio di società petrolifere guidate dalla spagnola Repsol, insieme alla società petrolifera statale cubana Cubapetroleo, hanno annunciato la scoperta di una delle più grandi zone petrolifere al mondo in acque profonde in prossimità di Cuba. È quello che i geologi chiamano un giacimento ‘super gigante’. Secondo le stime il giacimento cubano conterrebbe fino a 20 bilioni di barili di petrolio, diventando il dodicesimo giacimento super gigante di petrolio scoperto dal 1996. La scoperta fa inoltre di Cuba un altro bersaglio con alta priorità della destabilizzazione e delle altre operazioni malvage del Pentagono.

Senza dubbio a dispetto di Washington, il presidente russo Dmitry Medvedev è volato ad Havana un mese dopo la scoperta del gigantesco giacimento cubano per firmare un accordo con il sostituto presidente Raul Castro per l’esplorazione e lo sviluppo del petrolio cubano da parte delle società russe. [2]

Gli accordi petroliferi Russia-Cuba di Medvedev sono arrivati appena una settimana dopo la visita del presidente cinese Hu Jintao per incontrare il convalescente Fidel Castro e suo fratello Raul. Il presidente cinese ha firmato un accordo per modernizzare i porti cubani e ha discusso l’acquisto da parte della Cina di materie prime cubane. Senza dubbio la scoperta di petrolio cubano era prioritaria nei programmi della Cina con Cuba. [3] Il 5 novembre 2008, poco prima del viaggio del presidente cinese a Cuba e in altri paesi latino americani, il governo cinese ha pubblicato il suo primo documento programmatico sul futuro delle relazioni della Cina con l’America Latina e con le nazioni caraibiche, innalzando queste relazioni bilaterali ad un nuovo livello di importanza strategica. [4]

Il giacimento petrolifero super gigante di Cuba fa inoltre rimanere i sostenitori della teoria del ‘picco del petrolio’ ancor più con un palmo di naso. Poco prima della decisione di Bush e Blair di invadere e di occupare l’Irak, una teoria è circolata nel ciberspazio: ossia che dopo il 2010 il mondo avrebbe raggiunto un “picco” assoluto della produzione di petrolio, dando inizio ad un periodo di declino con drastiche implicazioni sociali ed economiche. I prominenti portavoce [della teoria] compresi il geologo petrolifero in pensione Colin Campbell e il banchiere del petrolio texano Matt Simmons, sostenevano che non c’era stata nessuna nuova scoperta di giacimenti super giganti di petrolio pressappoco dal 1976, e che i nuovi giacimenti trovati nelle ultime due decadi erano stati “piccolissimi” paragonati alle precedenti scoperte di giacimenti giganti in Arabia Saudita, Prudhoe Bay, Daquing in Cina e altrove. [5]

È importante notare che, più di mezzo secolo fa, un gruppo di geofisici russi ed ucraini, che lavoravano sotto segreto di stato, hanno confermato che gli idrocarburi avevano origine in profondità nel mantello terrestre, in condizioni simili a quelle di un calderone gigantesco che brucia a pressione e temperature estreme. Hanno dimostrato che, contrariamente a quanto sostenuto dalla geologia ‘tradizionale’ e accettata, gli idrocarburi non sono il risultato di frammenti di dinosauri morti, concentrati e compressi e in qualche modo trasformati in petrolio e gas milioni di anni fa, né di alghe o altro materiale biologico. [6]

I geofisici russi ed ucraini hanno allora provato che il petrolio o il gas prodotti nel mantello terrestre venivano spinti verso l’alto lungo faglie e spaccature nella terra, tanto vicino alla superficie quanto lo permetteva la pressione. Il processo era analogo alla produzione di lava liquida nei vulcani. Significa che l’abilità di trovare il petrolio è limitata, relativamente parlando, soltanto dall’abilità di identificare le spaccature profonde e l’attività geologica complessa che tendono a far salire il petrolio dalle profondità della terra. Sembra che le acque dei Caraibi, specialmente quelle di Cuba e della vicina Haiti, sono per l’appunto una regione con un’[alta] concentrazione di idrocarburi (petrolio e gas) che hanno trovato una strada per salire vicino alla superficie, forse su una scala paragonabile ad una nuova Arabia Saudita. [7]

Haiti, una nuova Arabia Saudita?

La straordinaria geografia di Haiti e di Cuba e la scoperta di riserve petrolifere di interesse mondiale nelle acque vicino a Cuba confermano gli aneddoti di importanti scoperte petrolifere in svariate parti del territorio haitiano. Potrebbero inoltre spiegare perché i due presidenti Bush ed ora il nuovo inviato speciale ad Haiti dell’ONU Bill Clinton abbiano dato ad Haiti una tale priorità. Ed ancora, potrebbero spiegare perché Washington e le organizzazioni non governative si siano mosse così rapidamente per destituire -- due volte -- il presidente Aristide, democraticamente eletto, il cui programma per Haiti comprendeva, tra le altre cose, proposte di sviluppo delle risorse naturali haitiane a vantaggio del popolo di Haiti.

Nel marzo 2004, alcuni mesi prima che la University of Texas e che il Big Oil americano lanciassero la loro ambiziosa mappatura dei potenziali di idrocarburi dei Caraibi, uno scrittore haitiano, il dott. Georges Michel, ha pubblicato un articolo su internet intitolato ‘Oil in Haiti’ [‘Petrolio ad Haiti’]. In esso, Michel ha scritto:

… . [1] non è stato un segreto che nel profondo delle viscere della terra dei due stati che condividono l’isola di Haiti e nelle acque circostanti ci sono giacimenti di petrolio importanti e ancora non sfruttati. Non si sa perché non siano sfruttati. A partire dal ventesimo secolo, la carta fisica e politica dell’isola di Haiti, creata nel 1908 da Alexander Poujol e Henry Thomasset, riportava una maggiore riserva di petrolio ad Haiti, vicino alla sorgente del fiume Rio Todo El Mondo, oggi meglio conosciuto come il rio Tomondo. [8]

Secondo un articolo del giugno 2008 di Robertson Alphonse [pubblicato] dal quotidiano haitiano Le Nouvelliste en Haiti, “i segni, (indicatori), che giustificano le esplorazioni di petrolio (oro nero) ad Haiti sono incoraggianti. Nel bel mezzo dello shock del petrolio, circa 4 società vogliono ottenere le licenze ufficiali dello stato di Haiti per trivellare [alla ricerca] del petrolio”.

In quel momento, i prezzi del petrolio stavano salendo ad oltre $140 dollari al barile – dietro manipolazione da parte di varie banche di Wall Street. L’articolo di Alphonse citava Dieusuel Anglade, direttore del ministero per l’industria mineraria e l’energia dello stato di Haiti, che diceva alla stampa haitiana: “abbiamo ricevuto quattro richieste di permesso di esplorazione petrolifera … . Abbiamo avuto indicatori incoraggianti per giustificare il perseguimento dell’esplorazione di oro nero (petrolio), che si era fermata nel 1979”. [9]

Alponse ha riportato i risultati di uno studio geologico del 1979 ad Haiti di 11 pozzi petroliferi di esplorazione, trivellati nella Plaine du Cul-de-sac, sulla Plateau Central e presso L’ile de la Gonaive: “sono stati trovati indicatori superficiali (tentativi) per il petrolio nella penisola meridionale e sulla costa settentrionale, spiegava l’ingegnere Anglade, che crede fermamente nell’immediata applicabilità commerciale di queste esplorazioni”. [10]

Il giornalista Alphonse cita un memorandum del 16 agosto 1979 dell’avvocato haitiano Francois Lamothe, in cui notava che “quattro grandi pozzi sono stati trivellati” fino ad una profondità di 9000 piedi e che un campione che “è stato sottoposto ad analisi fisico-chimiche a Monaco, in Germania” aveva “rivelato tracce di petrolio”. [11]

Nonostante i promettenti risultati del 1979 ad Haiti, il dott. Georges Michel ha riportato che “le grandi società petrolifere multinazionali che operano ad Haiti hanno fatto pressioni affinché i depositi scoperti non fossero sfruttati”. [12] L’esplorazione petrolifera sulla terraferma e vicino alle coste di Haiti è stata conseguentemente interrotta di colpo.

Resoconti simili, forse meno precisi, che sostenevano che le riserve petrolifere di Haiti potevano essere enomemente più grandi di quelle del Venezuela sono apparsi sui siti internet di Haiti. [13] Allora nel 2010 il sito di notizie finanziarie Bloomberg News pubblicava quanto segue:

Il terremoto del 12 gennaio è stato su una faglia che passa vicino alle potenziali riserve di gas, ha detto Stephen Pierce, un geologo che ha lavorato nella regione per 30 anni per società che comprendevano l’ex Mobil Corp. Il terremoto potrebbe aver frantumato le formazioni roccee lungo la faglia, consentendo la temporanea penetrazione di gas o petrolio verso la superficie, ha detto lunedì scorso durante un’intervista telefonica. ‘un geologo, per quanto duro questo possa sembrare, che individui la zona di tale faglia da Port-au-Prince fino al confine cercando infiltrazioni di gas e petrolio, potrebbe trovare una struttura che non è stata trivellata,’ ha detto Pierce, direttore dell’esplorazione della Zion Oil & Gas Inc., una società con sede a Dallas che sta trivellando in Israele. [14]

In un’intervista per un quotidiano online di Santo Domingo, Leopoldo Espaillat Nanita, ex capo della Dominican Petroleum Refinery (REFIDOMSA) ha affermato, “c’è una cospirazione multinazionale per sottrarre illegalmente le risorse minerarie della gente di Haiti”. [15] I minerali di Haiti comprendono l’oro, il prezioso metallo strategico iridio e il petrolio, a quanto pare molto.

I piani di sviluppo di Aristide

Marguerite Laurent (‘Ezili Dantò’), presidente della Haitian Lawyers’ Leadership Network (HLLN), che ha prestato servizio come avvocato per il deposto Aristide, nota che quando Aristide era presidente -- fino al momento della sua espulsione appoggiata dall’America durante l’era di Bush, nel 2004 -- aveva sviluppato e pubblicato in forma di libro i suoi piani per lo sviluppo nazionale. Questi piani comprendevano, per la prima volta, un elenco dettagliato dei siti conosciuti dove erano situate le risorse di Haiti. La pubblicazione del piano ha fatto scoppiare un dibattito a livello nazionale sulla radio di Haiti e nei media sul futuro del paese. Il piano di Aristide era di implementare una partnership pubblico-privata per assicurare che lo sviluppo del petrolio, dell’oro e di altre risorse preziose di Haiti giovasse all’economia nazionale e alla gran parte della popolazione, e non solo alle cinque famiglie oligarchiche di Haiti e ai loro sostenitori americani, i cosiddetti Chimeres o gangster. [16]

Dalla deposizione di Aristide nel 2004, Haiti è un paese occupato, con un presidente eletto in modo discutibile, Rene Preval, un controverso seguace dei mandati di privatizzazione del FMI che, stando ai resoconti, è legato alle Chimeres o oligarchi haitiani che hanno appoggiato l’espulsione di Aristide. Significativamente, il Dipartimento di Stato americano si rifiuta di permettere il ritorno di Aristide dal suo esilio in Sudafrica.

Ora, dopo il devastante sisma del 12 gennaio, i militari statunitensi hanno preso il controllo dei quattro aeroporti di Haiti e al momento hanno circa 20 000 truppe nel paese. I giornalisti e le organizzazioni di soccorso internazionali hanno accusato i militari americani di essere più preoccupati di imporre il controllo militare, che preferiscono chiamare “sicurezza”, che di portare l’acqua urgentemente necessaria, il cibo e le medicine dagli aeroporti alla popolazione.

Un’occupazione militare americana di Haiti sotto forma di un ‘soccorso’ per un disastro sismico darebbe a Washington e agli interessi economici privati ad essa legati un premio geopolitico di prim’ordine. Prima del terremoto del 12 gennaio, l’ambasciata americana a Port-au-Prince era la quinta ambasciata più grande al mondo, paragonabile alle ambasciate americane nei posti geopoliticamente strategici come Berlino e Beijing. [17] Con lo sfruttamento di enormi nuovi giacimenti di petrolio vicino a Cuba da parte di società russe, con chiare indicazioni che anche Haiti contiene vaste quantità di petrolio, come pure di oro, rame, uranio e iridio, con il Venezuela di Hugo Chavez per vicino a sud di Haiti, un ritorno di Aristide o di qualsiasi leader popolare impegnato per lo sviluppo delle risorse per la gente di Haiti, -- la nazione più povera delle Americhe -- sarebbe un colpo devastante per il solo superpotere mondiale. Il fatto che subito dopo un terremoto, l’inviato speciale dell’ONU ad Haiti Bill Clinton abbia unito le forze con il nemico di Aristide, George W Bush per creare il Clinton-Bush Haiti Fund dovrebbe far riflettere tutti.

Secondo Marguerite Laurent (‘Ezili Dantò’) della Haitian Lawyers’ Leadership Network, dietro la facciata del lavoro di soccorso per l’emergenza, gli USA, la Francia e il Canada sono impegnati in una balcanizzazione dell’isola per il futuro controllo minerario. Riferisce che il Canada vuole il nord di Haiti, dove gli interessi minerari canadesi sono già presenti. Gli USA vogliono Port-au-Prince e l’isola di La Gonaive in prossimità delle coste – identificata nel libro di Aristide per lo sviluppo come una zona con vaste risorse petrolifere, e che è aspramente contesa con la Francia. [Marguerite Laurent] Afferma inoltre che la Cina, con il potere di veto dell’ONU sul paese occupato de facto, potrebbe avere qualcosa da ridire contro una tale spartizione tra USA, Francia e Canada dell’immensa ricchezza della nazione. [18]

F. William Engdahl
Fonte: www.globalresearch.ca
Link: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=17287
30.01.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MICAELA MARRI

Note:

1 Paul Mann, Caribbean Basins, Tectonic Plates & Hydrocarbons, Institute for Geophysics, The University of Texas at Austin, accessed in www.ig.utexas.edu/research/projects/cbth/.../ProposalCaribbean.pdf .
2 Rory Carroll, Medvedev and Castro meet to rebuild Russia-Cuba relations, London Guardian, November 28, 2008 accessed in http://www.guardian.co.uk/world/2008/nov/28/cuba-russia.
3 Julian Gavaghan, Comrades in arms: When China’s President Hu met a frail Fidel Castro, London Daily Mail, November 19, 2008, accessed in http://www.dailymail.co.uk/news/article-1087485/Comrades-arms-When-Chinas-President-Hu-met-frail-Fidel-Castro.html.
4 Peoples’ Daily Online, China issues first policy paper on Latin America, Caribbean region, November 5, 2008, accessed in http://english.people.com.cn/90001/90776/90883/6527888.html
5 Matthew R. Simmons, The World’s Giant Oilfields, Simmons & Co. International, Houston, accessed in http://www.simmonsco-intl.com/files/giantoilfields.pdf
6 Anton Kolesnikov, et al, Methane-derived hydrocarbons produced under upper-mantle conditions, Nature Geoscience, July 26, 2009.
7 F. William Engdahl, War and Peak Oil—Confessions of an ‘ex’ Peak Oil believer, Global Research, September 26, 2007, accessed in http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=6880 .
8 Dr. Georges Michel, Oil in Haiti, English translation from French, Pétrole en Haiti, March 27, 2004, accessed in http://www.margueritelaurent.com/pressclips/oil_sites.html#oil_GeorgesMichelEnglish
9 Roberson Alphonse, Drill, and then pump the oil of Haiti! 4 oil companies request oil drilling permits, translated from the original French, June 27, 2008, accessed in http://www.bnvillage.co.uk/caribbean-news-village-beta/99691-drill-then-pump-oil-haiti-4-oil-companies-request-oil-drilling-permits.html
10 Ibid.
11 Ibid. The full text indicated that, “five big wells were drilled at Porto Suel (Maissade) of a depth of 9000 feet, at Bebernal, 9000 feet, at Bois-Carradeux (Ouest), at Dumornay, on the road Route Frare and close to the Chemin de Fer of Saint-Marc. A sample, a ‘carrot’ (oil reservoir) drilled up from the well of Saint-Marc in the Artibonite underwent a physical-chemical analysis in Munich, Germany, at the request of Mr. Broth. ‘The result of the analysis was returned on October 11, 1979 and revealed tracks of oil,’ confided the engineer, Willy Clemens, who had gone to Germany.”
12 Dr. Georges Michel, op. cit.
13 Marguerite Laurent, Haiti is full of oil, say Ginette and Daniel Mathurin, Radio Metropole, Jan 28, 2008, accessed in http://www.margueritelaurent.com/pressclips/oil_sites.html#full_of_oil .
14 Jim Polson, Haiti earthquake may have exposed gas, aiding economy, Bloomberg News, January 26, 2010.
15 Espaillat Nanita revela en Haiti existen grandes recursos de oro y otros minerals, Espacinsular.org, 17 November, 2009, accessed in http://www.espacinsular.org/spip.php?article8942
16 The Aristide development plan was contained in the book published in Haiti in 2000, Investir dans l’Human. Livre Blanc de Fanmi Lavalas sous la Direction de Jean-Bertrand Aristide, Port-au-Prince, Imprimerie Henri Deschamps, 2000. It contained detailed maps, tables, graphics, and a national development plan for 2004 “covering agriculture, environment, commerce and industry, the financial sector, infrastructure, education, culture, health, women's issues, and issues in the public sector.” In 2004, using NGOs and the UN and a vicious propaganda campaign to vilify Aristide, the Bush administration got rid of the elected President.
17 Cynthia McKinney, Haiti: An Unwelcome Katrina Redux, Global Research, January 19, 2010, accessed in http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=17063
18 Marguerite Laurent (Ezili Danto), Did mining and oil drilling trigger the Haiti earthquake?, OpEd News.com, January 23, 2010, accessed in http://www.opednews.com/articles/1/Did-mining-and-oil-drillin-by-Ezili-Danto-100123-329.html .

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6732


SU CARTA INTESTATA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

grazie a Stefano Alternativa per il documento

Fabrizio Cicchitto
capogruppo alla Camera del Popolo della Libertà, membro della conferenza dei capigruppo, tessera P2 n° 2232, indagato per ricettazione dalla procura di Pescara. Nella legislatura 2006-08 è risultato assente a 4.406 votazioni elettroniche su 4875, pari ad una percentuale di assenteismo del 90.4% delle volte.

Italo Bocchino
vicepresidente della delegazione parlamentare presso l'Assemblea del Consiglio d'Europa, ex militante del FUAN (la frangia universitaria estremista del fronte della gioventù missino), oggetto da parte della procura di Napoli di un'informazione di garanzia nella quale si ipotizzano i reati di partecipazione in associazione a delinquere e concorso in turbativa d'asta.

Fonte: http://susannaambivero.blogspot.com/2010/01/su-carta-intestata-della-camera-dei.html


Vendola: lo smemorato di Terlizzi

Vendola: lo smemorato di Terlizzi

di Gigi Zazzera

So che sto per dare grosse delusioni ai supporters di Vendola e, di riflesso, fiato alle trombe degli elettori di destra, ma qui è in gioco il futuro della mia città e, sinceramente, non me ne frega niente delle battaglie per la conquista delle regionali pugliesi. Spero anche che (per un pò) non mi si accuserà di puntare il dito solo contro Ponzio Pilato Romani, visto che sto per parlarvi di Vendola, lo smemorato di Terlizzi. Tutti ci siamo sentiti rassicurati dalla presenza di Vendola al corteo No-Petrolio e dalle parole da lui pronunciate il giorno prima: “Qualunque ritorno a una idea antica di crescita economica fondata sullo stupro ambientale da noi sarà rigettata con fermezza e determinazione… Il nostro petrolio sono i giovani, sono i ricercatori, sono i talenti.” Belle parole, perché i FATTI o le OMISSIONI sono di tutt’altro segno da parte di TUTTI, destra e sinistra, Romani e Leoci, Prestigiacomo e Vendola. Vendola, dicevo… Mi è costata fatica (e tempo) spulciarmi qualche annata del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, anche perchè la lettura (in puro burocratese) di leggi e decreti non è particolarmente piacevole: ho altri gusti letterari e lo slalom fra note ed allegati, relazioni e proposte, alla mia età mi sfianca. Ma ne è valsa la pena. Il giorno che Vendola deve aver cancellato dalla sua memoria (ma noi stiamo qui a rinfrescargliela) è quello del 12 febbraio 2008, quando la GIUNTA Regionale Pugliese si riunisce e delibera (nella stessa seduta) ben 6 provvedimenti a favore dello “stupro ambientale” per usare le parole del Nichi. Le delibere (ripeto, tutte del 12 febbraio 2008) sono le seguenti:

  • n.131 Istanza permesso di ricerca idrocarburi “Fiume Bradano”
  • n.132 Piano Regionale Attività Estrattiva – Proroga termini prosecuzione attività estrattiva.
  • n.133 Concessione di coltivazione idrocarburi “Torrente Celone” Istanza variazione integrativa programma lavori.
  • n.134 Istanza permesso di ricerca idrocarburi “Monte Carbone”
  • n.135 Istanza permesso di ricerca idrocarburi “Manduria”
  • n.136 Istanza permesso di ricerca idrocarburi “Massafra”

In TUTTI i sei casi la “Giunta delibera di esprimere il proprio ASSENSO” su relazione dell’Assessore all’Ecologia, Prof. Michele LOSAPPIO. Non ho qui lo spazio per dettagliare ogni singola delibera, anche perché non voglio toglierVi il piacere (!!!) di leggervele da soli, ma un piccolo riassunto posso tentarlo. Quattro delibere (131, 134, 135, 136) si riferiscono ad Istanze di permesso di ricerca idrocarburi: in pratica sono casi gemelli di quello della famosa lettera “smarrita”. In questo caso la Regione non ha smarrito nulla e ha dato il proprio assenso ai campi petroliferi (in terraferma) denominati “Manduria”, “Massafra”, “Fiume Bradano” e “Monte Carbone”. Quest’ultimo (delibera n.134) si riferisce ad una zona a cavallo tra le province di Bari, Taranto e Matera ed interessa i comuni pugliesi di Altamura, Santeramo, Laterza e Ginosa; prevede entro tre anni lo scavo di un pozzo esplorativo della profondità di 4.000 metri, Sotto il coperchio “Manduria” (delibera 135), che interessa una zona di 959,40 Kmq, ci sono 30 comuni, quasi tutti ricompresi nel versante orientale della Provincia di Taranto, capoluogo compreso (Manduria, Maruggio, Avetrana, Crispiano, Statte, San Giorgio, Monteiasi, San Marzano, Sava, Grottaglie, Carosino, Monteparano, Torricella, Lizzano, Faggiano, Rocca Forzata, Fragagnano, Montemesola. Tra i Comuni di Brindisi e Lecce vi sono San Pancrazio Salentino, Francavilla Fontana, Oria, Villa Castelli, Erchie, Torre S. Susanna, Porto Cesareo, Salice Salentino e Nardò). Sotto il titolo “Massafra” (956,20 Kmq da esplorare) per un investimento di oltre 6 milioni di euro, i comuni interessati sono 14 distribuiti tra le province di Bari, Taranto e Matera ed includono Ginosa, Laterza, Altamura, Santeramo, Acquaviva, Gioia, Castellaneta, Mottola, Palagianello e Palagiano. La delibera 133 si riferisce ad un’area che è a soli 6 chilometri a sud di Foggia. Per finire volevo pregare il vice presidente del Consiglio regionale, Luciano Mineo (Democratici di Sinistra) e il consigliere regionale Paolo Costantino (Democratici di Sinistra), che sono entrambi tarantini di dare una mano a Vendola perché gli torni la memoria. All’epoca dei fatti tennero anche una conferenza stampa, nella quale garruli e queruli dichiararono testualmente: «L´annuncio di questi investimenti corposi è un dato positivo in sé, la Puglia potrebbe addirittura configurarsi a nuovo Texas d´Europa anche se questi sono solo dati futuribili, peraltro relativi a fonti fossili di incerta entità ed esistenza. L´eventuale scoperta di giacimenti fossili può aprire nuovi scenari».


Fonte: http://www.italiaterranostra.it/?p=3791


MORGAN, IL FALSO MALEDETTO

DI FRANCESCO MERLO
repubblica.it/

Chi gioca più pericolosamente con la droga: Morgan o i direttori della Rai? Per capire Morgan non era necessario leggere la sua intervista a "Max", si vede subito che è tutto un crack. Ma senza quell'intervista non avremmo capito che genere di "droga" sta spacciando la Rai di Mauro Masi e di Mauro Mazza. E cominciamo con Morgan.
Fosse davvero un artista maledetto e non un simpatico e debole arruffato, Morgan sarebbe sprezzantemente fiero di essere stato escluso da Sanremo e non andrebbe stasera nel morbosetto educandato di "Porta a Porta" a spiegare che la sua trasgressione era per bene, e che lui, poverino, è un diavolo sì, ma buono come un angelo. Un "maledetto" non si mette a balbettare e a smentire se stesso perché Masi e Mazza esigono "il ravvedimento" per riammetterlo al sacramento del festival più insulso e bacchettone del mondo, o perché la ministra della Gioventù, la signorina Meloni, minaccia di espellerlo dalla... Gioventù se non si pente, se non lancia appelli, se non "si riscatta" pronunziando "parole sagge".



Immaginatevi le reazioni di Lou Reed, quello di Heroin, storia di un buco, o di Jim Morrison o di Mick Jagger... E come avrebbe risposto Vasco Rossi, al tempo in cui faceva uso di droghe, se Bruno Vespa avesse deciso di esorcizzarlo con la sua acqua benedetta e se Masi avesse detto a lui quel che ha detto a Morgan: "Sono aperto al perdono". Così siamo ridotti: in Italia, anche satanasso è pronto a mascherarsi da Luciano Tajoli pur di cantare "Al di là" a Sanremo. Dunque stasera Vespa ci metterà la sua buona parola, Morgan confermerà di avere iniziato la disintossicazione, Gelmini ripeterà di essere pronta ad accogliere il traviato, Masi lo perdonerà come Berlusconi ha perdonato Tartaglia. E il bravo Morgan canterà a Sanremo perché anche lui tiene famiglia e perché è vero che "la musica è la parte migliore di me". E si sprecheranno le stupidaggini dell'aneddotica scolastica: Canossa, il pane di Frà Cristoforo, il pentimento, Buscetta...

Con questo siparietto di Masi - Mazza-Vespa sulla pelle di Morgan in Italia diventa farsa penosa anche la maledizione come risorsa, come ricchezza, come pozzo profondo dell'arte e della creatività del Novecento. E chissà che non sia un bene. Chissà che finalmente non si capisca che il solo vero scandalo artistico e creativo che Sanremo ci può ancora offrire è... il silenzio. E però le debolezze di Morgan non sono roba da prendere troppo in giro. Il panico, la depressione e il dolore sono sentimenti privati che mai dovrebbero essere profanati nei "Porta a Porta" perché sono il nodo grosso della vita. Ognuno di noi è padrone di se stesso e c'è chi ingoia rospi e chi ingoia droga, chi scappa di casa e chi scrive libri... Ma c'è anche chi si strafà di poveri scandaletti per taroccare un festival che, comunque vada, sarà sempre molto peggio della cocaina. E ci sono le reazioni "politiche" a riprova che la cocaina di Morgan ha già avviato la convulsione collettiva di Sanremo, la cerimonia delle smanie.
Contro e a favore degli eccessi, che Morgan ha prima esibito e poi nascosto come vergogne, ieri hanno condannato e stigmatizzato tutti quelli che sbuffano, gridano, sfottono e fanno a botte in televisione.

La Mussolini chiede il test antidroga per tutti i cantanti. Gasparri e La Russa plaudono all'espulsione del drogato. Il leghista Castelli dice che "Morgan è complice della mafia perché tutti i drogati sono complici della mafia". I comunisti vogliono l'antidoping per tutti gli italiani. Claudia Mori e Nino D'Angelo lanciano un appello per salvare il loro fragile collega. Merlo del Pd vuole mandare Morgan in comunità... Come si vede, ognuno spaccia il suo antidoto, la sua dose personale di ipocrisia e di ideologia. Ma quanti spacciatori per un solo consumatore (consumato)! Di sicuro c'è un rapporto di grande solidarietà tra questa finta campagna antidroga dei dirigenti della Rai e il drogato confesso Morgan. E quello che si dice è peggio di quello che si inala. Va infatti ricordato che l'Italia è diventato il primo Paese d'Europa nel consumo di droga e che questi sciacalletti del marketing sanremese dovrebbero evitare di scherzare con la sofferenza dei ragazzi come Cucchi che fu ammazzato di botte, e dei giovani detenuti, non degli habitués della televisione ma degli esclusi, non di quelli che vanno a "Porta a Porta" ma di quelli che rimangono fuori dalla porta. Ma questo teatrino potrebbe avere un effetto antitossico. Se un vero maledetto, un giovane orlando furioso capisse quanto si somigliano Morgan e gli "specialisti antidroga" che stanno alla testa della Rai, forse scoprirebbe l'antidoto ai suoi eccessi. Potrebbe infatti togliersi la scimmia dalla spalla, smettere per non diventare come loro.


Francesco Merlo
Fonte:www.repubblica.it/
Link: http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/02/04/news/il_falso_maledetto-2182543/
4.02.2010

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6734


Antropologia criminale.




















Fonte: http://vukicblog.blogspot.com/


Articolo 1 e derivati



Fonte:http://maurobiani.splinder.com


LE LERCE MANOVRE OCCULTE DEL VATICANO ANCHE IN SEDE EUROPEA (di Luigi Tosti)

Dal sito dell'UAAR:
La deputata socialista Lydie Err, lussemburghese, intervenendo ieri all’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, ha pubblicamente denunciato le pressioni ’segrete’ operate dal Vaticano sui parlamentari. Durante il suo discorso Err ha reso nota una lettera riservata del nunzio apostolico in Francia, mons. Luigi Ventura, inviata agli aderenti al PPE: la missiva chiedeva loro un forte impegno contro una risoluzione che stigmatizza le discriminazioni sessuali nei confronti di gay e lesbiche e contro un’altra in materia di aborto (cfr. Ultimissima del 18 gennaio). La lettera “raccomandava” altresì il sostegno a due candidature italiane “amiche” della Santa Sede: quella dell’ultraclericale Luca Volonté (poi eletto) e quella, bocciata, di un giudice che nella Corte Europea dei Diritti dell’Uomo doveva prendere il posto di Vladimiro Zagrebelsky (che aveva votato contro la presenza dei crocifissi negli edifici scolastici). L’assemblea ha deciso di rinviare ad aprile il voto sulle coppie omosessuali. L’intervento vaticano è stato definito da Err “inaccettabile e scandaloso”. Non si conoscono ancora i commenti dei delegati italiani, sia di centrodestra che di centrosinistra.


Fonte:http://tostiluigi.blogspot.com/2010/01/le-lerce-manovre-occulte-del-vaticano.html


Haití, Cuba y la ley primera



La tiranía mediática silencia las grandes verdades porque no son relativas: cuando el terremoto del 12 de enero pasado arrasó con Haití, los médicos cubanos llevaban más de 10 años allí. Y cuando el show de la ayuda humanitaria apague sus luces, los médicos cubanos seguirán estando allí.

Veamos ahora qué entiende la enciclopedia virtual Wikipedia por ayuda extranjera en Haití: Los Estados Unidos solos han proporcionado 1.500 millones de dólares (1990-2003). Venezuela y Cuba también (sic) contribuyen con algunas (sic) ayudas a la economía de Haití.

Los perezosos del intelecto aseguran que Wikipedia es tan libre, que cualquiera puede meterle mano. Metámosle. Desde diciembre de 1998 han circulado por Haití 6.094 médicos cubanos. Tareas realizadas: 14 millones de consultas médicas, más de 225.000 cirugías, más de 100.000 partos, 47.273 operaciones de la vista, 570 haitianos graduados en medicina y 541 que aún cursan la carrera en Cuba.

Cálculos módicos: si Cuba cobrase 10 dólares por consulta, podría juntar 140 millones; a 100 por cirugía, más de 22 millones; a 50 por parto, 5 millones; a 25 por operaciones de la vista, un millón; a 5.000 por graduado en especialidades médicas, 5 millones y medio, a 500 mensuales por 11 años de salarios, 41 millones. Total aproximado: 215 millones de dólares.

¿A Cuba le sobran 215 millones de dólares, o la idea es compartir lo que se tiene? En 2008 la isla fue arrasada por tres huracanes consecutivos y los precios mundiales del níquel (uno de sus principales ingresos) cayeron en picada. No voy a tocar el bloqueo yanqui (condenado por todos los países, con excepción de Israel y dos islotes independientes de Oceanía), flagelo que a su economía le representó pérdidas por 100.000 millones de dólares desde 1962.

La inquietud, más bien, gira en torno a los que se preguntan qué pasará en Cuba después de Fidel, y frente a los obispos de todas las ideologías que nos explican el socialismo o la democracia pensada por los clásicos. ¿Hay muchas dudas? Si “después de…”, Cuba hace a un lado la ley primera, el futuro de todos (sin necesidad de terremotos y huracanes) se dibujará en cuadros infinitamente más desoladoras que los de Haití.

¿Qué es la ley primera? En un texto intitulado Haití y el paradigma cubano de solidaridad, el profesor Ernesto Wong Maestre recuerda que las páginas de la Constitución cubana se abren con unas palabras de Martí: Yo quiero que la ley primera de la República sea el culto de los cubanos a la dignidad plena del hombre.

Ideales del romanticismo, dirán algunos. Posiblemente. Pero el 5 de noviembre de 1797 (14 de brumario del año VI), en un informe al Directorio, el ex esclavo y ex cochero Toussaint L’Ouverture (precursor de la independencia de Haití) le tomó la palabra a los sabios de la revolución francesa: “… cualquier retorno a la esclavitud, cualquier compromiso de los principios, sería imposible. Una declaración de libertad es irreversible: ¿Piensan ustedes que los hombres que han disfrutado la bendición de la libertad verán con calma que les es arrebatada?...”

Al igual que las primeras juntas emancipadoras en América española, L’Ouverture no aspiraba a la total independencia de Haití. Esto vino después, cuando el progresista Napoleón restauró la esclavitud en las colonias y los imperios de Europa (junto con la naciente democracia estadunidense) congelaron momentáneamente sus diferencias para sofocar y dividir a los revolucionarios haitianos.

Otros datos para los chicos libres de Wikipedia: el trabajo esclavo en las colonias americanas hizo posible el capitalismo en Europa. Al final del siglo XVIII, los productos del trabajo esclavo representaban un tercio del valor del comercio europeo. Por tanto, las potencias de la civilización no tenían interés alguno en abandonarlo.

Libertad, igualdad y fraternité para los white only. L’Ouverture pagó cara la osadía de globalizar en su patria los ideales universales de la revolución francesa. Y si a la postre el capitalismo abandonó el modo de producción esclavista, no fue por razones económicas. La rebelión política de los esclavos haitianos se había convertido en contrapoder y en referente de las masas explotadas.

A más de la exclusión física y territorial, sólo cabía excluir a los haitianos desde el punto de vista del pensamiento y los valores. O sea, el racismo. Y ahí radican las causas profundas y reales de la pobreza y el subdesarrollo crónico de Haití, y de ahí la solidaridad racional de Cuba con Haití.

En oda “A Touissant L’Ouverture”, el inglés William Wordsworth (1770-1850) avizoró las dimensiones de la tragedia haitiana, anunciándonos el único porvenir posible:

Aunque te han derribado para que no vuelvas a alzarte, vive y anímate. Porque has dejado detrás de ti poderes que trabajarán por ti; aire, tierra y cielos; no habrá ni un soplo del viento común que te haya olvidado; tienes grandes aliados; tus amigos son las exultaciones, las agonías, y el amor, y la mente inconquistable del hombre.

Fuente: http://www.jornada.unam.mx/2010/02/03/index.php?section=opinion&article=019a1pol
Fonte: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=99889


Incontro.




















Fonte: http://vukicblog.blogspot.com/


I MERCATI NON CONVINCONO

Pesante scivolone dei mercati a gennaio. Nei primi giorni di febbraio i mercati hanno tentato di risalire la china.
Tuttavia i pesanti debiti pubblici europei e americani (causati dalla socializzazione delle perdite del sistema bancario mondiale voluto dai governi occidentali) minano la stabilità. (noi lo abbiamo sempre sostenuto).

In Europa la Grecia non trova pace, mentre la Spagna e il Portogallo potrebbero ben presto essere prese di mira dalla comunità finanziaria. L'euro si indebolisce, le borse non sanno che direzione prendere.

In america ieri due notizie pessime:
Moodys avvisa che la AAA americana è in serio pericolo (eppure il dollaro si rinforza sull'euro (un vero miracolo divino)
Moody’s warns US of credit rating fears
Moody’s Investors Service fired off a warning on Wednesday that the triple A sovereign credit rating of the US would come under pressure unless economic growth was more robust than expected or tougher actions were taken to tackle the country’s budget deficit.

Mohamed El-Erian gestore di Pimco avvisa di una possibile caduta dei mercati prossimamente. Guardatevi la sua intervista



OBAMA invoca la svalutazione del Dollaro (e quindi dell'euro) nei confronti dello Yuan. Se ciò avvenisse SAREBBE MOLTO POSITIVO PER LE BORSE OCCIDENTALI (come quando la lira svalutava nei confronti del marco....).
Ma ricordatevi gli effetti negativi per la popolazione:
1) Inflazione crescente in quanto i beni che vengono importati dalla Cina sarebbero piu' cari
2) Perdita di potere d'acquisto
3) Materie prime piu' care (oro e petrolio inclusi)
Il tutto provocherebbe una boccata d'ossigeno per gli imprenditori e per le banche ma GENEREREBBE ULTERIORE IMPOVERIMENTO DELLE MASSE, in quanto salari e pensioni rimarrebbero al palo!!!
,



PORTOGALLO:
“effetto contagio”???
Ad un’emissione di titoli a 12 mesi del Portogallo (equivalenti dei nostri BOT) infatti, la domanda è stata talmente esigua che l’iniziale ammontare di 500 milioni di Euro è stato ridotto a 300. Nonostante ciò il rendimento è salito a 1,38% dallo 0,93% della precedente emissione.


ERA UNA PICCOLA EMISSIONE MA E' UN SEGNALE DI AVVERTIMENTO

....ATTENZIONE Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2010/02/i-mercati-non-convincono.html


La Dieta Vegana nel Diabete Mellito

di Sandra Hood, BSc (Hons), SRD


Traduzione a cura di Luciana Baroni -- (testo originale in inglese)



  1. Introduzione
  2. Cos'è il Diabete Mellito?
  3. Diabete Mellito di Tipo 1 e consumo di Latte
  4. Diabete Mellito di Tipo 2
  5. Il Diabete Mellito del bambino
  6. Dieta e rischio di Diabete Mellito
  7. Obesità
  8. Grassi
    • Acidi Grassi Saturi
    • Acidi Grassi transidrogenati (olii idrogenati)
  9. Proteine
  10. Carboidrati
  11. Fibre
  12. Sostanze Fitochimiche
  13. Antiossidanti
  14. Vitamina C
  15. Raccomandazioni finali

1.Introduzione

Sfortunatamente sono a tutt'oggi disponibili solo pochi Studi che abbiano investigato i rapporti tra Dieta Vegana e Diabete Mellito, sebbene qualche Studio abbia suggerito che una Dieta Vegana possa migliorare i sintomi e forse prevenire il Diabete Mellito. Si è ipotizzato che circa l'80-95% dei casi di Diabete Mellito di tipo 2 possano essere prevenuti. Lo scorso anno in Finlandia è stato dimostrato che con interventi mirati sullo Stile di Vita, aumento dell'Esercizio Fisico, Dieta a basso contenuto di Grassi e perdita di Peso Corporeo, il rischio di Diabete Mellito si è ridotto di circa il 58% (Tuomilehto et al 2001).

In questa Lecture cercherò di mettere in evidenza i benefici sulla Salute della Dieta Vegana, e come essa possa prevenire il Diabete Mellito. Credo che spesso noi Vegani ci sentiamo obbligati a dimostrare quanto possiamo essere in buona Salute, essere soddisfatti di alcuni aspetti, ma ci dimentichiamo dell'altro lato della medaglia, e cioè di quanto una Dieta Vegana possa essere valida nella Prevenzione delle Malattie. Comunque, desidero pure riaffermare ad alta voce il fatto che i Vegani non siano immuni dalle Malattie occidentali, e che debbano sempre porre attenzione a tutti gli aspetti del loro Stile di Vita. Nel corso degli ultimi anni la Dieta dei Vegani e dei Vegetariani è molto mutata, essendosi resi disponibili cibi preconfezionati ad elevato contenuto di Grassi, Sale, così che un crescente numero di Vegetariani e Vegani segue delle Diete povere dal punto di vista nutrizionale, fa poca Attività Fisica e tende ad essere in Sovrappeso. Comunque non ci sono dubbi che una Dieta Vegana possa essere protettiva e forse in grado di prevenire molte delle Malattie occidentali, una delle quali è proprio il Diabete Mellito!

Brenda Davis, autrice di Becoming Vegan e Becoming Vegetarian, ha commentato che "health cannot be bought or sold, it does not come in pills or potions and it is the produce of many years of wise choices" (la Salute non può essere comperata o venduta, non può essere ottenuta da pillole o porzioni ma è il prodotto di molti anni di scelte sagge). Sono convinta che le fondamenta di molte Malattie si stabiliscano nell'infanzia, e che una Dieta Vegana sia il modo migliore di iniziare la vita. Comunque, non è mai troppo tardi per scegliere di cambiare una Dieta, e, proprio come Brenda ha detto nel suo ultimo libro, "it is sad that many brilliant people do not grasp the value of health until it is snatched from them" (è triste che molte persone brillanti non siano in grado di afferrare il valore della Salute finchè questa non venga loro strappata). Credo che i Vegani ed i Vegetariani posseggano un vantaggio nel campo della Salute, ma molti di loro debbano ancora effettuare dei cambiamenti in questo ambito, ed ancora, come Brenda commenta, "it should not be looked upon as a sacrifice but a privilege to be treasured" (ciò non deve essere considerato come un sacrificio, ma come un privilegio da custodire gelosamente).

2. Cos'è il Diabete Mellito?

Il Diabete Mellito è causato dalla mancanza di un Ormone, l'Insulina, che è essenziale per il trasferimento del Glucosio dal sangue ai tessuti. L'Insulina è un Ormone naturale secreto dalle beta-cellule delle isole di Langerhans nel Pancreas in risposta ad aumentati livelli di Glucosio nel sangue. L'Insulina riduce i livelli ematici di Glucosio e ne favorisce il trasporto e l'ingresso all'interno delle cellule del muscolo e degli altri tessuti.

Una deficienza di Insulina può essere il risultato di una produzione inadeguata di questo Ormone o di una resistenza dei tessuti alla sua azione. Se l'azione dell'Insulina non è sufficiente, i livelli di Glucosio nel sangue diventano abnormemente elevati (situazione denominata IperGlicemia), e se questi livelli superano la soglia renale per il Glucosio, lo Zucchero passa nelle urine (Glicosuria). Questo a sua volta aumenta il volume delle urine. Parallelamente, l'effettiva mancanza di Glucosio come substrato energetico a livello cellulare comporta che l'Organismo è obbligato ad utilizzare i propri depositi di grasso e, se necessario, di tessuto muscolare come fonte alternativa di Energia. La combinazione di questi fattori è responsabile della classica sintomatologia del Diabete: eccessiva produzione di urina (Poliuria), molta sete (Polidipsia) ed inspiegabile Perdita di Peso.

Il Diabete Mellito esiste in due forme cliniche distinte:

Il Diabete Mellito di Tipo 1 - o Diabete Mellito Insulino-dipendente, dove la Malattia è dovuta ad una mancanza di produzione di Insulina da parte del Pancreas, e necessita di essere trattata con terapia sottocutanea a base di Insulina. I fattori responsabili di questa situazione sono ancora poco compresi, ma certi virus, Malattie autoimmuni e fattori genetici possono esserne in parte responsabili. Questa Malattia solitamente esordisce in modo improvviso nei bambini o negli adulti di età inferiore ai 40 anni, sebbene possa comparire a qualunque età.

Il Diabete Mellito di Tipo 2 - o Diabete Mellito non-Insulino-dipendente, è una Malattia in cui l'Organismo è ancora in grado di produrre Insulina, ma in quantità che può essere insufficiente, oppure adeguata, ma è l'Organismo ad essere resistente all'azione dell'Ormone. Questa Malattia è più comune del Diabete Mellito di tipo 1, ed è responsabile di almeno il 75% dei casi di Diabete. Esistono delle forti correlazioni genetiche in questo tipo di Diabete, e la sua comparsa è strettamente associata all'Obesità. La Malattia compare solitamente nelle età media od anziana, ma con l'aumento dei livelli di Obesità nella popolazione, viene sempre più spesso osservata in adulti giovani o persino in bambini. Il suo esordio è spesso insidioso, e la presenza della Malattia talvolta viene scoperta solo casualmente durante controlli clinici routinari. Misure dietetiche e di controllo dello Stile di Vita possono essere sufficienti per mantenere il controllo metabolico della Malattia, ma alcuni pazienti possono richiedere il trattamento con farmaci ipoglicemizzanti, che agiscono aumentando la produzione di Insulina o aumentandone l'efficacia d'azione a livello degli organi bersaglio.

3.Diabete Mellito di Tipo 1 e consumo di Latte

Il consumo di Latte vaccino è stato implicato nello sviluppo del Diabete Mellito di tipo 1.

Il Latte vaccino non è raccomandato per i bambini al di sotto dell'anno di età a causa del suo elevato contenuto in Proteine e Sale. Il Latte materno è l'alimento ideale per il bambino. Protegge il neonato dalle Malattie infettive, dalle Malattie dell'apparato Gastrointestinale e Respiratorio e dalle Malattie oculari. Può anche potenziare lo sviluppo intellettuale. Molto probabilmente contiene sostanze necessarie per la crescita del bambino piccolo che non sono ancora state riconosciute come essenziali.

Qualcuno ha suggerito che la precoce esposizione al Latte vaccino e/o la mancanza di Allattamento al seno predisponga/no al Diabete Mellito di tipo 1. Questo punto è tuttora controverso e nuovi Studi prospettici ben pianificati sono essenziali per poter confermare queste osservazioni. Di seguito (Tab. 1) vengono citati solo alcuni Studi che suggeriscono l'esistenza di un legame con il Diabete Mellito di tipo 1 e di tipo 2.

Tabella 1: Studi sulla precoce esposizione al Latte vaccino e la mancanza di Allattamento materno
Data Autori Soggetto di Studio Risultato
1997 Gimeno et al 346 bambini diabetici brasiliani di età inferiore ai 18 anni. La breve durata dell'Allattamento materno esclusivo è un fattore di rischio per il Diabete Mellito di tipo 1. L'introduzione nella Dieta del Latte vaccino prima degli 8 giorni di vita è un fattore di rischio.
1998 Jones et al 160 ragazzi e 150 ragazze con Diabete Mellito di tipo 1. L'aumento del rischio è associato con la mancanza dell'Allattamento materno, ma i dati non sono risultati statisticamente significativi.
2001 Samuelsson & Ludvigsson 297 bambini diabetici svedesi a cui è stata diagnosticata la Malattia prima dei 15 anni di vita; variabilità stagionale della Malattia. La variabilità stagionale è risultata più evidente nei bambini che hanno sviluppato il Diabete Mellito tra i 10 e 15 anni di età. È indicato un rischio aumentato in coloro che hanno ricevuto esclusivamente l'Allattamento al seno per un periodo più breve.
2001 Monetini et al 28 bambini italiani non diabetici, di cui 16 allattati esclusivamente al seno e 12 allattati al biberon con Latte vaccino. L'Allattamento al seno entro i primi 4 mesi di vita previene la produzione della risposta anticorpale alla beta-caseina bovina.
1997 Pettitt et al 720 Indiani Pima. L'Allattamento al seno esclusivo per i primi 2/12 di vita è associato con un più basso tasso di T2.
2002 Young et al 46 pazienti nativi canadesi affetti da Diabete Mellito di tipo 2 di età inferiore ai 18 anni. L'Allattamento al seno riduce il rischio di Diabete Mellito di tipo 2.

Nel 1984 Borch-Johnsen et al, in Norvegia e Svezia, per primi hanno suggerito l'esistenza di una correlazione inversa tra Diabete Mellito di tipo 1 e durata dell'Allattamento al seno. Questa tesi non sarebbe stata confermata da tre Studi successivi, ma nel 1999 Elliott ha studiato l'incidenza del Diabete Mellito di tipo 1 in bambini provenienti da dieci differenti Paesi, ed i risultati suggeriscono che il consumo di alcune Proteine specifiche del Latte (beta-caseina A e B) sarebbe correlato con l'incidenza di Diabete Mellito di tipo 1. Differenti razze di mucca producono quantità variabili di queste Proteine, che producono a loro volta un peptide denominato beta-casomorphina-7, che possiede proprietà immuno-soppressive. Chowdhury et al nel 1999, e pure Alting et al nel 1999, hanno ipotizzato un "potenziale ruolo diabetogeno" per le Proteine contenute nel Latte vaccino, e suggerito ulteriori Ricerche in proposito. Sarugeri et al nel 1999 hanno Studiato la beta-caseina del Latte vaccino come possibile trigger di autoimmunità associata al Diabete Mellito di tipo 1, ed i bambini affetti da Diabete Mellito di tipo 1 di recente diagnosi esibivano una risposta immunitaria al Latte vaccino, ma questo fenomeno è stato riscontrato anche in alcuni soggetti di controllo. Cooper et al nel 1999 non sono riusciti a trovare una connessione, e nemmeno Thorsdottir et al nel 2000, in uno Studio sui bambini della Scandinavia e dell'Islanda. Ulteriori Ricerche sono necessarie con urgenza.

Dahlquist e Mustonen (2000) hanno segnalato il rapido aumento dell'incidenza del Diabete Mellito nel bambino in Svezia, e suggerito che l'esistenza di una correlazione con il prodotto interno lordo possa indicare la presenza di fattori di rischio associati con l'abbondanza, così pure l'elevato ritmo di crescita, un ben noto fattore rischio per il Diabete nel bambino. Quindi è il Latte di mucca ad essere dannoso od il Latte materno ad essere protettivo?

Qualcuno ha conoscenza di bambini Vegani che abbiano sviluppato un Diabete Mellito di tipo 1? Cosa si conosce sui bambini Vegetariani?

4.Diabete Mellito di Tipo 2

La prevalenza del Diabete Mellito di tipo 2 sta rapidamente aumentando nel Regno Unito e nel resto del mondo (King et al 1998). Nel febbraio di quest'anno i primi casi di Diabete Mellito dell'adulto -tipo 2- sono stati diagnosticati in 4 adolescenti, slatentizzato da una condizione che sta attualmente raggiungendo proporzioni preoccupanti nel Regno Unito: l'Obesità. Sebbene sia ampia convinzione che la Dieta e la Nutrizione giochino un ruolo importante nello sviluppo del Diabete Mellito di tipo 2, fattori dietetici specifici non sono stati ancora chiaramente definiti. Esiste tuttora un'ampia controversia sui rapporti tra la quantità ed il tipo di Grassi e Carboidrati della Dieta, ed il rischio di Diabete Mellito. Le attuali raccomandazioni dietetiche consigliano diete a basso contenuto di Grassi ed elevato contenuto di Carboidrati per la Prevenzione del Diabete Mellito, della Cardiopatia e di altre Malattie croniche. Comunque nè i Grassi e neppure i Carboidrati della Dieta sono molecole omogenee, e si sta attualmente sempre più affermando il concetto che il tipo di Grassi e Carboidrati fa la differenza. Vedremo in seguito più in dettaglio il perchè.

Circa l'80% delle persone affette da Diabete Mellito di tipo 2 sono in Sovrappeso. L'eccesso di Peso Corporeo è il fattore di rischio individuale più importante per il Diabete Mellito di tipo 2, particolarmente il tipo in cui il grasso si distribuisce all'addome (a forma di mela) piuttosto del tipo nel quale l'eccesso di grasso è distribuito a fianchi e cosce (a forma di pera). Il rischio di Diabete Mellito è circa il doppio in quei soggetti che sono moderatamente in Sovrappeso, ed il triplo nei soggetti francamente Obesi.

L'assunzione prolungata di Energia in eccesso aumenta la produzione endogena di Glucosio, da cui derivano aumentate richieste di Insulina e parallelamente vengono creati depositi di grasso in eccesso che aumentano la resistenza dei tessuti all'azione dell'Insulina e ne diminuiscono l'efficacia.

5.Il Diabete Mellito del bambino

Il Diabete Mellito è una Malattia cronica evolutiva con manifestazioni variabili sia nel tipo 1 che nel tipo 2. Un'ampia gamma di variabilità è presente nel mondo nei tassi di incidenza di Diabete Mellito di tipo 1, con i tassi più elevati in Finlandia (oltre 45% per 100,000 al di sotto dei 15 anni di età), ed i più bassi tassi in alcune parti della Cina. In Europa l'incidenza del Diabete Mellito di tipo 1 nei bambini è salita del 2-5%. Il Diabete è la Malattia endocrina più comune dell'età infantile.

In alcuni Paesi, come il Giappone, ci sono il quadruplo degli adolescenti affetti da Diabete Mellito di tipo 2 rispetto a quelli affetti da tipo 1. Le Autorità Sanitarie giapponesi sono state tra le prime a comprendere l'importanza del Diabete Mellito di tipo 2 nell'età scolare, monitorandone l'eventuale esordio con il dosaggio del Glucosio nelle urine, esame di screening nelle scuole dal 1974. I dati raccolti sono ora in grado di testimoniare la serietà del problema Diabete Mellito di tipo 2 nell'adolescenza. L'Obesità, una Dieta ad elevato contenuto di Energia e Grassi, la ridotta Attività Fisica, l'Urbanizzazione ed altri cambiamenti dello Stile di Vita sembrano costituire i principali fattori eziologici nell'epidemia di Diabete Mellito di tipo 2. C'è troppo cibo facilmente disponibile a disposizione di troppe persone.

Esistono anche prove suggestive che una malnutrizione della madre, tale da a causare un ritardo di crescita intrauterina, possa lasciare in eredità cellule fetali riprogrammate ed un aumentato rischio di sviluppare nel futuro Diabete Mellito di tipo 2 quando la nutrizione del bambino diventi abbondante nel corso della vita.

6.Dieta e rischio di Diabete Mellito

I Vegani possono beneficiare di un ridotto rischio di sviluppare Diabete Mellito. Ecco alcune ragioni:

  • I Vegani sono meno Obesi
  • I Vegani assumono minori quantità di Grassi Saturi
  • I Vegani hanno una elevata assunzione di Fibre, specialmente Fibre Solubili
  • I Vegani hanno elevati introiti di cibi non raffinati

7.Obesità

La Dieta Vegana generalmente favorisce un Peso Corporeo normale. È una Dieta meno densa di calorie e più ricca di Nutrienti rispetto alle diete occidentali. I vantaggi di tutto ciò sono ben riconosciuti. L'Obesità sta rapidamente raggiungendo il vertice delle preoccupazioni in tema di Salute, e la Gran Bretagna ha superato la Germania, diventando la più grassa Nazione in Europa, con un bambino su quattro attualmente in Sovrappeso. Il trattamento delle patologie correlate all'Obesità, come il Diabete, costa al Sistema Sanitario Nazionale circa 1.7 miliardi di Sterline l'anno - 200 milioni di Sterline in più rispetto alle Malattie correlate al Fumo. L'Obesità è il fattore di rischio singolo più frequente per il Diabete Mellito di tipo 2. Programmi di modificazione dello Stile di Vita instaurati fin dall'infanzia sono richiesti con urgenza, e la Società deve modificare il proprio atteggiamento nei confronti dell'Alimentazione, del gioco e dell'Attività Fisica nei bambini.

8.Grassi

Non esistono richieste fisiologiche per la presenza dei Grassi nella Dieta, essendo queste richieste limitate agli Acidi Grassi Essenziali cioè gli Acidi Grassi Polinsaturi - acido linoleico ed acido alfa-linolenico- che provengono principalmente da fonti vegetali. L'uomo e gli altri mammiferi non posseggono l'enzima per sintetizzarli, perciò si tratta di Nutrienti la cui presenza nella Dieta è essenziale. I due tipi di Grassi che invece hanno importanza in relazione alla Malattia Diabetica sono i Grassi Saturi e gli Acidi Grassi Transidrogenati.

* Acidi Grassi Saturi

I prodotti animali costituiscono la principale fonte di Acidi Grassi Saturi nelle Diete occidentali. I Grassi contenuti nel Latte sono costituiti per oltre il 60% da Acidi Grassi Saturi, mentre i Grassi vegetali contengono circa il 6-25% di Acidi Grassi Saturi, e la maggior parte si colloca nell'intervallo fra 10-15%.

L'eccezione a questa regola è costituita dagli olii tropicali. I Grassi della noce di cocco sono costituiti per oltre l'85% da Grassi Saturi, quelli dell'olio di cuori di palma per oltre l'80%, e quelli dell'olio di palma per circa il 50%, ma solitamente questi olii particolari vengono inseriti nella Dieta solo in piccole quantità. Esistono comunque opinioni differenti sul ruolo dei Grassi Saturi contenuti negli olii tropicali, perchè potrebbero essere meno dannosi, dal momento che non sono associati con il Colesterolo ma piuttosto con Fibre e Sostanze Fitochimiche protettive. Sembrerebbe quasi che, quando vengono consumate moderate quantità di olii tropicali nel contesto di una Dieta a base di cibi vegetali e ad elevato contenuto di Fibre, l'uso moderato di questi Grassi non aumenti il rischio di Infarto del Miocardio. Per contro, l'aggiunta di olii tropicali ad una Dieta già ricca di Acidi Grassi Saturi significa gettare benzina sul fuoco.

Gli Acidi Grassi Saturi sono stati realisticamente associati all'insorgenza di Cardiopatia, varie forme di Cancro, e possono aumentare la secrezione di Insulina e condurre ad una situazione di Insulino-resistenza (Snowdon et al 1985). La carne ed i Grassi Saturi vanno a braccetto, e Snowdon et al 1985 hanno trovato che il consumo di carne è risultato associato con il Diabete Mellito. È stato dimostrato che i Grassi Saturi alterano l'attività enzimatica della Flora Batterica Intestinale, e la produzione di Steroidi che può a sua volta aumentare la produzione di Estrogeni, fatto che può essere responsabile di una alterazione della sensibilità all'Insulina da parte dei tessuti.

Per le persone affette da Diabete le dosi raccomandate sono di non oltre il 10% delle calorie totali della Dieta (Snowdon et al in 1985).

* Acidi Grassi transidrogenati (olii idrogenati)

Gli Acidi Grassi Transidrogenati sono generati durante la produzione delle margarine. La gente è convinta di operare una scelta più salutare decidendo di utilizzare la margarina al posto del burro, ma questi Acidi Grassi prodotti artificialmente sono stati associati con un aumentato rischio di Diabete Mellito di tipo 2.

9.Proteine

Gli Onnivori tendono ad avere assunzioni di Proteine che superano le dosi raccomandate. Elevati introiti di Proteine non sembrano influenzare negativamente il controllo della Glicemia, ma è stato dimostrato che influenzano negativamente la funzionalità renale. È stato suggerito che le Proteine di origine vegetale possano risultare protettive per la funzionalità renale, e che comunque siano indubbiamente meno nefrotossiche delle Proteine animali. Quasi un terzo dei pazienti diabetici sviluppa con il tempo problemi renali.

Solo pochi piccoli Studi sono stati condotti per valutare i rapporti tra Dieta Vegana e funzionalità renale. Nel 1988 Crane et al hanno dimostrato che entro 25 giorni i sintomi di Neuropatia Diabetica (danno ai nervi periferici) miglioravano in 17 pazienti su 21, quando venivano convertiti ad una Dieta Vegana. Nei rimanenti quattro pazienti i sintomi di Neuropatia miglioravano solo parzialmente.

Tabella 2: Studi degli effetti di una Dieta Vegana sulle complicanze del Diabete Mellito
Data Autori Soggetto di Studio Risultato
1988 Crane et al 21 pazienti con Neuropatia Diabetica trattati con Dieta Vegana. Riduzione dei sintomi in 17 pazienti entro 25 giorni dal passaggio ad una Dieta Vegana.
1990, 1991 & 1996 Barsotti et al Pazienti con Sindrome Nefrosica a Dieta Vegana ipoproteica integrata. I dati hanno suggerito un miglioramento della funzionalità renale.

Barsotti ha dimostrato anche i benefici di una Dieta Vegana nel migliorare i sintomi in tre piccoli gruppi di pazienti affetti da Nefropatia. Molte persone sono fermamente convinte che le Proteine animali siano necessarie per la Salute umana e che le Proteine vegetali siano nutrizionalmente inferiori. Invece, i vegetali debbono essere considerati come la fonte primaria di Proteine, e la fonte primaria di Aminoacidi Essenziali. Gli Aminoacidi sono i mattoni delle Proteine e, dei 22 AminoAcidi, 9 sono Essenziali dal momento che l'Organismo umano non è in grado di sintetizzarli ma deve ottenerli dai vegetali. Tutti gli animali ottengono i loro Aminoacidi Essenziali direttamente mangiando vegetali od indirettamente mangiando altri animali che si sono nutriti di vegetali. La pratica di "combinare" gli Aminoacidi non è necessaria, dal momento che gli Aminoacidi sono immagazzinati in pool proteici dai quali possiamo attingere quando necessario. Le Proteine vegetali devono essere considerate come i più validi Alimenti proteici.

10.Carboidrati

Non si può non conoscere le qualità nutrizionali dei diversi tipi di Carboidrati. Nel corso del processo di raffinazione, i Carboidrati perdono Nutrienti Essenziali - 95% di Sostanze Fitochimiche, 90% di Fibre e 75% di Vitamine e Minerali.

Lo Zucchero, come la farina bianca, è un Carboidrato raffinato ed allo stesso tempo è stato considerato tabù per le persone affette da Diabete. Ora non è più così, dal momento che Studi clinici hanno dimostrato che ha quasi lo stesso effetto sui livelli di Glicemia dei Carboidrati complessi raffinati. Comunque, anche se lo Zucchero non sembra peggiore dei Carboidrati raffinati, non significa che esso sia innocuo. Perciò, più che apporre il sigillo di approvazione allo Zucchero, non dovremmo invece essere cauti nei confronti di un uso eccessivo di Carboidrati complessi e di Zucchero raffinati?

È importante ricordare che il processo di raffinazione dei cibi può ridurne drammaticamente il contenuto in Nutrienti. Sebbene molte persone siano convinte che la cottura possa danneggiare i Nutrienti vegetali, questo non corrisponde necessariamente a verità. In molti casi il processo di cottura esalta di molto la disponibilità delle Sostanze Fitochimiche. Per esempio, il Lycopene è molto meglio assorbito a partire dai pomodori cotti piuttosto che da quelli crudi. La cottura può alterare la struttura dei Nutrienti provocando effetti differenti sulla Salute. È abbastanza certo che volendo ottenere il massimo dai Nutrienti vegetali della Dieta, la cosa migliore è quella di includere un'ampia varietà di cibi crudi e cotti.

I Carboidrati raffinati alterano il controllo glicemico e producono effetti secondari sui Lipidi ematici. Forniscono anche pochi Nutrienti. I Vegani generalmente hanno una Dieta ad elevato contenuto di Fibre, con scarso utilizzo di Carboidrati raffinati.

11.Fibre

Per Fibra si intende quella parte della pianta che l'Organismo non è in grado di digerire. Tutti i cibi vegetali contengono Fibre. Le Fibre si dividono in due categorie, Fibre Solubili e Fibre Insolubili. La maggior parte delle piante le contiene tutte e due. Le Fibre Insolubili aumentano la massa fecale ed assicurano che il cibo attraversi rapidamente e facilmente l'Intestino. Le Fibre Solubili sono particolarmente preziose per le persone diabetiche, dal momento che è stato dimostrato che sono in grado di contribuire al controllo glicemico. Ricche fonti di Fibre includono l'avena, i legumi e la frutta. Si è visto che i Vegani ne consumano circa 40-50g/die in confronto ai 30-40g/die dei Vegetariani, ed ai 10-20g/die degli Onnivori. L'assunzione raccomandata è di 18g/die. La WHO raccomanda un limite massimo di 54g/die. È stato suggerito che introiti di Fibre come quelli dei Vegani potrebbero essere benefici per i pazienti affetti da Diabete Mellito.

È stato inoltre suggerito che un eccesso di Fibre potrebbe essere dannoso, dal momento che sarebbe in grado di ridurre l'assorbimento di alcuni Minerali. Questo potrebbe essere vero. Comunque, i cibi integrali ad elevato contenuto di Fibre forniscono abbastanza Minerali in grado di compensare ampiamente qualunque perdita secondaria all'eccesso di Fibre. Inoltre quando le Fibre si legano ai Minerali, questi possono essere in seguito rilasciati almeno in parte durante i processi di fermentazione delle Fibre ad opera dei Batteri del Grosso Intestino.

12.Sostanze Fitochimiche

Si sa da molto tempo che frutta e verdura, cereali, semi, noci e legumi fanno bene, in quanto sono ricchi di Vitamine, Minerali, e Fibre, ma negli ultimi anni l'attenzione è stata rivolta alle Sostanze Fitochimiche, che hanno dimostrato di possedere molti effetti benefici.

Queste sostanze sono dei potenti antiossidanti che spazzano via i radicali liberi, delle molecole attive dannose che circolano nell'Organismo.

Un particolare gruppo di Sostanze Fitochimiche sono gli Estrogeni delle piante (Fitoestrogeni), che sono in grado di bloccare l'azione distruttiva della forma più potente di Estrogeni, sia competendo per lo stesso sito recettoriale, sia riducendo la produzione della forma più potente, ed aumentando contemporaneamente la produzione della forma meno potente. In questo modo è possibile che il rischio di Osteoporosi e di certi tipi di Tumore ormono-dipendente venga ridotto. Proprio recentemente alcuni Studi hanno illustrato i benefici della soia ed il suo ruolo come potenziale sostanza in grado di prevenire il Tumore della Mammella.

Un altro importante gruppo di Sostanze Fitochimiche sono gli Steroli delle piante (Fitosteroli). Gli Steroli sono un tipo di Grassi che è risultato protettivo nei confronti della Cardiopatia. I cibi funzionali di marca Benecol e Flora pro-active sono fortificati con Fitosteroli, ed è stato visto che sono in grado di esercitare un'azione positiva nell'abbassare i livelli di Colesterolo, che se elevati sono causa di Cardiopatia. La Dieta media occidentale contiene circa 180-400mg di Fitosteroli /die. La Dieta Vegana ne contiene circa 600-800mg/die. Non esistono raccomandazioni dietetiche per i Fitosteroli.

13.Antiossidanti

Per le persone affette da Diabete Mellito esistono prove convincenti che gli Antiossidanti possano ridurre il rischio di complicanze, compresa la Retinopatia e l'Insufficienza Renale. Nel 1998 Opara et al hanno Studiato 50 persone affette da Diabete Mellito di tipo 2, trovando che i pazienti che presentavano un cattivo equilibrio glicemico e segni precoci di complicanze avevano scorte molto basse di Antiossidanti. L'associazione tra elevati livelli di Glicemia e bassi livelli di Antiossidanti è risultata molto stretta. La capacità dell'Organismo di contrastare l'attacco dei radicali liberi è risultata circa la metà in quelle persone con un cattivo controllo metabolico del Diabete e precoci segni di complicanze, rispetto ai soggetti non-diabetici. Quest'anno l'Autore ha passato in rassegna la Letteratura esistente sul significato terapeutico degli Antiossidanti nel trattamento del Diabete Mellito, ed ha evidenziato una assoluta mancanza di Studi. È ben noto che le Diete Vegane sono ricche di Antiossidanti, e nel 2000 Thane et al hanno investigato lo Stato Nutrizionale di bambini britannici Vegetariani in età prescolare, trovando in questi soggetti più elevati livelli di Antiossidanti nel sangue rispetto ai bambini onnivori.

14.Vitamina C

La Vitamina C è un potente Antiossidante idrosolubile, in grado di neutralizzare le reazioni dannose nel sangue e nei fluidi che circondano le cellule. Nei soggetti con il Diabete la Vitamina C sembra in grado di proteggere nei confronti dell'alterata tolleranza e forse anche nei confronti delle complicanze del Diabete, in particolar modo il Danno Visivo.

Un certo numero di piccoli Studi hanno segnalato che i soggetti affetti da Diabete Mellito hanno un ridotto stato della Vitamina C quando confrontati con soggetti non-diabetici. Nel 2001 Sargeant et al hanno esaminato oltre 6000 soggetti britannici di entrambo i sessi, riscontrando come un'elevata assunzione di frutta e verdura sarebbe in grado di influenzare il metabolismo glucidico, e come consumi aumentati di questi cibi possano contribuire alla Prevenzione del Diabete. Lo Studio ha dimostrato la presenza di una associazione inversa tra livelli plasmatici di Vitamina C e controllo glicemico a lungo termine. Questi dati suggeriscono che la Vitamina C possa avere un impatto positivo significativo sia sul rischio di insorgenza (Prevenzione Primaria) che sul trattamento (Prevenzione Secondaria) del Diabete Mellito.

Ci sono numerosi altri Nutrienti che sembrano avere un ruolo nell'eziologia e nel trattamento del Diabete Mellito, come per esempio il Cromo e il Magnesio.

Mi auguro di essere riuscita a farvi comprendere l'importanza di questa emergente epidemia di Diabete Mellito, e di come i Vegani ed i Vegetariani siano avvantaggiati ma debbano ancora porre attenzione alla loro Dieta. Ulteriori Studi sulla Salute dei Vegani solo disperatamente necessari e mi auguro che questa Conferenza sia stata in grado di dimostrare come i Vegani ed i Vegetariani posseggano un netto vantaggio e che possano essere alla guida nella strada verso la Salute.

15.Raccomandazioni finali

  • Limitare l'assunzione di Grassi Saturi a non più dell'8% delle Calorie Totali
  • Evitare cibi che contengano Grassi Idrogenati.
  • Consumare una Dieta Vegana che contenga cibi cotti e crudi.
  • Ridurre al minimo i Carboidrati raffinati.
  • Aumentare i livelli di Attività Fisica.

References

  1. Dahlquist G, Mustonen L Analysis of 20 years of prospective registration of childhood onset diabetes time trends and birth cohort effects. Swedish Childhood Diabetes Study Group, Acta Paediatr 2000 Oct; 89(10):1231-7.
  2. Fort P, Lanes R, Dahlem S, Recker B, Weyman-Daum M, Pugliese M, Lifshitz F Breast feeding and insulin-dependent diabetes mellitus in children, J Am Coll Nutr 1986 ; 5(5):439-41.
  3. Gimeno SG, de Souza JM IDDM and milk consumption. A case-control study in Sao Paulo, Brazil, Diabetes Care 1997 Aug; 20(8):1256-60.
  4. Golding J, Haslum M, Breast feeding and diabetes, Med Sci Res 1987 ; 15:1135 (letter).
  5. Jones ME, Swerdlow AJ, Gill LE, Goldacre MJ Pre-natal and early life risk factors for childhood onset diabetes mellitus: a record linkage study, Int J Epidemiol 1998 Jun; 27(3):444-9.
  6. King H, Aubert RE, Herman WH Global burden of diabetes, 1995-2025: prevalence, numerical estimates, and projections, Diabetes Care 1998 Sep; 21(9):1414-31.
  7. Monetini L, Cavallo MG, Stefanini L, Ferrazzoli F, Bizzarri C, Marietti G, Curro V, Cervoni M, Pozzilli P; IMDIAB Group Bovine beta-casein antibodies in breast- and bottle-fed infants: their relevance in Type 1 diabetes, Diabetes Metab Res Rev 2001 Jan-Feb; 17(1):51-4.
  8. Nigro G, Campea L, De Novellis A, Orsini M Breast-feeding and insulin-dependent diabetes mellitus, Lancet 1985 Feb 23; 1(8426):467.
  9. Pettitt DJ, Forman MR, Hanson RL, Knowler WC, Bennett PH Breastfeeding and incidence of non-insulin-dependent diabetes mellitus in Pima Indians, Lancet 1997 Jul 19; 350(9072):166-8.
  10. Samuelsson U, Ludvigsson J Seasonal variation of birth month and breastfeeding in children with diabetes mellitus, J Pediatr Endocrinol Metab 2001 Jan; 14(1):43-6.

Fonte: http://www.scienzavegetariana.it/rubriche/cong2002/vegcon_diabetes.html

INFORMARMY.com Template Blogger Green INFORMARMY.com

TOP