martedì 26 maggio 2009

Pierluigi Ighina - La macchina per far piovere

Fonte: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.989






Report, la trasmissione di Raitre del 5 novembre del 1998 - dal titolo Idee, invenzioni e brevetti, intervistò PIERLUIGI IGHINA, nato a Milano il 23 giugno 1908 e morto a Imola l'8 gennaio 2004. All’epoca della trasmissione Ighina aveva la veneranda età di 90 anni. Questo inventore diceva che fu un collaboratore di Guglielmo Marconi. La sua invenzione, alquanto bizzarra e strana, consisteva in un macchinario dotato di eliche che giravano lentamente e come per magia...il cielo nero denso e nuvoloso si apriva al centro, lasciando filtrare deliziosi e caldi raggi solari. Il video purtroppo, per ragioni ancora ignote, è stato censurato e non è più disponibile in rete.

Marconi, spiega Ighina, aveva scoperto l’ energia attraverso la forma a spirale del guscio della lumaca.

[di Milena Gabanelli - per REPORT Rai Tre]




PIERLUIGI IGHINA: Girando a destra, noi possiamo capovolgere la lumaca. Va sempre a destra ma capovolgendola va a sinistra. E quindi noi viviamo dentro a questa riflessione di energia.


REPORT: Dal sole parte una spirale gialla. Dalla terra, invece, una spirale blu. Proseguendo gli studi di Marconi, Ighina ha determinato che l’incontro dell’ energia solare, positiva, e dell’ energia terrestre, negativa, forma la materia. La pulsazione di questo incontro è l’ atomo magnetico.

PIERLUIGI IGHINA: L’ atomo magnetico prende l’ energia solare e si apre, prende quella terrestre e si chiude. Questa è la vita nostra. Pulsare sempre, tutto pulsa.
Quello che non pulsa non vale niente.

REPORT: Tutti gli esperimenti di Ighina sono basati sul ritmo di energia solare e terrestre. Attraverso questo ritmo si possono rigenerare cellule vive, neutralizzare terremoti, allontanare e avvicinare le nuvole.

PIERLUIGI IGHINA: Mamma mia, cosa vuol dire l’ energia, eh?
Ecco, questa è la valvola dei terremoti. Antisismica. Che cos’è il terremoto? Il terremoto è nato con gas compresso. Se noi andiamo in bicicletta, affinché non scoppi la gomma, dobbiamo metterci la valvola. No? E così anche questo fa lo stesso. Tale e quale, ma non lo vogliono capire. E allora io sono della lega di chi se ne frega. Peggio per loro, no?

REPORT: E lei ci può provare che attraverso questa valvola si evita il terremoto?

PIERLUIGI IGHINA: Si, se ho ancora i giornali glieli porterò: a Modena è venuto il terremoto, a Faenza è venuto il terremoto e a Imola niente.

REPORT: Lei l’ha proposta a qualcuno questa valvola?

PIERLUIGI IGHINA: A tutti.

REPORT: E cosa le hanno risposto?

PIERLUIGI IGHINA: Che se ne fregano.





REPORT: Perché?

PIERLUIGI IGHINA: Perché gli costerebbe troppa fatica. E poi non ci credono.

REPORT: Lei ha mai provato a brevettare una sua invenzione per commercializzarla?

PIERLUIGI IGHINA: Non serve.

REPORT: Perché non serve?

PIERLUIGI IGHINA: Perché se lo sanno lo fanno tutti. Perché frenare una cosa che posso divulgare a tutti per farla adoperare?

REPORT: Allora adesso ci sono le nuvole in giro. Lei cosa farà?

PIERLUIGI IGHINA: Ecco, si vede la rotazione.

REPORT: No, non c’è ancora!

PIERLUIGI IGHINA: (su immagini delle nuvole) Come no, guarda là! Non vedi che ruota?

REPORT: Ighina dice che le nuvole sono in rotazione. In effetti si comincia a vedere uno spiraglio.

PIERLUIGI IGHINA: Guarda come si apre, sopra l’elica! Non lo crede nessuno.

REPORT: Dopo 10 minuti lo spiraglio si allarga.

PIERLUIGI IGHINA: (su immagini delle nuvole) Vedi che si apre tutto? Puoi dire che non è vero?

REPORT: (Dopo appena mezzora il cielo sopra all’elica di Ighina è ormai completamene aperto, letteralmente spaccato in due. Sarà un caso? Chi lo sa? Sta di fatto che tutti quelli che sono venuti qui hanno sempre visto la stessa cosa: le nuvole che si aprono.) :-" Lei potrebbe far piovere dove c’è la siccità praticamente."

PIERLUIGI IGHINA: Ma non vogliono.

REPORT: Risolverebbe il problema della siccità nel mondo.

PIERLUIGI IGHINA: Ci ho provato, ho mandato questa idea in Africa. Sa cosa mi hanno detto? Se la prenda e la porti via perché noi guadagniamo sulla mancanza di acqua.

REPORT: Ma Ighina, come ama sottolineare, se ne frega. La soddisfazione lui la trova da altre parti: per esempio nello stupore e nella meraviglia dei bambini di fronte al cielo che si apre sopra la sua elica.

PIERLUIGI IGHINA: E’ la più grande soddisfazione della mia vita.

MILENA GABANELLI (in studio): Giuliano Preparata, buonasera. Lei è docente di fisica alla Statale di Milano, lavora con Fleishman alla fusione fredda in uno di quei pochi laboratori sparsi per il mondo, in qualche modo, insomma, lei è dentro le istituzioni. Che cosa pensa di questi 3 arzilli vecchietti che abbiamo appena visto?

GIULIANO PREPARATA – (Università Statale di Milano - 1942-2000): Io sono molto colpito dalla vivacità intellettuale di queste persone, anche molto anziane. Personalmente, avendo visto nella mia vita tante credenze sfatate, sono portato a dare credito a costoro.

MILENA GABANELLI: Quindi non sono dei ciarlatani?

GIULIANO PREPARATA : Assolutamente. Non hanno nessun aspetto della ciarlataneria. Sono persone che probabilmente hanno scoperto delle cose nuove, incomprensibili all’interno della visione generalmente accettata della fisica, e che dovrebbero essere guardate con grande interesse e grande simpatia perché potrebbero aprire degli scenari nuovi.

MILENA GABANELLI: Ma la storia dell’elica che apre il cielo, per esempio, nessuno ci crede…

GIULIANO PREPARATA: Come nessuno crede: lì c’era un cielo assolutamente nuvoloso, parte quest’elica e il cielo si apre. Secondo me questo è un fatto reale. Il fatto che uno non ci creda vuol dire che non ha gli strumenti per capire come ciò avvenga, ma questo invece di portare alla ridicolizzazione di chi propone certe cose dovrebbe condurre lo scienziato vero, curioso, a darsi da fare per vedere cosa manca nella visione che viene generalmente accettata per poter, una volta che questi fenomeni siano stati riprodotti senza molti dubbi, riportarli nell’ambito della razionalità scientifica.

MILENA GABANELLI: Quindi lei dice che quando non ci sono strumenti per capire il fenomeno, non ci si crede. Funziona così?

GIULIANO PREPARATA: Si, secondo la teoria delle percezioni: se noi non ci aspettiamo una certa cosa, potremmo anche avere davanti un elefante e non percepirlo come tale ma pensare che sia una montagna grigia, per esempio.

MILENA GABANELLI: Lei, rispetto a questi signori che ne sono fuori, è nell’istituzione. Oggi il ricercatore autonomo che ha una grande idea, magari anche di forte interesse sociale, come può accedere ai fondi della ricerca?

GIULIANO PREPARATA: Praticamente non ha nessuna chance. Cerchi di immaginare che Archimede Pitagorico arriva ad una grande agenzia creata per fare un certo numero di cose come risolvere il problema dell’ energia, della struttura dei materiali ecc. Questo signore dice "io ho risolto questo problema". Ma come? Qui ci sono migliaia di persone che, anno dopo anno, si celebrano in conferenze, che quando possono riempiono le prime pagine dei giornali sui loro grandi risultati, sui geni che hanno trovato, sulle macchine che hanno costruito. Sono quasi sempre tutti americani: ogni tanto c’è qualche italiano che ha la fortuna di essere aggregato a questi gruppi e di venire valorizzato.
Arriva Archimede Pitagorico e dice che le cose non si fanno così. E gli altri che fanno? E’ arrivato il Messia? Non è questo ciò che succede.

MILENA GABANELLI:Ma allora sbagliano tutti. Se l’iter è questo, e non solo italiano, qualcosa di giusto ci sarà?

GIULIANO PREPARATA: La scienza, nel corso di questo secolo, è diventata un fatto socio-economico importantissimo cosa che non era all’inizio di questo secolo. All’inizio del secolo l’accademia non contava nulla., In Europa c’erano al massimo una decina di cattedre di fisica teorica, oggi ce ne sono decine di migliaia. Vuol dire che essenzialmente, dopo la seconda guerra mondiale, con il fatto che i fisici hanno mostrato alla società che facendo una bomba atomica avevano risolto il conflitto mondiale, è venuta fuori l’idea che la scienza fosse un importantissimo elemento del funzionamento di una società.

MILENA GABANELLI: Ma questo è vero.

GIULIANO PREPARATA: Il vero aspetto della scienza, che poi provoca tecnologia, è che è filosofia naturale e investigazione della natura. Io dico spesso ai miei studenti che l’investigazione della natura, la ricerca della verità scientifica, non può essere una carriera, deve essere una sorta di missione.

MILENA GABANELLI : Se Einstein vivesse oggi, cosa succederebbe?

GIULIANO PREPARATA : Einstein, che pubblicò nel 1905 tre lavori fondamentali che innescarono tre rivoluzioni scientifiche, era stato sbattuto fuori dal Politecnico Federale di Zurigo e si lavorava come esaminatore federale dell’ufficio brevetti di Berna. Einstein aveva 27, 28 anni, inviò i suoi lavori che furono pubblicati. Se Einstein fosse vivo e mandasse dall’ufficio federale dei brevetti di Berna, al Phisical Review, a Nature, a Science, non verrebbe sicuramente pubblicato, senza il minimo dubbio.

MILENA GABANELLI: Cosa dovrebbe cambiare nel modo di gestire la scienza?

GIULIANO PREPARATA: Occorre destinare una piccola percentuale, il 5% o meno, dei fondi statali alle ricerche non accademiche, non convenzionali.
Questi inventori che abbiamo visto potrebbero accedere a dei fondi. Il 5% dei fondi statali sono una piccola fetta che non toglie nulla alla scienza ufficiale ma potrebbero contribuire a dare un enorme impulso a queste persone che hanno idee nuove. Ma se noi andiamo a chiedere all’accademia di dare a costoro la possibilità di distruggere il monopolio dei grandi, non glielo daranno mai.



MILENA GABANELLI



fonti: report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/ 0,7246,243%255E90071,00.html , m0m.altervista.org


Leggi anche http://www.informarmy.com/2009/05/le-scoperte-del-prof-pier-luigi-ighina.html

1 commento:

  1. pierluigi ighina tenuto volutamente in sordina,era troppo scomodo! un grande uomo davvero! é stato molto chiaro nel descrivere il principio di funzionamento......a tempo perso qualcuno magari anche io perché no?............

    ivan da bergamo

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere INFORMARMY.com manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
INFORMARMY.com modera i commenti non entrando nel merito del contenuto ma solo per evitare la pubblicazione di messaggi volgari, blasfemi, violenti, razzisti, spam, etc.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...